Beethoven era nero? In una societa` normale la risposta sarebbe no, tuttavia non viviamo piu` in una societa` “normale”

Beethoven non era nero. Ma, a causa dei tempi “woke” in cui viviamo, la razza del famoso compositore è ancora oggetto di accesi dibattiti. Che bel modo per celebrare il suo 250esimo compleanno.
Giovedì era il 250 ° compleanno di Ludwig van Beethoven e il Centro di Belle Arti di Bruxelles ha celebrato l’iconico compositore in modo veramente moderno: esponendo l’opera del 2004 dell’artista Terry Adkins ‘Synapse’ – un video che ritrae il viso di Beethoven che si trasforma in quello di un giovane uomo nero con i dreadlocks.

Il video fa parte della serie “Black Beethoven” di Adkins e la trasformazione dovrebbe riflettere la “riluttanza dell’artista a risolvere il dibattito sulla razza di Beethoven”.

Aspetta un attimo: c’è un dibattito?

Ebbene sì e no. Beethoven non era nero. Nato a Bonn, in Germania, da genitori fiamminghi nel 1770, il compositore era a tutti gli effetti bianco come la neve. Tuttavia, un’incisione del 1814 di Beethoven lo raffigura con una carnagione scura, e le voci di un antenato moro alimentarono la speculazione che Beethoven potrebbe essere stato un po ‘ meno bianco di quanto si pensasse in precedenza.

Quando gli attivisti per i diritti civili negli Stati Uniti non si sono fatti scrupoli. “Beethoven era nero come me e te”, ha detto l’attivista Stokely Carmichael a una folla a Seattle negli anni ’60, “ma non ce lo dicono”. La rivista Rolling Stone pubblicò persino una storia nel 1969 in cui dichiarava “Beethoven era nero e orgoglioso!”

Era un semplice motto in un momento in cui gli afroamericani avevano appena vinto i loro diritti civili e in cui il razzismo era una forza sempre presente nel paese. Ma non era fondato sulla realtà.

Mezzo secolo dopo, sta diventando un dato di fatto. Nessuno sano di mente tenterebbe di rivendicare Duke Ellington o Louis Armstrong come bianchi, e Barack Obama è ancora nero, nonostante le sue lontane radici irlandesi. Allora perché stiamo facendo l’opposto? E perché adesso?

Abbiamo canonizzato George Floyd quest’estate. Mentre la sua bara tempestata di oro girava in America come il reliquiario di un santo. I nostri dirigenti aziendali hanno promesso fedeltà e dollari a Black Lives Matter (BLM) e funzionari governativi negli Stati Uniti hanno temporaneamente sospeso i lockdown del coronavirus per consentire marce e rivolte in onore di Floyd.

Ma anche prima, abbiamo dato un’occhiata ai nostri libri di storia e abbiamo pensato: “Caspita, potremo avere piu` persone di colore”.

La modella nera Jodie Turner-Smith è stata scelta da Channel 5 del Regno Unito a ottobre per interpretare la regina d’Inghilterra del XVI secolo Anne Bolena, una donna decisamente bianca. Allo stesso modo, la BBC ha scelto un Achille nero, mentre gli spettatori americani sono stati intrattenuti da un George Washington nero in “Hamilton” e gli inglesi con un re Lear nero, tra le altre ricolorazioni postume.

Sapevi che la regina Charlotte d’Inghilterra e Jackie Onassis erano nere? Potrebbero sembrare bianchi, ma la folla woke ha deciso di reinterpretare la “regola della goccia” dell’era di Jim Crow per rivendicarli come tali, e chi siamo noi per dire altrimenti?

Dopotutto, nel 2020 il nero non è un colore. È uno stato d’animo. Chiedete a Shaun “Talcum X” King, Rachel “Trans-Black” Dolezal o uno qualsiasi degli attivisti del BLM che fingevano di essere neri per andare avanti nel movimento.

Chissà? Forse se Beethoven fosse vivo oggi, parlerebbe delle sue radici moresche e scriverebbe sonate per George Floyd. Ma non lo è, quindi è solo questione di immaginazione, proprio come le speculazioni sulla sua razza.

Fonte

5fddc9f1203027491416e25a

Neovitruvian

La censura dei social media e` sempre piu` pesante, aiutami a sopravvivere con una donazione

2,00 €

Informazioni su neovitruvian

Non fidatevi dei vostri occhi, sono facilmente ingannabili, ricercate in voi stessi quella forza che vi permette di distinguere il vero dal falso. Il mondo così come è non va. Mi basta questo.

Pubblicato il 21 dicembre 2020, in Uncategorized con tag , , , , , . Aggiungi il permalink ai segnalibri. Lascia un commento.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: