Sempre piu` doppiatori bianchi non vogliono piu` dare la voce a personaggi di colore: il frutto del deboscio di una societa` guidata da malati mentali

Gli attori Jenny Slate e Kristen Bell affermano di essersi licenziati perché ora si rendono conto che non dovrebbero interpretare personaggi di razza mista riconoscendo i loro “atti di complicità”. Qualcuno dica loro che questo serve davvero a nulla.

La comica e attrice Jenny Slate, 38 anni, ha recentemente annunciato che non doppiera` più il personaggio biraziale di Missy nella serie animata Big Mouth, dicendo che “i personaggi neri dovrebbero essere interpretati solo da persone di colore” . “

Per non essere meno woke, un’altra attrice, Kristen Bell (Anna nella famosa saga di Frozen), ha lasciato la sua parte come Molly in Central Park, dicendo che era “felice di cedere questo ruolo a qualcuno che può dare una rappresentazione molto più accurata. ” La 39enne ha aggiunto: “Questo è il momento di riconoscere i nostri atti di complicità”.

Come ste due siano arrivate ​​a questa conclusione è al di là di me, dato che la recitazione vocale non è esattamente qualcosa che richiede qualcosa di fisico. I doppiatori che recitano ruoli diversi non sono esattamente una novità, e ci sono stati diversi attori e attrici che hanno interpretato personaggi che non sono della stessa razza, genere o sessualità o addirittura della stessa specia di origine. Allora perché questo trattamento speciale?

Diamo un’occhiata alla storia. La famosa attrice bianca Laura Bailey ha doppiato una donna di colore nel gioco Uncharted 4: A Thief’s End e un personaggio latino, Kait Diaz nella serie Gears of War. Un altro doppiatore bianco, Patrick Seitz, è noto per aver interpretato il personaggio di Scorpion nella serie Mortal Kombat, la cui vera identità è un uomo giapponese di nome Hanzo Hazashi. Allo stesso modo ci sono attori e attrici neri che hanno doppiato personaggi di altre razze.

Prendi Phil LaMarr. Anche se è diventato famoso perche` faceva parte di Mad TV, ha avuto una carriera eccezionale come doppiatore. Uno dei suoi ruoli più famosi è stato il personaggio giapponese di Samurai Jack, dall’omonima serie. Nei videogiochi, ha interpretato il personaggio rumeno Vamp della serie Metal Gear Solid ed è la voce di Aquaman nei giochi di Injustice.

Poi c’è lo stesso zio Phil, il defunto James Avery. Il secondo ruolo più famoso di Avery è stato quello di The Shredder in Teenage Mutant Ninja Turtles. Shredder è un uomo giapponese. Ha anche interpretato il personaggio di Fang in Fist of the North Star, un altro personaggio non nero.

Quindi, ovviamente, abbiamo l’esempio più popolare. Darth Vader, uno dei personaggi cinematografici più iconici di tutti i tempi, è doppiato dall’esemplare attore nero James Earl Jones.

A proposito, non c’è niente di sbagliato in tutto questo. Ognuno di questi attori che ho citato sono dannatamente bravi in ​​quello che fanno, e ciascuno degli attori e delle attrici fa un completo disservizio cercando di associare tutto alla razza.

Hanno dato vita a questi ruoli grazie al loro talento e al loro duro lavoro. Niente di meno, niente di più.

Alla fine, le decisioni di Jenny Slate e Kristen Bell sono puramente un modo per mostrarsi virtuose nei confronti della causa. È assolutamente inutile e sono senza lavoro solo per apparire come brave persone. Divertente come Jenny abbia impiegato due anni per rendersi conto che si trattava di razzismo.

Forse è un’idea migliore fare semplicemente un ottimo lavoro nel ritrarre il personaggio al meglio delle loro capacità invece di cercare di essere politically correct. Forse il lato positivo è che il prossimo film di Cars sarà interpretato dai motori delle auto. Forse quei film saranno meno fastidiosi in quel modo.

Fonte

Neovitruvian

La censura dei social media e` sempre piu` terribile, aiutami a sopravvivere con una donazione

€2,00

Informazioni su neovitruvian

Non fidatevi dei vostri occhi, sono facilmente ingannabili, ricercate in voi stessi quella forza che vi permette di distinguere il vero dal falso. Il mondo così come è non va. Mi basta questo.

Pubblicato il 29 giugno 2020, in Uncategorized con tag , , , , , . Aggiungi il permalink ai segnalibri. Lascia un commento.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: