2020: Un anno difficile per Greta Thunberg?

I nodi stanno venendo al pettine. Questo potrebbe essere l’anno in cui il movimento contro i cambiamenti climatici provocati dall’uomo comincera` a perdere i pezzi.

È iniziato alla grande, quando le élite e i climatisti si sono riuniti a Davos per ottenere la vittoria definitiva attraverso l’adozione globale del Green New Deal entro la fine dell’anno. La loro arma segreta: un’adolescente svedese, pronta a far convertire il mondo intero.

La loro causa e stata "benedetta" dal coronavirus attraverso i lockdown. Gli attivisti climatici erano al settimo cielo e hanno cominciato a chiedere una ulteriore diminuzione delle emissioni di Co2. In soli due mesi, le politiche di lockdown scaturite dall'emergenza COVID hanno realizzato ciò che gli attivisti climatici desideravano da anni. O almeno così pensavano. Successivamente è stato rivelato che i lockdown hanno avuto un impatto scarso o nullo sulla concentrazione complessiva di CO2. Quanto, tuttavia, un po di scienza ha spaventato le follie apocalittiche della sinistra?

E` successo, comunque, qualcosa di strano nel frattempo.

Una delle componenti chiave della campagna intergovernativa di paura per promuovere i lockdown di COVID – erano i modelli a computer. Inizialmente, questi sono stati indicati come “SCIENZA” da politici e funzionari della sanità pubblica. La stampa si adeguò rapidamente a questo pensiero di gruppo. Tutti i dissidenti sono stati duramente attaccati e cancellati. Mentre la loro missione si avvicinava al compimento, divenne chiaro che questi modelli avevano poco a che fare con la vera “scienza”. Gli scenari immaginari da giorno del giudizio universale creati dai tecnocrati sono stati poi ripresi dai media mainstream che poi li hanno usati per spingere i funzionari politici nell’attuazione di una politica centralizzata di deindustrializzazione e di blocco dei viaggi. Forse non è un caso che questo sia esattamente ciò che i climatisti e gli attivisti del New New Deal speravano.

Prima del COVID, pochi avevano osato sfidare pubblicamente il primato intellettuale della modellistica informatica, specialmente nel campo della scienza del clima. Agli scettici veniva semplicemente detto: “Stai zitto! Sono esperti! ” Il problema e` che gli scettici avevano ragione. Era considerata infallibile, anche se proprio come l’errata modellistica delle pandemie di Neil Ferguson e dell’Imperial College – queste glorificate simulazioni non erano affatto scientifiche.

Ora, un pubblico abbastanza incazzato sta iniziando a mettere in discussione l’autorità presunta dei modelli computeristici. Le persone stanno cominciando a guardare con più attenzione ai modellatori climatici dell’IPCC e ai manipolatori seriali di dati come Michael Mann. Senza dubbio, questo continuerà a erodere le basi del dogma del clima un tempo sacro che ha goduto di consenso universale da quando Al Gore ha pubblicato il suo film documentario ormai screditato An Inconvenient Truth nel 2005.

Aggiungendo benzina sul fuoco, quest’anno è stato anche pubblicato il documentario di Michael Moore, Planet of Humans, che ha distrutto completamente l’energia verde propagandata dagli attivisti ambientali negli ultimi 30 anni. Per la loro bestemmia, sia Moore che il regista Jeff Gibbs sono stati etichettati come eretici dalla sinistra progressista.

Questo incidente è stato poi seguito dalla pubblicazione del nuovo libro, Apocalypse Never: Why Environmental Alarmism Hurts Us All Us, dell’esperto di politica verde Michael Shellenberg. Il libro è rapidamente salito al numero 3 dei best seller su Amazon e da allora ha attirato il fuoco di attivisti che affermano che come Moore, l’autore ha tradito il movimento climatico rivelando alcuni dei segreti commerciali dell’attivismo verde. Ma Shellenberger ha semplicemente sottolineato l’ovvio: che gli umani non stanno causando una “sesta estinzione di massa”, che i cambiamenti climatici non stanno aggravando le catastrofi naturali e che le emissioni di CO2 sono effettivamente aumentate nella maggior parte dei paesi sviluppati. Per questo, è stato attaccato senza pietà dai chierici del clima.

E questo ci riporta alla nuova Giovanna d’Arco, la mercuriale svedese, della Generazione X, Y, Z (e anche dei Boomer liberali) Greta Thunberg.

Prima del coronavirus, il suo attivismo stava andando a gonfie vele – nel bel mezzo di un glorioso anno sabbatico e andata in escursione nell'atlantico, e` apparsa poi al vertice sul clima COP25 in Spagna, e poi al Forum economico mondiale a Davos, in Svizzera, dove ha incontrato Carlo, il Principe di Galles.

A Davos, era chiaro che l’aspetto fisico di Greta era cambiato. Aveva perso molto peso in un breve lasso di tempo – molto lontana dal suo io gioviale e morbido. Questa era una nuova mini-adulta, una Greta più scura e molto più cinica. Chiaramente, le miglia, i media e la vita glitterata verde stavano influendo pesantemente.

Da lì, avrebbe atteso la stagione primaverile che sarebbe culminata in una serie di “azioni per il clima” dei giovani che si sarebbero estese fino all’estate, forse un’apparizione al festival di Glasonbury accanto a qualche supergruppo, e poi al COP26 a Glasgow questo novembre . Questo era il piano. Ma sfortunatamente, con il corpo studentesco occidentale quasi completamente radicato a casa da un nuovo e piu` efficace “Project Fear”, Greta non poteva aspettarsi di radunare nessuna delle sue legioni di adolescenti arrabbiati.

Ora indossando maschere e visiere di plastica, i giovani hanno altri problemi più urgenti da affrontare; paure onnipresenti, chiusure di scuole, regimi di allontanamento sociale oppressivi e disoccupazione di massa – tutto ciò ha superato i timori che il livello del mare potrebbe aumentare di qualche metro tra 200 anni. Anche COP26 potrebbe svolgersi su Zoom a causa dei problemi COVID.

Ma Greta è un cliente molto acuto e alla fine affronterà la situazione. Ha già iniziato a criticare gli sciatti leader mondani – sostenendo che la hanno usata per “fare bella figgura”. E non ha tutti i torti.

In una recente intervista alla radio svedese durante la crisi COVID, ha accusato la cancelliera tedesca Angela Merkel, di averla usata per un “selfie” in un evento delle Nazioni Unite a New York.

“Presidenti, primi ministri, re e principesse sono venuti e volevano parlarmi”, ha detto Greta.

“Mi hanno notata e improvvisamente hanno visto la possibilità di poter scattare una foto con me per il loro account Instagram. Hanno quindi pubblicato l’hashtag #savetheplanet sui social media per farli sembrare al passo con i tempi, come se gli importasse qualcosa ”.

I suoi gestori dovrebbero prestare attenzione: sta diventando più saggia.

Per coloro che hanno effettivamente seguito la sua storia, saprai che dal primo giorno, la presunta ascesa di Greta Thunberg è stata una campagna di pubbliche relazioni ben finanziata e accuratamente coreografata, completa di road managers, sceneggiatori, sicurezza e un sacco di personale di sostegno.

Col passare del tempo, e mentre i buchi nella narrativa climatica iniziavano ad espandersi, è sempre più probabile che la stessa Greta, che ora ha 17 anni, realizzi l’estensione dell’operazione finanziata in cui è stata utilizzata come uno strumento per dare vita ad un nuovo movimento. A quel punto, sarà un’adulta a tutti gli effetti, e quindi più difficile da gestire da parte dei suoi handlers che lavorano per venderci la New Green Economy. Prima o poi, potrebbe voler rivendicare la sua infanzia, e quindi forgiare il suo percorso da adulto libero pensatore. A quel punto, il movimento contro i cambiamenti climatici potrebbe gia essere un ricordo. Con il passare dei mesi, vedrai sempre piu` ambientalisti scendere dal carro degli attivisti climatici. Più Moore e più Shellenberger.

Ma ciò non significa che si fermerà. Se il COVID ci ha mostrato qualcosa, sono le organizzazioni globaliste e i loro pedoni al governo sono determinati a far avanzare la loro agenda per il Grande Reset in preparazione della loro Quarta Rivoluzione Industriale e dell’utopia dell’UBI.

Le elezioni presidenziali degli Stati Uniti sono alle porte e la posta in palio e` grande. Molti credono che una vittoria di Trump potrebbe riportare indietro l’agenda sui cambiamenti climatici di altri dieci anni.

Fonte

Neovitruvian

La censura dei social media e` sempre piu` pesante, aiutami a sopravvivere con una donazione

€2,00

Informazioni su neovitruvian

Non fidatevi dei vostri occhi, sono facilmente ingannabili, ricercate in voi stessi quella forza che vi permette di distinguere il vero dal falso. Il mondo così come è non va. Mi basta questo.

Pubblicato il 9 luglio 2020, in Uncategorized con tag , , , , , , , , , , . Aggiungi il permalink ai segnalibri. 1 Commento.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: