Come la Cina sta lucrando sul Coronavirus (rivendendo le attrezzature mediche DONATE dall’Italia a prezzi esorbitanti)

Il PCC ha bloccato i produttori statunitensi che esportano apparecchiature mediche in modo da poter “dominare il mercato” e rivendere le attrezzature donate dall’Italia al paese stesso.

Diversi rapporti negli ultimi due giorni hanno messo in luce il modo in cui la Cina sta approfittando enormemente del coronavirus.

Il New York Post ha riferito domenica che la Cina ha bloccato i produttori statunitensi  impedendo loro di esportare i dispositivi di protezione individuale (DPI), che erano disperatamente necessari per proteggere gli operatori sanitari nelle aree più colpite.

“I principali produttori statunitensi di dispositivi di sicurezza medica hanno dichiarato alla Casa Bianca che la Cina ha proibito loro di esportare i loro prodotti”. Afferma il rapporto.

“I dirigenti di 3M e Honeywell hanno riferito ai funzionari statunitensi che a gennaio il governo cinese ha iniziato a bloccare le esportazioni di respiratori, guanti e altre forniture N95 prodotte dalle loro fabbriche in Cina”, ha riferito inoltre The Post.

Un funzionario dell’amministrazione senior ha detto ai giornalisti che “la Cina ha pagato ai produttori le loro tariffe all’ingrosso standard, ma ha vietato che gli articoli vitali fossero venduti”.

Il rapporto spiega che “la Cina stava cercando di “dominare il mercato mondiale “importando anche $ 1,2 miliardi di” materiali per la prevenzione e il controllo dell’epidemia “da fine gennaio a fine febbraio”.

“I dati dell’agenzia doganale cinese indicano un tentativo di dominare il mercato mondiale dei DPI come guanti, occhiali e maschere attraverso un massiccio aumento degli acquisti – anche se la Cina, il più grande produttore mondiale di DPI, stava limitando le esportazioni”. ha aggiunto il funzionario amministrativo.

Il rapporto rileva che l’amministrazione Trump sta prendendo in considerazione un’azione legale contro la Cina, con il consulente legale senior Jenna Ellis che osserva che “Le persone stanno morendo. Quando si intraprende un’azione premeditata intenzionale a sangue freddo, come ha fatto la Cina, sarebbe da considerare coem un omicidio di primo grado. ”

Anche Michael Wessell della Commissione federale per la revisione economica e della sicurezza USA-Cina, ha criticato la Cina, osservando che i professionisti medici americani sono “sprovvisti dei DPI necessari per combattere questa crisi” a causa delle azioni del paese comunista.

“Comprendiamo che la Cina si è impegnata in politiche che hanno tentato di espandere il mercato cinese, a spese dei produttori di tutto il mondo”, ha detto Wessell, aggiungendo che “In un momento in cui la domanda era in aumento per far fronte alla crisi , La Cina stava facendo incetta di tutti i prodotti necessari e vitali. ”

“[La Cina] ha fatto tutto questo cercando di farlo passare come un gesto umanitario tentando di ingraziarsi la volontà degli americani quando alcuni dei problemi che stiamo affrontando sono il risultato diretto delle politiche cinesi”, ha aggiunto Wessell.

L’AFP riferisce che “la Cina ha venduto quasi quattro miliardi di maschere a paesi stranieri da marzo”, oltre a 37,5 milioni di indumenti protettivi, 16.000 ventilatori e 2,84 milioni di kit di test COVID-19, il tutto per un valore di circa 10,2 miliardi di yuan ($ 1,4 miliardi di euro).

Gran parte degli oltre 50 paesi in cui la Cina ha venduto apparecchiature riferiscono che le apparecchiature sono difettose, con prove che suggeriscono persino che alcune di esse fossero contaminate dal coronavirus.

Funzionari cinesi hanno affermato che le segnalazioni di apparecchiature difettose “non riflettevano tutti i fatti”.

“In realtà ci sono vari fattori, come la Cina che ha standard diversi e abitudini di utilizzo diverse rispetto ad altri paesi. Anche un uso improprio può portare a dubbi sulla qualità “, ha dichiarato Jiang Fan, funzionario del Ministero del Commercio.

Il caso piu` eclatante in cui la Cina ha lucrato dal Coronavirus è stata documentata in un rapporto di The Spectator, secondo cui l’Italia ha donato tonnellate di dispositivi di protezione individuale alla Cina per aiutare lo stato comunista a proteggere la propria popolazione quando il virus ha colpito all’inizio dell’anno. Tuttavia, quando l’Italia divenne rapidamente il paese più colpito del pianeta, la Cina non restituì il favore, VENDENDO la stessa attrezzatura in Italia a un prezzo gonfiato.

Il rapporto osserva:

Dopo che COVID-19 è arrivato in Italia, decimando significativamente la popolazione anziana del paese, la Cina ha detto al mondo che avrebbe donato dispositivi di protezione individuale (DPI) per aiutare l’Italia a fermare la sua diffusione. In seguito i rapporti indicavano che la Cina aveva effettivamente venduto, non donato, i DPI all’Italia. Un alto funzionario dell’amministrazione Trump ha detto a The Spectator che è molto peggio di così: la Cina ha costretto l’Italia a riacquistare la fornitura di DPI che ha dato alla Cina durante lo scoppio iniziale del coronavirus.

“Prima che il virus colpisse l’Europa, l’Italia ha inviato tonnellate di DPI in Cina per aiutare la Cina a proteggere la propria popolazione”, ha spiegato il funzionario amministrativo. “La Cina ha quindi rispedito parte dei DPI in Italia, facendoli addirittura pagare”

Il comportamento della Cina è stato riprovevole, con i governi di entrambi gli Stati Uniti e della Gran Bretagna che avvertono che ci sarà una resa dei conti.

Tuttavia, le Nazioni Unite hanno premiato lo stato comunista con un seggio nel consiglio per i diritti umani e l’Organizzazione mondiale della sanità ha difeso le azioni della Cina e ha sostenuto la propaganda sul virus diffuso per settimane.

Fonte

Informazioni su neovitruvian

Non fidatevi dei vostri occhi, sono facilmente ingannabili, ricercate in voi stessi quella forza che vi permette di distinguere il vero dal falso. Il mondo così come è non va. Mi basta questo.

Pubblicato il 6 aprile 2020, in Uncategorized con tag , , , , , , , , , , , , . Aggiungi il permalink ai segnalibri. Lascia un commento.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: