I cambiamenti climatici non causeranno la nostra estinzione. Le condizioni di vita sulla Terra sono migliori rispetto a qualsiasi epoca – e miglioreranno ulteriormente

Un nuovo libro scritto da uno dei principali scettici delle politiche climatica dimostra che gli umani hanno un futuro luminoso. Dobbiamo smetterla di terrorizzare i bambini con il clima e concentrarci molto di più sulla promozione dello sviluppo economico.

Il coronavirus potrebbe dominare le news in questo momento, ma le storie spaventose sul cambiamento climatico abbondano ancora e senza dubbio torneranno al centro della scena una volta che finalmente torneremo a una sorta di “normalità” post-pandemica. Tuttavia, la nostra incapacità di affrontare razionalmente il virus non è di buon auspicio per l’adozione di politiche ragionevoli per far fronte a un mondo che si sta riscaldando (leggermente).

Ad esempio, questa settimana Bill Gates ha scritto un articolo per il suo sito web intitolato “Il Covid-19 è orribile. I cambiamenti climatici potrebbero essere peggiori. ” Per essere onesti con Gates, almeno la sua enfasi è sulla ricerca di soluzioni scientifiche e ingegneristiche ai nostri problemi. Come sottolinea, anche con il lockdown che ha fatto chiudere attività commerciali e ridurre i viaggi a una frazione dei livelli precedenti, le emissioni di gas serra probabilmente diminuiranno solo dell’8% quest’anno. Dopotutto, dobbiamo ancora mangiare, produrre e trasportare merci e riscaldare le nostre case.

Quella lezione, tuttavia, non verrà imparata dalle urlanti arpie del movimento verde. Chiederanno ancora che in qualche modo si riducano le emissioni a “zero” in pochi anni. Il danno che ciò provocherebbe al benessere umano è semplicemente enorme.

Quindi, come possiamo rispondere ai cambiamenti climatici senza distruggere l’economia e impoverire miliardi di persone? Un nuovo libro fornisce alcuni suggerimenti importanti.  False Alarm: How Climate Change Panic Costs Us Trillions, Hurts the Poor, and Fails to Fix the Planet, di Bjorn Lomborg, esamina quanto potrebbe costarci il cambiamento climatico, secondo le migliori prove disponibili, e il modo migliore per affrontarlo.

Per prima cosa: non stiamo affrontando l’armageddon. Lomborg, l’ambientalista danese che divenne famoso a livello internazionale con il suo libro The Skeptical Environmentalist del 2001, afferma senza mezzi termini: “Non siamo sull’orlo di un’imminente estinzione. Anzi, al contrario. La retorica isastro imminente cela un punto assolutamente essenziale: la vita sulla terra è migliore ora che in qualsiasi momento della storia. ” Ad esempio, “nel 1900, l’aspettativa di vita media era di 33 anni; oggi è più di 71. ” Su ogni misura – alimentazione, igiene, istruzione e molto altro – le persone del mondo stanno molto meglio di quanto non stessero 100 anni fa – e questo miglioramento è molto probabile che continui, in particolare se non attuiamo politiche ecologiche eccessive e stupide .

Ciò non significa che se il mondo diventa notevolmente più caldo non ci saranno impatti negativi. Nel 2014, il panel delle Nazioni Unite sui cambiamenti climatici, l’IPCC, ha osservato: “Per la maggior parte dei settori economici, l’impatto dei cambiamenti climatici sarà modesto rispetto all’impatto di altri fattori trainanti [come] i cambiamenti nella popolazione, età, reddito, tecnologia, prezzi relativi, stile di vita, regolamentazione, governance e molti altri aspetti dello sviluppo socioeconomico “.

Lomborg esamina una serie di diversi scenari ideati dall’IPCC per vedere dove la società potrebbe essere diretta entro la fine del secolo. Anche nello scenario peggiore – in cui i paesi semplicemente smettono di cooperare tra loro, ignorano completamente i problemi climatici e si concentrano sulla sicurezza nazionale piuttosto che sull’istruzione, la tecnologia e il commercio – si stima che il PIL pro capite sara` il 170% del livello attuale.

Se ci impegniamo al massimo per la crescita economica, alimentata quasi interamente dai combustibili fossili, ma concentrandoci sul rapido sviluppo tecnologico, il PIL pro capite aumenta di oltre il 1.000% entro la fine del secolo.

In breve, secondo le stesse persone che Extinction Rebellion e Greta Thunberg chiedono di ascoltare, l’IPCC, non solo eviteremo l’estinzione umana, ma è probabile che i nostri discendenti stiano notevolmente meglio di quanto stiamo noi oggi.

Questi aumenti di ricchezza saranno molto maggiori degli impatti negativi dei cambiamenti climatici. Ma Lomborg pensa ancora che dovremmo comunque affrontare i cambiamenti climatici, ma non nel modo ridicolmente costoso e inefficace con la quale stiamo attualmente procedendo. L’accordo trionfale di Parigi del 2015 è un modo estremamente costoso per risolvere questi problemi (non che i firmatari si attengano nemmeno ai deboli impegni assunti lì). Quindi, qual è il modo migliore per andare avanti?

Lomborg sostiene che abbiamo bisogno di un mix di innovazione e misure di adattamento abbastanza semplici. Dovremmo investire molto di più in nuovi modi di alimentare il mondo che non generano gas a effetto serra. I candidati ovvi sono l’energia nucleare e lo stoccaggio dell’energia, che potrebbero finalmente rendere l’energia eolica e solare praticabile ed economica. Potremmo sviluppare tecnologie per rimuovere anche l’anidride carbonica dall’atmosfera. Dovremmo anche prendere in considerazione soluzioni di geoingegneria per raffreddare il pianeta. Tali investimenti potrebbero richiedere decenni per svilupparsi e diffondersi, ma costerebbero molto meno dei tentativi grezzi (e in gran parte falliti) di ridurre semplicemente le emissioni che abbiamo oggi.

Ma il suo punto di adattamento è particolarmente importante. Possiamo far fronte alle ondate di calore se le persone hanno un maggiore accesso all’aria condizionata e teniamo d’occhio le persone più vulnerabili. Potremmo avere inondazioni più gravi in ​​futuro, ma dovremmo costruire l’infrastruttura per far fronte a ogni diluvio, attraverso misure di protezione dalle inondazioni e sistemi di allerta precoce.

Sappiamo come ridurre il rischio di incendi, del tipo osservato negli ultimi anni in California e in Australia, attraverso una migliore gestione delle foreste e codici di costruzione più rigorosi. Per quanto riguarda le malattie, i sostenitori del clima hanno taciuto sull’affermazione che la malaria si diffonderà grazie all’aumento delle temperature. Questo perché reti da letto impregnate di insetticida e altre soluzioni piuttosto a bassa tecnologia hanno ridotto il numero di persone che contraggono la malaria negli ultimi anni.

Con raccolti migliori e un uso più intelligente dell’irrigazione, siamo stati in grado di continuare ad aumentare la produttività agricola. Riducendo drasticamente le persone che soffrono di malnutrizione cronica. Una maggiore produzione di cibo per unità di terra significa che non abbiamo bisogno di espandere costantemente l’area della superficie del mondo dedicata all’agricoltura. Dobbiamo rendere queste tecnologie più ampiamente disponibili possibili.

In effetti, per Lomborg, lo sviluppo economico è il modo migliore per affrontare i problemi ambientali. I poveri devono concentrare tutte le loro risorse limitate sulla sola sopravvivenza. Se le persone si arricchiscono, possono dedicare più tempo e attenzione ai problemi ambientali. Ad esempio, le foreste potrebbero essere in declino in alcune parti del mondo, ma i paesi più ricchi stanno piantando sempre più alberi, rallentando drasticamente il tasso netto di declino globale delle foreste.

L’inquinamento marino causato dalla plastica è un problema soprattutto nei paesi più poveri che sono in fase di sviluppo ma devono ancora implementare buoni sistemi di gestione dei rifiuti. Invece, i rifiuti di plastica vengono scaricati nei fiumi e finiscono in mare. Man mano che questi paesi si arricchiscono, avranno le risorse per gestire i rifiuti.

Dovremmo smetterla di terrorizzare i bambini per il cambiamento climatico e preoccuparci molto di più dello sviluppo economico. Ciò non solo consentirà a sempre più persone di condurre una vita lunga, produttiva e soddisfacente, ma ci consentirà anche di prenderci più cura del nostro ambiente.

Le eco-ossessioni e le politiche fuorvianti promosse da persone ricche nel mondo sviluppato sono completamente reazionarie. Faranno del male ai poveri ovunque e freneranno i progressi che abbiamo fatto nel liberare il mondo dal bisogno. Il libro di Lomborg non è perfetto, ma costituisce comunque un caso convincente sul fatto che abbiamo bisogno di un cambiamento radicale di politiche al fine di garantire un futuro migliore per tutti.

Fonte

Neovitruvian

La censura dei social media e` sempre piu` pesante, aiutami a sopravvivere ocn una donazione

€2,00

Informazioni su neovitruvian

Non fidatevi dei vostri occhi, sono facilmente ingannabili, ricercate in voi stessi quella forza che vi permette di distinguere il vero dal falso. Il mondo così come è non va. Mi basta questo.

Pubblicato il 6 agosto 2020, in Uncategorized con tag , , , , , , . Aggiungi il permalink ai segnalibri. Lascia un commento.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: