10 profezie degli allarmisti climatici che si sono rivelate un fiasco nel 2020

Molto prima che Beto O’Rourke affermasse che al mondo erano rimasti solo 10 anni per gli esseri umani per agire contro il cambiamento climatico, gli allarmisti hanno trascorso decenni a prevedere uno scenario da giorno del giudizio dopo l’altro, ognuno dei quali non si è materializzato.

Molte di quelle previsioni menzionavano specificamente l’annus horribilus del 2020. Anche quelle previsioni non si sono avverate, alcune in modo piuttosto spettacolare.

Steve Milloy, un ex membro del team di transizione Trump / Pence EPA e fondatore di JunkScience.com, ha compilato dieci previsioni climatiche per il 2020 che non si sono realizzate.

1. LA TEMPERATURA GLOBALE MEDIA E` AUMENTATA DI 3 GRADI CELSIUS

Screenshot dell’edizione del 2 ottobre 1987 del Star-Phoenix di Saskatoon

Nel 1987, lo Star-Phoenix di Saskatoon, Saskatchewan, Canada, citò James Hansen del Goddard Institute for Space Studies della NASA a New York. Il suo modello prevedeva un aumento medio della temperatura “tra la metà e un grado Celsius entro la fine degli anni ’90”.

“E entro 15-20 anni, la terra sarà più calda di quanto non sia stata negli ultimi 100.000 anni”, ha detto Hansen. Secondo lo Star-Phoenix, il suo modello prevedeva che “entro il 2020 avremo un aumento medio della temperatura di circa tre gradi [Celsius], con estremi ancora maggiori”.

Milloy ha citato l’ex climatologo della NASA Roy Spencer, i cui dati suggeriscono che le temperature globali sono aumentate di 0,64 gradi Celsius dal 1987. La National Oceanic and Atmospheric Association (NOAA) mostra un aumento di circa 0,5 gradi Celsius dal 1987.

  1. EMISSIONI GLOBALI
    Nel 1978, The Vancouver Sun ha citato un articolo sulla rivista Science. Il ricercatore dell’Università di Washington Minze Stuiver ha previsto che la concentrazione di CO2 nell’atmosfera sarà raddoppiata entro il 2020. “Apprendiamo che se le tendenze attuali continuano, la concentrazione di CO2 sarà raddoppiata entro il 2020. In 40-80 anni – la concentrazione di CO2 sarà da cinque a 10 volte il suo livello attuale “.

La CO2 nell’atmosfera, tuttavia non si è neppure avvicinata al raddoppio dal 1978. Secondo il NOAA, nel marzo 1978, quando il Sun pubblicò questo articolo, c’erano 335 parti per milione di CO2 nell’atmosfera. Nel febbraio 2020, la NOAA ha riportato 413 parti per milione nell’atmosfera. Ciò rappresenta un aumento del 23 percento, ben lungi dal raddoppiare la concentrazione (che sarebbe 670 parti per milione).

  1. EMISSIONI DALL’INDIA E DALLA CINA
    Nel dicembre 2009, il The Springfield News-Leader ha riferito che l’India e la Cina si erano impegnate a ridurre le emissioni entro il 2020. “Il mondo in via di sviluppo, per la prima volta, offre le proprie soluzioni – non riduzioni dirette, ma progetti di energia pulita e altri passaggi che diminuiranno la crescita delle loro emissioni “.

“La Cina afferma che, entro il 2020, ridurrà i gas dal 40 al 45 per cento al di sotto del ‘normale’, vale a dire, in base ai dati del 2005, per l’energia utilizzata rispetto al contributo economico. L’India offre un rallentamento del 20-25% nella crescita delle emissioni “.

Sebbene queste proiezioni fossero più promesse che previsioni, sono completamente fallite. India e Cina hanno aumentato le loro emissioni di carbonio dal 2005. Secondo la Banca Mondiale, l’India ha emesso 1,2 milioni di kilotoni di CO2 nel 2005 e 2,4 milioni di kilotoni di CO2 nel 2018. La Cina, nel frattempo, ha emesso 5,9 milioni di chilotoni nel 2005 e 9,9 milioni di chilotoni nel 2016, con un aumento del 168%.

  1. NIENTE NEVE SUL MONTE KILIMANJARO

Screenshot del Vancouver Sun che riporta la previsione di uno scienziato che le nevi del Monte Kilimanjaro scompariranno entro il 2020.

Nel 2001, il The Vancouver Sun ha riportato che “Le nevi del Kilimanjaro svaniranno entro il 2020”.

“‘A questo ritmo, tutto il ghiaccio sarà sparito tra il 2010 e il 2020”, ha detto Lonnie Thompson, geologo presso la Ohio State University. ‘E questa è probabilmente una stima prudente. “

Anche il documentario di Al Gore del 2006 An Inconvenient Truth prevedeva che non ci sarebbe stata neve sul Kilimanjaro nel 2020.

Eppure, nel febbraio 2020, il Times di Londra ha riferito che ” la neve del Kilimanjaro sfida le cupe previsioni di Al Gore”.

“La neve ha sicuramente fatto parlare i miei clienti”, ha detto al Times Methley Swai, proprietario della società di trekking Just-Kilimanjaro. “Molte persone hanno fatto del Kilimanjaro una priorità nella lista dei desideri a causa della profezia di Al Gore, ma quando arrivano qui sono piacevolmente sorpresi di trovare molta neve”.

5. INNALZAMENTO DEL LIVELLO DEL MARE IN FLORIDA

Il rapporto del Miami Herald prevede un aumento del livello del mare di 2 piedi in Florida entro il 2020.

Nel 1986, Jim Titus dell’Agenzia per la protezione ambientale aveva previsto che il livello del mare intorno alla Florida sarebbe salito di due piedi entro il 2020, ha riferito il Miami Herald.

Secondo il NOAA, il livello del mare a Virginia Key è aumentato di circa 9 centimetri, che equivale a 3,54 pollici.

Grafico NOAA del livello del mare a Virginia Key, Florida.

  1. NEVE RARISSIMA
    Nel marzo 2000, David Viner, ricercatore senior presso l’unità di ricerca climatica dell’Università dell’East Anglia in Inghilterra, ha previsto che le nevicate invernali diventeranno “un evento molto raro ed emozionante”, ha riferito il The Independent.

“I bambini non sapranno cosa sia la neve”, ha detto Viner.

Di tanto in tanto tornerà la neve, ha predetto Viner. “Diventera` qualcosa di sorpredente. La neve probabilmente causerà il caos tra 20 anni “, ha detto.

A tale proposito. La neve è ancora molto diffusa nel Regno Unito e gli spazzaneve scozzesi, chiamati “gritters”, sono stati all’altezza del compito. In alcune zone della Scozia sono nevicati circa 10 centimetri di neve all’inizio di dicembre 2020, secondo quanto riportato dal Daily Record. “Traffic Scotland afferma che la sua attuale flotta invernale è composta da 213 veicoli disponibili”.

  1. LE ECONOMIE DELLE ISOLE DEL PACIFICO VERRANNO DISTRUTTE
    Nell’ottobre 2000, un rapporto di Greenpeace prevedeva che il riscaldamento globale “potrebbe causare un massiccio declino economico in almeno 13 minuscole nazioni del Pacifico nei prossimi 20 anni”, ha riportato il quotidiano australiano The Age. Il riscaldamento globale devasterebbe la maggior parte delle barriere coralline del Pacifico, distruggendo le industrie del turismo e della pesca delle piccole nazioni del Pacifico.

“Nello scenario peggiore esaminato, entro il 2020 alcune nazioni melanesiane perderebbero dal 15 al 20 per cento del loro prodotto interno lordo, valutato da circa 1,9 miliardi di dollari [in dollari americani] a 2,3 miliardi di dollari, mentre altre nazioni principalmente polinesiane sono ancora più vulnerabili e potrebbero perdere tra i 4 ei 5 miliardi di dollari a causa dei cambiamenti climatici ”, avverte il rapporto.

“Lo studio mostra che le nazioni più vulnerabili del Pacifico sono Tuvalu e Kiribati, l’ospite del Forum delle Isole del Pacifico di quest’anno, seguite dalle Isole Cook, Palau, Tonga e la Polinesia francese”, ha riferito The Age.

Tuttavia, secondo il Ministero delle finanze di Tuvalu, “Le entrate raccolte dall’accesso alla pesca sono aumentate da circa 10 milioni di dollari [dollari australiani] nel 2012 a 13,6 milioni di dollari nel 2014, fino alla situazione attuale in cui le entrate annuali sono superiori a 30 milioni di dollari”.

“Il bilancio 2019 riporta che Tuvalu ha goduto di sei anni consecutivi di crescita economica senza precedenti” grazie all’aumento dei ricavi da licenze di pesca e progetti infrastrutturali back-to-back finanziati e amministrati dai partner di sviluppo “, ha riferito il ministero .

Anche Kiribati ha goduto di una sana crescita del PIL negli ultimi cinque anni. Come con tante previsioni sull’armageddon climatico, la grande fine delle economie del Pacifico non si è concretizzata.

  1. CONFLITTO GLOBALE E GUERRA NUCLEARE
    Nel 2004, The Guardian ha riferito su un rapporto del Dipartimento della Difesa che prevedeva che il cambiamento climatico potrebbe essere la più grande minaccia alla sicurezza nazionale americana. Tra le altre cose, il rapporto prevedeva una guerra nucleare, un conflitto endemico per le risorse e città europee sott’acqua entro il 2020.

Il rapporto del Pentagono afferma che si puo` raggiungere la pace quando le risorse aumentano o quando le popolazioni muoiono. “Ma tali periodi di pace sono di breve durata perché la popolazione aumenta rapidamente sfidando ancora una volta la capacità di sussistenza del pianeta e la guerra riprende”. Nei tempi moderni, le vittime sono diminuite, ma “tutti questi comportamenti progressisti potrebbero venire a mancare se le capacità di sussistenza, ovunque, venissero improvvisamente ridotte drasticamente dagli effetti del cambiamento climatico”.

Sara` guerra totale, intensificandosi fino alla guerra nucleare, prevedeva il rapporto. “In questo mondo di stati in guerra, la proliferazione di armi nucleari è inevitabile”.

Non solo la guerra nucleare non si e` materializzata, ma il mondo è diventato più pacifico negli ultimi 30 anni. I matematici dell’Università di York hanno creato un algoritmo per misurare le morti sul campo di battaglia e hanno scoperto un “brusco spostamento verso un maggiore livello di pace nei primi anni ’90”.

  1. SCOMPARSA DEL GHIACCIO ARTICO
    Nell’aprile 2013, la Lancaster Eagle-Gazette ha riferito che gli scienziati del NOAA avevano previsto “un Artico senza ghiaccio dal 2020 a dopo il 2040”.

“È ragionevole concludere che la scomparsa del ghiaccio artico si verifichera molto probabilmente nella prima metà piuttosto che nella seconda metà del 21 ° secolo, con la possibilita` che sparisca entro un decennio o due”, ha affermato il documento.

Secondo il National Snow and Ice Data Center (NSIDC) presso l’Università del Colorado-Boulder, c’erano 3,9 milioni di chilometri quadrati di ghiaccio marino nel Mar Artico al suo minimo annuale nel settembre 2020.

  1. GHIACCIAI DEL NATIONAL PARK SCOMPARSI
    Nel marzo 2009, l’ecologo del Servizio Geologico degli Stati Uniti Daniel Fagre aveva previsto che i ghiacciai del National Park del Montana sarebbero scomparsi entro il 2020.

“L’attuale ricerca di Fagre rivela che le temperature nel ghiacciaio del National Park sono aumentate più di quanto previsto nel 1992. Si prevede che i ghiacciai del Montana scompariranno entro il 2020”, ha riportato il Los Angeles Times.

Entro il 2010, il Glacier National Park ha eretto cartelli che avvertivano che i suoi ghiacciai caratteristici sarebbero scomparsi

Sarebbe sparito entro il 2020. Quest’anno, il parco si è affrettato a cambiare i cartelli poiché i ghiacciai erano ancora li. In verità, l’US Geological Survey ha avvertito il parco nel 2017 che il modello di previsione non prevedeva più un 2020 senza ghiacciai, ma una portavoce del parco ha detto alla CNN che il parco non aveva abbastanza soldi per cambiare i cartelli.

Il parco ha modificato i cartelli più importanti nel 2019, ma era ancora in attesa dell’autorizzazione del budget per aggiornare i cartelli in altre due posizioni.

I nuovi segni diranno: “Quando scompariranno completamente dipende da come e quando agiamo. Una cosa è certa: i ghiacciai nel parco si stanno restringendo “.


Gli allarmisti climatici hanno fatto profezie per più di 50 anni e le loro previsioni falliscono sempre e comunque. Nel 2018, le minuscole isole delle Maldive avrebbero dovuto affondare sotto le onde a causa dei cambiamenti climatici, ma negli ultimi anni le isole sono effettivamente cresciute!

La verità è che il clima è una scienza estremamente complicata che rimane poco compresa.

Fonte

969ba24e-bf72-4591-889f-a792493cae58-730x487-1

Neovitruvian

La censura dei social media e` sempre piu` pesante, aiutami a sopravvivere con una donazione

2,00 €

Informazioni su neovitruvian

Non fidatevi dei vostri occhi, sono facilmente ingannabili, ricercate in voi stessi quella forza che vi permette di distinguere il vero dal falso. Il mondo così come è non va. Mi basta questo.

Pubblicato il 6 gennaio 2021, in Uncategorized con tag , , , , , , , , , , . Aggiungi il permalink ai segnalibri. 1 Commento.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: