Le apocalittiche predizioni del film di Extinction Rebellion e Keira Knightley sui cambiamenti climatici sono (ovviamente) delle bufale

Un film di Extinction Rebellion con Keira Knightley la quale sostiene che l’estinzione umana sia una possibilità reale ha dovuto essere rieditato prima del suo lancio questo fine settimana. Un’assurdità non scientifica come questa rende ridicole tutte le persone coinvolte.
La 17enne attivista svedese per il cambiamento climatico Greta Thunberg ha annunciato la scorsa settimana che sarebbe uscita dalle luci della ribalta tornando a scuola, non sembra tuttavia, essere l’unica attivista dei cambiamenti climatici ad aver bisogno di frequentare seriamente una scuola.

Perché se Serena Schellenberg, 59 anni, fosse dotata di una comprensione più chiara della necessità di analisi critica, in particolare nel campo minato del cambiamento climatico, forse il suo errore da principiante di produrre un film per Extinction Rebellion basato su informazioni totalmente fasulle avrebbe potuto essere evitato.

Ma forse il pensiero critico non è il suo punto di forza. Secondo la rivista Tatler lo scorso anno, come altri “Tatler Types” nell’intervista – Schellenberg “partecipa agli scioperi giovanili con i suoi nipoti (istruiti privatamente). “Perché è lì che sono le mie connessioni, non con la mia generazione”. ‘

Avete capito il nesso?

Ad ogni modo, nonostante le sue credenziali ovviamente corrette, ha dovuto rinunciare a due dei suggerimenti più apocalittici fatti nel suo remake di Climate Crisis e Why We Should Panic – un video promozionale della campagna XR di 12 minuti – poiche`, scusatemi il francesismo, sono una marea di cazzate.

“Gli scienziati avvertono che l’estinzione umana è una possibilità reale”, dichiara una clip verso la fine del film. Ehm, no, non e vero. Poi un'altra afferma: "Il disastro climatico sta già uccidendo 400.000 persone ogni anno". Umm, neanche questo e ` vero.

Non è che queste teorie siano state rifiutate da un forum mondiale dei pesi massimi sull’ambiente, dove gli esperti del cambiamento climatico discutono sulla veridicità dei dati e sulla loro interpretazione. No, per confutare queste idee fasulle e` bastata la richiesta da parte di un giornale al produttore di identificare le sue fonti.

Schellenberg ha dichiarato: “Dato che queste affermazioni si dimostrano ancora oggetto di dibattito e vorremmo che il film fosse fortemente sostenuto dagli scienziati di XR [Extinction Rebellion], abbiamo deciso di rivedere queste dichiarazioni e aggiornarle per il rilancio del film “.

Parlando di un autogol. Questo editing arriva alla vigilia del rilancio del film, che avrebbe dovuto segnalare l’inizio di un fine settimana di proteste di Extinction Rebellion che hanno attirato l’attenzione dei media. Hanno sicuramente attirato l’attenzione, ma per le ragioni piu` sbagliate. Per molti attivisti del cambiamento climatico, l’apocalisse è dietro l’angolo e usano la paura per vendere quell’idea.

Thunberg ha già un appuntamento in mente. “Intorno al 2030 saremo in grado di innescare una reazione a catena irreversibile al di fuori del controllo umano che porterà alla fine della nostra civiltà così come la conosciamo”, ha scritto l’anno scorso in No One Is Too Small To Make a Difference.

Quindi siamo a 12 anni dal giorno del giudizio. O forse sono 11 ora. E non è l’unica a pronunciare questa frase. Anche l’astro nascente del congresso degli Stati Uniti, la telegenica Alexandria Ocasio-Cortez, ha la data segreta segnata sul calendario, perché ha affermato: “Il mondo finirà tra 12 anni se non affrontiamo il cambiamento climatico”.

Non e` assolutamente vero, e queste persone dovrebbero saperlo al posto di sostenere queste idee bizzarre che finiscono sulle prime pagine dei giornali.

E mentre laregista, la signora Schellenberg, ha fatto marcia indietro sulle affermazioni secondo cui l’umanità deve affrontare l’annientamento imminente e ha rieditato il video per sostituire le due affermazioni menzionate, nel tentativo di mantenere una sorta di credibilità, ci sono stati danni collaterali.

La star di Hollywood Keira Knightley – sì, Elizabeth Swann di Pirati dei Caraibi è un’attivista per il clima – fornisce la voce fuori campo per la maggior parte del film di Schellenberg e ha approvato l’intero contenuto prima del rilascio, secondo il produttore.

Come la maggior parte di queste star che si avventurano nella politica o in campi esotici avrebbe dovuto essere piu cauta perché mettere in gioco la sua credibilità in un ruolo non familiare non fara ` di certo bene alla sua carriera.

Fonte

Neovitruvian

La censura dei social media e` sempre piu` pesante, aiutami a sopravvivere con una donazione

€2,00

Informazioni su neovitruvian

Non fidatevi dei vostri occhi, sono facilmente ingannabili, ricercate in voi stessi quella forza che vi permette di distinguere il vero dal falso. Il mondo così come è non va. Mi basta questo.

Pubblicato il 28 agosto 2020, in Uncategorized con tag , , , , , , , . Aggiungi il permalink ai segnalibri. Lascia un commento.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: