La Cina aveva malati con patologie simili al Covid-19 mesi prima la “tempistica ufficiale”

I documenti interni del PCC mostrano che i pazienti a Wuhan avevano sintomi già nel settembre 2019, ma le autorità non hanno rivelato nulla al mondo …

Una serie di documenti trapelati mostra che i pazienti in Cina con sintomi simili a COVID-19 sono stati ricoverati mesi prima della tempistica ufficiale del regime, mettendo in dubbio quando esattamente il virus del PCC ha iniziato a diffondersi a Wuhan, il ground zero dell’epidemia cinese.

Almeno un paziente ha iniziato a manifestare sintomi simili a COVID-19 nel settembre 2019, secondo i dati ospedalieri ottenuti da The Epoch Times da una fonte attendibile che ha accesso a documenti governativi. Altre dozzine sono state ricoverate in ospedale nel mese successivo.

Gli ospedali di Wuhan hanno anche riportato diversi decessi nell’ottobre 2019 a causa di polmonite grave, infezioni polmonari e altri sintomi simili ai pazienti COVID-19.

La commissione sanitaria della città ha annunciato pubblicamente lo scoppio di una nuova forma di polmonite solo il 31 dicembre 2019, dopo che i post sui social media dei medici informatori erano diventati virali.

In una lettera del 19 febbraio ottenuta da The Epoch Times, una squadra investigativa nazionale istituita dal governo centrale ha dichiarato di voler rintracciare i primi casi della malattia. Ha chiesto alle autorità locali i dati di tutte le istituzioni mediche di Wuhan nel periodo tra il 1 ° ottobre e il 10 dicembre 2019, comprese le informazioni sui pazienti che hanno visitato le cliniche per la febbre nelle vicinanze del mercato del pesce di Huanan, un mercato umido che i funzionari hanno inizialmente identificato. come origine del focolaio; dettagli dei primi 10 casi sospetti presso ciascuna agenzia medica di livello due o superiore (tre è il più alto); e morti per polmonite con sintomi simili a COVID-19.

La lettera affermava che nove ospedali, che hanno ricevuto il maggior numero di pazienti COVID-19 della città, erano la chiave dell’indagine.

The Epoch Times ha avuto accesso a parte dei documenti in risposta all’inchiesta, quelli di 11 ospedali.

Nonostante i dati raccolti, il 26 febbraio la task force per il controllo delle epidemie di Wuhan ha detto ai media che il primo paziente documentato era una persona di nome Chen che si è ammalata l’8 dicembre 2019.

Non è chiaro se le autorità abbiano condotto indagini su casi precedenti a febbraio.

Ad alcuni critici, l’indagine è apparsa piuttosto ristretta ed è arrivata troppo tardi.

“Perché una malattia respiratoria così massiccia si sia manifestata nell’area, come mai non hanno rintracciato tutti gli altri ospedali?” Sean Lin, ex direttore del laboratorio del ramo malattie virali presso il Walter Reed Army Institute of Research, ha detto a The Epoch Times.

“Avrebbe dovuto essere fatto molto tempo fa”, ha detto, definendo l’indagine “ridicola”.


Uno screenshot di un documento trapelato che mostra i dettagli sui pazienti che sono morti per sintomi simili a COVID presso l’ospedale di medicina tradizionale cinese di Wuhan, provincia di Hubei, Cina, il 21 febbraio 2020. Parte delle informazioni è stata redatta da The Epoch Times per proteggere la privacy dei pazienti. (Fornito da The Epoch Times)

I registri ottenuti hanno mostrato nove decessi dovuti a condizioni simili a COVID-19 in tre ospedali.

Cinque erano pazienti con polmonite grave deceduti tra novembre e dicembre 2019 presso l’ospedale n. 6 di Wuhan, uno degli ospedali citati nella letteraa. L’ospedale di medicina tradizionale cinese di Wuhan, un ospedale terziario, ha avuto tre morti a ottobre. L’ospedale n. 8 di Wuhan ha registrato una morte.

Screenshot di un documento trapelato che mostra i dettagli dei pazienti con sintomi simili a COVID presso l’ospedale Wuhan Puren Jiangan, il 21 febbraio 2020. Parte delle informazioni è stata redatta da The Epoch Times per proteggere la privacy dei pazienti. (Fornito a The Epoch Times)

I pazienti sono morti entro un periodo compreso tra diversi giorni e circa quattro settimane dopo la comparsa dei primi sintomi.

Xu Zhenqian, ad esempio, è stato ricoverato all’ospedale n. 6 di Wuhan. Secondo la descrizione clinica dell’ospedale, l’82enne ha iniziato a manifestare sintomi il 1 ° ottobre 2019, tra cui attacchi di tosse senza una causa apparente e tosse con catarro bianco, un segno di infezione respiratoria. Il paziente è stato trasferito da un’altra struttura poco prima della sua morte, avvenuta il 3 novembre.

Anche altri tre pazienti nello stesso ospedale avevano difficoltà a respirare prima di morire. Le loro scansioni TC hanno mostrato segni sfocati nei polmoni, modelli che corrispondono alle lesioni riscontrate in alcuni pazienti COVID-19.

I file hanno anche identificato almeno altri 40 sospetti pazienti COVID-19 in otto ospedali, il primo dei quali è stato il 67enne Xiao Niangui, che ha iniziato a manifestare sintomi il 25 settembre 2019 ed è stato ricoverato in ospedale presso il Wuhan Puren Jiang’an.

Schermata di un documento trapelato che mostra i dettagli di un paziente con sintomi simili a COVID presso l’ospedale n. 6 di Wuhan, il 21 febbraio 2020. Parte delle informazioni e` stata redatta da The Epoch Times per proteggere la privacy dei pazienti. (Fornito a The Epoch Times)

Wuhan ha 205 strutture sanitarie a livello di comunità e municipalità e 66 ospedali designati per il trattamento dei pazienti COVID-19, hanno detto i funzionari della città a marzo.

La mancanza di trasparenza della Cina è stata pesantemente criticata dai funzionari del governo. Ha costantemente rifiutato di consentire agli esperti degli Stati Uniti e dell’Organizzazione mondiale della sanità (OMS) di studiare l’epidemia nel paese. Il 12 febbraio, un funzionario dei Centri statunitensi per il controllo e la prevenzione delle malattie ha affermato che l’agenzia non era ancora in grado di accedere ai “dati diretti” sull’epidemia e “continua a sperare di farlo”.

In un’intervista ai media rilasciata il 1 ° maggio, un rappresentante dell’OMS in Cina ha anche affermato che la Cina ha escluso gli esperti dell’organizzazione dall’indagine sui virus del paese.

Fonte

covid-patient-e1602624986306-700x420-1

Neovitruvian

La censura dei social media e` sempre piu` pesante, aiutami a sopravvivere con una donazione

2.00 €


 
 

Informazioni su neovitruvian

Non fidatevi dei vostri occhi, sono facilmente ingannabili, ricercate in voi stessi quella forza che vi permette di distinguere il vero dal falso. Il mondo così come è non va. Mi basta questo.

Pubblicato il 15 ottobre 2020, in Uncategorized con tag , , , , , , , , , , , , . Aggiungi il permalink ai segnalibri. Lascia un commento.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: