Il rapporto del governo americano conclude che il laboratorio di Wuhan sia la “fonte piu` probabile” dell’epidemia di Covid-19

Un’analisi del governo degli Stati Uniti trapelata al Washington Times ha concluso che il Wuhan Institute of Virology o il CDC cinese sono la fonte “più probabile” della pandemia di COVID-19 che ha ucciso oltre 200.000 persone in tutto il mondo in circa quattro mesi.

Il documento, afferma che non esiste la prova definitiva per incolpare né l’Istituto di virologia di Wuhan né la succursale di Wuhan del Centro cinese per il controllo e la prevenzione delle malattie, entrambi situati nella città in cui sono stati segnalati i primi focolai del virus. –Washington Times

Mentre e` vero che non abbiamo la prova definitiva che il COVID-19 è fuggito dal laboratorio di Wuhan, “ci sono prove circostanziali che suggeriscono che questo potrebbe essere il caso”, secondo il rapporto.

Inoltre, per arrivare alla soluzione basta collegare i punti;

Messo da parte e dimenticato fino a gennaio di quest’anno, il campione contiene il virus che causa il Covid-19. -WSJ

  • Peng Zhou, responsabile del Bat Virus Infection and Immunization del WIV, stava studiando “il meccanismo molecolare che consente ai coronavirus associati all’Ebola e alla SARS di rimanere a lungo inattivi senza causare malattie”, mentre un comunicato stampa del suo laboratorio era intitolato “Come i pipistrelli trasportano virus senza ammalarsi “.
  • Il collega di Zhou, Shi Zhengli, lavorava con il coronavirus nei pipistrelli – e` co-autore di un controverso documento del 2015 che descriveva la creazione di un nuovo virus combinando un coronavirus trovato nei pipistrelli con un altro che provoca una grave sindrome respiratoria acuta simile all’uomo ( SARS) nei topi.
  • Nel 2015 la rivista Nature ha espresso preoccupazione per gli esperimenti di Zhengli con il coronavirus dei pipistrelli. Lo stesso anno, il governo degli Stati Uniti ha sospeso i finanziamenti al laboratorio a causa della loro preoccupazione per i rischi di fare esperimenti con il coronavirus proveniente dai pipistrelli.
  • Nel frattempo, secondo Josh Rogin del Washington Post, il Dipartimento di Stato americano ha messo in guardia rispetto agli standard di sicurezza del laboratorio di Wuhan in una serie di cables a partire dal 2015.

Inoltre, mentre il Wuhan Institute of Virology si trova a circa 20 miglia dal wet market dove si è verificato lo scoppio dell’epidemia, il CDC cinese si trova solo a circa 900 piedi di distanza!

“Tutti gli altri possibili luoghi di origine del virus si sono dimostrati altamente improbabili”, conclude il documento governativo, una copia della quale è stata ottenuta dal Times.

Le autorità cinesi hanno affermato che l’origine del virus non è nota, ma inizialmente hanno affermato che proveniva da animali da un “wet market” a Wuhan, dove carne esotica veniva macellata e venduta. Hanno detto che il virus potrebbe essere passato dai pipistrelli agli animali venduti al mercato lo scorso anno per poi infettare gli umani.

I funzionari statunitensi sono diventati sempre più scettici su quella versione degli eventi. Il presidente Trump ha confermato questo mese che “molte persone” stanno studiando l’origine. Il generale dell’esercito Mark A. Milley, presidente del Joint Chiefs of Staff, ha dichiarato che le agenzie di intelligence statunitensi stanno cercando di capire se il virus è fuggito da un laboratorio o è stato il risultato di un focolaio naturale. –Washington Times

“Il luogo più logico per indagare sull’origine del virus è stato completamente isolato dalle indagini esterne dal PCC”, si legge nel documento, riferendosi al Partito Comunista Cinese – che da gennaio ha adottato misure “draconiane” per controllare le informazioni relative al virus.

“Il silenzio e` stato imposto in entrambi i luoghi il 1 ° gennaio 2020, e un importante generale del PLA, che è il principale microbiologo militare della Cina, ha sostanzialmente assunto il controllo del [Wuhan Institute of Virology] da metà gennaio”.

Un medico di nome Wu Xiaohua ha lanciato una campagna online per esporre il lavoro di Shi Zhengli, che secondo Wu utilizzava animali da laboratorio per testare virus che potevano infettare l’uomo. Uno di quegli animali, suggerisce Wu, potrebbe essere stata l’origine della pandemia.

Wu ha anche suggerito che gli animali del WIV non sono stati smaltiti correttamente e in alcuni casi sono stati venduti come animali domestici. Secondo il rapporto, gli operai del laboratorio avrebbero bollito e mangiato le uova utilizzate in laboratorio.

“Le accuse di Wu per negligenza da parte del WIV sono specifiche e non sono state confutate in modo convincente dal WIV”, afferma Wu.

Shi, nel frattempo, ha detto “Giuro sulla mia vita che il virus non ha nulla a che fare con il laboratorio”, in risposta alle accuse.

PAZIENTE ZERO?

Un’altra prova contenuta nella nota del governo è la scomparsa dell’ufficiale di laboratorio WIV Huang Yanling, che alcuni sospettano sia il “paziente zero”.

“Huang ha lavorato presso il WIV ma è l’unica dipendente del WIV la cui biografia, profilo e foto sono state cancellate dal sito Web del WIV, alimentando le speculazioni”, si legge nel rapporto.

L’istituto, nel frattempo, afferma che Huang è sana e ha lasciato l’istituto per lavorare in un’altra provincia.

Detto questo, “la stessa Huang non è mai apparsa in pubblico e da allora è scomparsa”, secondo il rapporto – che rileva che Internet in Cina era in fermento con le speculazioni sulla sua posizione .

Tra le polemiche, la Cina ha imposto restrizioni a tutte le pubblicazioni sulle origini di COVID-19, mentre molti hanno affermato che il virus non sarebbe potuto venire dal laboratorio.

Yuan Zhiming, direttore dell’Istituto di virologia di Wuhan, ha dichiarato pubblicamente che “non è possibile che questo virus provenga dal nostro laboratorio”.

Edward Holmes, un virologo evoluzionista dell’Università di Sydney in Australia, ha affermato che non esistono prove del fatto che il virus che causa COVID-19 nell’uomo “sia nato in un laboratorio di Wuhan, in Cina”.

Ha detto che il virus del pipistrello conservato presso l’Istituto di Virologia di Wuhan è stato campionato da una provincia diversa e che la divergenza nella sequenza del genoma tra quel virus, RaTG13 e SARS-CoV-2 “è equivalente a una media di 50 anni (e almeno 20 anni) di cambiamento evolutivo “.

“Quindi, SARS-CoV-2 non è derivato da RaTG13”, ha scritto in un articolo per Science Media Center. –Washington Times

Il Times rileva inoltre che diversi documenti accademici hanno concluso che non esistono prove del fatto che il virus sia stato prodotto in un laboratorio, tuttavia rimane aperta la questione sul fatto che fosse un virus naturale sfuggito dal laboratorio.

La Cina, nel frattempo, sta incolpando gli Stati Uniti – e ha suggerito che l’esercito americano o la CIA hanno sviluppato il virus e lo hanno rilasciato di nascosto in Cina. Il ricercatore cinese Shi Yi dell’Istituto di microbiologia, Accademia cinese delle scienze, ha affermato che è troppo presto per esprimere un giudizio sulle accuse.

Le osservazioni derivano dai rapporti circolanti che affermano che il laboratorio di Fort Detrick, che gestisce materiali di alto livello che causano malattie come l’Ebola, a Fredrick, nel Maryland, potrebbe essere l’origine del coronavirus, che ha infettato oltre 2,6 milioni di americani con quasi 20.000 morti alle 16:30 di giovedì.

Al laboratorio fu ordinato di chiudere a luglio 2019, secondo quanto riferito, per molteplici cause, tra cui la mancata osservanza delle procedure e la mancanza di una formazione periodica di ricertificazione per i lavoratori nei laboratori di biocontenimento.

Alcuni altri post su piattaforme di social media hanno anche affermato che un americano che era a Wuhan nell’ottobre 2019 per la competizione ciclistica dei Military World Games, potrebbe essere il paziente zero a Wuhan. -Global Times (di proprietà statale)

Nel frattempo, la Cina ha minacciato l’Australia di gravi conseguenze economiche se continuano a indagare sulle origini della pandemia.

Lunedì, l’ambasciatore cinese Cheng Jingye ha dichiarato a Sky News che, sebbene la risposta della Cina potrebbe non essere stata “perfetta”, l’inchiesta dell’Australia è “pericolosa” e potrebbe portare i consumatori cinesi a evitare le esportazioni e i viaggi.

Quindi cosa viene fatto dall’Australia? “, Ha chiesto Cheng.” La proposta è una specie di collaborazione con  Washington e il lancio di una sorta di campagna politica contro la Cina “.

“Il pubblico cinese è frustrato, sgomento e deluso da ciò che l’Australia sta facendo ora”, ha detto Cheng.

La preoccupazione del ministro forse e` dovuta al fatto che, secondo il Daily Telegraph, “le agenzie di intelligence Five Eyes di Australia, Canada, Nuova Zelanda, Regno Unito e Stati Uniti, sono concentrate a guardare da vicino il lavoro di uno scienziato senior al Wuhan Institute of Virology, Peng Zhou, il quale “ha trascorso tre anni lavorando presso l’Australian Animal Health Laboratory tra il 2011 e il 2014, dove è stato inviato dalla Cina per completare il suo dottorato.

Durante questo periodo, Zhou fece in modo che i pipistrelli catturati in natura venissero trasportati vivi per via aerea dal Queensland all’Australian Animal Health Laboratory a Victoria, dove furono sottoposti a eutanasia per dissezione e studiati per i virus mortali.

Il suo lavoro è stato finanziato congiuntamente dal CSIRO e dall’Accademia cinese delle scienze.

Ha esaminato l’immunologia dei pipistrelli, il ruolo degli interferoni e il modo in cui “i pipistrelli sono ricchi giacimenti di virus emergenti, compresi molti che sono altamente patogeni per l’uomo e altri mammiferi” e “molti dei quali causano morbilità e mortalità significative nell’uomo e in altri mammiferi”. -Daily Telegraph

L’intelligence occidentale sta anche esaminando Shi Zhengli, che ha trascorso del tempo in Australia come scienziato in visita dal 22 febbraio al 21 maggio 2016 – dove “ha usato campioni fecali di pipistrelli per identificare che erano l’ospite naturale di coronavirus simili alla SARS , “secondo il rapporto del Telegraph.

Avete bisogno di altri punti da collegare?

Fonte

Informazioni su neovitruvian

Non fidatevi dei vostri occhi, sono facilmente ingannabili, ricercate in voi stessi quella forza che vi permette di distinguere il vero dal falso. Il mondo così come è non va. Mi basta questo.

Pubblicato il 29 aprile 2020, in Uncategorized con tag , , , , , , , , , , , , , , , , . Aggiungi il permalink ai segnalibri. 2 commenti.

  1. Quindi confermano che è tutta una immonda satanica pagliacciata e che non c’è nessuna pandemia.

    Giusto per ancora ci crede:
    https://www.epicentro.iss.it/ben/2019/luglio-agosto/sorveglianza-integrata-influenza-2018-19

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: