Archivio mensile:giugno 2020

Forbes censura uno degli ambientalisti piu` famosi perche` si e` scusato di 30 anni di bugie sul clima

Forbes ha deciso di non pubblicare un articolo del pluripremiato attivista climatico Michael Shellenberger, in cui si scusa “del “terrore climatico” che abbiamo creato negli ultimi 30 anni”.

Schellenberger, un progressista, è stato nominato uno degli “Eroei dell’ambiente” da TIME, mentre il suo libro Break Through è stato annunciato da WIRED come potenzialmente “la cosa migliore che sia accaduta all’ambientalismo dalla Silent Spring di Rachel Carson”.

Il suo libro Apocalypse Never è stato ampiamente elogiato come un “approccio aperto basato sui fatti” alla scienza del clima e “coinvolgente e ben studiato”.

Ora che si è scusato per tre decenni di allarmismo climatico, Forbes ha bloccato l’articolo di Shellenberger senza spiegazioni.

Quindi….eccolo qui:

Per conto degli ambientalisti, mi scuso per il terrorismo climatico

A nome degli ambientalisti di tutto il mondo, vorrei scusarmi formalmente per il terrorismo climatico che abbiamo creato negli ultimi 30 anni. I cambiamenti climatici esistono. Semplicemente non e` fine del mondo. Non è nemmeno il nostro problema ambientale più grave.

Potrei sembrare una persona strana a dire tutto questo. Sono stato un attivista del clima per 20 anni e un ambientalista per 30.

Ma come esperto di energia mi e` stato richiesto dal Congresso di fornire una testimonianza obiettiva da esperto e sono stato invitato dall’Intergovernmental Panel on Climate Change (IPCC) a servire come revisore esperto del suo prossimo rapporto di valutazione, mi sento in obbligo di scusarmi per quanto noi ecologisti abbiamo confuso il pubblico.

Ecco alcuni fatti che pochi conoscono:

Gli umani non stanno causando una “sesta estinzione di massa”

L’Amazzonia non è “il polmone del mondo”

Il cambiamento climatico non sta peggiorando le catastrofi naturali

Gli incendi sono diminuiti del 25% in tutto il mondo dal 2003

La quantità di terra che utilizziamo per la carne – è diminuita di un’area grande quasi quanto l’Alaska

L’accumulo di legna da ardere e delle case vicino alle foreste, non i cambiamenti climatici, spiegano perché ci sono molti piu` incendi in Australia e California

Le emissioni di carbonio sono in calo nella maggior parte delle nazioni ricche e sono diminuite in Gran Bretagna, Germania e Francia dalla metà degli anni ’70

Adattarsi alla vita sotto il livello del mare ha reso i Paesi Bassi ricchi non poveri

Produciamo il 25% in più del cibo di cui abbiamo bisogno e le eccedenze alimentari continueranno ad aumentare man mano che il mondo diventa più caldo

La perdita di habitat e l’uccisione diretta di animali selvatici rappresentano una minaccia maggiore per le specie rispetto ai cambiamenti climatici

Utilizzare il legno come combustibile è molto peggio per le persone e la fauna selvatica rispetto ai combustibili fossili

Prevenire le pandemie future richiede piu` “agricoltura industriale” non meno.

So che i fatti di cui sopra suoneranno come “negazionismo climatico” per molte persone. Ma questo dimostra solo il potere dell’allarmismo climatico.

In realtà, i fatti descritti sopra provengono dai migliori studi scientifici disponibili, compresi quelli condotti o accettati dall’IPCC, dall’Organizzazione delle Nazioni Unite per l’alimentazione e l’agricoltura (FAO), dall’Unione internazionale per la conservazione della natura (IUCN) e altri importanti organismi scientifici.

Alcune persone, leggendo questo, immaginano che io sia un anti-ambientalista di destra. Non lo sono. A 17 anni, ho vissuto in Nicaragua per mostrare solidarietà alla rivoluzione socialista sandinista. A 23 anni ho raccolto fondi per le cooperative di donne guatemalteche. All’inizio dei 20 anni vivevo nella semi-amazzonia facendo ricerche con piccoli agricoltori. A 26 anni ho aiutato a esporre le cattive condizioni nelle fabbriche Nike in Asia.

Sono diventato ambientalista a 16 anni quando ho lanciato una raccolta fondi per Rainforest Action Network. A 27 anni ho aiutato a salvare le ultime sequoie antiche non protette in California. A trent’anni ho sostenuto le energie rinnovabili e aiutato con successo a convincere l’amministrazione Obama a investire 90 miliardi di dollari in esse. Negli ultimi anni ho contribuito a salvare un gran numero di centrali nucleari dall’essere sostituite dai combustibili fossili per evitare un forte aumento delle emissioni

Tuttavia fino allo scorso anno, ho evitato di parlare del terrorismo climatico. In parte è perché ero imbarazzato. Dopo tutto, sono colpevole di allarmismo come qualsiasi altro ambientalista. Per anni ho definito i cambiamenti climatici una minaccia “esistenziale” per la civiltà umana e l’ho definita una “crisi”.

Ma soprattutto avevo paura. Rimasi in silenzio sulla campagna di disinformazione climatica perché avevo paura di perdere amici e finanziamenti. Le poche volte in cui ho evocato il coraggio di difendere la scienza del clima da coloro che l’hanno travisata ho sofferto gravi conseguenze. E così per lo più sono rimasto zitto e non ho fatto quasi nulla mentre i miei colleghi ambientalisti terrorizzavano il pubblico.

Sono stato anche al fianco della gente alla Casa Bianca e molti nei media hanno cercato di distruggere la reputazione e la carriera di uno scienziato eccezionale, un brav’uomo e un mio amico, Roger Pielke, Jr., un democratico progressista e ambientalista che ha testimoniato a favore delle normative sul carbonio. Perché l’hanno fatto? Perché la sua ricerca dimostra che i disastri naturali non stanno peggiorando.

Ma poi, l’anno scorso, le cose sono andate fuori controllo.

Alexandria Ocasio-Cortez ha dichiarato: “Il mondo finirà tra dodici anni se non affrontiamo i cambiamenti climatici”. Il gruppo ambientalista di più alto profilo della Gran Bretagna ha affermato “Il cambiamento climatico uccide i bambini”.

Il giornalista verde più influente del mondo, Bill McKibben, ha definito il cambiamento climatico la “più grande sfida che gli umani abbiano mai affrontato” e ha affermato che “spazzerebbe via le civiltà”.

I giornalisti mainstream hanno riferito, ripetutamente, che l’Amazzonia era “il polmoni del mondo” e che la deforestazione era come una bomba nucleare pronta ad esplode.

Come risultato, la metà delle persone intervistate in tutto il mondo l’anno scorso ha dichiarato di ritenere che il cambiamento climatico avrebbe estinto l’umanità. E a gennaio, uno su cinque bambini britannici ha dichiarato ai sondaggisti di avere incubi sul cambiamento climatico.

Che tu abbia o meno figli, devi vedere quanto sia sbagliato. Ho una figlia adolescente e questo mi ha fatto riflettere. Dopo che abbiamo parlato della scienza, si e` sentita rassicurata. Ma le sue amiche sono profondamente disinformate e quindi, comprensibilmente, spaventate.

Così ho deciso che dovevo parlare. Sapevo che scrivere alcuni articoli non sarebbe bastato. Avevo bisogno di un libro per disporre correttamente tutte le prove.

E così le mie scuse formali per la paura che ci circonda arrivano nella forma del mio nuovo libro, Apocalypse Never: Why Environmental Alarmism Hurts Us All. .

Si basa su due decenni di ricerca e tre decenni di attivismo ambientale. In 400 pagine, con 100 note, Apocalypse Never copre i cambiamenti climatici, la deforestazione, i rifiuti di plastica, l’estinzione delle specie, l’industrializzazione, la carne, l’energia nucleare e le energie rinnovabili.

Alcuni punti salienti del libro:

Le fabbriche e l’agricoltura moderna sono le chiavi della liberazione umana e del progresso ambientale

La cosa più importante per salvare l’ambiente è produrre più cibo, in particolare carne, su meno terra

La cosa più importante per ridurre l’inquinamento atmosferico e le emissioni di carbonio è passare dal legno al carbone, dal petrolio al gas naturale, all’uranio

Utilizzare il 100% di energie rinnovabili richiederebbe un aumento della terra utilizzata per produrre energia che passerebbe dall’odierno 0,5% al ​​50%

Dovremmo desiderare che città, fattorie e centrali elettriche abbiano densità di potenza più elevate, non inferiori

Il vegetarianesimo riduce le emissioni di meno del 4%

Greenpeace non ha salvato le balene, lo ha fatto invece passare dall’olio di balena al petrolio e all’olio di palma

La carne bovina “ruspante” richiederebbe 20 volte più terra e produrrebbe il 300% in più di emissioni

Il dogmatismo di Greenpeace ha peggiorato la frammentazione delle foreste dell’Amazzonia

L’approccio colonialista alla conservazione dei gorilla in Congo ha prodotto un contraccolpo che potrebbe aver provocato l’uccisione di 250 elefanti

Perché eravamo vittime di questo inganno?

Negli ultimi tre capitoli di Apocalypse Never espongo le motivazioni finanziarie, politiche e ideologiche. I gruppi ambientalisti hanno accettato centinaia di milioni di dollari da interessi sui combustibili fossili. Gruppi motivati ​​da credenze anti-umaniste hanno costretto la Banca Mondiale a smettere di cercare di porre fine alla povertà e rendere la povertà “sostenibile”. E lo stato di ansia, depressione e ostilità nei confronti della civiltà moderna sono alla base di gran parte dell’allarmismo

Una volta che ti rendi conto di quanto siamo stati male informati, spesso da persone con motivazioni palesemente sgradevoli o malsane, è difficile non sentirsi ingannati.

Apocalypse Never avra` successo nel fare la differenza? Vi sono certamente ragioni per dubitarne.

I media hanno pronunciato dichiarazioni apocalittiche sui cambiamenti climatici dalla fine degli anni ’80 e non sembrano disposti a smettere.

L’ideologia alla base degli allarmi ambientali – il malthusianismo – è stata ripetutamente sfatata per 200 anni e tuttavia è più potente che mai.

Ma ci sono anche ragioni per ritenere che l’allarmismo ambientale, se non avrà fine, avrà un potere culturale inferiore.

La pandemia di coronavirus è una vera crisi che mette in prospettiva la “crisi” climatica. Anche se pensi che abbiamo reagito in modo esagerato, Covid-19 ha ucciso quasi 500.000 persone e distrutto economie in tutto il mondo.

Le istituzioni scientifiche tra cui l’OMS e l’IPCC hanno minato la loro credibilità attraverso la ripetuta politicizzazione della scienza. La loro esistenza e rilevanza future dipende da una nuova leadership e da una seria riforma.

I fatti contano ancora, e i social media stanno consentendo una più ampia gamma di voci nuove e indipendenti che mettono in dubbio i giornalisti ambientalisti allarmisti.

Le nazioni stanno tornando apertamente all’interesse personale e lontano dal malthusianismo e dal neoliberismo, che è positivo per il nucleare e cattivo per le energie rinnovabili.

Ci sono prove schiaccianti che la nostra civiltà ad alta energia sia migliore per le persone e la natura rispetto alla civiltà a bassa energia in cui gli allarmisti climatici ci riporterebbero.

Gli inviti dell’IPCC e del Congresso sono segni di una crescente apertura a nuove idee sul cambiamento climatico e sull’ambiente. Un altro è stato la risposta al mio libro da scienziati del clima, ambientalisti e studiosi ambientali. “Apocalypse Never è un libro estremamente importante”, scrive Richard Rhodes, l’autore vincitore del Pulitzer di The Making of the Atomic Bomb. “Questo potrebbe essere il libro più importante sull’ambiente mai scritto”, afferma uno dei padri della scienza climatica moderna Tom Wigley.

“Noi ambientalisti condanniamo coloro che hanno idee antitetiche e che ignorano la scienza”, ha scritto l’ex capo di The Nature Conservancy, Steve McCormick. “ Ma troppo spesso siamo colpevoli della stessa cosa. ”

Se sei arrivato a questo punto, spero che sarai d’accordo sul fatto che forse non è così strano come sembra che un ambientalista, progressista e attivista del clima per tutta la vita abbia sentito il bisogno di parlare contro l’allarmismo.

Spero inoltre che accetti le mie scuse.

Fonte

Neovitruvian

La censura dei social media e` sempre piu` pesante, aiutami a sopravvivere con una donazione

€2,00

2022: Un passaporto vaccinale. L’unione europea mantiene il silenzio su dei documenti sospetti

Sorpresa, sorpresa, la Commissione europea (CE) aveva una “tabella di marcia sulla vaccinazione” pronta mesi prima che scoppiasse la pandemia di COVID-19.

La tabella di marcia dovrebbe portare a una “proposta della Commissione relativa a una carta / passaporto vaccinale comune per i cittadini dell’UE entro il 2022”.

L’ultimo aggiornamento risale al terzo trimestre del 2019, il documento di 10 pagine è stato seguito, il 12 settembre, da un “vertice globale sulla vaccinazione” ospitato congiuntamente dalla CE e dall’Organizzazione mondiale della sanità (OMS).

Sotto l’intestazione “Dieci azioni verso la vaccinazione per tutti – tutti dovrebbero poter beneficiare del potere della vaccinazione”, il manifesto del vertice recita:

“Nonostante la disponibilità di vaccini sicuri ed efficaci, la mancanza di accesso, la carenza di vaccini, la disinformazione, la compiacenza nei confronti dei rischi della malattia, la diminuzione della fiducia del pubblico nel valore dei vaccini e i disinvestimenti stanno danneggiando i tassi di vaccinazione in tutto il mondo.”

E con loro, probabilmente, i profitti delle compagnie farmaceutiche.

Nel luglio 2017, ad esempio, l’Italia ha reso obbligatorie 12 vaccinazioni per i bambini. In seguito, i prezzi di questi stessi vaccini sono aumentati del 62%: da un prezzo medio per dose di € 14,02 fino a € 22,74.

Il mercato globale delle vaccinazioni vale attualmente 27 miliardi di dollari all’anno. Secondo le stime dell’OMS, raggiungerà i 100 miliardi di dollari entro il 2025.

Poiché il vertice globale sulle vaccinazioni CE-OMS ha anche discusso di un nuovo programma di immunizzazione per il 2030, gli azionisti delle grandi industrie farmaceutiche non devono preoccuparsi dell’andamento a lungo termine delle loro azioni.

Il manifesto del vertice globale sulla vaccinazione continua elencando 10 “lezioni (…) e azioni necessarie verso la vaccinazione di ogni persona”.

Ogni “lezione” è una gemma di ciò che il filosofo neo-marxista italiano Diego Fusaro chiama “il capitalismo terapeutico”.

La formulazione è perentoria e non lascia spazio a sfumature e dibattiti. Aggettivi come “tutti” “ognuno” “indiscutibilmente” abbondano. Le asserzioni al condizionale sono assenti.

Più che un piano d’azione cauto, scientificamente ispirato e senza lacune, frasi come – “proteggere tutti dappertutto”, “non lasciare nessuno indietro” – ha un sapore “messianico”.

Che dire di quelli che non vogliono essere “protetti”? Nella sola Germania, circa il 10% dell’intera popolazione, o 8 milioni di persone, sono fortemente contrari alla vaccinazione contro il Coronavirus.

Ma vediamo cosa possiamo imparare, per così dire, da queste “lezioni”.

La lezione 1 inizia con: “Promuovere la leadership politica globale e l’impegno per la vaccinazione” – questo sembra ciò a cui stiamo assistendo ora, con i governi di tutto il mondo che suggeriscono che le maschere e le distanze sociali rimarranno in vigore fino a quando non verrà trovato un vaccino per Corona-Sars2.

E che dire di quei politici che sono contro le vaccinazioni?

Verra` detto ai loro elettori, la stessa cosa che il famoso commissario europeo per il bilancio Gunther Oettinger disse ai sostenitori della Lega italiana nel 2018, ovvero che “i mercati insegneranno loro a votare la cosa giusta?”.

Si scatenerà una nuova pandemia per insegnare alle persone a votare per il partito politico “giusto”?

La lezione 4, “Affrontare le cause alla radice dei dubbi sulla vaccinazione, aumentando la fiducia del pubblico”, sembra il modello di una grande campagna di propaganda, quella che prevede – leggiamo nella tabella di marcia dell’UE sulle vaccinazioni – lo “sviluppo della formazione attraverso l’e-learning rivolto ai medici di base e ai principali operatori sanitari che si concentra sul miglioramento delle loro competenze per affrontare quella parte di popolazione titubante e promuovere il cambiamento comportamentale ”.

Lezione 5, “Sfruttare il potere delle tecnologie digitali, in modo da rafforzare il monitoraggio delle prestazioni dei programmi di vaccinazione”, cosa che solleva, in questo periodo in cui sono in voga le app di tracciamento e i braccialetti elettronici, legittime preoccupazioni per quanto riguarda una ancor maggiore invasione “tecnologica” nella nostra vita – e nei nostri corpi .

Di quali tecnologie digitali stiamo parlando? Forse un chip sottocutaneo, come quello recentemente brevettato con il numero satanico 060606 dalla Fondazione Bill e Melinda Gates?

La lezione 9 è, per il giornalista non mainstream, e per la libertà di parola in generale, la piu` minacciosa:

“Consentire agli operatori sanitari a tutti i livelli e ai media di fornire informazioni efficaci, trasparenti e obiettive al pubblico e combattere informazioni false e fuorvianti, impegnandosi anche attraverso piattaforme di social media e aziende tecnologiche.”

Eccoci: la lotta contro le cosiddette Fake News è tornata. Più lavoro per gli auto proclamati “fact checker” di Facebook.

Fake News è ovviamente il Nuovo Parlare Orwelliano riguardo qualsiasi informazione non allineata, indipendentemente dal contenuto, dalle origini e dalla verificabilità.

In effetti, il manifesto globale sulla vaccinazione non fornisce alcuna definizione di “informazione obiettiva” o di “informazione falsa e fuorviante”.

Se i vaccini sono sicuri come sostengono l’UE e l’OMS senza offrire alcuna prova, perché allora il governo degli Stati Uniti ha creato, già negli anni ’80, un organismo chiamato National Vaccine Injury Compensation Program (VICP)?

Per fornire, leggiamo nel sito web ufficiale del VICP, “un’alternativa al sistema legale tradizionale per la risoluzione delle petizioni relative alle lesioni da vaccino”.

Con discreto successo, sembrerebbe.

Nel periodo tra il 10/01/1988 (quando il VICP ha iniziato a concedere risarcimenti per i danni) e il 06/01/2020 (ultimi dati disponibili), il VICP ha assegnato un risarcimento di 4.385.672.580,43 USD.

Questa cifra esclude il risarcimento derivante da azioni legali effettive, in particolare azioni di classe, contro Big Pharma.

Ma, come spiega il documentarista italiano Massimo Mazzucco, le autorità statunitensi non si sono fermate lì per proteggere Big Pharma da azioni legali.

Nel 2010, una sentenza di riferimento della Corte Suprema degli Stati Uniti ha citato il titolo 42 del codice degli Stati Uniti così:

“La legge elimina la responsabilità del produttore per gli inevitabili effetti collaterali di un vaccino.”

La stessa sentenza elabora ulteriormente:

“Nessun produttore di vaccini sarà ritenuto responsabile in un’azione civile per danni derivanti da lesioni o decessi correlati al vaccino associati alla somministrazione di un vaccino dopo il 1 ottobre 1988 …

… se la lesione o la morte derivano da effetti collaterali che erano inevitabili anche se il vaccino era adeguatamente preparato ed era accompagnato da istruzioni e avvertenze adeguate “

Il 1988 fu ovviamente l’anno in cui il Programma nazionale di compensazione degli infortuni da vaccini iniziò a concedere compensi alle vittime di lesioni da vaccino, risparmiando mal di testa legali a Big Pharma nel processo.

Come sottolinea il biologo Dr. Shiva Ayyadurai, l’impossibilità di citare in giudizio le compagnie farmaceutiche per i vaccini, unita alla caduta dei profitti delle vendite di farmaci, ha trasformato i vaccini nel nuovo modello di business di Big Pharma.

E ora l’UE e l’OMS finanziato da Bill Gates, vanno a braccetto.

“Il governo dello stato moderno”, scriveva Karl Marx nel suo manifesto comunista, “non è che un comitato per la gestione degli affari comuni dell’intera borghesia”.

Se Marx fosse vivo oggi, avrebbe potuto concludere che la governance dell’organizzazione internazionale non è che un comitato per la gestione degli affari comuni delle élite globali.

Fonte


 

Neovitruvian

La censura dei media e` sempre piu` pesante, aiutami a sopravvivere con una donazione

€2,00

Reddit permette il “discorso d’odio” contro i gruppi che rappresentano la “maggioranza”

Dopo che la subeddit “The Donald” è stata censurata da Reddit, gli utenti si sono focalizzati sulle politiche del sito in materia di incitamento all’odio, che esplicitamente non protegge “le persone che sono nella maggioranza”.

Sebbene fosse stato in gran parte inattivo per mesi dopo che i proprietari avevano creato TheDonald.win, Reddit ha vietato il forum che ospitava oltre 800.000 sostenitori di Trump.

Ciò è accaduto lo stesso giorno in cui il sito di streaming Twitch ha temporaneamente sospeso il canale del presidente Trump per “discorsi di odio”.

Un interessante particolare che emerge dalla censura di Reddit è che la sezione del sito sulla promozione dell’odio basato sull’identità o sulla vulnerabilità afferma esplicitamente che è ancora consentito parlare di odio verso “le persone che sono nella maggioranza”.

Questo è presumibilmente un riferimento ai bianchi, che sono ancora la maggioranza in America ma rappresentano solo il 10-12% della popolazione mondiale.

“I gruppi marginali o vulnerabili includono, a titolo esemplificativo, gruppi basati sulla loro razza, colore, religione, origine nazionale, etnia, stato di immigrazione, genere, identità di genere, orientamento sessuale, gravidanza o disabilità reali e percepite. Questi includono le vittime di un grande evento violento e le loro famiglie “, afferma la politica di Reddit.

“Mentre la regola dell’odio protegge tali gruppi, non protegge tutti i gruppi o tutte le forme di identità. Ad esempio, la regola non protegge i gruppi di persone che sono nella maggioranza o che promuovono tali attacchi di odio “.

In altre parole, Reddit permette ai suoi utenti di applicarsi in comportamenti tra cui “molestie, bullismo e minacce di violenza”, purché l’obiettivo siano “le persone che sono nella maggioranza”.

Fonte

La schiavitu` moderna e l’ipocrisia della sinistra moderna (politicamente corretta)

L’informazione mainstream e satura di notizie sui sostenitori di Black Lives Matter (BLM) che vandalizzano e demoliscono statue di commercianti di schiavi, proprietari di schiavi e chiunque ritengano storicamente coinvolti nella schiavitù. A Bristol, in Inghilterra, una statua del commerciante di schiavi Edward Colston e stata demolita e gettata nel porto. In Belgio, le statue del re Leopoldo sono state deturpate.

Le azioni hanno indotto alcune autorità locali a valutare se tutte le statue percepite come offensive dovessero essere rimosse. Il sindaco di Londra Sadiq Khan ha annunciato una commissione per esaminare il futuro di monumenti, come statue e nomi di strade, nella capitale del Regno Unito.

Ciò che non si capisce è come il fatto di attaccare vecchie statue di persone che sono morte da tempo dovrebbe aiutare chiunque, specialmente milioni di neri e non neri, che sono ancora ridotti in schiavitù oggi. Sembrerebbe che gli attivisti woke di BLM e i loro numerosi sostenitori che si inginocchiano a favor di camera non si preoccupino della difficile situazione degli schiavi moderni, che si stimano essere 40 milioni. Evidentemente, è molto più facile, e presumibilmente più piacevole, distruggere i monumenti storici occidentali piuttosto che intraprendere il difficile lavoro di abolire la schiavitù moderna.

Nel Regno Unito, c’è uno scioccante problema di schiavitù moderna, qualcosa che i liberali locali sono felici di ignorare mentre attaccano coraggiosamente statue di pietra e metallo. Secondo il Rapporto annuale del governo britannico sulla schiavitù moderna del 2019, ci sono almeno 13.000 potenziali vittime della schiavitù nel Regno Unito, anche se dato che quel numero risale al 2014, è discutibile. Secondo il Global Slavery Index 2018, ci sono circa 136.000 persone che vivono nella schiavitù moderna proprio in Gran Bretagna.

La schiavitù nel Regno Unito assume la forma del lavoro forzato e dello sfruttamento domestico e sessuale. Albanesi e Vietnamiti sono tra i gruppi che costituiscono la maggioranza degli schiavi. I notiziari britannici hanno pubblicato diverse storie su circa migliaia di vietnamiti, la metà sotto i 18 anni, che vengono rapiti e trafficati nel Regno Unito dove sono costretti a lavorare come schiavi nelle fabbriche di cannabis. Lì, formano una piccola parte della “vasta macchina criminale che rifornisce il mercato nero di cannabis da 2,6 miliardi di sterline”. Coloro che non sono costretti a lavorare nell’industria della cannabis vengono ridotti in schiavitù in “bar per unghie, bordelli e ristoranti, o tenuti in servizio domestico dietro le porte di residenze private”. A gennaio, la BBC ha raccontato la storia di un ragazzo vietnamita di nome Ba, che è stato rapito da una banda cinese e trafficato nel Regno Unito, dove il suo capo cinese lo ha fatto morire di fame e lo ha picchiato ogni volta che una delle piante di cannabis moriva.

A BLM potrebbe non interessare molto della vita dei vietnamiti nel Regno Unito – dopo tutto, sono solo interessati alle vite dei neri, quindi che ne dici degli schiavi neri in Africa? Attualmente ci sono circa 9,2 milioni di uomini, donne e bambini che vivono in schiavitù in Africa, secondo il Global Slavery Index, cio` include il lavoro forzato, lo sfruttamento sessuale forzato e il matrimonio forzato.

“Secondo l’Organizzazione internazionale del lavoro (ILO) delle Nazioni Unite, il numero di persone in servitù forzata oggi e` tre volte quello di 350 anni fa durante la tratta transatlantica di schiavi”, ha riferito Time Magazine a marzo 2019. Secondo l’OIL, la schiavitù moderna ha visto 25 milioni di persone in schiavitù da debito e 15 milioni in matrimonio forzato.

La schiavitù moderna crea circa 150 miliardi di dollari all’anno per le reti criminali, un po ‘ meno del traffico di droga e del traffico di armi. “La schiavitù moderna è di gran lunga più redditizia ora che in qualsiasi momento della storia umana”, ha detto a Time Siddharth Kara, un economista del Carr Center for Human Rights Policy. Secondo il Global Slavery Index 2018, “i paesi del G-20 importano ogni anno circa 354 miliardi di dollari di prodotti frutto della schiavitu` moderna”.

Nel 2017 sono emerse immagini scioccanti da vere e proprie aste di schiavi in ​​Libia: la CNN ha documentato un incidente in cui uomini di lingua araba hanno venduto dodici nigeriani. Nel 2019, Time Magazine ha intervistato un migrante africano, Iabarot, che era stato venduto come schiavo mentre si recava in Europa:

“Quando Iabarot raggiunse il confine meridionale della Libia, incontrò un tassista apparentemente amichevole che si offrì di portarlo gratuitamente nella capitale, Tripoli. Invece, fu venduto a un” libico bianco “, o arabo, per $ 200. E` stato costretto a ripagare il suo “debito” in un cantiere, un modello che si ripeteva ogni volta che veniva venduto e rivenduto “.

La tratta di esseri umani costituisce una parte considerevole della schiavitù moderna. La mafia nigeriana, ad esempio, secondo un rapporto del Washington Post del 2019, sta trafficando donne a decine di migliaia:

“Alcuni esperti affermano che fino a 20.000 donne nigeriane, alcune minorenni, sono arrivate in Sicilia tra il 2016 e il 2018, trafficate in collaborazione con i nigeriani in Italia e in patria”.

Secondo un rapporto del luglio 2017 dell’Organizzazione internazionale per le migrazioni (OIM) delle Nazioni Unite:

“Negli ultimi tre anni, IOM Italia ha visto un aumento di quasi il 600 per cento del numero di potenziali vittime della tratta di sesso che arrivano in Italia via mare. Questa tendenza al rialzo è continuata durante i primi sei mesi del 2017, con la maggior parte delle vittime che arrivano dalla Nigeria “. Nel suo rapporto, la IOM ha stimato che l’80% delle ragazze, spesso minorenni, provenienti dalla Nigeria – il cui numero è aumentato vertiginosamente da 1.454 nel 2014 a 11.009 nel 2016 – erano “potenziali vittime della tratta a fini di sfruttamento sessuale”.

In alcune parti del continente africano, specialmente nel Sahel, la schiavitù è ancora radicata nella cultura tradizionale, anche se, ufficialmente, la schiavitù è stata messa fuorilegge. In paesi come il Mali e la Mauritania, la cosiddetta schiavitù basata sulla discendenza o “schiavitù basata sulla casta” – in cui la schiavitù viene tramandata di generazione in generazione, in modo che gli schiavi nascano nella loro situazione – è ancora praticata da alcuni.

Nel 2013, si stima che circa 250.000 persone vivessero in condizioni di schiavitù in Mali, dove la schiavitù non è illegale. Una schiava maliana, Raichatou, nel 2013 disse al Guardian che divenne una schiava all’età di sette anni quando sua madre, anch’essa schiava, morì. “Mio padre poteva solo guardare impotente mentre il padrone di mia madre veniva a reclamare me e i miei fratelli”, ha detto. Ha lavorato come domestica per la famiglia senza paga per quasi 20 anni, ed è stata costretta a un matrimonio con un altro schiavo che non conosceva, in modo da poter fornire al suo padrone altri schiavi.

In Mauritania, si stima che fino al 20% della popolazione sia ridotta in schiavitù, anche se la schiavitù è stata dichiarata ufficialmente fuorilegge nel 1981. Gli schiavi provengono principalmente dalla minoranza Haratine, che sono neri africani, a differenza della quasi metà della popolazione che sono arabi o berberi. Secondo un rapporto del Guardian del 2018:

“La schiavitù ha una lunga storia in questa nazione del deserto del Nord Africa. Per secoli, i mori di lingua araba hanno fatto irruzione nei villaggi africani, dando vita a un sistema di caste rigido che esiste ancora oggi, con abitanti dalla pelle più scura sotto il controllo dei loro padroni dalla pelle più chiara” “. Lo status di schiavo viene tramandato da madre a figlio e gli attivisti anti-schiavitù vengono regolarmente torturati e detenuti. Tuttavia il governo nega abitualmente che la schiavitù esista in Mauritania, elogiandosi invece per aver sradicato la pratica.”

Il rapporto descriveva anche alcuni degli orribili destini degli schiavi Haratine:

“Aichetou Mint M’barack era una schiava per discendenza nella zona di Rosso. Come sua sorella, è stata portata via da sua madre e poi data a un membro della famiglia del padrone per fare la serva. Si è sposata nella casa dei suoi padroni e ebbe otto figli, due dei quali furono portati via da lei come schiavi in altre famiglie. Nel 2010, la sorella maggiore di Aichetou fu in grado di liberarla … dopo che lei stessa fuggì dai suoi padroni quando versarono braci ardenti sul suo bambino, uccidendolo.”

BLM e i numerosi dirigenti aziendali, professori universitari, media, personalità dello sport e della cultura che si piegano al movimento sembrano totalmente indifferenti al destino di persone come Aichetou. Probabilmente, non hanno mai sentito parlare di lei o dei suoi tanti compagni di sofferenza. Sono vite nere che apparentemente non contano – tranne per le persone coraggiose che lavorano nelle organizzazioni locali anti-schiavitù.

Invece, BLM e i suoi sicofanti discutono incessantemente cambiando i nomi delle strade e delle università e rimuovendo le statue, tutte cose che non equivalgono a nient’altro che ad infantili capricci. Perdono tempo a discutere se le persone che non sono mai state schiave, dovrebbero ricevere risarcimenti da persone che non hanno mai posseduto uno schiavo.

Impegnarsi in tutte queste posizioni, ignorando gli incredibili 40 milioni di attuali vittime della vera schiavitù, non solo rappresenta le incommensurabili profondità dell’ipocrisia dei liberali, ma costituisce un insulto estremo a coloro che soffrono la loro schiavitù in silenzio, mentre lentamente muoiono dall’abuso fisico , sessuale ed emotivo che sono costretti a sopportare.

Fonte

Neovitruvian

La censura dei media e` sempre piu` pesante, aiutami a sopravvivere con una donazione

€2,00

Sempre piu` doppiatori bianchi non vogliono piu` dare la voce a personaggi di colore: il frutto del deboscio di una societa` guidata da malati mentali

Gli attori Jenny Slate e Kristen Bell affermano di essersi licenziati perché ora si rendono conto che non dovrebbero interpretare personaggi di razza mista riconoscendo i loro “atti di complicità”. Qualcuno dica loro che questo serve davvero a nulla.

La comica e attrice Jenny Slate, 38 anni, ha recentemente annunciato che non doppiera` più il personaggio biraziale di Missy nella serie animata Big Mouth, dicendo che “i personaggi neri dovrebbero essere interpretati solo da persone di colore” . “

Per non essere meno woke, un’altra attrice, Kristen Bell (Anna nella famosa saga di Frozen), ha lasciato la sua parte come Molly in Central Park, dicendo che era “felice di cedere questo ruolo a qualcuno che può dare una rappresentazione molto più accurata. ” La 39enne ha aggiunto: “Questo è il momento di riconoscere i nostri atti di complicità”.

Come ste due siano arrivate ​​a questa conclusione è al di là di me, dato che la recitazione vocale non è esattamente qualcosa che richiede qualcosa di fisico. I doppiatori che recitano ruoli diversi non sono esattamente una novità, e ci sono stati diversi attori e attrici che hanno interpretato personaggi che non sono della stessa razza, genere o sessualità o addirittura della stessa specia di origine. Allora perché questo trattamento speciale?

Diamo un’occhiata alla storia. La famosa attrice bianca Laura Bailey ha doppiato una donna di colore nel gioco Uncharted 4: A Thief’s End e un personaggio latino, Kait Diaz nella serie Gears of War. Un altro doppiatore bianco, Patrick Seitz, è noto per aver interpretato il personaggio di Scorpion nella serie Mortal Kombat, la cui vera identità è un uomo giapponese di nome Hanzo Hazashi. Allo stesso modo ci sono attori e attrici neri che hanno doppiato personaggi di altre razze.

Prendi Phil LaMarr. Anche se è diventato famoso perche` faceva parte di Mad TV, ha avuto una carriera eccezionale come doppiatore. Uno dei suoi ruoli più famosi è stato il personaggio giapponese di Samurai Jack, dall’omonima serie. Nei videogiochi, ha interpretato il personaggio rumeno Vamp della serie Metal Gear Solid ed è la voce di Aquaman nei giochi di Injustice.

Poi c’è lo stesso zio Phil, il defunto James Avery. Il secondo ruolo più famoso di Avery è stato quello di The Shredder in Teenage Mutant Ninja Turtles. Shredder è un uomo giapponese. Ha anche interpretato il personaggio di Fang in Fist of the North Star, un altro personaggio non nero.

Quindi, ovviamente, abbiamo l’esempio più popolare. Darth Vader, uno dei personaggi cinematografici più iconici di tutti i tempi, è doppiato dall’esemplare attore nero James Earl Jones.

A proposito, non c’è niente di sbagliato in tutto questo. Ognuno di questi attori che ho citato sono dannatamente bravi in ​​quello che fanno, e ciascuno degli attori e delle attrici fa un completo disservizio cercando di associare tutto alla razza.

Hanno dato vita a questi ruoli grazie al loro talento e al loro duro lavoro. Niente di meno, niente di più.

Alla fine, le decisioni di Jenny Slate e Kristen Bell sono puramente un modo per mostrarsi virtuose nei confronti della causa. È assolutamente inutile e sono senza lavoro solo per apparire come brave persone. Divertente come Jenny abbia impiegato due anni per rendersi conto che si trattava di razzismo.

Forse è un’idea migliore fare semplicemente un ottimo lavoro nel ritrarre il personaggio al meglio delle loro capacità invece di cercare di essere politically correct. Forse il lato positivo è che il prossimo film di Cars sarà interpretato dai motori delle auto. Forse quei film saranno meno fastidiosi in quel modo.

Fonte

Neovitruvian

La censura dei social media e` sempre piu` terribile, aiutami a sopravvivere con una donazione

€2,00

Perche` la galleria degli Uffizi utilizza un video di Tik Tok, con una canzone rap che chiama le donne “putt***”, per promuovere la sua collezione artistica?

Molti curatori di musei non credono più nelle alte arti e si vergognano troppo di presentare la nostra cultura onestamente. Ma fingere di essere cool e usare la cultura pop per provare a corteggiare i giovani, tradisce i valori che dovrebbero difendere.

Questo mese la Galleria degli Uffizi, il principale museo di pittura classica di Firenze, ha pubblicato un video che mostra come i suoi poco credibili amministratori – o i loro dipartimenti pubblicitari – hanno intenzione di “sensibilizzare” il pubblico all’arte.

Il breve video di TikTok anima un dipinto rinascimentale in “Nails, Hair, Hips, Heels”, una canzone rap di Todrick Hall. Utilizzando tagli rapidi, capovolgimenti e zoom, il video si concentra su parti dell’anatomia femminile. Il cantante si rivolge a una donna chiamandola “b * tch” e “c ** t b * tch” e chiede che si spogli e balli per lui. Il testo completo è disponibile qui.

L’animazione è della Primavera di Sandro Botticelli. Faceva parte della cultura umanista che fiorì alla corte dei Medici, in cui Botticelli servì. In parte ispirato da Ovidio, l’artista prese come soggetto un incontro inventato di creature mitologiche, inteso a rappresentare l’arrivo della primavera. Gli indumenti semitrasparenti fluttuanti che le Tre Grazie sulla sinistra indossano sono in realtà una concessione alla modestia, poiché erano solitamente rappresentate nude. Le interpretazioni del significato esatto della pittura enigmatica sono varie, ma è considerata un punto culminante del Rinascimento fiorentino e uno dei migliori esempi di arte classica mitologica.

Questo è l’ultimo tentativo di utilizzare nuove piattaforme di social media per promuovere l’alta cultura. Anche se questo si è dimostrato estremamente efficace quando si pubblicano video più lunghi che spiegano l’arte o si consente alle persone di visitare musei e mostre e frequentare lezioni, in forma breve non ha successo.

L’arte richiede concentrazione e contemplazione. Naturalmente, gli Uffizi non suggeriscono che un video TikTok sostituisca la visione del dipinto, ma dà un’impressione fuorviante e incompleta. Attirando i visitatori con la premessa che i dipinti siano appariscenti, volgari e pieni di azione, gli Uffizi preparano il pubblico ad una delusione.

Il museo di arte classica è l’opposto di una discoteca. Per coloro che non vanno in chiesa, le gallerie d’arte sono gli ultimi spazi pubblici in cui ci si aspetta tranquillità, decoro e considerazione per gli altri.

Certo ci sono gia` state versioni irriverenti del Botticelli in precedenza, a partire dai surrealisti negli anni ’20, fino a Monty Python negli anni ’70 e oltre. Tuttavia, il punto era che gli spettatori avevano già familiarità con l’iconico dipinto. Era divertente e sorprendente vedere un’immagine del genere sovvertita, perché il pubblico conosceva l’arte e si divertiva, tuttavia la comprensione e il rispetto per essa venivano mantenuti. Terry Gilliam poteva permettersi di essere sardonico perché nel 1972 c’era un corpo di specialisti dedicati a spiegare il vero significato di Botticelli. Oggi la situazione è diversa.

I giovani sono abituati a essere bombardati con materiale poco impegnativo, pieno di azione e stupido, e hanno sofferto della mancanza di una buona introduzione all’alta cultura. Molti curatori di musei non credono più nellearti “elevate”. “Arte” suona elitario per loro. Al personale del museo più giovane è stato insegnato il postmodernismo.

Il postmodernismo afferma che non c’è differenza di qualità o significato tra un dipinto classico e una canzone rap. Uno è stato creato attraverso settimane di attenta arte, combinando la conoscenza esperta di arte, poesia e mitologia in una distillazione di cultura intricata, l’altra è un miscuglio di volgarità e musica non originale – eppure gli insegnanti postmodernisti ci dicono di non valutare il primo come “superiore” alla seconda. I musei stanno rapidamente perdendo la fiducia nei valori culturali che incarnano i loro manufatti.

Qualunque cosa abbia spinto gli Uffizi ad approvare il video, è stato un errore. Alta cultura e arte sono le due cose che i musei hanno in abbondanza. È quasi come se fossero progettati a tale scopo. Fingere di essere cool, prendere in prestito la cultura pop e allontanare le istituzioni dall’apprendimento classico non è solo un tradimento dei valori che i musei devono contenere e difendere, ma delude anche le generazioni più giovani, che sono alla disperata ricerca di significato e sfide difficili.

Come possono i musei promuovere la diversità culturale quando si vergognano troppo di presentare onestamente la nostra cultura? Avere paura di presentare la nostra storia e la nostra cultura in tutta la sua complessità, nelle sue contraddizioni e nella sua notevole raffinatezza ci rende ignoranti nei confronti della nostra società e della nostra storia.

Musei, lasciate perdere la musica rap e cercate di spiegare l’arte vera.

Fonte

Neovitruvian

La censura dei social media e` sempre piu` pesante, aiutami a sopravvivere con una donazione

€2,00

Il Coronavirus era nelle acque reflue spagnole gia` nel MARZO 2019

Tracce di coronavirus sono state scoperte a Barcellona nelle acque reflue mesi prima che il primo caso della temuta malattia fosse riportato in Cina, secondo un nuovo studio condotto da un gruppo di ricercatori spagnoli.
Gli scienziati del gruppo Enteric Virus dell’Università di Barcellona hanno rilevato la presenza del virus in campioni congelati delle acque reflue della città raccolti il 12 marzo 2019. Il gruppo, guidato da Rosa Maria Pintó e Albert Bosch, stava esplorando il potenziale di analisi delle acque reflue nei sistemi di allarme rapido e prevenzione dei futuri focolai di Covid-19, quando ha fatto la clamorosa scoperta.

Inizialmente, il team aveva trovato il virus in campioni datati 15 gennaio 2020 – circa 41 giorni prima del primo caso confermato di Covid-19 in Spagna. Hanno deciso di controllare campioni precedenti, presi tra gennaio 2018 e dicembre 2019, e tutti si sono dimostrati negativi “tranne quello del 12 marzo 2019, in cui i livelli di SARS-CoV-2 erano molto bassi ma erano chiaramente positivi”, il team ha riferito in una dichiarazione, riferendosi al virus con il suo nome ufficiale.

I ricercatori sono giunti alla conclusione che il virus potrebbe essersi diffuso in tutto il mondo molto prima di quanto si pensasse inizialmente.

“Barcellona riceve molti visitatori per motivi turistici o professionali”, ha affermato Bosch. “È più che probabile che si sia verificata una situazione simile in altre parti del mondo.”

Il gruppo ha ipotizzato che alcuni dei primi casi di Covid-19 avrebbero potuto essere scambiati per una grave influenza. Mentre lo studio, pubblicato nel repository medRxiv, non è stato finora sottoposto a peer review, la rivelazione è stata ampiamente coperta dai media spagnoli, come il quotidiano El Mundo.

Il virus si è diffuso in quasi tutto il mondo, infettando più di nove milioni di persone e causando quasi 500.000 vittime. Gli scienziati hanno ipotizzato che abbia avuto origine in un mercato nella città cinese di Wuhan nel dicembre 2019.

Il primo caso europeo confermato di coronavirus è stato registrato in Francia nel gennaio 2020. Tuttavia, vari studi apparsi da allora lo hanno messo in discussione. Una ricerca italiana focalizzata anche sull’analisi delle acque reflue ha mostrato che tracce del virus sono state trovate a Milano e Torino in campioni risalenti a metà dicembre 2019.

Fonte

Neovitruvian

La censura dei social media e` sempre piu` pesante, aiutami a sopravvivere con una donazione

€2,00

140 poliziotti feriti durante le proteste e le feste da strada, ma il governo se la prende con quelli che vanno al mare

Circa 140 agenti di polizia sono stati feriti dopo aver bloccato delle “feste di strada” illegali e delle proteste di Black Lives Matter nel Regno Unito nelle ultime 3 settimane, anche se il governo e i media sembrano essere più preoccupati per le troppe persone che sono andate la spiaggia .

La polizia è stata attaccata per la seconda notte consecutiva mentre cercavano di bloccare un raduno a Notting Hill, Londra. Questo e` il seguito di un incidente simile a Brixton, durante il quale 22 agenti sono stati feriti mentre venivano inseguiti da gente in strada la quale aveva distrutto le loro macchine.

La rivolta di Brixton è avvenuta dopo un evento musicale di Black Lives Matter che si stava svolgendo la stessa sera. I media hanno ripetutamente descritto le proteste dei BLM come “in gran parte pacifiche”, indipendentemente da quanti agenti di polizia siano stati attaccati.

Sebbene il commissario della polizia metropolitana Cressida Dick abbia condannato la violenza, sembra che ci sia più rabbia per gli inglesi che visitano le spiagge durante la stagione calda.

Il governo sta minacciando di chiudere le spiagge dopo che centinaia di persone sono accorse ieri a Bournemouth, portando le autorità a dichiarare che si e` trattato di un “incidente grave” ordinando alla gente di disperdersi.

Queste stesse preoccupazioni sul “distanziamento sociale” erano notevolmente assenti in innumerevoli precedenti occasioni in cui decine di migliaia di manifestanti della Black Lives Matter a Londra e in altre città si radunavano nelle immediate vicinanze.

Forse se i bagnanti avessero portato i cartelli di Black Lives Matter, sarebbero stati lasciati in pace.

Il motivo per cui la polizia è in minoranza, indifesa e impaurita dall’intraprendere azioni forti contro i rivoltosi, sia durante manifestazioni di BLM che feste di strada illegali, è perché ormai applicare la legge, se si tratta di un nero, e`diventato razzista.

Quando gruppi di protesta bianchi si riuniscono a Londra per proteggere le statue, la risposta della polizia è enorme e travolgente. Quando i bagnanti prevalentemente bianchi si radunano sulle spiagge della costa meridionale, la risposta del governo è enorme e travolgente.

Tuttavia, quando i non bianchi si radunano per feste di strada o proteste BLM, alla polizia viene detto di ritirarsi.

Questo approccio a due livelli garantirà l’anarchia e il caos più violenti per le strade del Regno Unito per tutto il resto dell’estate.

Fonte

Neovitruvian

La censura dei media e` sempre piu` pesante, aiutami a sopravvivere con una donazione

€2,00

La polizia inglese protegge la manifestazione di Black Lives Matter impedendo le contro-manifestazioni (e ignorando le norme sul Covid)

Una forza di polizia nel Regno Unito sta “facilitando” una protesta di Black Lives Matter nonostante violi le leggi sul coronavirus, vietando allo stesso tempo qualsiasi forma di contro-protesta.

“Saremo presenti per facilitare una manifestazione di Black Lives Matter a Keel Square stasera a #Sunderland”, ha twittato la polizia della Northumbria

“È in vigore un ordine della Sezione 14 che vieta qualsiasi altra assemblea pubblica, comprese le contro-proteste, per garantire la sicurezza del pubblico.

La promessa della polizia di “garantire la sicurezza del pubblico” è in qualche modo un ossimoro dato che le attuali leggi sul lockdown affermano che le riunioni di oltre 6 persone sono illegali.

Tuttavia, come abbiamo appreso, la legge non si applica a migliaia di manifestanti BLM perché apparentemente il COVID-19 e` woke e rimane lontano ogni volta che la sinistra si riunisce in numero per protestare contro le ingiustizie da loro percepite.

Il divieto deliberato di contro-proteste rappresenta chiaramente anche la presa di posizione politica della polizia e sembra in totale violazione delle leggi sui diritti umani.

“Consentire un’assemblea selettivamente sulla base della ” causa politica “. Non si tratta di una violazione dell’articolo 11 della CEDU? ” ha chiesto Emma Webb.

Ma a chi importa cose insignificanti come la legge dato che Black Lives Matter è apparentemente al di sopra di essa?

Fonte

Neovitruvian

La censura dei social media e` sempre piu` pesante, aiutatemi a sopravvivere con una donazione

€2,00

Steve Bing, produttore di Hollywood e amico di Jeffrey Epstein muore dopo essere caduto da un palazzo

La versione ufficiale dice che il finanziere elitario e amico di Bill Clinton e Jeffrey Epstein si sia gettato dal 27 ° piano del suo condominio a causa della depressione. Sara` andata veramente cosi?

Steve Bing era principalmente noto per aver creato Shangri-La Entertainment, la società di produzione dietro diversi film di Hollywood tra cui Kangourou Jack e The Polar Express con Tom Hanks. Bing era anche noto per essere un finanziere di alto livello che era vicino a diverse figure d’élite tra cui Bill Clinton e Jeffrey Epstein.

In un articolo di Vanity Fair del 2019 su Jeffrey Epstein, Steve Bing è stato menzionato come parte del suo “cerchio Lolita Express”.

“Erano sempre le ragazze più belle, di solito modelle o ex modelle, con un’aura da Stepford Wives leggermente distaccata che mascherava una vulnerabilità più profonda. Numerosi nomi emergevano quando erano in giro: Epstein, il magnate dei supermercati Ron Burkle, il finanziere cinematografico Steve Bing e l’ex presidente Bill Clinton, all’apice della sua carriera post-presidenziale mentre volavano sul jet di Epstein, soprannominato Lolita Express o il jet di Burkle , soprannominato Air F * ck One. “
Stepford Wives = MK slaves.

Steve Bing, Ron Burkle e Bill Clinton – tutti e tre sono stati citati nell’articolo sopra.

Il 22 giugno, quasi un anno dopo il “suicidio” di Epstein, Steve Bing è precipitato dal 27 ° piano del suo condominio di Los Angeles, morendo.

Complesso di appartamenti di Bing.

Sebbene non sia stata trovata alcuna nota per il suicidio, la morte di Bing è stata rapidamente giudicata dalle forze dell’ordine un suicidio. La ragione segnalata per il suicidio: era depresso per la mancanza di contatto umano durante la quarantena.

In altre parole, quest’uomo estremamente ricco, che ha acquistato “contatto umano” per tutta la vita, si è ucciso proprio mentre le misure di blocco di COVID si stavano allentando. Le circostanze dietro questa morte sono bizzarre e illogiche come quelle che circondano il “suicidio” di Epstein.

È possibile che Steve Bing sia stato buttato giu` dall’edificio, in stile mafia russa? Ne sapeva troppo? Stava per rivelare segreti sui suoi compagni d’élite? Ecco una rapida occhiata al contesto.

ELITE DI HOLLYWOOD

L’ex fidanzata di Bing, Liz Hurley, ha pubblicato questa foto su Instagram dopo la sua morte. Indossa una maglietta che risuona bene con l’élite occulta.

All’età di 18 anni, Steve Bing ha ereditato circa 600 milioni di dollari da suo nonno Leo S. Bing, un magnate dell’immobiliare che ha fatto fortuna a New York negli anni ’20. Dopo aver ereditato la sua fortuna, Bing abbandonò la Stanford University nel suo ultimo anno per perseguire una carriera a Hollywood.

Mentre il suo successo a Hollywood e` stato piuttosto limitato, Bing ebbe molto successo in campo amoroso con fidanzate come Naomi Campbell, Uma Thurman, Sharon Stone, Farrah Fawcett e una varietà di modelle di Playboy.

Le sue ricchezze e capacità di networking gli hanno permesso di stringere amicizie molto importanti come Hugh Hefner, Mick Jagger, Warren Beaty, James Caan, Prince Andrew, Jeffrey Epstein e Bill Clinton.

Steve Bing discute con Bill Clinton

Il tweet di Bill Clinton dopo la morte di Bing.

Nel 2008, la Clinton Foundation ha pubblicato un elenco completo dei donatori e Bing era in cima a tale elenco

Donazioni alla Fondazione Clinton tra $ 10 e $ 25 milioni. Bing è terzo, sotto la Bill and Melinda Gates Foundation.

In un articolo del 2008 intitolato Bill Clinton e il Billionaire Boys ‘Club, l’ormai defunto sito Web Gawker descrive Bing in una luce piuttosto spiacevole. L’introduzione dell’articolo dice:

Come abbiamo appreso ieri da Vanity Fair, Bill Clinton ha trascorso la sua vita post-presidenziale a curiosare per il mondo con un piccolo gruppo di truffatori miliardari. Tutti boomer che stanno inesorabilmente invecchiando, tutti riluttanti a maturare, tutti dipendenti dal sesso con donne di un terzo della loro età. Loro chi sono? Cosa vogliono da noi? (Suggerimento: se sei una ragazza di età compresa tra 14 e 22 anni, vogliono fare sesso con te.) Incontriamo l’intero equipaggio!

La sezione su Bing dice:

Steve Bing
Relazione con Bill Clinton: Bing è un grande donatore del partito democratico. Inoltre, ha un jet privato su cui Bill ama volare!
Disavventure sessuali: bene. C’è stata una battaglia di paternità con Elizabeth Hurley. E un altra con l’ex moglie del miliardario Kirk Kerkorian.
Patrimonio netto: circa $ 1 miliardo.
Il più giovane amico speciale conosciuto: sconosciuto!

Un tweet dell’avvocato del mondo dello spettacolo “Enty” (sa cosa sta succedendo) su Bing che impedi` la pubblicazione di una storia su Jeffrey Epstein e Ghislaine Maxwell.

Il minimo che si possa dire è che Bing era in contatto con alcune persone potenti che sono collegate a circoli pedofili elitari. A parte lo stesso Epstein, Bing era probabilmente uno dei colpevoli di più alto profilo rimasti in libertà.

Forse Steve Bing si è gettato da un edificio perché era veramente depresso … o forse è stato gettato da un edificio perché sapeva troppo.

Fonte

Neovitruvian

La censura dei social media e` sempre piu` pesante aiutami a sopravvivere con una donazione

€2,00