Il Papa vuole “sistemare” il capitalismo globale con l’aiuto dei Rothschild, dei Rockefeller e di Mastercard

Il Vaticano ha detto che collaborerà con le società Fortune 500 per affrontare vari problemi economici, tra cui la disuguaglianza e il degrado ambientale.

In un momento in cui una pandemia globale ha spazzato via milioni di posti di lavoro e trasformato una manciata di capitalisti globali da “semplicemente ricchi” a straordinariamente ricchi dall’oggi al domani, Papa Francesco ha deciso di prendere posizione in questa battaglia epica. Qualche intuizione su quale lato potrebbe essere?

Sì, l’hai indovinato. Invece dei poveri e degli indigenti, il Vaticano ha annunciato che formerà una “partnership storica” noto come Council for Inclusive Capitalism. E non sottovalutare la cosa: non si tratta di aria fritta, ma piuttosto di una vasta impresa che coinvolge “più di $ 10,5 trilioni di asset in gestione, aziende con oltre $ 2,1 trilioni di capitalizzazione di mercato e 200 milioni di lavoratori in più di 163 paesi”.

Il capitalismo ha creato un’enorme prosperità globale, ma ha anche lasciato indietro troppe persone, portando al degrado del nostro pianeta e non è ampiamente considerato attendibile dalla società “, ha affermato Lady Lynn Forester de Rothschild, Fondatrice del Consiglio e Managing Partner di Inclusive Capital Partners. “Questo Consiglio seguirà l’avvertimento di Papa Francesco di ascoltare “il grido della Terra e il grido dei poveri” e di rispondere alle richieste della società per un modello di crescita più equo e sostenibile”.

In altre parole, in un apparente atto di intervento divino, la famiglia Rothschild (la cui ricchezza è stimata in 20 miliardi di dollari, anche se nessuno lo sa per certo), insieme ad altri famosi marchi della globalizzazione, come i Rockefeller e Mastercard, saranno cavalieri per gli oppressi e i poveri.

Ho cercato di contenere il mio scetticismo, davvero, finché non ho letto un po ‘ più a fondo questo contratto tra la Chiesa cattolica e il potere aziendale. Qualche ipotesi su chi si assicurerà che i capi aziendali siano all’altezza del loro accordo?

Conosciuti come i guardiani del capitalismo inclusivo – non scherzo – questi 27 individui devoti e moralmente eccezionali provengono tutti dall’uno per cento. Chiamiamoli i 27 discepoli miliardari del Papa. Persone davvero eccezionali, come il presidente della Fondazione Rockefeller Rajiv Shah, l’amministratore delegato di Mastercard Ajay Banga e l’amministratore delegato di Salesforce Marc Benioff, ora si comporteranno come buoni samaritani, eseguendo la volontà della Santa Sede attorno a un pianeta devastato e stanco. . Ed ecco il trucco: non c’è un solo cardinale vaticano e nemmeno un diacono nell’elenco dei guardiani. Allora, chi veglierà sui guardiani? Sì, l’élite aziendale stessa! Devono aver letto “The Art of the Deal” di Donald Trump.

Il mio scetticismo iniziale è esploso quando è diventato chiaro quali atti di carità il consiglio avrebbe promosso: “I Guardiani si riterranno responsabili, impegnandosi in un elenco di azioni previste che coinvolgono questioni ambientali, sociali e di governance”, ha riferito Forbes. “I Guardiani … hanno detto che hanno in programma di assumere e promuovere più donne, aumentare la quota di assunzioni tra le diverse razze, impegnarsi per l’energia pulita acquistando il 100% di elettricità rinnovabile, ridurre le emissioni di gas serra …” Yada, yada, yada.

Perdonami, padre, ma suona molto come la controversa piattaforma progressiva propagandata da Joe Biden e Kamala Harris che ha diviso gli Stati Uniti a metà. In altre parole, questo matrimonio empio ha già alienato almeno la metà della popolazione statunitense, che teme che una presidenza Biden preannunci un’era di socialismo in America.

Il motivo del sospetto dovrebbe essere ovvio. A parte l’assurdità di lasciare che le società orientate al profitto facciano da guardiane a se stesse, ora viviamo in un’epoca in cui questi colossi fuori controllo non si accontentano più di vendere i loro prodotti ai consumatori; hanno preso una posizione seria su questioni culturali e politiche, che molte persone trovano inaccettabili ma che devono sopportare in silenzio con un sorriso.

Utilizzando i loro profitti dalla spesa dei consumatori, aziende come Coca-Cola possono lanciare una campagna pubblicitaria Sprite estremamente controversa, ad esempio, che promuove uno stile di vita transgender e che sarà vista da milioni di bambini impressionabili. O che dire della pubblicità massicciamente deludente (e sgradita) di Gillette che ha messo in discussione la cosiddetta “mascolinità tossica”. Sono queste le “altre iniziative” che le corporazioni imporranno a un pubblico ignaro con il marchio dell’autorità papale? Personalmente, non ho mai sentito Papa Francesco parlare contro queste idee estremamente provocatorie.

Forse ancora più preoccupante è che molte aziende, costrette a dimostrare di prendere posizione a favore dell’ultima cause elitaria, sono salite con entusiasmo a bordo del carrozzone di Black Lives Matter, i cui critici – che non mancano anche tra i neri – sostengono che rema a svantaggio di altre razze, non ultimi gli americani bianchi, che sono diventati la rovina della civiltà occidentale dall’oggi al domani.

È questo il tipo di “uguaglianza” che le grandi imprese promuoveranno con la tranquilla benedizione del Vaticano? Nel loro tentativo di diventare più “uguali e diversificati”, le aziende inizieranno a promuovere particolari gruppi di persone a spese di altri? Dopotutto, l’amministrazione Trump è stata semplicemente costretta a intraprendere un’azione esecutiva contro la “teoria critica della razza” all’interno del governo, mentre tra il mondo accademico sta dilagando in questo momento il concetto secondo cui l’uomo bianco e un male ed e` intrinsecamente cattivo. Siamo sull’orlo di una nuova era di razzismo negli Stati Uniti e altrove, dove la situazione storica viene ribaltata con l’aiuto delle multinazionali americane?

Fonte

5fd397472030275cf10b2508

Neovitruvian

La censura dei social media e` sempre piu` pesante aiutami a sopravvivere con una donazione

2,00 €

Informazioni su neovitruvian

Non fidatevi dei vostri occhi, sono facilmente ingannabili, ricercate in voi stessi quella forza che vi permette di distinguere il vero dal falso. Il mondo così come è non va. Mi basta questo.

Pubblicato il 16 dicembre 2020, in Uncategorized con tag , , , , , , , , , . Aggiungi il permalink ai segnalibri. 1 Commento.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.

<span>%d</span> blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: