L’agenzia ONU per i diritti delle donne twitta “la maternita` e` uno svantaggio” – il giorno di Natale

Mentre 1,3 miliardi di cattolici di tutto il mondo riflettono sul miracolo di una ragazza umile che ha dato alla luce il Salvatore poco più di 2000 anni fa, l’agenzia delle Nazioni Unite che protegge i diritti delle donne, ironicamente responsabile dell’uguaglianza di genere e dell’emancipazione femminile, ha twittato un messaggio che elenca gli svantaggi della maternità come una sorta di programma politico.

In un messaggio che ha la stessa caratura di quelli che si potrebbero leggere in una pagina facebook femminista, la nota elenca gli svantaggi della maternità. Partendo dall’inizio “Aumento dei lavori domestici e assistenziali non retribuiti”, che in parole povere significa fare i genitori.

Proseguendo troviamo “lavoro irregolare” e “meno assunzioni” . Ancora una volta, questi sono i compromessi che milioni di persone in tutto il mondo fanno per crescere i loro figli.

L’essenza di questo argomento sono le priorità, che spetta all’individuo decidere, non allo stato sociale o ai datori di lavoro che cercano una forza lavoro stabile e affidabile.

E poi abbiamo ulteriori imposizioni, “limitate agevolazioni per la maternità” (ogni paese ha condizioni diverse) e le succose questioni della “segregazione occupazionale basata sul genere” e dei “divari retributivi di genere”.

Aspetta un momento, cosa hanno a che fare queste due cose con la maternità? Molto probabilmente si potrebbe sostenere che tutte le donne, indipendentemente dal fatto che abbiano o meno figli, devono confrontarsi con questo problema. Per quanto riguarda il punto finale “tassi di povertà più elevati durante la vecchiaia”, sì, questo è un problema, ma ancora una volta molto variabile tra le varie nazioni del mondo.

Una madre africana single con quattro figli avrà difficoltà a costruire un futuro, non solo per la sua famiglia, ma per se stessa, una volta che quei bambini diventeranno adulti con le loro famiglie a carico. Ma queste donne non sono interessate alla “segregazione occupazionale basata sul genere”. Per loro, quel linguaggio e il concetto che esprime sarebbero totalmente senza senso.

In che modo le Nazioni Unite associano questo tipo di atteggiamento politico a cio` per cui dovrebbero lottare, come ad esempio la riduzione dei tassi di mortalità infantile nei paesi in via di sviluppo o garantire che le donne non muoiano per il parto?

La maternità non è un problema che necessita di un messaggio post-ironico condiviso da UN Women con i suoi follower del primo mondo sui social media. Sicuramente ha i suoi svantaggi, ma come qualsiasi madre o padre ti dirà, sono di gran lunga superiori i vantaggi.

Quindi, scegliere il giorno di Natale, tra i 365 disponibili, insultando la credenza cattolica della santità della Vergine Maria e di tutto ciò che lei, come madre, ha sacrificato non è solo ridondante, ma è ignorante, sciocco e offensivo.

Fonte

Informazioni su neovitruvian

Non fidatevi dei vostri occhi, sono facilmente ingannabili, ricercate in voi stessi quella forza che vi permette di distinguere il vero dal falso. Il mondo così come è non va. Mi basta questo.

Pubblicato il 26 dicembre 2019, in Uncategorized con tag , , , , , , , , . Aggiungi il permalink ai segnalibri. 2 commenti.

  1. L’ha ripubblicato su Pastor Aeternus proteggi l'Italiae ha commentato:
    Ricordiamoci sempre che l’ONU col suo osceno indotto di ONG, società di comodo e traffico di armi- persone – organi- è un parto della capitalmassoneria NWO

  2. … faccio notare, en passant, che l’altisonante UN WOMEN in inglese suona un po’, tradotto in italiano, come “NON DONNE”. A me pare che messaggi del genere non facciano altro che testimoniare l’odio verso le donne (oltre a propalare le solite menzogne come quella del gender gap ormai, almeno in Occidente e direi anche in Italia, sbugiardate da ogni lato) anziché sostenere i loro diritti. Che poi non si capisce perché debbano essere diritti di una sola“categoria”: così assomigliano più privilegi che altro. Una bella accozzaglia di arroganze anticristiche…

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: