Gli insegnamenti segreti di tutte le ere: La teoria Pitagorica di musica e colori

L’ARMONIA è uno stato riconosciuto dai grandi filosofi come il prerequisito della bellezza. Un composto è definito bello solo quando le sue parti sono combinate armonicamente. Il mondo è chiamato bello e il suo Creatore è designato come Bene perché la forza positiva deve agire in conformità con la propria natura; e agire bene è armonia, perché il bene che vuole raggiungere in armonia con il bene che è. La bellezza, quindi, è l’armonia che manifesta la propria natura intrinseca
nel mondo della forma. L’universo è costituito da gradazioni successive di bene, queste gradazioni salgono dalla materia (che è il minimo grado di bene) allo spirito (che è il grado più alto di
bene). Nell’uomo, la sua natura superiore è il summum bonum. Ne consegue che la sua natura più alta conosce più facilmente il bene perché il bene esterno a lui nel mondo è in rapporto armonico con il bene presente nella sua anima. Ciò che l’uomo chiama male è quindi, accomunabile alla materia. Il minimo grado di bene presuppone anche il minimo grado di armonia e bellezza. Così la deformità (male)
è davvero la combinazione meno armoniosa di elementi naturalmente armonici presi individualmente. La deformità è innaturale, perché la somma di tutte le cose è il Bene e tutte le cose dovrebbero prendere parte al Bene e essere disposte in combinazioni armoniose. L’armonia è l’espressione manifestante della Volontà del Bene eterno.

LA FILOSOFIA DELLA MUSICA

È molto probabile che gli iniziati greci abbiano acquisito la loro conoscenza degli aspetti filosofici e terapeutici della musica dagli egiziani, che, a loro volta, consideravano Ermes il fondatore dell’arte. Secondo una leggenda, questo dio costruì la prima lira allungando le corde attraverso la concavità di un guscio di una tartaruga. Sia Iside che Osiride erano patroni della musica e della poesia. Platone, nel descrivere l’antichità di queste arti tra gli egiziani, dichiarò che le canzoni e la poesia esistevano in Egitto da almeno diecimila anni, e
che erano di una natura così elevata ed ispiratrice che solo divinità o uomini simili a Dio potrebbelo averli composti. Nei Misteri la lira era considerata il simbolo segreto della costituzione umana, il corpo dello strumento rappresentava la forma fisica, le stringhe i nervi e il musicista lo spirito. Sfiorando i nervi, lo spirito in questo modo
creava le armonie utili al suo normale funzionamento, che, tuttavia, divenivano discordanti se la natura dell’uomo era contaminata.
Mentre i primi cinesi, indù, persiani, egiziani, israeliti e greci utilizzavano sia la musica vocale che strumentale nei loro cerimoniali religiosi, per abbellire la loro poesia e i loro drammi, Pitagora elevo` l’arte alla sua vera dignità dimostrando le sue fondamenta matematiche. Anche se si dice che fosse un musicista, Pitagora è ora generalmente accreditato per aver scoperto la scala diatonica.
Avendo prima imparato la teoria divina della musica dai sacerdoti dei vari Misteri in cui era stato accettato, Pitagora meditò per diversi anni sulle leggi che governavano la consonanza e la dissonanza. Come ha effettivamente risolto il problema è sconosciuto, ma la seguente spiegazione è stata inventata. Un giorno, mentre meditava sul problema dell’armonia, Pitagora fu costretto a passare per la bottega di un fabbro in cui gli operai martellavano un pezzo di metallo su un’incudine. Notando le variazioni di tono tra i suoni fatti da grandi martelli e quelli fatti con strumenti più piccoli, e valutando attentamente le armonie e le discordie che derivavano dalle combinazioni di questi suoni, ha ottenuto il suo primo indizio sugli intervalli musicali della scala diatonica. Entrò nel negozio e dopo aver esaminato attentamente gli strumenti e stimato il loro peso, tornò a casa sua e costruì un braccio di legno in modo che si estendesse dal muro della sua stanza. Ad intervalli regolari lungo questo braccio attacco` quattro corde attaccate, tutte della stessa composizione, dimensione e peso. Alla prima di queste attacco` un peso di dodici libbre, alla seconda un peso di nove libbre, alla terza un peso di otto libbre, e alla quarta un peso di sei libbre. Questi pesi diversi
corrispondevano alle dimensioni dei martelli. Pitagora scopri` che la prima e la quarta corda suonavano insieme producevano l’intervallo armonico dell’ottava, perché raddoppiare il peso aveva lo stesso effetto di dimezzare la corda. La tensione della prima corda è il doppio di quella della quarta corda, il loro rapporto era detto 2: 1 o doppio. Con una simile sperimentazione ha accertato che la prima e la terza corda producevano l’armonia del diapente o l’intervallo del quinto.
La tensione della prima corda è ancora la metà di quella della terza corda, il loro rapporto è stato detto 3: 2 o sesquialter. Allo stesso modo la seconda e la quarta corda, avendo lo stesso rapporto della prima e della terza corda, ha prodotto un’armonia diapente. Continuando la sua investigazione, Pitagora scoprì che la prima e la seconda corda producevano l’ armonia della diatessaron o intervallo del terzo; e la tensione della prima corda essendo un terzo più grande di quello della seconda corda, avevano un rapporto di 4: 3, o
sesquitercian. La terza e la quarta corda, aventi lo stesso rapporto della prima e della seconda corda, produsse un’altra armonia diatessaron. Secondo Iamblichus, la seconda e la terza corda avevano il rapporto di 8: 9 o epogdoan. La chiave per i rapporti armonici è nascosta nei famosi tetracti pitagorici, o piramide di puntini. I tetracti sono composti dai primi quattro numeri – 1, 2, 3 e 4 – che nelle loro proporzioni rivelano gli intervalli dell’ottava, del diapente e della diatessaron. Mentre la legge degli intervalli armonici come sopra esposta è vera, è stato successivamente dimostrato che i martelli colpiscono il metallo nel modo descritto non produrrà i vari toni a loro attribuiti. In tutta probabilità, quindi, Pitagora elaborò la sua teoria dell’armonia dal monocordo –  uno strumento costituito da una singola corda tesa tra due pioli e fornita di tasti mobili

08100.jpg

GLI INTERVALLI E LE ARMONIE DELLE SFERE.

Da La storia della filosofia di Stanley.

Nel concetto pitagorico della musica delle sfere, l’intervallo tra la terra e la sfera delle stelle fisse era considerato un diapason, l’intervallo armonico più perfetto. La disposizione è generalmente accettata per gli intervalli musicali dei pianeti tra la terra e la sfera delle stelle fisse: dalla sfera della terra alla sfera della luna; un tono; dalla sfera della luna a quella di Mercurio, un mezzo tono; da Mercurio a Venere, metà; da Venere al sole, un tono e mezzo; dal sole a Marte, un tono; da Marte a Giove, mezzo tono; da Giove a Saturno, mezzo tono; da Saturno alle stelle fisse, mezzo tono. La somma di questi intervalli è uguale ai sei interi toni dell’ottava.

08101.jpg

LE CONSONANZE DEL MONOCORDO MONDANO.

Da De Musica Mundana di Fludd.

Questo settore schematico rappresenta le maggiori gradazioni di energia e sostanza tra terra elementale e forza assoluta incondizionata. A partire dal superiore, le quindici sfere graduate scendono nel seguente ordine: Vita senza limiti ed eterna; l’Empireo superiore, medio e inferiore; i sette pianeti; e i quattro elementi. L’energia è simboleggiata da Fludd come una piramide con la sua base sulla superficie concava dell’empireo superiore, e la sostanza come un’altra piramide con la sua base sulla superficie convessa della sfera (non pianeta) della terra. Queste piramidi dimostrano le proporzioni relative di energia e sostanza che entrano nella composizione dei quindici piani dell’essere. Si noterà che la piramide ascendente della sostanza tocca ma non perfora la quindicesima sfera – quella della Vita senza limiti ed eterna. Allo stesso modo, la piramide discendente di energia tocca ma non perfora la prima sfera – la condizione più grossolana della sostanza. Il piano del sole è denominato la sfera dell’uguaglianza, poiché qui né energia né sostanza predominano. 

In quanto la musica per Pitagora era un prodotto della scienza divina della matematica, le sue armonie erano inflessibilmente controllate da proporzioni matematiche. I pitagorici sostenevano che la matematica dimostrava il metodo esatto con cui il bene veniva stabiliva e mantenva il suo universo. Il numero ha quindi preceduto l’armonia, da allora divenne la legge immutabile che governa tutte le proporzioni armoniche. Dopo aver scoperto questi rapporti armonici, Pitagora iniziò gradualmente i suoi discepoli in questo supremo Arcano dei suoi Misteri. Ha diviso le varie parti della creazione in un vasto
numero di piani o sfere, a ciascuno dei quali ha assegnato un tono, un intervallo armonico, un numero, un nome, un colore e una forma. Ha poi proceduto a dimostrare la precisione delle sue deduzioni dimostrandole sui diversi piani di intelligenza e sostanza
spaziando dalla premessa logica più astratta al solido geometrico più concreto.

Dall’accordo comune di questi metodi di prova diversificati ha stabilito l’indiscutibile esistenza di alcune leggi naturali. Stabilendo la musica come una scienza esatta, Pitagora applicò la sua legge degli intervalli armonici a tutti i fenomeni della Natura, arrivando fino al punto di dimostrare la relazione armonica di pianeti, costellazioni ed elementi. Un esempio notevole di conferma moderna dell’antica portata filosofica è quello della progressione degli elementi secondo i rapporti armonici. Mentre faceva una lista degli elementi in ordine ascendente dei loro pesi atomici, John A. Newlands scopri che ogni ottavo elemento aveva una distinta ripetizione di proprietà. Questa scoperta è conosciuta come la legge delle ottave nella chimica moderna. Dal momento che sostenevano che l’armonia deve essere determinata non dalle percezioni sensoriali ma dalla ragione e dalla matematica, i pitagorici si chiamavano Canonici, come distinzione dai musicisti della Scuola Armonica, che hanno affermato il gusto e l’istinto di essere veri principi normativi dell’armonia. Riconoscendo, tuttavia, l’effetto profondo: della musica sui sensi e le emozioni, Pitagora non ha esitato a influenzare la mente e il corpo
con quello che ha definito “medicina musicale”.

Pitagora mostrava una così marcata preferenza per gli strumenti a corda che persino lui cerco` di mettere in guardia i suoi discepoli dal permettere che le loro orecchie venissero contaminate da suoni di flauti o piatti. Ha inoltre dichiarato che l’anima potrebbe essere purificata dall’ irrazionale influenze di canzoni solenni cantate con l’accompagnamento della lira. Nella sua ricerca del valore terapeutico delle armoniche, Pitagora scoprì che le sette modalità – o chiavi –
-del sistema musicale greco avevano il potere di incitare o placare le varie emozioni. Raccontò che una notte, mentre osservava le stelle, incontrò un giovane uomo confuso con una bevanda alcolica e pazzo di gelosia che stava bruciando fascine sulla porta della sua padrona
con l’intenzione di bruciare la casa. La frenesia della gioventù è stata accentuata da un flautista a poca distanza che suonava una melodia nella frenetica modalità frigia. Pitagora ha indotto il musicista a cambiare melodia ad un lento e ritmico Spondaico Dopo cio` il giovane ubriaco divenne immediatamente composto e, raccogliendo i suoi fagotti di legno, tornò tranquillamente a casa sua. C’è anche un resoconto di come Empedocle, un discepolo di Pitagora, cambiando la modalità di una composizione musicale che stava suonando, ha salvato la vita del suo ospite, Anchitus, quando quest’ultimo fu minacciato di morte dalla spada del figlio di un uomo che aveva condannato alla pena capitale. È anche noto che Esculapius, il medico greco, curava la sciatica e altre malattie dei nervi suonando con forza una tromba alla presenza del paziente. Pitagora curò molte malattie dello spirito, dell’anima e del corpo preparando composizioni musicali suonate alla presenza del sofferente o recitando personalmente brevi selezioni di poeti antichi come Esiodo e Omero. Nella sua università a
Crotone era consuetudine che i pitagorici si svegliassero e andassero a letto ogni giorno con canti- calcolati per liberare la mente dal sonno e ispirarla all’attività del giorno successivo; quelli serali erano invece lenitivi, rilassanti, e favorevoli al riposo. All’equinozio di primavera Pitagora fece radunare i suoi discepoli in cerchi intorno a uno di loro che li guidava nelle canzoni suonando la lira come accompagnamento.
La musica terapeutica di Pitagora è descritta da Iamblichus così: “E ci sono certe melodie escogitate come rimedi contro le passioni dell’anima, e anche contro lo scoraggiamento e il lamento, che Pitagora ha inventato come cose che offrono  la massima assistenza in queste malattie E ancora, ha impiegato altre melodie contro la rabbia e la furia, e contro ogni aberrazione dell’anima. C’è anche un altro tipo di modulazione inventata come rimedio contro i desideri. “(Vedi La vita di Pitagora.) È probabile che i Pitagorici abbiano riconosciuto una connessione tra le sette modalita` greche e i sette pianeti. Ad esempio, Plinio dichiara che Saturno si muove nella modalita` Dorica  e Giove si muove in modalità Frigia. È anche evidente che i temperamenti sono abbinati alle varie modalità e alle passioni allo stesso modo. Quindi, la rabbia – che è il fuoco della passione – può essere accentuata da una modalità infuocata o neutralizzata da una modalità acquosa.
Si riassume così l’effetto di vasta portata esercitato dalla musica sulla cultura dei greci di Emil Nauman: “Platone ha svalutato l’idea che la musica fosse destinata esclusivamente a creare emozioni allegre e gradevoli, sostenendo piuttosto che dovrebbe inculcare un amore
di tutto ciò che è nobile e l’odio per tutto ciò che è meschino, e che nulla e` in grado di influenzare i sentimenti più intimi dell’uomo come la melodia e il ritmo. Fortemente convinto di questo, d’accordo con Damon di Atene, l’istruttore musicale di Socrate, sosteneva che l’introduzione di una scala nuova e presumibilmente snervante metterebbe in pericolo il futuro di un’intera nazione, e che non è stato possibile modificare una chiave senza scuotere le fondamenta stesse dello Stato.

Platone affermava che la musica che nobilitava la mente era di un tipo molto più alto di quella che si limitava a fare appello ai sensi, e  insisteva fermamente sul fatto che era fondamentale dovere della Legislatura sopprimere tutta la musica di carattere effeminato e lascivo, e incoraggiare solo ciò che era puro e dignitoso; le melodie audaci e commoventi erano per gli uomini, quelle gentili e calmanti per le donne. Da questo risulta evidente che
la musica ha giocato un ruolo considerevole nell’educazione della gioventù greca. La massima cura doveva anche essere presa nella selezione della musica strumentale, perché l’assenza di parole rendeva il suo significato dubbio, ed era difficile prevederla. Il gusto popolare, veniva sempre sollecitato da effetti sensuali e meretrici, per questo doveva essere trattato con meritato disprezzo. (Vedi The History of Music.)

Anche oggi la musica marziale è usata con un effetto significativo in tempo di guerra, mentre la musica religiosa, non è più sviluppata in conformità con la teoria antica, influenza ancora profondamente
le emozioni dei laici.

LA MUSICA DELLE SFERE

La più sublime ma meno conosciuta di tutte le speculazioni pitagoriche era quella delle armoniche siderali. Si diceva che di tutti gli uomini solo Pitagora ascoltava la musica delle sfere.
Apparentemente i caldei furono i primi a concepire che i corpi celesti
si univano in un canto cosmico mentre si muovevano in modo maestoso attraverso il cielo. Job descrive un tempo “quando le stelle del mattino cantavano insieme” e nel mercante di Venezia l’autore delle opere shakespiriane scrive: “Non c’è sfera più piccola visibile in movimento che un angelo che canta “. Rimane ben poco, tuttavia, del sistema pitagorico della musica celeste che si puo` solo approssimare.
Pitagora concepì l’universo come un immenso monocordo, con la sua singola corda connessa all’estremità superiore  con lo spirito assoluto e alla sua estremità inferiore con la materia assoluta in altre parole, una corda tesa tra cielo e terra. Nel conteggio interno della circonferenza dei cieli, Pitagora, secondo alcune autorità, divise l’ universo in nove parti; secondo altri, in dodici parti. Quest’ultimo sistema era suddiviso in questo modo: la prima divisione era chiamata empireo, ovvero la sfera delle stelle fisse, ed era la dimora degli immortali. Le divisioni dalla seconda alla dodicesima erano

08200.jpg

IL MONOCORDO MONDANO CON LE SUE PROPORZIONI E INTERVALLI.

Da De Musica Mundana di Fludd.

In questa tabella è riportato un riassunto della teoria della musica universale di Fludd. L’intervallo tra l’elemento della terra e il cielo più alto è considerato come una doppia ottava, mostrando così che i due estremi dell’esistenza sono in armonia. Significa che il cielo più alto, il sole e la terra hanno lo stesso tempo, con la differenza del tono. Il sole è l’ottava inferiore del cielo più alto e la terra l’ottava inferiore del sole. L’ottava inferiore (da Γ a G) comprende quella parte dell’universo in cui la sostanza predomina sull’energia. Le sue armonie, quindi, sono più grossolane di quelle dell’ottava superiore (da G a g) in cui l’energia prevale sulla sostanza. “Se colpito nella parte più spirituale”, scrive Fludd, “il monocordo darà vita eterna; se nella parte più materiale, vita transitoria”. Si noterà che alcuni elementi, pianeti e sfere celesti sostengono un rapporto armonico tra loro, Fludd ha avanzato questo come chiave per le simpatie e le antipatie esistenti tra i vari dipartimenti della Natura.

(nell’ordine) le sfere di Saturno, Giove, Marte, il sole, Venere, Mercurio e la luna, e fuoco, aria, acqua e terra. Questa disposizione dei sette pianeti (il sole e la luna erano considerati come pianeti nella vecchia astronomia) è identico al simbolismo degli ebrei – il sole al centro come la radice principale con tre pianeti su entrambi i suoi lati.
I nomi dati dai pitagorici alle varie note della scala diatonica erano,
secondo Macrobius, derivati da una stima della velocità e della magnitudine del corpi planetari. Ognuna di queste gigantesche sfere che scorrevano all’infinito nello spazio  si credeva suonasse un certo tono causato dal suo continuo spostamento nell’etere. Poiché questi toni erano una manifestazione dell’ordine divino e del movimento, è necessario assumere che hanno condiviso l’armonia della propria fonte. “L’affermazione che i pianeti nelle loro rivoluzioni intorno alla terra emettevano certi suoni diversi in base alla loro rispettiva ‘magnitudine, celerità e distanza locale’ era comunemente
accettato dai Greci. Così Saturno, il pianeta più lontano, suonava la nota più grave, mentre la Luna, che è la più vicina, dava la nota più acuta. “Questi suoni dei sette pianeti e le sfere delle stelle fisse, insieme a quelle sopra di noi [Antichthon], sono le nove Muse e la loro sinfonia congiunta si chiama Mnemosyne. ‘”(Vedi il Canone). Questa
citazione contiene un riferimento oscuro alla divisione in nove dell’universo precedentemente menzionata.
Gli iniziati greci riconobbero anche una relazione fondamentale tra i cieli o sfere dei sette pianeti e le sette vocali sacre. Il primo paradiso
emise il suono della vocale sacra (Alpha); il secondo paradiso, la vocale sacra  (Epsilon); il terzo, (Eta); il quarto, (Iota); il quinto (Omicron); il sesto, (Upsilon); e il settimo cielo, la sacra vocale (Omega). Quando questi sette cieli cantano insieme produssero un’armonia perfetta che saliva come un’eterna lode al trono del Creatore. (Vedi Ireneo contro le eresie.) Anche se non viene detto, è probabile che i cieli planetari debbano essere considerati come ascendenti nell’Ordine pitagorico, che inizia con la sfera della luna, che sarebbe il primo
Paradiso. Molti dei primi strumenti avevano sette corde, e in genere è concesso che fu Pitagora ad aggiungere l’ottava corda alla lira di Terpandro. Le sette corde erano sempre legate sia alle loro corrispondenze nel corpo umano che nei pianeti. Anche i nomi di Dio erano concepiti per essere formati dalle combinazioni delle sette
armonie planetarie. Gli egiziani confinarono le loro canzoni sacre ai sette suoni primari, vietando a tutti gli altri di essere pronunciati nei loro templi. Uno dei loro inni conteneva la seguente invocazione: “I sette toni sonori lodano Te, il Grande Dio, il Padre incessante che lavora sull’intero universo. ” In un altro la Deità descrive Se Stessa
così: “Io sono la grande lira indistruttibile di tutto il mondo, in sintonia con i canti dei cieli. (Vedi Storia della musica di Nauman.)
I Pitagorici credevano che tutto ciò che esisteva avesse una voce e tutte le altre creature cantassero eternamente la lode del Creatore. L’uomo non riesce a sentire queste melodie divine perché la sua anima è invischiata nell’illusione dell’esistenza materiale. Quando si libera dalla schiavitù del mondo inferiore con i suoi limiti sensibili, la musica delle sfere sarà di nuovo udibile com’era nell’età dell’oro. Armonia
riconosce armonia e quando l’anima umana riacquista la sua vera tenuta non solo ascolterà il coro celeste ma si unira` ad esso in un inno eterno di lode a quell’Eterno Bene che controlla il numero infinito di parti e condizione dell’Essere. I Misteri greci includevano nelle loro dottrine un magnifico concetto della relazione esistente tra musica e forma. Gli elementi di architettura, ad esempio, erano considerati come paragonabili a modalità e note musicali, o come se avessero una controparte musicale. Di conseguenza quando veniva eretto un edificio in cui un certo numero di questi elementi erano combinati, la struttura veniva paragonata a un accordo musicale, che era
armonico solo quando soddisfava pienamente i requisiti matematici degli intervalli armonici. La realizzazione di questa analogia tra suono e forma ha portato Goethe a dichiarare che “l’architettura è musica cristallizzata”. Nel costruire i loro templi di iniziazione, i primi sacerdoti hanno spesso dimostrato la loro conoscenza superiore dei principi alla base del fenomeno noto come vibrazione. Una parte considerevole dei rituali del Mistero consisteva in invocazioni e intonazioni, per
il quale scopo sono state costruite camere sonore speciali. Una parola sussurrata in uno di questi appartamenti era così intensificata che i riverberi facevano ondeggiare l’intero edificio riempiendolo di un ruggito assordante. Lo stesso legno e pietra usati per la costruzione di questi edifici sacri alla fine divennero così completamente permeati dalle vibrazioni sonore delle cerimonie religiose che quando colpiti avrebbero riprodotto le stesse tonalità create durante i rituali.
Ogni elemento in natura ha la sua nota fondamentale individuale. Se questi elementi sono combinati in una struttura composita il risultato è una corda che, se suonata, disintegrerà il composto nelle sue parti integranti. Allo stesso modo ogni individuo ha una nota chiave che, se suonata, lo distruggera`. L’allegoria delle mura di Gerico che cadevano quando vennero suonate le trombe di Israele senza dubbio avevano l’intenzione di esporre l’arcano significato della nota chiave individuale
o vibrazione.

LA FILOSOFIA DEL COLORE

“La luce”, scrive Edwin D. Babbitt, “rivela le glorie del mondo esterno e tuttavia è la più gloriosa di tutte loro. Dona bellezza, rivela bellezza ed è di per sé la più bella. È l’analizzatrice, espone la verita` svela tutto, perché mostra le cose come sono. I suoi flussi infiniti misurano l’universo e fluiscono nei nostri telescopi dalle stelle che sono quintilioni di miglia distanti. D’altra parte scende sugli oggetti inconcepibilmente piccoli, e rivela attraverso il microscopio oggetti cinquanta milioni di volte meno piccoli di quanto possa essere
visto dall’occhio umano. Come tutte le altre forze sottili, il suo movimento è meravigliosamente morbido, tuttavia
penetrante e potente. Senza la sua influenza vivificante la vita, vegetale, animale e umana perirebbe immediatamente. Faremo
bene, quindi, considerare questo potenziale e bellissimo principio di luce e la sua componente cromatica, perché più profondamente penetriamo nelle sue leggi interiori, più si presenterà come un meraviglioso magazzino di potere per vitalizzare, guarire, raffinare e deliziare il genere umano. “(Vedi I principi di luce e colore.)

08300.jpg

LA TEORIA DELLA MUSICA ELEMENTALE.

Da De Musica Mundana di Fludd.

In questo diagramma vengono nuovamente impiegate due piramidi compenetranti, una delle quali rappresenta il fuoco e l’altra la terra. È dimostrato secondo la legge dell’armonia elementale che il fuoco non entra nella composizione della terra né la terra nella composizione del fuoco. Le figure sul grafico rivelano le relazioni armoniche esistenti tra i quattro elementi primari secondo Fludd e i Pitagorici. La Terra è composta da quattro parti della sua stessa natura; acqua di tre parti di terra e una parte di fuoco. La sfera dell’uguaglianza è un punto ipotetico in cui esiste un equilibrio tra due parti della terra e due parti del fuoco. L’aria è composta da tre parti di fuoco e una parte di terra; fuoco, di quattro parti della sua stessa natura. Così la terra e l’acqua portano l’un l’altro il rapporto di 4 a 3, o l’armonia della diatessaron, e l’acqua e la sfera di uguaglianza il rapporto di 3 a 2, o l’armonia del diapente. Fuoco e aria hanno anche l’un l’altro il rapporto di 4 a 3, o l’armonia della diatessaron, e l’aria e la sfera di uguaglianza il rapporto di 3 a 2, o l’armonia del diapente. Poiché la somma di una diatessaron e di un diapente è uguale a un diapason, o ottava, è evidente che sia la sfera di fuoco che la sfera della terra sono in armonia diapason con la sfera di uguaglianza, e anche che fuoco e terra sono in armonia disdiapason insieme.

Poiché la luce è la manifestazione fisica di base della vita, bagnando tutta la creazione nella sua radianza, è molto importante realizzare, almeno in parte, la natura sottile di questa sostanza divina.
Ciò che viene chiamato luce è in realtà un ritmo di vibrazione che causa certe reazioni sul nervo ottico. Pochi si rendono conto di come sono murati dai limiti delle percezioni sensoriali. Non solo c’è molto più nella luce di qualsiasi altra cosa ma ci sono anche forme di luce sconosciute che nessuna apparecchiatura ottica potrà mai percepire.

Ci sono innumerevoli colori che non possono essere visti, così come suoni che non si possono sentire, odori che non possono essere annusati, sapori che non possono essere assaggiati, e sostanze che non possono essere sentite. L’uomo è quindi circondato da un universo supersensibile di cui non sa nulla perché i centri della percezione sensoriale non sono  stati sviluppati sufficientemente per rispondere ai più sottili tassi di vibrazione di cui l’universo è composto.
Tra i popoli sia civili che selvaggi il colore è stato accettato come lingua naturale in cui mettere a confronto le loro dottrine religiose e filosofiche. L’antica città di Ecbatana come descritto da Erodoto, aveva le sue sette pareti colorate secondo i sette pianeti, rivelando la conoscenza di questo soggetto posseduto dai Magi persiani. La famosa zikkurat o la torre astronomica del dio Nebo a Borsippa salivano in sette grandi passi o fasi, ogni fase veniva dipinta nel colore chiave di uno dei pianeti. (Vedi la magia caldea di Lenormant.) È così evidente che i Babilonesi avevano familiarità con il concetto di spettro nella sua relazione con i sette Dei creativi o poteri. In India, uno degli imperatori moghul fece costruire una fontana con sette livelli. L’acqua che scorreva lungo i lati attraverso canali appositamente disposti cambiava colore mentre scendeva, passando sequenzialmente attraverso tutte le sfumature dello spettro. In Tibet, il colore è utilizzato dagli artisti nativi per esprimere vari stati d’animo. L. Austine Waddell, scrivendo dell’arte nordica buddista, osserva che nella mitologia tibetana “Bianco e giallo” di solito caratterizzano gli stati d’animo miti, mentre il rosso, il blu e il nero appartengono alle forme feroci, anche se a volte il blu chiaro, indicando il cielo, significa semplicemente celestiale. Generalmente gli dei sono rappresentati in bianco, goblin rossi e diavoli neri, come le loro controparti europee. “(Vedi Il buddismo del Tibet.)

In Meno, Platone, parlando attraverso Socrate, descrive il colore come “un’effluenza della forma, commisurata alla vista e sensibile. “In Theætetus discute più a lungo sul soggetto in questo modo: “Eseguiamo il principio appena affermato, che nulla è
auto-esistente, e poi vedremo che ogni colore, bianco, nero e ogni altro colore, nasce dall’occhio che incontra la mozione appropriata e quella che noi definiamo la sostanza di ogni colore non è né l’elemento attivo né quello passivo, ma qualcosa che esiste tra essi, ed è peculiare di ogni percipiente; sei sicuro che i vari colori appaiono ad ogni animale – ad esempio un cane – come appaiono a te? ”
Nei tetracty pitagorici – il simbolo supremo delle forze e dei processi universali – hanno datto via alle teorie dei greci sul colore e la musica. I primi tre punti rappresentano la triplice Luce Bianca, che è la Divinità contenente potenzialmente tutto suono e colore. I restanti sette punti sono i colori dello spettro e le note della scala musicale. I colori e i toni sono i poteri creativi attivi che emanano dalla Prima Causa, stabilendo l’universo. I sette sono divisi in due gruppi, uno
contenente tre poteri e l’altro quattro una relazione mostrata anche nei tetractys. Il gruppo superiore – quello di tre – diventa la natura spirituale dell’universo creato; il gruppo inferiore – quello di quattro – si manifesta come la sfera irrazionale o mondo inferiore. Nei Misteri i sette Logi, o Signori Creativi, sono mostrati come flussi di emissione di forza dalla bocca dell’Eterno. Questo rappresenta lo spettro che viene estratto dal luce bianca della Divinità Suprema. I sette Creatori, o Fabbricatori, delle sfere inferiori erano chiamati dagli Ebrei Elohim. Per gli egiziani erano indicati come i Costruttori (a volte come i Governatori) e sono raffigurati con grandi coltelli nelle loro mani
con cui hanno scolpito l’universo dalla sua sostanza primordiale. Il culto dei pianeti si basa sulla loro accettazione come incarnazioni cosmiche dei sette attributi creativi di Dio. I Signori dei pianeti furono descritti come dimoranti nel corpo del sole, in quanto la vera natura del sole, essendo analoga alla luce bianca, contiene il seme di tutti i toni e le potenze cromatiche che manifesta. Vi sono numerosi accordi arbitrari che stabiliscono le relazioni reciproche dei pianeti, i colori e le note musicali. Il sistema più soddisfacente è quello basato sulla legge dell’ottava. Il senso dell’udito ha una portata molto più ampia di quello della vista, in quanto mentre l’orecchio può registrare da nove a undici ottave di suono l’occhio è limitato a sette tonalità cromatiche fondamentali. Rosso, quando è indicato come il tono di colore più basso nella scala dei cromatismi, quindi corrisponde a fare,
la prima nota della scala musicale. Continuando l’analogia, l’arancione corrisponde al re, il giallo al mi, il verde al fa, il blu al sol, l’indaco al la e l violetto al si (ti). L’ottavo colore il tono necessario per completare la scala dovrebbe essere l’ottava superiore del rosso, L’accuratezza della disposizione di cui sopra è attestata da due fatti sorprendenti: (1) le
tre note fondamentali della scala musicale – la prima, la terza e la quinta – corrispondono ai tre colori primari: rosso, giallo e blu; (2) la settima e la nota meno perfetta della scala musicale corrisponde al viola, il tono meno perfetto della scala di colori.
In The Principles of Light and Colour, Edwin D. Babbitt conferma la corrispondenza del colore e delle scale musicali: “Come C è in fondo alla scala musicale e realizzato con le più rare onde d’aria, così il rosso e` nella parte inferiore della scala cromatica e fatto con le onde più grossolane di etere luminoso. Come la nota musicale B [la settima nota della scala] richiede 45 vibrazioni d’aria ogni volta la nota C all’estremità inferiore della scala richiede 24 vibrazioni. o poco più della metà, così il viola richiede circa 300 trilioni di vibrazioni di etere in un secondo, mentre il rosso estremo richiede circa 450 trilioni,. Quando un’ottava musicale è finita, un’altra inizia e si progredisce con solo il doppio delle vibrazioni usate nella prima ottava, e così le stesse note sono ripetute su una scala più fine. Allo stesso modo quando
la scala di colori visibile all’occhio ordinario è completata nel viola, un’altra ottava di più sottili colori invisibili, con solo il doppio delle vibrazioni, inizieranno e progrediranno seguendo la stessa legge. ”
Quando i colori sono legati ai dodici segni dello zodiaco, sono disposti come i raggi di una ruota. Ad Ariete è assegnato rosso puro; al Toro, rosso-arancio; ai Gemelli, arancio puro; al Cancro, giallo-arancio; al Leone, giallo puro; alla Vergine, giallo-verde; alla Bilancia, verde puro; allo Scorpione, verde-blu; al Sagittario, puro blu; al Capricorno, blu-viola; all’Acquario, viola puro; e ai Pesci, viola-rosso.
Nell’esporre il sistema orientale della filosofia esoterica, H. P, Blavatsky fa riferimento ai colori associandola alla costituzione settenaria dell’uomo e ai sette stati della materia come segue:

Violetto Doppio Eterico Etere

Indaco Intelligenza Spirituale Stato critico chiamato Aria

Blu Contenitore dell’aura  Flusso di Vapore

Verde Spirito Animale Stato Critico

Buddhi Anima Spirituale Acqua

Prana Principio Vitale Stato Critico

 

Kama Rupa, Seggio della vita animale Ghiaccio

Questa disposizione dei colori dello spettro e le note musicali dell’ottava richiede un diverso raggruppamento dei pianeti al fine di preservare il proprio tono e analogie a colori. Così Marte diventa; re, il sole; mi, Mercurio; fa, Saturno; sol, Giove;
la, Venere; si (ti)

08400.jpg

I QUATTRO ELEMENTI E I LORO INTERVALLI CONSONANTALI.

Da De Musica Mundana di Fludd.

In questo diagramma Fludd ha diviso ciascuno dei quattro elementi Primari in tre suddivisioni. La prima divisione di ogni elemento è la più grossolana, prendendo parte della sostanza direttamente inferiore a se stessa (tranne nel caso della terra, che non ha uno stato inferiore a se stessa). La seconda divisione consiste dell’elemento nel suo stato relativamente puro, mentre la terza divisione è quella condizione in cui l’elemento partecipa in qualche modo alla sostanza immediatamente superiore a se stesso. Ad esempio la divisione più bassa dell’elemento di acqua è sedimentaria, poiché contiene la sostanza terrestre in soluzione; la seconda divisione rappresenta l’acqua nel suo stato più comune – salato – come nel caso dell’oceano; e la terza divisione è l’acqua allo stato puro, senza sale. L’intervallo armonico assegnato alla divisione più bassa di ogni elemento è un tono, anche la divisione centrale ha un tono, ma alla divisione superiore un semitono perché partecipa della divisione immediatamente sopra di esso. Fludd sottolinea il fatto che quando gli elementi salgono in serie di due toni e mezzo, il diatessaron è l’intervallo armonico dominante degli elementi.

 

Informazioni su neovitruvian

Non fidatevi dei vostri occhi, sono facilmente ingannabili, ricercate in voi stessi quella forza che vi permette di distinguere il vero dal falso. Il mondo così come è non va. Mi basta questo.

Pubblicato il 13 gennaio 2019, in Uncategorized con tag , , , . Aggiungi il permalink ai segnalibri. 1 Commento.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: