Australia: Donna incinta arrestata in casa per un post su Facebook contro il lockdown

Un video scioccante girato a Melbourne, in Australia, mostra una donna incinta che viene arrestata davanti ai suoi figli a casa sua per il “crimine” di aver organizzato una protesta anti-lockdown su Facebook.

La clip mostra la polizia che entra nella casa della donna e presenta a lei e al marito un mandato di perquisizione.

Alla donna viene quindi detto che è in arresto per “istigazione” prima di essere ammanettata.

Spiega che è incinta e ha un’ecografia tra un’ora, ma gli agenti sono imperterriti, dicendole che è stata arrestata per un post su Facebook in cui ha organizzato una protesta anti-lockdown.

La donna spiega che è pronta a cancellare il messaggio, ma l’agente dice “hai già commesso il reato” aggiungendo che ha un mandato che lo autorizza a “sequestrare qualsiasi computer, qualsiasi dispositivo mobile che la donna possiede”.

“Non mi rendevo conto che stavo facendo qualcosa di sbagliato, questo è ridicolo”, si lamenta la donna mentre inizia a piangere.

Come sottolinea Rita Pahani, quando i manifestanti di Black Lives Matter si sono organizzati e si sono riuniti a migliaia per manifestare, non hanno incontrato alcuna opposizione da parte delle autorità.

La donna non è la prima australiana a subire un’irruzione in casa e ad essere arrestata per il crimine di aver organizzato una protesta in una presunta democrazia.

Le autorità si sono anche date il potere di chiedere alla polizia di rimuovere i bambini dalla custodia dei loro genitori al fine di garantire il rispetto delle norme sul coronavirus.

La polizia di Melbourne ha anche annunciato che avrebbe utilizzato droni di sorveglianza per catturare persone che non indossano maschere e per tenere traccia delle auto che viaggiano a più di 5 km da casa.

Le autorità hanno anche avuto il potere di entrare nelle case delle persone senza un mandato e di eseguire controlli a campione.

Nel frattempo, un altro video dall’Australia mostra un uomo arrestato per il crimine di essere nel giardino del vicino e di essersi rifiutato di esibire un documento d’identità.

Grazie alle leggi sul coronavirus, la libertà è ufficialmente morta in Australia.

Fonte

Neovitruvian

La censura dei social media e` sempre piu` pesante, aiutami a sopravvivere con una donazione

€2,00

Informazioni su neovitruvian

Non fidatevi dei vostri occhi, sono facilmente ingannabili, ricercate in voi stessi quella forza che vi permette di distinguere il vero dal falso. Il mondo così come è non va. Mi basta questo.

Pubblicato il 3 settembre 2020, in Uncategorized con tag , , , , , , , , . Aggiungi il permalink ai segnalibri. Lascia un commento.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: