Il rapporto di Five Eyes rivela l’insabbiamento sul coronavirus da parte del Partito Comunista Cinese

Il Partito Comunista Cinese (PCC) ha intenzionalmente distrutto prove e nascosto notizie sull’epidemia di coronavirus a Wuhan mettendo a rischio gli altri paesi, rivela un leak del rapporto di intelligence di 5 eyes.

Il rapporto, un prodotto dell’intelligence Five Eyes del Regno Unito, degli Stati Uniti, del Canada, dell’Australia e della Nuova Zelanda, ha scoperto che il regime cinese ha fatto “sparire” i dottori dissidenti, ha censurato le notizie sull’epidemia, ha distrutto campioni del virus nei laboratori e ha rifiutato di consegnare campioni a scienziati internazionali, ritardando la capacità di produrre una cura per il virus.

Il dossier di intelligence, trapelato al Saturday Telegraph in Australia, ha scoperto che già dal 31 dicembre i funzionari comunisti hanno iniziato a censurare termini come “Wuhan Unknown Polmonite”, “Wuhan Seafood Market” e “Variazione SARS”.

Il 1 ° gennaio il wet market di Wuhan è stato chiuso e disinfettato con candeggina, eliminando così la possibilità di comprendere l’origine del focolaio.

Più tardi quella settimana la commissione sanitaria nella provincia locale di Hubei ordinò ai laboratori di interrompere i test per il virus, oltre a chiedere la distruzione di qualsiasi campione del coronavirus. Il giorno seguente, la National Health Commission in Cina ordinò che tutti i campioni del nuovo coronavirus venissero trasferiti in strutture sicure o fossero distrutti introducendo un “ordine di non pubblicazione” sul virus.

Il rapporto ha puntato il dito contro il regime comunista per aver “negato la trasmissione da uomo a uomo” e ha anche preso di mira l’Organizzazione mondiale della sanità (OMS) per essersi adattato alla linea di pensiero del PCC sul virus.

“Nonostante le prove della trasmissione uomo-uomo dall’inizio di dicembre, le autorità della Repubblica popolare cinese hanno negato fino al 20 gennaio”, afferma il rapporto.

“L’Organizzazione mondiale della sanità ha fatto lo stesso. Tuttavia i funzionari di Taiwan hanno sollevato preoccupazioni già dal 31 dicembre, così come gli esperti di Hong Kong il 4 gennaio ”, ha aggiunto il rapporto.

Il rapporto ha anche confermato che il controverso laboratorio dell’Istituto di Virologia di Wuhan aveva effettivamente lavorato sui coronavirus nei pipistrelli, con un ceppo che aveva una corrispondenza genetica del 96% al Covid-19 che ha causato la morte di centinaia di migliaia di persone in tutto il mondo.

Il governo australiano valuta la possibilita` che il coronavirus sia emerso dal laboratorio di Wuhan a circa il 5%, tuttavia, le agenzie di intelligence negli Stati Uniti considerano la possibilità molto piu` probabile e stanno attivamente perseguendo la teoria, condivisa dal presidente Donald Trump secondo cui il virus ha avuto origine nel laboratorio cinese.

Il lavoro condotto nel laboratorio dell’Istituto di Virologia di Wuhan dalla principale scienziata Shi Zhengli è stato ampiamente esposto nel rapporto Five Eyes come motivo di preoccupazione.

A marzo, Shi ha dichiarato che si stava “chiedendo se [l’autorità sanitaria municipale] abbia sbagliato”, aggiungendo: “Non mi sarei mai aspettato che questo genere di cose accadesse a Wuhan, nella Cina centrale”, ritenendo che sarebbe più probabile che un focolaio di coronavirus si verificasse nella Cina meridionale, dove il clima è più caldo.

“Potrebbero [i coronavirus] provenire dal nostro laboratorio?” si e` chiesta.

Il direttore della National Intelligence, Richard Grenell, ha affermato che gli Stati Uniti credono ancora che il virus abbia avuto origine nel mercato umido di Wuhan, ma ha aggiunto che il governo sta studiando altre opzioni, tra cui la teoria di laboratorio.

“L’IC continuerà a esaminare rigorosamente le informazioni e l’intelligence che stanno emergendo per determinare se l’epidemia è iniziata attraverso il contatto con animali infetti o se è stato il risultato di un incidente in un laboratorio a Wuhan”, ha affermato Grenell.

L’Australia ha delle relazioni con il laboratorio che, a quanto si dice, continuano ancora oggi, formando e finanziando scienziati cinesi presso il Wuhan Institute of Virology come parte della partnership tra il Commonwealth Scientific and Organization (CSIRO) dell’Australia e l’Accademia delle scienze cinese.

Giovedì, l’ultimo governatore britannico di Hong Kong, Lord Chris Patten ha scritto al segretario agli esteri Dominic Raab, dicendo che esiste un “grandissimo numero di prove” per costituire “una missione di esperti multilaterali a Wuhan per scoprire esattamente cosa è successo lì”.

“Dato che i comunisti cinesi sono fermamente convinti di non avere nulla da nascondere, presumibilmente accoglieranno con favore una simile inchiesta”, ha scritto Patten.

Fonte

 

 

Informazioni su neovitruvian

Non fidatevi dei vostri occhi, sono facilmente ingannabili, ricercate in voi stessi quella forza che vi permette di distinguere il vero dal falso. Il mondo così come è non va. Mi basta questo.

Pubblicato il 3 maggio 2020, in Uncategorized con tag , , , , , , , , , , , , , , , , , , . Aggiungi il permalink ai segnalibri. 1 Commento.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: