“La pandemia è finita” – L’ex direttore scientifico della Pfizer afferma che la “seconda ondata” è una bufala basata sui risultati “falsi positivi” dei test

Questo video fornisce uno degli sguardi più eruditi e istruttivi sul Covid-19 e sulle conseguenze dei lockdown. Come osserva AIER, è stato inquietante, questa settimana, guardare come il video sia apparso su YouTube per essere rimosso solo 2 ore dopo la pubblicazione.

La seguente copia è ospitata su LBRY, un’applicazione video blockchain. In un anno di fantastici contenuti educativi, questo è uno dei migliori che abbiamo visto.

Considera la biografia dello scienziato:

Il Dr. Michael Yeadon è un esperto nell’Area Terapeutica Allergica e Respiratoria con 23 anni nel settore farmaceutico. Si è formato come biochimico e farmacologo, ottenendo il dottorato di ricerca presso l’Università del Surrey (Regno Unito) nel 1988.

Il dottor Yeadon ha poi lavorato presso i Wellcome Research Labs con Salvador Moncada con un focus di ricerca sull’iper-reattività delle vie aeree e sugli effetti degli inquinanti tra cui l’ozono e lavorando nella scoperta di farmaci tipo 5-LO, COX, PAF, NO. Con i colleghi, è stato il primo a rilevare l’NO esalato negli animali e in seguito a indurre il NOS nei polmoni tramite trigger allergici.

Entrato in Pfizer nel 1995, era responsabile della crescita e delle allergie e dei problemi respiratori all’interno dell’azienda. Era responsabile della selezione degli obiettivi e dello sviluppo nell’uomo di nuove molecole, guidando team che comprendevano fino a 200 dipendenti in tutte le discipline e ha vinto un Achievement Award per la produttività nel 2008.

Sotto la sua guida l’unità di ricerca ha inventato NCE orali e per via inalatoria. Ha guidato collaborazioni produttive come con Rigel Pharmaceuticals (inibitori SYK) ed è stato coinvolto nella licenza di Spiriva e nell’acquisizione della società Meridica (dispositivo inalatore).

Il dottor Yeadon ha pubblicato oltre 40 articoli di ricerca originali e ora consulta e collabora con un certo numero di aziende biotecnologiche. Prima di lavorare con Apellis, il Dr. Yeadon è stato VP e Chief Scientific Officer (Allergy & Respiratory Research) con Pfizer.

Ciò che probabilmente ha scatenato i censori della Silicon Valley è il fatto che un ex Chief Science Officer del gigante farmaceutico Pfizer afferma che “non c’è scienza che suggerisca che dovrebbe verificarsi una seconda ondata”. L’insider di “Big Pharma” afferma che i risultati falsi positivi dei test COVID intrinsecamente inaffidabili vengono utilizzati per produrre una “seconda ondata” basata su “nuovi casi”.

Come scrive Ralph Lopez su HubPages, Yeadon avverte che la metà o anche “quasi tutti” i test per COVID sono falsi positivi. Il dottor Yeadon sostiene anche che la soglia per l’immunità i gregge potrebbe essere molto più bassa di quanto si pensasse in precedenza e potrebbe essere già stata raggiunta in molti paesi.

In un’intervista della scorsa settimana (vedi sotto) al Dr.Yeadon è stato chiesto:

“Stiamo basando una politica del governo, una politica economica, una politica per le libertà civili, in termini di limitare le persone a sei persone in una riunione … su dati che probabilmente sono falsi?”

Il dottor Yeadon ha risposto con un semplice “sì”.

Ancora più significativo, anche se tutti gli aspetti positivi dovessero essere corretti, il dottor Yeadon ha detto che osservando tutti gli indicatori importanti in una pandemia mondiale, come ricoveri, utilizzo di terapia intensiva e decessi, “la pandemia è fondamentalmente finita”.

Yeadon ha detto nell’intervista:

“Se non fosse per i dati dei test che ricevi sempre dalla TV, concluderesti giustamente che la pandemia è finita, poiché non è successo molto. Ovviamente la gente va in ospedale, entrando nella stagione influenzale autunnale .. .ma nessuna scienza suggerisce che dovrebbe verificarsi una seconda ondata. “

In un articolo pubblicato questo mese, co-autorato da Yeadon e da due dei suoi colleghi, “How Likely is a Second Wave?”, Gli scienziati scrivono:

“È stato ampiamente osservato che in tutti i paesi gravemente infetti in Europa e in molti stati degli Stati Uniti, allo stesso modo, la curva delle morti quotidiane rispetto al tempo è simile alla nostra nel Regno Unito. Molte di queste curve non sono solo simili, ma quasi sovrapponibili. “

Nei dati del Regno Unito, della Svezia, degli Stati Uniti e del mondo, si può vedere che in tutti i casi i decessi erano in aumento da marzo fino a meta` o fine aprile, poi hanno iniziato a diminuire in una discesa libera che si è appiattita verso la fine di giugno e continua fino ad oggi. I tassi di casi tuttavia, sulla base dei test, sono in aumento.

Il tasso di sopravvivenza di COVID-19 è stato aggiornato da maggio al 99,8% delle infezioni. Questo si avvicina alla normale influenza, il cui tasso di sopravvivenza è del 99,9%. Sebbene COVID possa avere gravi effetti collaterali, anche l’influenza o qualsiasi malattia respiratoria procurano tali effetti. L’attuale tasso di sopravvivenza è di gran lunga superiore alle iniziali cupe ipotesi di marzo e aprile, citate dal Dr. Anthony Fauci, del 94%, o da 20 a 30 volte più letale. Il valore di Infection Fatality Rate (IFR) accettato da Yeadon nel documento è 0,26%.

Il dottor Yeadon ha sottolineato che il “nuovo” contagio COVID-19 è nuovo solo nel senso che si tratta di un nuovo tipo di coronavirus. Ma, ha detto, ci sono attualmente quattro ceppi che circolano liberamente in tutta la popolazione, il più delle volte legati al comune raffreddore.

Nel documento scientifico, Yeadon et al scrivono:

“Ci sono almeno quattro ceppi ben caratterizzati (229E, NL63, OC43 e HKU1) che sono endemici e causano alcuni dei comuni raffreddori che sperimentiamo, specialmente in inverno. Tutti hanno una netta somiglianza al nuovo coronavirus “.

Gli scienziati sostengono che gran parte della popolazione ha già gli anticorpi contro il COVID, un certo livello di immunità dei “linfociti T” dall’esposizione ad altri coronavirus correlati, che circolavano molto prima del COVID-19.

Gli scienziati scrivono:

“Un componente importante del nostro sistema immunitario è il gruppo di globuli bianchi chiamati cellule T il cui compito è quello di memorizzare un breve frammento di qualsiasi virus con cui siamo stati infettati in modo che i tipi di cellule giusti possano moltiplicarsi rapidamente e proteggerci se veniamo contagiati. Le risposte a COVID-19 sono state dimostrate in dozzine di campioni di sangue prelevati da donatori prima dell’arrivo del nuovo virus “.

Introducendo l’idea che una qualche precedente immunità al COVID-19 esistesse già, gli autori di “How Likely is a Second Wave?” Scrivono:

“È ormai stabilito che almeno il 30% della nostra popolazione possedeva gia` il riconoscimento immunologico di questo nuovo virus, prima ancora che arrivasse … COVID-19 è nuovo, ma i coronavirus no”.

Continuano a dire che, a causa di questa precedente resistenza, solo il 15-25% di una popolazione infetta può essere sufficiente per raggiungere l’immunità di gregge:

“… studi epidemiologici dimostrano che, grazie all’immunita` costruita in precedenza, e` necessario che solo il 15-25% della popolazione sia infettata per arrestare la diffusione del virus .. . “

Negli Stati Uniti, accettando un numero di vittime di 200.000 e un tasso di sopravvivenza del 99,8%, ciò significherebbe per ogni persona morta, ci sarebbero circa 400 persone che sono state infettate e sono sopravvissute. Ciò si tradurrebbe in circa 80 milioni di americani, ovvero il 27% della popolazione. Questo tocca la soglia di Yeadon e dei suoi colleghi per l’immunità del gregge.

Infine, l’ex dirigente e scienziato della Pfizer concentra le sue critiche su un ex collega, il professor Neil Ferguson. Ferguson insegnava all’Imperial College mentre Yeadon era affiliato. Il modello informatico di Ferguson ha fornito la logica ai governi per scatenare misure draconiane che hanno trasformato le società libere in prigioni virtuali dall’oggi al domani.

Il dottor Yeadon ha detto nell’intervista che “nessuno scienziato serio dà alcuna validità” al modello di Ferguson.

Parlando con disprezzo sottilmente velato per Ferguson, il dottor Yeadon si è preso una cura speciale per far notare al suo intervistatore:

“È importante che tu sappia che la maggior parte degli scienziati non accetta che [il modello di Ferguson] sia anche vagamente giusto … ma il governo è ancora legato al modello”.

Yeadon si unisce ad altri scienziati che stanno criticando i governi per aver seguito il modello di Ferguson. Uno di questi scienziati è il dottor Johan Giesecke, ex capo scienziato del Centro europeo per il controllo e la prevenzione delle malattie, che ha definito il modello di Ferguson “il documento scientifico più influente” della memoria e anche “uno dei più sbagliati”.

È stato il modello di Ferguson a ritenere necessarie misure di “mitigazione”, ovvero allontanamento sociale e chiusura di attività commerciali, al fine di prevenire, ad esempio, la morte di oltre 2,2 milioni di persone negli Stati Uniti.

Ferguson ha predetto che la Svezia avrebbe pagato un prezzo terribile per non aver imposto nessun lockdown, con 40.000 morti per COVID entro il 1 maggio e 100.000 entro giugno. Il numero di morti in Svezia è inferiore a 6.000. Il governo svedese afferma che questo coincide con una lieve stagione influenzale. Sebbene inizialmente più alto, la Svezia ora ha un tasso di mortalità pro capite inferiore rispetto agli Stati Uniti. La Svezia non ha mai chiuso ristoranti, bar, sport, la maggior parte delle scuole o cinema. Il governo non ha mai ordinato alle persone di indossare maschere.

Il dottor Yeadon parla con amarezza delle vite perse a seguito delle politiche di lockdown e delle innumerevoli vite “salvabili” che andranno ulteriormente perse, a causa di importanti interventi chirurgici e di altre cure sanitarie rimandate, qualora i lockdown venissero applicati di nuovo.

Guarda la discussione completa di seguito:

https://cdn.lbryplayer.xyz/api/v3/streams/free/Mike-Yeadon-Unlocked/0ca6e66a244be97b382aaafff14be94140a422eb/560976

Gli avvertimenti di Yeadon sono confermati da un nuovo studio della Infectious Diseases Society of America., Riassunto succintamente nel seguente thread twitter di al gato malo (@boriquagato)

Chiunque ancora presuma che un test PCR positivo mostri un caso COVID deve leggerlo molto attentamente:

anche con 25 cicli di amplificazione, il 70% dei “positivi” non sono “casi”. il virus non può essere coltivato. è morto.

Con 35: Il 97% non e` clinico.

Gli Stati Uniti fanno 40 cicli, 32 volte l’amplificazione di 35.

Molte persone sembrano ancora non capire cosa significhi, quindi spieghiamolo brevemente.

I test PCR cercano l’RNA, ma ce ne e` troppo poco nel tuo tampone. quindi lo amplificano utilizzando un processo di riscaldamento e ricottura basato su primer.

Ogni ciclo di questo processo raddoppia il materiale

Gli Stati Uniti (e gran parte del mondo) utilizzano un 40 Ct (soglia del ciclo). quindi, 40 raddoppiamenti, 1 trilione di amplificazione X.

E` assurdamente alto.

Se non puoi coltivare il virus, allora il virus è “morto”. è inerte. se non può replicarsi, non può infettare te o gli altri. sono solo tracce di virus, resti, frammenti, ecc

Il PCR non sta testando la malattia, sta testando uno specifico pattern di RNA e questo è il vero perno

Quando si arriva a 25, il 70% dei risultati positivi non sono realmente “positivi” in alcun senso clinico.

Esito a chiamarlo “falso positivo” perché in realtà non lo è. ha solo trovato dell’RNA. Quell’RNA tuttavia non è clinicamente rilevante.

Non può far ammalare te o chiunque altro quindi chiamiamolo positivo non clinico (NCP).

Se il 70% dei positivi sono NCP a 25 cicli, immagina quale e` la percentuale a 40.

Questo studio ha rilevato che solo il 3% sopravvive a 35 cicli

A 40 cicli è 32X 35, 32.000X 25

Nessuno può coltivare virus oltre i 34 cicli e lo sappiamo da marzo, eppure nessuno ha modificato questi test.

Questi sono dati più molto forti che confutano l’idea che ci si possa fidare di una PCR come indicatore clinico.

NON è per questo che è stato pensato.

Usarli come indicatori epidemiologici e` assurdo.

La FDA non lo farebbe mai, le compagnie farmaceutiche che fanno esperimenti sui vaccini non lo farebbero mai … perché è una sciocchezza.

Il test PCR non è la risposta, è il problema.

Non si sta cercando di controllare l’epidemia, l’esatto opposto, con i dati scientifici che vengono ignorati.

Il capo dei NIH non è il miglior scienziato esistente, è il miglior politico.

Tutta questa politica governativa selvaggia e sconsiderata non ha mai riguardato la scienza.

È politica e panico.

Puoi leggere l’intero articolo qui:

https://it.scribd.com/document/485382529/ciaa1491#from_embed

Fonte


 

2020-11-22_9-53-49

Neovitruvian

La censura dei social media e` sempre piu` pesante, aiutami a sopravvivere con una donazione

2,00 €


 

Informazioni su neovitruvian

Non fidatevi dei vostri occhi, sono facilmente ingannabili, ricercate in voi stessi quella forza che vi permette di distinguere il vero dal falso. Il mondo così come è non va. Mi basta questo.

Pubblicato il 23 novembre 2020, in Uncategorized con tag , , , , , , , , , , . Aggiungi il permalink ai segnalibri. 1 Commento.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: