Studio: Il 78% degli studenti universitari confusi sul loro genere ha problemi mentali

Un nuovo studio il quale ha esaminato gli studenti che affermano di avere problemi di identità di genere ha scoperto che, rispetto al 45% degli studenti che si sentono a proprio agio con il proprio sesso biologico, il 78% degli studenti con disturbi di genere soddisfava i criteri per almeno 1 problema di salute mentale.

I ricercatori affiliati alla School of Public Health della Boston University, alla Harvard Medical School e alla University of Michigan School of Public Health, hanno condotto uno studio estensivo, pubblicato sull’American Journal of Preventive Medicine.

Lo studio, che ha incluso più di 1.200 studenti universitari con problemi di identità di genere in 71 campus universitari statunitensi, ha scoperto che, attraverso le misure di salute mentale comunemente utilizzate, il 78% degli studenti con disturbi di genere soddisfava i criteri per uno o piu` di questi disturbi mentali: depressione , ansia, problemi alimentari, autolesionismo e tendenze suicide.

Avere problemi di identità di genere era associato a probabilità 4,3 volte più elevate di avere almeno un problema di salute mentale, secondo lo studio che utilizzava i dati provenienti dal Healthy Minds Study del 2015-2017.

Attraverso tutte le misure di salute mentale utilizzate, gli studenti con disturbi di genere hanno avuto una prevalenza significativamente più elevata di problemi di salute mentale rispetto agli studenti a loro agio con il loro sesso biologico.

I risultati dello studio hanno mostrato che oltre la metà degli studenti con disturbi di genere sono risultati positivi allo screening per la depressione (58%) e hanno riportato comportamenti autolesionistici (53%), mentre il 28% degli studenti a proprio agio con il proprio sesso biologico è risultato positivo alla depressione e Il 20% ha riportato comportamenti autolesionistici.

Inoltre, oltre un terzo degli studenti con disturbi di genere ha riportato gravi tendenze suicide nell’ultimo anno rispetto a un solo studente su dieci a proprio agio con il proprio sesso biologico.

I ricercatori hanno tratto la conclusione che i loro risultati dimostrano “un bisogno urgente” di affrontare i problemi di salute mentale degli studenti con disturbi di genere e di “dare priorità” ai loro bisogni.

Usando la “teoria dello stress minoritario”, come base, i ricercatori suggeriscono che gli studenti con disturbi di genere “possono essere esposti a fattori di stress unici (ad esempio, rifiuto familiare o transfobia), che possono aumentare il rischio per la salute mentale”.

Riferiscono anche di aver analizzato studenti universitari, in parte perché “gli anni universitari (18-24 anni) coincidono con l’età di insorgenza di molte malattie mentali.

Nel 2018, la dott.ssa Lisa Littman della Brown University ha iniziato a scoprire di più sul perché il numero di ragazze adolescenti che si identificano come transgender presso il servizio di sviluppo dell’identità di genere in Gran Bretagna è aumentato dal 41 percento nel 2009 al 69 percento nel 2017.

La ricercatrice ha affermato di aver osservato adolescenti senza una storia di disforia di genere – un termine clinico che descrive il disagio psicologico causato dal fatto che il gender di un individuo è incompatibile con il proprio sesso biologico – stavano facendo “coming out” come transgender ” dopo aver visitato siti Web di nicchia. ”

Nel suo studio su 256 genitori, che è stato condannato da attivisti LGBT, Littman ha scoperto che l’87% dei giovani ha fatto “coming out” come transessuale dopo aver trascorso molto tempo su pagine web dedicate e sui social media e dopo la creazione di “focolai” di disforia di genere tra i loro gruppi di amici. La maggior parte degli adolescenti che alla fine si sono identificati come transgender hanno anche mostrato una maggiore popolarità con i gruppi di coetanei, secondo i rapporti dei loro genitori.

Inoltre, Littman ha scoperto che quasi i due terzi dei giovani i cui genitori hanno partecipato al sondaggio erano già stati diagnosticati con almeno un disturbo dello sviluppo psichiatrico prima dell’inizio della disforia di genere. Ad esempio, quasi la metà dei giovani ha già tentato di farsi del male o ha subito un trauma, suggerendo che i problemi di salute mentale hanno preceduto il disturbo dell’identità di genere segnalato.

Fonte

Informazioni su neovitruvian

Non fidatevi dei vostri occhi, sono facilmente ingannabili, ricercate in voi stessi quella forza che vi permette di distinguere il vero dal falso. Il mondo così come è non va. Mi basta questo.

Pubblicato il 24 agosto 2019, in Uncategorized con tag , , , , , , , . Aggiungi il permalink ai segnalibri. 3 commenti.

  1. Francesca Rita Rombolà

    E’ sempre stato difficile essere adolescente, ma oggi sembra essere proprio un trauma senza ritorno. A quanto pare l’opulento Occidente non è riuscito a creare le condizioni psicologiche ideali per una crescita umana armonizzata nei suoi cittadini dei paesi più evoluti tecnologicamente.

  2. E’ un grande problema capire il perché.

    ma penso che a che vedere con la società di oggi, il permissivo di ogni sorte, che porta a malattia mentale.
    Certo penso che ci siano sempre statti, ma non come oggi.

    Grazie.

  1. Pingback: Centinaia di transgender si pentono della transizione | Neovitruvian's Blog

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: