Gli insegnamenti segreti di tutte le ere: Gli antichi Misteri e le societa` segrete (Parte 3)

I più famosi tra gli antichi Misteri religiosi erano gli Eleusini, i cui riti
vennero celebrati ogni cinque anni nella città di Eleusi per onorare Cerere (Demetra, Rea, o Iside) e sua figlia, Persefone. Gli iniziati della scuola eleusina erano famosi in tutta la Grecia per la bellezza dei loro concetti filosofici e gli alti standard di moralità che hanno dimostrato nelle loro vite quotidiane. Per la loro eccellenza, questi misteri si diffusero a Roma e in Gran Bretagna, e in seguito iniziarono le iniziazioni in entrambi i paesi. I misteri eleusini, chiamati per la comunità in Attica dove i drammi sacri furono presentati per la prima volta, si ritiene che generalmente siano stati fondati da Eumolpos
circa millecinquecento anni prima della nascita di Cristo e attraverso il sistema platonico di filosofia i loro principi sono stati preservati ai tempi moderni.
I riti di Eleusi, con le loro interpretazioni mistiche dei più preziosi segreti della natura, oscurarono le civiltà del loro tempo e gradualmente assorbirono molte scuole più piccole incorporando nel proprio sistema qualsiasi informazione preziosa posseduta da queste istituzioni minori. Heckethorn vede nei Misteri di Cerere e Bacco una
metamorfosi dei riti di Iside e Osiride, e ci sono tutte le ragioni per credere che tutte le cosiddette scuole segrete del mondo antico erano rami di un albero filosofico che, con la sua radice nel cielo e i suoi rami sulla terra, è – come lo spirito dell’uomo – una causa invisibile ma sempre presente dei veicoli oggettificati che gli danno espressione. I misteri erano i canali attraverso cui questa luce filosofica veniva diffusa, e i loro iniziati, imbevuti della comprensione intellettuale e spirituale, erano il frutto perfetto dell’albero divino, che porta testimonianza dinanzi al mondo materiale dalle ricondite fonte di ogni Luce e Verità.
I riti di Eleusi erano divisi in quelli che erano chiamati i Misteri ​​minori e maggiori. Secondo James Gardner, i Misteri Minori furono celebrati in
primavera (probabilmente durante l’equinozio di primavera) nella città di Agræ, e i maggiori, in autunno (durante l’equinozio d’autunno) a Eleusi o Atene. Si suppone che i primi fossero rituali annuali e i secondi che avvenissero ogni cinque anni. I rituali degli Eleusini erano molto coinvolgenti, e per capirli e` necessario uno studio approfondito della mitologia greca, che sono interpretati sotto una luce esoterica con l’aiuto delle loro chiavi segrete.
I misteri minori erano dedicati a Persefone. Nel suo Eleusinian and Bacchic Mysteries, Thomas Taylor riassume il loro scopo come segue: “I Misteri Minori erano progettati dagli antichi teologi, dai loro fondatori, per significare occultamente la condizione dell’anima non purificata investita di un corpo formato di terra, e avvolto nella natura fisica.”
La leggenda usata nei riti minori è quella del rapimento della dea Persefone, la figlia di Cerere e di Plutone, il signore degli inferi, o Ade. Mentre Persephone raccoglie fiori in un bel prato, la terra si apre all’improvviso e il signore della morte, cavalcando un magnifico carro, emerge dalle sue cupe profondità e, afferrandola tra le sue braccia porta la dea urlante e combattente al suo palazzo sotterraneo,
dove la costringe a diventare la sua regina.

Dubito che molti degli iniziati stessi abbiano compreso il significato mistico di questa allegoria, per la maggior parte di loro apparentemente si trattava unicamente alla successione
delle stagioni. È difficile ottenere informazioni soddisfacenti sui Misteri, poiché i candidati erano vincolati da giuramenti inviolabili a non rivelare mai i loro segreti interiori al profano. All’inizio della cerimonia di iniziazione, il candidato si trovava su pelli di animali sacrificati per lo scopo e giurarono che la morte avrebbe sigillato le loro labbra prima che potessero divulgare le sacre verità che stavano per essere comunicate loro.
Attraverso canali indiretti, tuttavia, alcuni dei loro segreti sono stati preservati. Gli insegnamenti dati ai neofiti erano sostanzialmente i seguenti:
L’anima dell’uomo – spesso chiamata Psiche, e nei Misteri Eleusini simboleggiata da Persefone – è essenzialmente una cosa spirituale. La sua vera casa è nei mondi superiori, dove, libera dalla schiavitù della forma materiale e dei concetti materiali, si dice che sia veramente viva
e auto-espressiva. La natura umana o fisica dell’uomo, secondo questa dottrina, è una tomba, un pantano, una cosa falsa e impermanente, la fonte di ogni dolore e sofferenza. Platone descrive il corpo come il sepolcro dell’anima; e con questo non intende solo la forma umana ma anche la natura umana.

L’oscurità e la depressione dei Misteri Minori rappresentavano l’angoscia dell’anima incapace di esprimersi perché ha accettato i limiti e le illusioni dell’ambiente umano. Il punto cruciale della discussione eleusiniana era che l’uomo non è né migliore né più saggio dopo la morte che durante la vita. Se non sorpassa l’ignoranza durante il suo
soggiorno qui, l’uomo dopo essere morto vaghera` per sempre, facendo gli stessi errori che ha fatto qui. Se non supera il desiderio dei beni materiali qui, se lo porterà con sé nel mondo invisibile, dove, visto che non potrà mai gratificare il desiderio, continuerà ad essere in una agonia senza fine. L’Inferno di Dante è simbolicamente
descrittivo delle sofferenze di coloro che non hanno mai liberato la loro natura spirituale dale voglie, dalle abitudini, dai punti di vista e  dai limiti delle loro personalità plutoniche. Quelli che
non fanno alcun tentativo di migliorare se stessi (le cui anime hanno dormito) durante la loro vita, saranno condotte nell’Ade, dove, sdraiati in fila, dormiranno per l’eternità come avevano dormito durante la vita.
Per i filosofi eleusini, la betulla nel mondo fisico era la morte nella sua pienezza, e l’unica vera nascita era quella dell’anima spirituale dell’uomo che si innalzava dal grembo della sua stessa natura carnale. “L’anima è una morta che sonnecchia”, dice Longfellow, e in questo colpisce la nota dominante dei Misteri Eleusini. Proprio come
Narciso, fissando se stesso nell’acqua (gli antichi usavano questo elemento mobile a simboleggiare l’universo transitorio, illusorio, materiale) ha perso la vita cercando di abbracciare il proprio riflesso.

Un antico iniziato disse una volta che i vivi sono governati dai morti. Solo coloro che masticavano il concetto di vita Eleusino potrebbero capire questa affermazione. Significa che la maggioranza delle persone non è governata dai loro spiriti viventi ma dalla loro insensata (quindi morta) personalità animale. Trasmigrazione e reincarnazione furono insegnate in questi Misteri, ma in un modo alquanto insolito. Si credeva che a mezzanotte i mondi invisibili erano i più vicini alla sfera terrestre e quelle anime che entrano nell’esistenza materiale
riescono a penetrare a mezzanotte. Per questo motivo molte delle cerimonie Eleusine venivano eseguite a mezzanotte.

02900.jpg

IL RATTO DI PERSEPHONE. Da Recompil des Figures, Groupes, Themes, Fontaines, Vases et autres Ornements. Pluto, il signore degli inferi, rappresenta l’intelligenza corporea dell’uomo; e lo stupro di Persefone è simbolico della natura divina che  viene assalita e contaminata dall’anima animale e trascinata verso il basso nella
tenebra oscura di Hades, che qui viene usata come sinonimo della sfera materiale o oggettiva della coscienza.
Nelle sue Disquisizioni sui Vasi greci dipinti, James Christie presenta la versione di Meursius degli eventi che si verificano durante i nove giorni richiesti per la promulgazione dei Riti Eleusini Maggiori.
Il primo giorno era quello dell’assemblea generale, durante la quale coloro che dovevano essere iniziati venivano interrogati riguardo alle loro diverse qualifiche. Il secondo giorno veniva trascorso con una processione in mare. Il terzo giorno era aperto dal sacrificio di una triglia. Nel quarto giorno il cesto mistico contenente alcuni simboli sacri era portato a Eleusi, accompagnato da un certo numero di devoti che trasportano cestini più piccoli. La sera del quinto giorno vi era una grande gara, il sesto una processione guidata da una statua di Iacco, e il settimo una gara di atletica. L’ottavo giorno era dedicato alla ripetizione del cerimoniale a beneficio di chiunque fosse stato impedito in precedenza. Il nono e ultimo giorno era dedicato alle più profonde questioni filosofiche Eleusine, durante la quale un’urna o un vaso – il simbolo di Bacco – era esibita come emblema di suprema
importanza.

Alcuni di quegli spiriti dormienti che avevano fallito a risvegliare le loro nature superiori durante la vita terrena e che ora fluttuavano nel
mondi invisibili, circondati da un’oscurità creata da loro stessi, a volte scivolano in questa dimensione a quest’ora e assumono le forme di varie creature.
I mistici di Eleusi hanno anche messo l’accento sul male del suicidio, spiegando che c’era un profondo mistero riguardo a questo crimine di cui non potevano parlare, ma avvertendo i loro discepoli che un grande dolore viene a tutti coloro che si tolgono la vita. Questo, in
sostanza, costituisce la dottrina esoterica data agli iniziati dei Misteri Minori.

Le camere dell’iniziazione erano sotterranee e gli orrori di Ade erano vividamente rappresentati in un complicato dramma rituale. Dopo aver passato con successo attraverso i passaggi tortuosi, con le loro prove e pericoli, il candidato riceveva il titolo onorario di Mystes. Il termine si riferisce a colui che ha visto attraverso il velo o aveva una visione annebbiata. Significava anche che il candidato era stato educato al
velo, il quale sarebbe stato strappato via nei gradi piu` alti. La parola moderna “mistico”, usata in riferimento ad un ricercatore della verità che segue i dettami del suo cuore o la fede, deriva probabilmente da questa antica parola, poiché la fede è credenza nella realtà delle cose
invisibili o velate.

I misteri Maggiori (in cui il candidato veniva ammesso solo dopo avere superato con successo le prove dei misteri Minori,) erano sacri
a Cerere, la madre di Persefone, e la rappresenta alla ricerca della sua figlia perduta. Cerere era in possesso di due torce, intuizione e ragione, per aiutarla nella ricerca del suo bambino perduto (l’anima). Alla fine trovò Persefone non lontano Eleusi, e per gratitudine insegnò alla gente di quel posto a coltivare il grano (sacro alla dea). Ha anche fondato i Misteri. Cerere è apparsa davanti a Plutone, dio delle anime dei morti, e lo pregò di permettere a Persefone di tornare a casa sua. Questo dio prima si rifiutò di farlo, perché Persefone aveva mangiato del melograno, il frutto della mortalità. Alla fine, tuttavia, e` sceso a compromessi e ha accettato di consentire a Persephone di vivere
nel mondo superiore 6 mesi all’anno se fosse rimasta con lui nell’oscurità dell’Ade per i 6 mesi restanti.
I greci credevano che Persefone fosse una manifestazione dell’energia solare, che nei mesi invernali viveva sotto terra con Plutone, ma in estate tornava di nuovo con la dea della produttività. C’è una leggenda secondo cui i fiori adoravano Persefone e che ogni anno quando partiva per i reami oscuri di Plutone, le piante e gli arbusti sarebbero morti di dolore. Mentre i profani e i non iniziati avevano le loro opinioni su questi argomenti, le verità delle allegorie greche sono rimaste al sicuro nascoste dai sacerdoti, che da soli
riconoscevano la sublimità di queste grandi parabole filosofiche e religiose.

Proprio come i Misteri Minori discutevano l’epoca prenatale dell’uomo quando la coscienza nei suoi nove giorni (embriologicamente, mesi) stava scendendo nel regno dell’illusione e assumendo il velo dell’irrealtà, così i Misteri Maggiori discutevano i principi della rigenerazione spirituale e rivelavano agli iniziati non solo il più semplice ma anche il più diretto e completo metodo per liberare la loro natura superiore dalla schiavitù dell’ignoranza materiale. Come Prometeo incatenato alla cima del Monte Caucaso, la natura piu` alta dell’uomo è incatenata alla sua inadeguata personalità. I nove giorni di iniziazione erano anche simbolici delle nove sfere attraverso le quali l’anima umana discende durante il processo di assumere una forma terrestre. Gli esercizi segreti per lo sviluppo spirituale dati ai discepoli di grado superiore sono sconosciuti, ma ci sono tutte le ragioni per credere che erano simili ai Misteri brahmanici, poiché è noto che le cerimonie elusine finivano con le parole sanscrite “Konx Om Pax”.
Quella parte dell’allegoria che si riferisce ai due periodi di sei mesi durante uno dei quali Persefone doveva rimanere con Plutone, mentre durante l’altra può rivisitare la parte superiore del mondo, offre materiale per una profonda considerazione. È probabile che gli Eleusini si siano resi conto che l’anima lasciava il corpo durante il sonno o almeno era capace di lasciarlo grazie alla formazione speciale che senza dubbio veniva impartita agli adepti. Così Persefone
sarebbe rimasta la regina del regno di Plutone durante le ore di veglia, ma sarebbe salita ai mondi spirituali durante i periodi di sonno. All’iniziato è stato insegnato come intercedere con Plutone per permettere a Persefone (l’anima dell’iniziato) di ascendere dall’oscurità della sua natura materiale nella luce della comprensione. Una volta liberato dalle catene di argilla e dai concetti cristallizzati, l’iniziato era libero non solo per tutto il corso della sua vita ma anche per tutta l’eternità, perché mai da allora in poi sarebbe stato privato di quelle qualità dell’anima che dopo la morte erano i suoi veicoli per manifestarsi ed esprimersi nel cosiddetto mondo celeste.

In contrasto con l’idea di Ade come uno stato di oscurità sottostante, si diceva che gli dei abitassero le cime delle montagne, un noto esempio e` il Monte Olimpo, dove le dodici divinita` del pantheon greco dimoravano insieme. Nel suo peregrinare iniziatico il neofita quindi entrava in camere di sempre maggior splendore per rappresentare l’ascesa dello spirito dai mondi inferiori ai regni della beatitudine. Come culmine di un tale percorso il candidato entrava in una grande sala a volta, al centro della quale si ergeva una brillante
statua illuminata della dea Cerere. Qui, alla presenza dello ierofante e
circondato da sacerdoti in magnifiche vesti, veniva istruito nel più alto dei segreti misterici degli Eleusi. Alla conclusione di questa cerimonia era salutato come un Epoptes, che significa colui che è stato visto o visto direttamente. Per questa ragione l’iniziazione era
anche definita autopsia. Gli Epoptes ricevettero quindi alcuni libri sacri, probabilmente scritti in cifrari, insieme a tavolette di pietra su cui erano incise istruzioni segrete.
Nel “Obelisco della Massoneria”, John A. Weisse descrive i personaggi officianti dei Misteri Eleusini costituiti da un ierofante maschio e femmina che dirigevano le iniziazioni; un tedoforo maschio e una femmina; un araldo maschio; e un chierichetto maschio e uno femmina C’erano anche numerosi funzionari minori. Egli afferma che, secondo Porfido, lo ierofante rappresenta il Demiurgo di Platone, o Creatore del mondo; il portatore di luce, il sole; l’uomo dell’altare, la Luna; l’araldo, Ermes o Mercurio; e gli altri funzionari, stelle minori.
Dai documenti disponibili, un numero di fenomeni strani e apparentemente soprannaturali accompagnava i rituali. Molti iniziati affermano di aver effettivamente visto dei viventi loro stessi. Se questo fosse il risultato dell’estasi religiosa o della cooperazione effettiva di
poteri invisibili con i sacerdoti visibili rimane un mistero. Nella metamorfosi, Apuleio descrive così ciò che con ogni probabilità è la sua iniziazione ai Misteri eleusini:
“Mi sono avvicinato ai confini della morte, e ho calpestato la soglia di Proserpina, sono tornata da essa, trasportato attraverso tutti gli elementi. A mezzanotte ho visto il sole splendente; e mi sono manifestamente avvicinato a, gli dei superiori, e agli dei superiori, e gli ho adorati “.

Donne e bambini furono ammessi ai Misteri Eleusini, e una volta
si contavano migliaia di iniziati.Poiche` questa vasta quantita di persone non era preparata alle più alte dottrine spirituali e mistiche, una divisione doveva aver luogo all’interno della società stessa. Gli insegnamenti superiori furono dati solo a un numero limitato di iniziati che, a causa della loro mentalità superiore, dimostrarono una comprensione completa dei concetti filosofici sottendenti. Socrate rifiutò di essere iniziato nei Misteri Eleusini, perche` conosceva i loro principi senza essere un membro dell’ordine e capi` che l’appartenenza
non gli avrebbe permesso di parlare. Che i Misteri di Eleusi fossero basati su grandi ed eterne verità e` attestato dalla venerazione delle grandi menti del mondo antico. M. Ouvaroff chiede: “Pindaro, Platone, Cicerone, Epitteto, avrebbero parlato con una tale ammirazione, se lo ierofante avesse proclamato le sue opinioni o quelle del suo ordine a voce alta? ”
Gli indumenti in cui i candidati erano iniziati furono preservati per molti anni e si credeva possedessero proprietà quasi sacre. Durante
il corso di iniziazione il candidato passava attraverso due porte. La prima lo avrebbe condotto verso il basso nei mondi inferiori e simboleggiava la sua nascita nell’ignoranza. La seconda lo avrebbe condotto verso l’alto in una stanza illuminata da lampade invisibili, in cui era la statua di Cerere e che simboleggiava il mondo superiore, o la
dimora di luce e verità. Strabone afferma che il grande tempio di Eleusi avrebbe contenuto tra le venti e le trentamila persone. Anche le grotte dedicate a Zarathustra avevano due porte, che simboleggiano le vie della nascita e della morte.

03000.jpg

CERERE, LA PATRONA DEI MISTERI.
Da un dipinto murale di Pompei. Cerere, o Demetra, era figlia di Crono e Rea e di Zeus madre di Persefone. Alcuni credevano fisse la dea della terra, ma più correttamente è la divinità che protegge l’agricoltura in
generale e il mais in particolare. Il papavero è sacro per Cerere e viene spesso mostrata mentre porta o e` ornata da una ghirlanda di questi fiori. Nei Misteri, Cerere era rappresentata mentre cavalcava un carro trainato da serpenti alati.

Il seguente paragrafo di Porfirio dà una concezione abbastanza adeguata del simbolismo elusino: “Dio è un principio luminoso, che risiede nel mezzo del più sottile
fuoco, rimane per sempre invisibile agli occhi di chi non si eleva
sopra la vita materiale: basandosi questa descrizione, la vista di corpi trasparenti, come il cristallo, Il marmo pario, e persino l’avorio, richiama l’idea della luce divina; come la vista dell’oro richiama l’idea di purezza, perché l’oro non può essere contaminato. Alcuni hanno pensato che una pietra nera significasse l’invisibilità dell’essenza divina. Per esprimere la ragione suprema, la Divinità era rappresentata sotto forma umana – e bella, perché Dio è la fonte della bellezza; di
età diverse, e in vari atteggiamenti, seduta o in posizione eretta; dell’uno o dell’altro sesso, come una vergine o un giovane uomo, un marito o una sposa, in modo che potessero essere presenti tutte le sfumature. Ogni cosa luminosa fu successivamente attribuita agli dei; la sfera e tutto cio che è sferico, l’universo, il sole e la luna – a volte la fortuna e la Speranza. Il cerchio, e tutte le figure circolari, l’eternità – i movimenti celesti. La sezione dei cerchi, le fasi della luna; e le
piramidi e gli obelischi.
Un cono esprime il sole, un cilindro la terra; il fallo e il triangolo (un simbolo della matrice) designavano la generazione. “(Essay on the Mysteries of Eleusis by M. Ouvaroff)

I Misteri Eleusini, secondo Heckethorn, sopravvissero a tutti gli altri e non cessarono di esistere come istituzione fino a quasi quattrocento anni dopo Cristo, quando furono infine soppressi da Teodosio, che ha crudelmente distrutto tutti quelli che non accettavano la fede cristiana. Di questa elevata istituzione filosofica Cicerone disse che “insegnava agli uomini non solo come vivere ma anche come morire.”

I MISTERI ORFICI

Orfeo, il bardo tracio, il grande iniziatore dei greci, cessò di essere conosciuto come uomo e fu celebrato come una divinità molti secoli prima dell’era cristiana. “Per quanto riguard Orfeo stesso scrive Thomas Taylor, “non è quasi stata trovata neppure una traccia della sua vita tra le immense rovine del tempo. Orfeo, fu il fondatore della teologia tra i greci; l’istitutore delle loro moralita; il primo dei profeti e il principe dei poeti; egli stesso e progenie di una Musa; che ha insegnato ai greci i loro sacri riti e misteri, e dalla cui saggezza, come da una fontana perenne e abbondante, la musa divina di Omero e la sublime teologia di Pitagora e Platone fluirono. “(Vedi Gli inni mistici di Orfeo).
Orfeo fu il fondatore del sistema mitologico greco che usò come mezzo per la promulgazione delle sue dottrine filosofiche. L’origine della sua filosofia è incerta. Potrebbe averla copiata dai Bramini, essendoci leggende che lo collegano al mondo indu, il suo nome potrebbe essere derivato da Ὀρφεύς, che significa “oscuro”. Orfeo fu iniziato nei Misteri Egizi, da cui si assicurò vaste conoscenza della magia, dell’astrologia, e della medicina. Imparo` anche i misteri dei Cabiri a Samotracia, e questi indubbiamente contribuirono alle sue
conoscenze della medicina e della musica.
La storia d’amore di Orfeo ed Euridice è uno dei tragici episodi della mitologia greca e apparentemente costituisce la caratteristica eccezionale del rito orfico. Euridice, nel suo tentativo di fuggire da un cattivo che cerca di sedurla, mori` grazie al veleno di un serpente velenoso che le morse il tallone. Orfeo, penetrando nel cuore degli inferi, affascinò così Plutone e Persefone con la bellezza della sua musica e accettarono di permettere a Euridice di tornare in vita se Orfeo l’avesse riportata nel mondo dei vivi senza mai guardarla. L’uomo tuttavia si giro` e la donna venne inghiottita nuovamente nel mondo dei morti
Orfeo vagò per la terra per un po ‘ sconsolato, e ci sono diversi resoconti conflittuali sulla sua morte. Alcuni dichiarano che sia stato ucciso da un fulmine; altri, che non riuscendo a salvare la sua amata Euridice, si suicidò. La versione accettata della sua morte, tuttavia, è che fu fatto a pezzi dalle donne Cicon poiche` aveva respinto le loro avances. Nel decimo libro della Repubblica di Platone si dichiara che,
a causa del suo triste destino per mano delle donne, l’anima che un tempo era stata di Orfeo essendo destinata a vivere di nuovo nel mondo fisico, scelse piuttosto di ritornare nel corpo di un cigno piuttosto che nascere donna. La testa di Orfeo, dopo essere stata strappata dal suo corpo, fu gettata con la sua lira nel fiume Ebrus, dal quale galleggiò fino al mare, dove, si incuneo` in una fessura in una roccia, e fu considerata un oracolo per molti anni. La lira, dopo essere stata rubata dal suo santuario, fu presa dagli dei e modellata
in una costellazione.
Orfeo è stato a lungo cantato come protettore della musica. Suonava la sua lira a sette corde in tali armonie perfette che gli dei stessi si riunivano. quando toccava le corde del suo strumento gli uccelli e le bestie si raccoglievano attorno a lui, e mentre vagava attraverso le foreste le sue melodie incantevoli venivano apprezzatte anche dagli alberi antichi che con un grande sforzo rivolgevano a lui lel loro nodose radici. Orfeo è uno dei tanti immortali che si sono sacrificati per l’umanità e la saggezza degli dei. Con il simbolismo della sua musica ha comunicato segreti divini all’umanità, e diversi autori hanno dichiarato che gli dei, pur amandolo, temevano che avrebbe rovesciato il loro regno e quindi, a malincuore, lo circondarono con la distruzione.
Col passare del tempo, lo storico Orfeo divenne irrimediabilmente confuso con la dottrina che rappresentava e alla fine divenne il simbolo della scuola greca dell’antica saggezza. Così Orfeo fu dichiarato figlio di Apollo, il divino e Calliope, la musa dell’armonia e del ritmo. In altre parole, Orfeo e` la dottrina segreta (Apollo) rivelata attraverso la musica (Calliope). Euridice è l’umanità morta dal morso del serpente della falsa conoscenza e imprigionata nel mondo sotterraneo di ignoranza. In questa allegoria, Orfeo significa teologia, che riesce ad ottenere dal re dei morti, ma che non riesce a riportare in vita in quanto diffida erroneamente della comprensione innata dell’anima umana. Le donne Cicon che hanno smembrato Orfeo
simboleggiano le varie fazioni teologiche contendenti che distruggono il corpo di verità. Tuttavia, non riescono a raggiungere questo risultato finché le loro grida discordanti non stonano dall’armonia disegnata da Orfeo e dalla sua lira magica. La testa di Orfeo significa le dottrine esoteriche del suo culto. Queste dottrine continuano a vivere e parlare anche dopo che il suo corpo (il culto) è stato distrutto. La lira è l’insegnamento segreto di Orfeo; le sette stringhe sono le sette verità divine che sono le chiavi della conoscenza universale. I diversi resoconti della sua morte rappresentano i vari mezzi usati per distruggere gli insegnamenti segreti: la saggezza può morire in molti modi allo stesso tempo. L’allegoria di Orfeo dove si incarna nel cigno bianco significa semplicemente che le verità spirituali che ha promulgato continueranno e verranno insegnate agli iniziati illuminati di tutte le epoche future. Il cigno è il simbolo degli iniziati ai Misteri; è anche un simbolo del potere divino che è il progenitore del mondo.

I RITI BACCHICI E DIONISIACI

Il rito bacchico ruota intorno all’allegoria del giovane Bacco (Dioniso o
Zagreus) che viene fatto a pezzi dai Titani. Questi giganti hanno portato a termine la distruzione di Bacco facendolo affascinare dalla sua stessa immagine in uno specchio. Dopo averlo smembrato, i Titani prima bollirono i pezzi in acqua e poi lo arrostirono. Pallas salvò il cuore del dio assassinato e con questa precauzione Bacco
(Dioniso) fu abilitato a rinascere in tutta la sua antica gloria. Giove, il
Demiurgo, vedendo il crimine dei Titani, scagliò i suoi fulmini e li uccise, bruciando i loro corpi in cenere con il fuoco celeste. Delle ceneri dei Titani – che contenevano anche una parte della carne di Bacco, fu creata la razza umana. Si diceva cosi` che la vita mondana di ogni uomo contenesse una porzione della vita bacchica. Per questo motivo i Misteri Greci ammonirono contro il suicidio. Colui che tenta di distruggere se stesso alza la mano contro la natura di Bacco che è in lui, poiché il corpo dell’uomo è indirettamente la tomba di questo dio e, di conseguenza, deve essere conservato con la massima cura.
Bacco (Dioniso) rappresenta l’anima razionale del mondo inferiore. Lui è il capo dei titani – gli artefici delle sfere mondane. I Pitagorici lo chiamavano la Monade titanica  Lo specchio in cui Bacco guarda e ;a causa della sua morte  è il grande mare dell’illusione – il mondo inferiore creato dai Titani. Gli antichi hanno detto quindi che l’uomo non conosce gli dei per logica o per ragione, ma piuttosto realizzando la presenza degli dei in se stesso.
Dopo che Bacco guardò nello specchio e seguì il proprio riflesso nella materia, l’anima razionale del mondo fu spezzata e distribuita dai Titani in tutto il mondo, sfera mondana di cui è la natura essenziale, ma il cuore, o fonte, non poteva essere disperso I Titani presero il corpo smembrato di Bacco e lo fecero bollire in acqua – simbolo di immersione nell’universo materiale – che rappresenta l’incorporazione
del principio Bacchico nella forma. I pezzi furono successivamente arrostiti a significare la successiva ascensione della natura spirituale fuori dalla forma.
Quando Giove, il padre di Bacco e il Demiurgo dell’universo, vide che i
titani stavano cercando di introdurre senza speranza l’idea razionale o divina, spargendo le sue membra attraverso le parti costitutive del mondo inferiore, uccise i Titani in modo che l’idea divina sarebbe stata completamente persa. Dalle ceneri dei Titani ha formato l’umanità,
il cui scopo esistenziale era preservare e infine rilasciare l’idea bacchica, o anima razionale, dal complotto dei Titani Giove, essendo il Demiurgo e costruttore dell’universo materiale, è la terza persona della Triade Creativa, di conseguenza il Signore della morte, perché la morte esiste solo nella sfera inferiore dell’essere su cui presiede.
La disintegrazione ha luogo in modo tale che la reintegrazione possa seguire un livello superiore di forma o intelligenza. I fulmini di Giove sono emblematici del suo potere disintegrativo; essi rivelano lo scopo della morte, che è quello di salvare l’anima razionale dal potere divorante della natura irrazionale.
L’uomo è una creatura composita, la sua natura inferiore costituita dai frammenti dei Titani e la sua natura superiore la sacra carne immortale (vita) di Bacco. Quindi l’uomo e` capace di un’esistenza titanica (irrazionale) o bacchica (razionale). I titani di Esiodo, che erano dodici in numero, sono probabilmente analoghi allo zodiaco celeste, mentre i titani che hanno assassinato e smembrato Bacco rappresentano i poteri distorti dello zodiaco e il loro coinvolgimento nel mondo materiale. Così Bacco rappresenta il sole che è smembrato dai segni dello zodiaco e dal cui corpo venne formato l’universo. Quando le forme terrestri furono create dalle varie parti del suo corpo, il
il senso di integrità è stato perso e il senso di separazione è stato stabilito. Il cuore di Bacco, che fu salvato da Pallas, o Minerva, fu sollevato dai quattro elementi simboleggiati dal suo corpo smembrato e posto nell’etere. Il cuore di Bacco è il centro immortale dell’anima razionale.
Dopo che l ‘anima razionale fu distribuita attraverso la creazione e la natura dell’uomo, I Misteri Bacchici furono istituiti allo scopo di districarlo dall’irrazionale Natura titanica Questo disimpegno era il processo per sollevare l’anima dallo stato di separatività in unità di unità. Le varie parti e membri di Bacco furono raccolti
dai diversi angoli della terra. Quando tutte le parti razionali sono riunite, Bacco risorge. I riti di Dioniso erano molto simili a quelli di Bacco e spesso questi due dei sono considerati uguali. Statue di Dioniso furono introdotte nei Misteri Eleusini, specialmente nei gradi minori. Bacco, rappresentando l’anima della sfera mondana, era
capace di un’infinita molteplicità di forme e designazioni. Dioniso apparentemente era il suo aspetto solare. Gli architetti dionisiaci costituivano un’antica società segreta, con principi e dottrine
molto simili al moderno Ordine dei Massoni. Erano un’organizzazione di costruttori legati insieme dalla loro conoscenza segreta del rapporto tra il terreno e il divino le scienze dell’architettura. Furono presumibilmente impiegati dal re Salomone nella
costruzione del suo Tempio, sebbene non fossero ebrei, né adorassero il Dio degli Ebrei, essendo seguaci di Bacco e Dioniso. Gli architetti dionisiaci hanno eretti molti dei grandi monumenti dell’antichità. Possedevano un linguaggio segreto e un sistema unico. Avevano riunioni annuali e feste sacre. La natura esatta delle loro dottrine era sconosciuta. Si ritiene che Chiram Abiff sia stato un iniziato in questa
società.

 

Informazioni su neovitruvian

Non fidatevi dei vostri occhi, sono facilmente ingannabili, ricercate in voi stessi quella forza che vi permette di distinguere il vero dal falso. Il mondo così come è non va. Mi basta questo.

Pubblicato il 3 novembre 2018, in Uncategorized con tag , , , , , , , , , , . Aggiungi il permalink ai segnalibri. 2 commenti.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: