Cos’e` il Grande Reset?

Di recente su Internet si e` parlato di “Grande Reset”. Il termine è stato di tendenza su Facebook e Twitter, e il New York Times ha persino pubblicato un articolo che lo considerava una “teoria del complotto”. Ma non è sicuramente una teoria del complotto. Sono andato fino in fondo a tutta questa faccenda e condividerò i fatti che il New York Times non è riuscito a trovare o si è rifiutato di condividere.

Si scopre che “il Grande Reset” è in realtà un’iniziativa che è stata avviata dal World Economic Forum che ha lo scopo di convincere “gli stakeholder globali a cooperare nella gestione simultanea delle conseguenze dirette della crisi COVID-19”.

Quanto segue proviene direttamente dal sito ufficiale del World Economic Forum …

È urgente che le parti interessate cooperino nella gestione simultanea delle conseguenze dirette della crisi COVID-19. Per migliorare lo stato del mondo, il World Economic Forum sta avviando l’iniziativa “Grande Ripristino”.

Quindi il New York Times ha diffuso notizie false quando ha detto a tutti noi che “il Grande ripristino” è solo una “teoria del complotto”, e devono a tutti noi delle scuse.

Secondo il World Economic Forum, “il grande ripristino” è una “finestra di opportunità unica” per i leader globali per plasmare “lo stato futuro delle relazioni globali, la direzione delle economie nazionali, le priorità delle società, la natura dei modelli di business e la gestione di un bene comune globale “…

Mentre entriamo in una finestra di opportunità unica per plasmare la ripresa, questa iniziativa offrirà spunti per aiutare a informare tutti coloro che determinano lo stato futuro delle relazioni globali, la direzione delle economie nazionali, le priorità delle società, la natura dei modelli di business e la gestione di un bene comune globale.

In altre parole, “il grande ripristino” è essenzialmente solo un progetto aggiornato per un Nuovo Ordine Mondiale.

L’uomo dietro il “Grande Reset” si chiama Klaus Schwab. È il fondatore e presidente esecutivo del World Economic Forum, e sul sito ufficiale del WEF c’è un articolo di Schwab dal titolo “Now is the time for a ‘great reset’”. Quello che segue è un estratto da quell’articolo …

Per ottenere risultati migliori, il mondo deve agire congiuntamente e rapidamente per rinnovare tutti gli aspetti delle nostre società ed economie, dall’istruzione ai contratti sociali e alle condizioni di lavoro. Ogni paese, dagli Stati Uniti alla Cina, deve partecipare e ogni settore, dal petrolio alla tecnologia, deve essere trasformato. In breve, abbiamo bisogno di un “grande ripristino” del capitalismo.

È molto aperto sul fatto che vuole “rinnovare tutti gli aspetti delle nostre società ed economie”. Ciò significa che tutti gli aspetti dell’attività umana rientrerebbero nel suo piano.

Ma in particolare, desidera moltissimo un “grande ripristino” del capitalismo.

Questo fa sicuramente scattare l’allarme.

Quando le persone iniziano a parlare di cambiamenti radicali al capitalismo, di solito ciò che intendono è che dovremmo muoverci ancora di più verso il socialismo.

Secondo Schwab, ci sono tre componenti principali del “Grande Reset”.

La prima riguarda la riforma dei nostri sistemi economici in modo che “promuovano risultati più equi” …

Inoltre, i governi dovrebbero attuare riforme attese da tempo che promuovano risultati più equi. A seconda del paese, questi possono includere modifiche alle tasse sulla ricchezza, il ritiro dei sussidi ai combustibili fossili e nuove regole che disciplinano la proprietà intellettuale, il commercio e la concorrenza.

Sfortunatamente, penso che intenda esattamente la stessa cosa che intende Alexandria Ocasio-Cortez quando parla di “risultati più equi”.

In secondo luogo, Schwab afferma che una delle componenti principali del “Grande Reset” comporterebbe massicci investimenti governativi in ​​infrastrutture urbane “verdi” e altri progetti simili …

La seconda componente del programma del Grande Reset garantirebbe che gli investimenti promuovano obiettivi condivisi, come l’uguaglianza e la sostenibilità. In questo caso, i programmi di spesa su larga scala che molti governi stanno attuando rappresentano una grande opportunità di progresso. La Commissione europea, per esempio, ha svelato i piani per un fondo di recupero da 750 miliardi di euro (826 miliardi di dollari). Anche Stati Uniti, Cina e Giappone hanno ambiziosi piani di stimolo economico.

Piuttosto che utilizzare questi fondi, così come gli investimenti di entità private e fondi pensione, per colmare le crepe nel vecchio sistema, dovremmo usarli per crearne uno nuovo che sia più resiliente, equo e sostenibile a lungo termine. Ciò significa, ad esempio, la costruzione di infrastrutture urbane “verdi” e la creazione di incentivi per le industrie affinché migliorino i propri risultati in termini di metriche ambientali, sociali e di governance (ESG).

Non suona affatto come il “Green New Deal” che molti a sinistra hanno spinto negli Stati Uniti?

In terzo luogo, Schwab prevede di applicare le “innovazioni” a cui abbiamo assistito durante la pandemia COVID come modello per “ogni settore” della società …

La terza e ultima priorità dell’agenda del Grande Reset è sfruttare le innovazioni della Quarta Rivoluzione Industriale per sostenere il bene pubblico, in particolare affrontando le sfide sociali e sanitarie. Durante la crisi del COVID-19, aziende, università e altri hanno unito le forze per sviluppare strumenti diagnostici, terapeutici e possibili vaccini; costruito centri per i test; creare meccanismi per rintracciare le infezioni. Immaginate cosa potrebbe essere possibile se sforzi concertati simili fossero compiuti in ogni settore.

In altre parole, Schwab pensa che la risposta globale alla pandemia COVID possa essere un modello che gestisca ogni parte della nostra vita.

Tutto cio` non suona meraviglioso?

Ovviamente, affinché i globalisti possano coinvolgere gli Stati Uniti con questo “grande ripristino”, dovranno prima togliere di mezzo Donald Trump e pensano di essere molto vicini al raggiungimento di tale obiettivo.

I globalisti immaginano un futuro “sostenibile” in cui tutte le forme di attività umana siano strettamente monitorate e controllate per “il bene del pianeta”. Sono del tutto convinti che un sistema globale in cui tutte le nazioni del mondo siano sempre più integrate sia ciò che è meglio per l’umanità, ma quelli di noi che stanno resistendo ai globalisti capiscono che un sistema mondiale si evolverà inevitabilmente in un incubo globale completo e assoluto.

Pubblicazioni globaliste come il New York Times continueranno a cercare di convincere tutti noi che piani come “il grande ripristino” non esistono nemmeno, anche se organizzazioni globaliste come il World Economic Forum stanno pubblicamente annunciando i loro piani.

In tempi come questi, è assolutamente necessario pensare con la propria testa, perché l’inganno è ovunque e quelli che dicono la verità sono spesso ridicolizzati.

Fonte

snip20201119_129-800x534-1

Neovitruvian

La censura dei social media e` sempre piu` pesante, aiutami a sopravvivere con una donazione

2,00 €

Informazioni su neovitruvian

Non fidatevi dei vostri occhi, sono facilmente ingannabili, ricercate in voi stessi quella forza che vi permette di distinguere il vero dal falso. Il mondo così come è non va. Mi basta questo.

Pubblicato il 23 novembre 2020, in Uncategorized con tag , , , , , , , . Aggiungi il permalink ai segnalibri. 1 Commento.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: