La Svezia e` vicina alla vittoria sul Coronavirus – non ha mai imposto il lockdown o le maschere

Mentre il resto dell’Europa e del mondo rimane sotto la morsa di regole draconiane e la minaccia di nuovi lockdown, la Svezia, che ha permesso ai suoi cittadini di rimanere liberi durante l’intera pandemia, ha praticamente dichiarato la vittoria sul coronavirus.

Il paese ora ha uno dei tassi di infezione più bassi del pianeta ed è difficile non ammirare come ha gestito la crisi, senza regole di lockdown rigorose o maschere facciali obbligatorie. Tutte le attività commerciali, scuole e luoghi pubblici sono rimasti aperti in Svezia.

“La Svezia è passata dall’essere il paese con il maggior numero di infezioni in Europa a quello più sicuro”, ha commentato al Corriere della Sera l’epidemiologo senior svedese Dr. Anders Tegnell.

“Quello che vediamo ora è che le nostre politiche potrebbero essere più lente nell’ottenere risultati, ma alla fine risultano essere vincenti”, ha chiarito Tegnell.

“E poi speriamo anche che il risultato sia più stabile”, ha aggiunto.

Tegnell aveva precedentemente avvertito che incoraggiare le persone a indossare maschere per il viso è “molto pericoloso” perché dà un falso senso di sicurezza ma non blocca efficacemente la diffusione del virus.

“I risultati che sono stati prodotti attraverso le maschere per il viso sono sorprendentemente deboli, anche se così tante persone in tutto il mondo le indossano”, ha esortato Tengell.

La scorsa settimana, il Centro europeo per la prevenzione e il controllo delle malattie ha confermato il calo del tasso di infezione della Svezia, con solo 12 casi per milione, rispetto ai 18 nella vicina Danimarca e ai 14 nella vicina Norvegia.

Al culmine dello scoppio dell’epidemia svedese, si sono verificate 108 nuove infezioni per milione di persone, poiché perseguiva una strategia di “immunità di gregge”.

Le cifre mostrano anche che su 2500 persone selezionate e testate in modo casuale in Svezia, nessuna è risultata positiva, rispetto allo 0,9% positivo ad aprile e allo 0,3% a maggio.

“Lo interpretiamo nel senso che attualmente non esiste un’infezione diffusa tra le persone che non hanno sintomi”, ha detto Karin Tegmark, vice capo dell’Agenzia per la sanità pubblica svedese.

Rispetto al resto d’Europa, il tasso di mortalità della Svezia si trova da qualche parte nel mezzo.

Fonte

Neovitruvian

La censura dei social media e` sempre piu` pesante, aiutami a sopravvivere con una donazione

€2,00

Informazioni su neovitruvian

Non fidatevi dei vostri occhi, sono facilmente ingannabili, ricercate in voi stessi quella forza che vi permette di distinguere il vero dal falso. Il mondo così come è non va. Mi basta questo.

Pubblicato il 11 settembre 2020, in Uncategorized con tag , , , , . Aggiungi il permalink ai segnalibri. Lascia un commento.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: