Greta, Boomers, Stregoneria: L’agenda segreta del 2019

Se hai letto gli articoli di questo sito, probabilmente avrai notato che la parola “agenda” viene usata spesso. Molto spesso. Il motivo? Questo sito analizza i mass media. Spingere varie agende, infatti è (era e sara`) la funzione principale dei mass media.

Merriam-Webster definisce la parola “agenda” in questo modo:

Un piano o un programma, con un substrato ideologico

La parola “substrato” è cruciale in quanto si riferisce al fatto che gli ordini del giorno spesso giacciono “sotto la superficie” della cultura popolare. I punti dell’agenda si nascondono dietro ai titoli delle notizie, alle forme di intrattenimento e alle parole di persone potenti e influenti. E, sin dal suo inizio, il sito web Neovitruvian si è occupato di sradicare l’agenda alla base della cultura popolare. Si tratta di evidenziare l’enfasi artificiale posta su questioni specifiche per farle sembrare più importanti e rilevanti di quanto non siano realmente. Nelle scienze della comunicazione, questo concetto è chiamato “agenda-setting”.

L’agenda è la creazione di consapevolezza e preoccupazione pubblica per questioni salienti da parte dei media. Inoltre, l’agenda setting descrive il modo in cui i media tentano di influenzare gli spettatori e stabilire una gerarchia di prevalenza delle notizie. Due presupposti sono alla base della maggior parte delle ricerche sulla definizione dell’agenda:
La stampa e i media non riflettono la realtà; la filtrano e la modellano;
La concentrazione mediatica su alcune questioni e argomenti porta il pubblico a percepire tali questioni come più importanti di altre.

Una rappresentazione classica della teoria dell’agenda setting.

Mentre il concetto di agenda setting è stato identificato decenni fa, oggi risulta molto piu` ovvio. Poiché tutti i principali media sono ora di proprietà di una manciata di mega-corporazioni, un messaggio specifico può saturare facilmente e rapidamente l’intero mondo.
Nel 2019, l’agenda setting era palesemente ovvia. In effetti, c’è una chiara costellazione di ordini del giorno simultaneamente promossi, tutti emergenti dai think tank d’élite e calcolati sapientemente per generare una risposta specifica. Ecco qui alcuni di loro.

LA STREGONERIA COME STRUMENTO DEL FEMMINISMO

Nel mio articolo sulla serie Netflix Le terrificanti avventure di Sabrina, ho evidenziato il messaggio principale della serie: La stregoneria è un potente strumento per combattere gli uomini e l’intero patriarcato.

Un’immagine simbolica: una strega sacrifica un ragazzo vergine.

La prima stagione si è conclusa con Sabrina che ha venduto la sua anima a Satana stesso per diventare una super-strega. Tutto questo è presentato come una mossa di potere femminista. A Sabrina fu detto:

“So che hai paura, Sabrina. Perché alle donne viene insegnato a temere il potere. Prendi possesso del tuo potere. Non accettarlo dal Signore Oscuro. Prendilo. Impugnalo. Salva i tuoi amici “.

L’articolo sulle Terrificanti avventure di Sabrina è stato scritto quasi esattamente un anno fa. Da allora, l’agenda della stregoneria ha preso letteralmente il volo. Ma non su una scopa.
Nel film K-12 della cantante pop Melanie Martinez, viene promosso lo stesso concetto: la stregoneria è il modo migliore per combattere contro i ragazzi e il patriarcato.

Mentre l’industria dell’intrattenimento si sforza di rendere la stregoneria attraente per le ragazze, le “news” cercano di renderla ragionevole per le persone anziane. Ecco alcuni dei titoli che sono spuntati quest’anno sui giornali:

Un articolo del The Guardian che collega Trump, femminismo e stregoneria. L’immagine raffigurante AOC e Sabrina la strega è altamente simbolica.

La conclusione dell’articolo è sostanzialmente un invito all’azione per le aspiranti streghe.

“C’è un incendio all’orizzonte. Puoi vederlo bruciare, ai confini del mondo. La violenza che abbiano dovuto sopportare può essere la nostra guida al cambiamento. Il fuoco che ha bruciato le streghe può essere il fuoco che illumina la nostra strada. Il nostro potere ci sta aspettando, in spazi proibiti, oltre il mondo degli uomini. Fai un passo avanti e rivendicalo.”

Un altro titolo del The Guardian.

L’articolo spiega come lanciare incantesimi sia meglio della preghiera.

“Riguarda più l’individuo che, per esempio, una preghiera. Con quest’ultima preghi un’autorità superiore per far accadere qualcosa, mentre un incantesimo è totalmente personale e dipende dall’individuo”.

Il seguente titolo lo dice ancora piu` chiaramente:

Anche il legame tra femminismo e stregoneria è fortemente promosso da importanti organizzazioni, sostenute da persone potenti.

L’organizzazione femminista Women’s March ha pubblicato questa immagine il 5 novembre con la dicitura “Incantesimi da lancio”. Sul famoso sito Reddit, un subreddit chiamato WitchesVsPatriarchy ha guadagnato abbastanza seguito. Ecco uno dei post migliori in assoluto.

Questo era uno dei commenti piu` votati:

Mentre i mass media sono al lavoro per associare la stregoneria al femminismo e all’empowerment, ignorano l’elefante nella stanza: la magia nera. In effetti, qualsiasi vero occultista ti dirà che la stregoneria riguarda la magia nera. E qualsiasi vero occultista ti dirà che dilettarsi nella magia nera senza comprendere appieno ciò di cui si tratta veramente è la cosa più stupida e pericolosa che si possa fare.

In Dogmes et Rituels de la Haute Magie (un libro che è un must per chiunque aspiri a praticare la stregoneria), Eliphas Levi scrive:

La Magia Nera è in realtà solo una combinazione graduata di sacrilegi e omicidi progettata per la perversione permanente di una volontà umana e per la realizzazione in un uomo vivente dell’orrendo fantasma del demone. È quindi, propriamente parlando, la religione del diavolo, il culto delle tenebre, l’odio del bene portato al parossismo: è l’incarnazione della morte e la persistente creazione dell’inferno.
– Eliphas Levi, Dogmes et Rituels de la Haute Magie.

In breve, sotto l’illusione dell'”empowerment” femminile, i mass media stanno vendendo l’esatto contrario: sottomettere la propria anima alle forze oscure.

GRETA E L’AGENDA

Un paio di mesi fa, ho pubblicato l’articolo La macchina elitaria dietro Greta Thunberg che spiegava i potenti agenti dietro la sua ascesa alla fama mondiale. Attraverso i suoi genitori famosi e molto connessi, questa ragazza autistica di 16 anni ha ottenuto l’appoggio di potenti organizzazioni che sono supportate da persone estremamente facoltose. Alcune settimane dopo la pubblicazione di questo articolo, l’ordine del giorno è stato confermato:

Greta è stata nominata “Person of the Year” dal Time, che nel mondo dei media e` un achivement importantissimo.

Dopo un anno di proteste e di tournée nel mondo, ci si può chiedere: cosa è stato veramente realizzato da Greta e dalla macchina dietro di lei? Non sono state intraprese azioni concrete per reprimere i più grandi inquinatori del mondo che sono i trasporti, l’industria e l’energia elettrica, tutti di proprietà di grandi aziende.

L’agenda di Greta non riguarda l’azione, riguarda le emozioni. Si tratta di instillare paura, panico e persino disperazione nei giovani. Ecco un titolo recente che riassume il vero effetto dell’agenda di Greta sul mondo.

Un titolo del quotidiano canadese National Post.

Questo articolo spiega come ad un gruppo di alunni di seconda elementare è stato mostrato uno dei discorsi di Greta, accanto a un orologio che ticchettava fino al momento della loro imminente morte. Questo non è altro che un tormento psicologico inteso a ferire menti troppo giovani per affrontare questo tipo di angoscia.

Una madre di Toronto afferma che una confusa e catastrofica presentazione scolastica che coinvolge la giovane attivista Greta Thunberg e un orologio ha lasciato la sua giovane figlia sconvolta, temendo che presto la vita sulla Terra sarebbe scomparsa. Le scuole dovrebbero essere più attente a ciò che insegnano ai bambini di sette anni.

Almeno uno dei bambini ha urlato “Non voglio morire” durante una presentazione sui cambiamenti climatici il 4 ottobre. Un gruppo di bambini di sette e otto anni si era radunato nella biblioteca di Elmbank Junior Middle Academy di Etobicoke per guardare un video di un discorso pronunciato da Greta al vertice dell’azione per il clima delle Nazioni Unite il 23 settembre.

Dopo il discorso di cinque minuti di Greta, sullo schermo del proiettore è stato visualizzato un grande orologio al carbonio, nella quale era possibile vedere un conto alla rovescia di otto anni: il tempo stimato necessario per emettere carbonio sufficiente per riscaldare il mondo di 1,5 gradi Celsius, secondo il Mercator Research Institute on Global Commons and Climate Change.

Questa campagna di paura e panico orchestrata dai mass media è così efficace che sta effettivamente causando problemi di salute mentale in adolescenti, bambini e adulti.

L’agenda alla base di Greta non è l’ambiente: sta creando una generazione di persone ansiose e depresse che possono essere facilmente manipolate attraverso la paura. Chi ne trae profitto? Coloro che controllano i mass media. L’elite.

OK BOOMER: L’AGENDA

Inizialmente “OK Boomer” era un meme che prendeva in giro i baby boomer (la generazione nata tra il 1946 e il 1964) che sono in contatto con i giovani. Quindi, come spesso accade con i meme con “potenziale d’agenda”, OK Boomer è stato “armato”. È diventato politico ed è stato usato per respingere opinioni che non rientravano nell’agenda.

Alle nuove generazioni viene insegnato che il pianeta morirà in pochi anni, che ci sono più di due sessi e un mucchio di nozioni molto discutibili. Nonostante ondate di propaganda, la maggior parte degli anziani non si sta conformando. In effetti, l’agenda del “risveglio” ha un tasso di successo molto basso nelle persone che hanno vissuto un po ‘.

La risposta? OK boomer. Il programma? Creare un ampio divario tra i giovani e genitori/nonni. Invece di fare affidamento sui loro parenti piu` anziani per essere guidati e avere una prospettiva piu` ampia, ottenibile solo grazie all’esperienza, ai giovani viene insegnato a odiarli e a respingerli.

OK Boomer è una scorciatoia. È sprezzante. Invece di discutere razionalmente di un problema, si può dire OK boomer che in realtà significa “zitto vecchio”.

Ancora più insidioso: OK Boomer implica che tutti i giovani dovrebbero pensarla allo stesso modo. Personalmente ho visto questo commento apparire su Neovitruvian diverse volte negli ultimi mesi … anche se tecnicamente sono un millennial.

Il meme ha acquisito notorietà quando è stato utilizzato da un politico della Nuova Zelanda (membro del parlamento per il Partito verde di Aotearoa Chlöe Swarbrick) per replicare a un politico.

I media ci sono andati a nozze.

Una parlamentare di 25 anni della Nuova Zelanda che tiene un discorso a sostegno di una legge sulla crisi climatica è stata criticata da un parlamentare più anziano. La sua arguta risposta ha sconcertato il suo pubblico, per la gioia dei millennial di tutto il mondo.

Chlöe Swarbrick stava parlando del progetto Zero Carbon Bill, che avrebbe fissato un obiettivo di emissioni zero di carbonio per il paese entro il 2050. Quando venne contestata si e` lasciata scappare un – “OK Boomer” – continuando poi a parlare in mezzo alla perplessità e al silenzio della stanza.

Il termine, e` un meme virale tra i millennial e la Generazione Z, è esploso quest’anno sull’app TikTok, dove innumerevoli video beffardi mostrano come i giovani percepiscano i Baby Boomer come fuori dal mondo e senza senso. Un articolo sul New York Times definisce il fenomeno “OK Boomer” “un grido di battaglia per milioni di bambini stufi. Magliette e felpe con la scritta sono apparse sui siti di marketing online.

Come tutti i meme, OK Boomer ha fatto il suo corso ed è diventato in qualche modo imbarazzante. Tuttavia, il suo spirito sopravvive. Dopo aver creato l’odio tra i sessi, tra le religioni e tra le affiliazioni politiche, i mass media hanno promosso la divisione tra generazioni.

A coloro che utilizzano OK Boomer, dico di meditare su questo: è davvero ragionevole odiare qualcuno perché e` piu` grande di te? Non lo sai che anche tu un giorno sarai vecchio? Non vedi che, ironia della sorte, sei manipolato da persone potenti che rientrano nella fascia di eta` dei boomers?

CONCLUDENDO

Questo articolo ha esplorato alcune delle principali agende che hanno permeato i mass media nel 2019. Sebbene affrontino questioni diverse, hanno molti punti in comune. Innanzitutto, sono stati tutti amplificati artificialmente dai mass media per creare viralita`. In secondo luogo, sono tutti perfettamente in linea con l’agenda dell’élite basata sulla paura, l’odio e la divisione. Che si tratti di equiparare il satanismo all’emancipazione, di creare panico per una morte imminente o di odiare e respingere i consigli degli anziani, questi programmi fanno tutti parte di un sistema che sta allevando la nuvoa generazione secondo specifici valori.

E questi valori non sono buoni. Sebbene tutte queste agende abbiano una superficie brillante e virtuosa, la parte sottostante e nascosta e` mostruosa e tossica.

A rischio di essere definito un “boomer” … ecco il mio consiglio: pensa da solo e, soprattutto, l’odio non è mai la risposta.

Fonte

Informazioni su neovitruvian

Non fidatevi dei vostri occhi, sono facilmente ingannabili, ricercate in voi stessi quella forza che vi permette di distinguere il vero dal falso. Il mondo così come è non va. Mi basta questo.

Pubblicato il 22 dicembre 2019, in Uncategorized con tag , , , , , , , , , , . Aggiungi il permalink ai segnalibri. 2 commenti.

  1. Francesca Rita Rombolà

    No, l’odio non è mai la risposta… povero nostro mondo.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: