L’attivista transgender che ha tentato di forzare delle estetiste a fargli la ceretta sulle zone intime perde la causa in tribunale

L’attivista transgender Jessica Yaniv, che ha accusato tre donne di “discriminazione” quando si sono rifiutate di fargli la ceretta ai genitali, ha perso il caso.

Yaniv ha presentato denuncia al Tribunale per i diritti umani della Columbia Britannica contro delle estetiste femminili per il loro rifiuto di fargli la ceretta ai testicoli.

Successivamente si era anche vantato di aver fatto chiudere un negozio di cosmetici dopo che si era rifiutato di fornire lo stesso servizio.

Tuttavia, un funzionario canadese ha deciso contro Yaniv, affermando che le donne hanno il diritto di rifiutare di far la ceretta ai genitali maschili.

“La legislazione sui diritti umani non richiede a un fornitore di servizi di far la ceretta ad un tipo di genitali per i quali non è stato addestrato e non ha acconsentito… Ci sono differenze tra la ceretta dei genitali di una persona con una vulva e una persona con un pene e uno scroto “, ha detto il funzionario nel tribunale semi-giudiziario della Columbia Britannica per i diritti umani.

Tuttavia, “La decisione di 61 pagine implica che le donne dovranno fornire un servizio intimo agli uomini se le commissioni canadesi per le licenze richiedono agli estetisti di imparare a fare il servizio”, scrive Neil Munro.

L’avvocato per i diritti umani Devyn Cousineau ha affermato di essere “generalmente” d’accordo con Yaniv sul fatto che il rifiuto di fornire servizi basati sulla loro identità di genere fosse una forma di discriminazione.

Come precedentemente riportato, Yaniv, che è stato accusato di essere un predatore sessuale, aveva tentato di organizzare una sessione di nuoto per ragazze di 12 anni in cui i genitori non avrebbero potuto essere presenti.

Informazioni su neovitruvian

Non fidatevi dei vostri occhi, sono facilmente ingannabili, ricercate in voi stessi quella forza che vi permette di distinguere il vero dal falso. Il mondo così come è non va. Mi basta questo.

Pubblicato il 24 ottobre 2019, in Uncategorized con tag , , , , . Aggiungi il permalink ai segnalibri. Lascia un commento.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: