Pompeo aveva ragione: La Cina ammette di aver distrutto i campioni di virus

Anche se forse un po’ fuori contesto, sembra che il segretario di Stato americano Mike Pompeo avesse ragione quando ha accusato Pechino di non aver fornito e di fatto distrutto campioni del virus all’inizio dell’epidemia.

Il South China Morning Post riferisce che Liu Dengfeng, un funzionario del dipartimento scientifico ed educativo della Commissione sanitaria nazionale, ha confermato che la Cina aveva ordinato ai laboratori non autorizzati di distruggere campioni del nuovo coronavirus nella fase iniziale dell’epidemia, ma ha affermato che questi ordini sono stati dati per ragioni di biosicurezza.

“Le osservazioni fatte da alcuni funzionari statunitensi sono state prese fuori contesto ed erano intese per confondere”, ha detto Liu durante un briefing a Pechino.

Liu ha affermato che quando la malattia è stata segnalata per la prima volta a Wuhan, “istituti professionali a livello nazionale” stavano lavorando per identificare l’agente patogeno che la stava causando:

“Sulla base di ricerche approfondite e opinioni di esperti, abbiamo deciso di gestire temporaneamente l’agente patogeno che causa la polmonite come Classe II – altamente patogeno – e abbiamo imposto requisiti di biosicurezza sulla raccolta dei campioni, sul trasporto e sulle attività sperimentali, oltre a distruggere i campioni”, ha affermato.

Tuttavia, SCMP riferisce che, secondo un avviso della commissione sanitaria provinciale emesso a febbraio, a coloro che maneggiano campioni di virus è stato ordinato di non fornirli ad alcuna istituzione o laboratorio senza approvazione. I laboratori non autorizzati che hanno ottenuto campioni nella fase iniziale dell’epidemia hanno dovuto distruggerli o inviarli a un centro municipale per il controllo delle malattie e la prevenzione per lo stoccaggio.

Inoltre, in quello che è uno strano flusso di ammissioni e chiarimenti, un altro alto funzionario, Li Mingzhu, con il dipartimento di cooperazione internazionale della commissione per la salute, ha respinto altre affermazioni statunitensi, sostenendo che l’OMS non ha fatto alcuna richiesta di visitare il laboratorio durante i due viaggi a Wuhan, a gennaio e febbraio.

“L’OMS non ha mai richiesto di visitare un determinato laboratorio, quindi l’affermazione secondo cui all’OMS è stata negata una visita al laboratorio di Wuhan non è vera”, ha detto Li.

Quindi ci si chiede che cosa ci facesse esattamente l’OMS in Cina, se veramente c’e` andato. Ovviamente, ci aspettiamo che Tedros confermi pienamente questi rapporti.

Lo strano tempismo di questi “chiarimenti” e la semplicità delle loro affermazioni crea stupore e meraviglia…perché la Cina non lo ha semplicemente annunciato due o tre mesi fa? Cosa avrebbero avuto da nascondere se, come dicono oggi, tutto era “in linea con le pratiche standard cinesi”?

Fonte

Informazioni su neovitruvian

Non fidatevi dei vostri occhi, sono facilmente ingannabili, ricercate in voi stessi quella forza che vi permette di distinguere il vero dal falso. Il mondo così come è non va. Mi basta questo.

Pubblicato il 18 maggio 2020, in Uncategorized con tag , , , , , , , , , , , . Aggiungi il permalink ai segnalibri. 1 Commento.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: