Ghislaine Maxwell arrestata nel New Hampshire

Dopo essersi nascosta per mesi, la NBC riferisce che Ghislaine Maxwell, è stata arrestata dall’FBI e accusata dai pubblici ministeri federali.

Secondo quanto riferito da diversi alti funzionari delle forze dell’ordine, la socialite ed erede britannica è stata arrestata nel New Hampshire e dovrebbe comparire in un tribunale federale più tardi oggi.

L’amica e confidente di lunga data di Jeffrey Epstein avrebbe dovuto aiutare Epstein a preparare ragazze adolescenti per fare sesso con i ricchi e i potenti.

Come riporta Adam Klasfeld, l’accusa afferma che:

“[Ghislaine] Maxwell ha assistito, facilitato e contribuito all’abuso di Jeffrey Epstein su ragazze minorenni, aiutando, tra le altre cose, Epstein a reclutare, gestire e infine abusare delle vittime …

“Le vittime avevano appena 14 anni.”

“In particolare, tra il 1994 o intorno al 1994 e intorno al 1997, MAXWELL aveva una relazione intima con Epstein e fu anche pagata da Epstein per gestire le sue varie proprietà.”

Ghislaine è stata accusata da tre donne di procurarsi e addestrare ragazze per eseguire massaggi e atti sessuali su Epstein e sui suoi collaboratori.

Virginia Giuffre (precedentemente chiamata Virginia Roberts), una delle presunte vittime di Epstein, sostenne in una causa civile che la Maxwell la “reclutò” nell’orbita di Epstein, dove fu costretta a fare sesso con Epstein e i suoi potenti amici, incluso il Principe Andrew.

Giuffre afferma nella sua denuncia che la Maxwell, unica imputata nella causa e figlia del defunto magnate del settore editoriale Robert Maxwell, reclutava regolarmente ragazze minorenni per Epstein.

Giuffre sostiene che alla fine la Maxwell l’abbia istruita su come offrire “massaggi” a Epstein compresi atti sessuali e, in sostanza, spingendola alla prostituzione. Quando la Maxwell ha negato pubblicamente le accuse e ha definito bugiarda la Giuffre nel 2015, ciò le ha dato l’apertura per presentarsi al tribunale federale e presentare la causa per diffamazione che ora è stata processata. –Politico

A maggio abbiamo notato che la donna sarebbe stata rinchiusa in un lussuoso appartamento sull’Avenue Matignon di Parigi – a soli cinque minuti di auto dall’appartamento del pedofilo da 8,6 milioni di dollari.

La Maxwell “si sta spostando ogni mese per tenere alla larga gli investigatori privati ​​vivendo nelle residenze di colleghi e contatti fidati”, secondo una fonte.

“Vuole rimanere in Francia il più a lungo possibile per trarre vantaggio dalle leggi sull’estradizione e ha una vasta rete di contatti disposti a tenerla nascosta”, hanno aggiunto. “Secondo la legge francese chiunque sia nato sul suolo francese è al sicuro dall’estradizione in un altro paese, indipendentemente dal presunto crimine”.

Come ha spiegato Gabrielle Bruney di Esquire a maggio, Maxwell è la più giovane dei nove figli di Elisabeth e Robert Maxwell, nata in Francia nel 1961. La famiglia viveva in una dimora inglese e suo padre era il fondatore di un impero mediatico e prestava servizio in Parlamento . Maxwell ha frequentato uno dei collegi più esclusivi del Regno Unito e poi l’Università di Oxford. Come membra dell’alta società britannica, Maxwell si mescolò con alcune delle famiglie più celebri della nazione e divenne amica del principe Andrew.

Suo padre morì nel 1991, annegato, dopo essere caduto dal suo yacht. È stato ipotizzato che la sua morte possa essere stata un suicidio, poiché il giorno della sua morte avrebbe dovuto incontrarsi con la Banca d’Inghilterra sulla questione della sua inadempienza su milioni di prestiti. Dopo la sua morte, i media britannici lo hanno soprannominato il “truffatore del secolo”, quando è stato rivelato che aveva prelevato centinaia di milioni di sterline dai fondi pensione dei suoi dipendenti. La Maxwell ha riferito a una news outlet dopo la morte di suo padre che sentiva che era stato assassinato.

Si trasferì negli Stati Uniti l’anno della morte di suo padre e presto incontrò Jeffrey Epstein. La relazione segnò una seconda inversione di fortuna per la Maxwell, la cui famiglia perse gran parte della sua ricchezza dopo la morte di suo padre. Nel 2000, si è trasferita in una residenza di Manhattan da $ 4,95 milioni acquistata “da una società anonima a responsabilità limitata, con un indirizzo che corrisponde all’ufficio di J. Epstein & Co. A rappresentare l’acquirente era Darren Indyke, avvocato di lunga data di Mr. Epstein”. È stata la sua compagna per anni, gestendo le sue case e presentandole ai suoi amici.

Secondo una causa che ha presentato quest’anno nella speranza di ottenere fondi dalla proprietà del defunto finanziere, “Mentre lavorava per Epstein, la Maxwell era responsabile della gestione delle proprietà di Epstein situate a New York, Parigi, Florida, New Mexico e nelle Isole Vergini americane. ”

“Nel corso della loro relazione, si legge nella causa, “Epstein ha promesso alla Maxwell che l’avrebbe sostenuta finanziariamente. Epstein fece ripetutamente queste promesse a Maxwell, sia per iscritto che per conversazione. “

Tuttavia, su Vanity Fair del 2003 Epstein ha negato che la Maxwell fosse un dipendente.

Dopo la condanna di Epstein del 2008 per aver sollecitato la prostituzione da una ragazza minorenne, i due sembravano aver posto fine alla loro associazione pubblica. Nel 2009, l’accusatrice Virginia Roberts Giuffre ha intentato una causa civile contro Epstein accusando lui e la Maxwell di averla controllata e gestita nel loro presunto business di prostitute. Nel 2012, la maxwell ha fondato un’associazione no profit ambientale chiamata The TerraMar project, che si è conclusa alla fine del 2019.

Sebbene diversi sopravvissuti abbiano affermato che la Maxwell abbia partecipato ai presunti crimini di Epstein, non è mai stata accusata criminalmente. Una cosa che potrebbe ostacolare i potenziali sforzi per livellare le accuse contro la Maxwell è il famigerato patteggiamento del 2008 che Epstein ha concluso con il procuratore americano per Miami, Alexander Acosta, con cui lo ha mandato in prigione per soli 13 mesi dopo aver subito accuse che avrebbero potuto procurargli un condanna a vita. Il produttore di Jeffrey Epstein: Filthy Rich, Joe Berlinger, ha descritto l’accordo con Esquire come “un affare senza precedenti, mai sentito prima” che “includeva un accordo di non accusa per co-cospiratori nominati e senza nome”.

Ad aprile, una corte d’appello ha confermato l’accordo del 2007, scrivendo nel suo parere che la decisione non era “un risultato che ci piace, ma è il risultato che pensiamo la legge richieda”.

La Maxwell sta attualmente facendo causa alla compagnia di Epstein per il denaro per le sue spese legali e per la sua sicurezza privata, sostenendo che il suo “precedente rapporto di lavoro” con Epstein le ha causato minacce di morte.

Come osserva Jonathan Turley, francamente, come avvocato difensore, sono sorpreso che la Maxwell abbia rischiato di tornare negli Stati Uniti. Si credeva vivesse a Parigi. Era risaputo che il dipartimento di giustizia stava portando avanti il caso, comprese le richieste di intervista al principe Andrea.

Il suo arresto potrebbe essere snervante per figure come il principe Andrew. Sarebbe la testimone piu importante se decidesse di collaborare a più ampie indagini penali. Giuffre e altre hanno affermato che fosse la persona che procurava giovani ragazze perche` fossero abusate da Epstein.

Non sara facile perseguirla dato il tempo che e` passato. Tuttavia, il governo ha chiaramente testimoni vivi come la Giuffre che potrebbero avere un impatto significativo su una giuria.

Turley nota che il ruolo improprio svolto dal Dipartimento di Giustizia sul caso originale di Epstein potrebbe effettivamente aiutarlo ora con qualsiasi azione legale contro la Maxwell.

Fonte

Neovitruvian

La censura dei social media e` sempre piu` pesante aiutami a sopravvivere con una donazione

€2,00

Informazioni su neovitruvian

Non fidatevi dei vostri occhi, sono facilmente ingannabili, ricercate in voi stessi quella forza che vi permette di distinguere il vero dal falso. Il mondo così come è non va. Mi basta questo.

Pubblicato il 2 luglio 2020, in Uncategorized con tag , , , , , , , . Aggiungi il permalink ai segnalibri. Lascia un commento.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: