La Microsoft assieme ad una grande coalizione di giganti tecnologici sta sviluppando passaporti COVID finanziati da Rockefeller

Lo sforzo vaccinale più significativo nella storia

Una coalizione di grandi aziende tecnologiche, inclusa Microsoft, sta sviluppando un passaporto COVID, con l’aspettativa che per viaggiare e accedere ai servizi di base sarà necessario un documento digitale collegato al proprio registro vaccinale. Il gruppo si chiama Vaccination Credential Initiative (VCI) e include Microsoft, Salesforce e Oracle.

https://www.cnbc.com/video/2021/01/14/tech-and-health-firms-launch-covid-vaccine-credential-standards.html

Anche l’operatore sanitario statunitense Mayo Clinic è coinvolto nel progetto, che viene descritto come “lo sforzo di vaccinazione più significativo nella storia degli Stati Uniti”. L’idea ora è familiare. Chiunque sia stato vaccinato riceverà un codice QR che può essere memorizzato sul proprio cellulare nell’app wallet. Quelli senza telefono avranno accesso a una versione stampata.

Abbiamo precedentemente riferito sullo sviluppo di questo cosiddetto “CommonPass“, che ha anche il sostegno del Forum economico mondiale, e ora sono emersi ulteriori dettagli.

“L’obiettivo della Vaccination Credential Initiative è consentire alle persone di avere accesso digitale ai propri registri di vaccinazione”, ha affermato Paul Meyer, CEO dell’organizzazione no profit The Commons Project, anch’essa coinvolta nel progetto.

Meyer ha affermato che il documento consentirà alle persone di “tornare in sicurezza a viaggiare, lavorare, andare a scuola e vivere la propria vita, proteggendo al contempo la privacy dei propri dati”. Meyer ha affermato che la coalizione sta lavorando con diversi governi e si aspetta che vengano adottati standard che vedranno test negativi obbligatori o prove di vaccinazione, al fine di reinserirsi nella società. “Gli individui dovranno produrre documenti di vaccinazione per tornare alla vita normale”, ha aggiunto. “Viviamo in un mondo connesso a livello globale.

Il Financial Times riporta che The Commons Project ha ricevuto finanziamenti per il progetto dalla Rockefeller Foundation e che è stato implementato da tutte e tre le principali alleanze di compagnie aeree. La Fondazione Rockefeller ha precedentemente pubblicizzato i suoi piani per una “piattaforma digitale di dati sul Covid-19”, nonché il desiderio di “lanciare un Corpo sanitario comunitario Covid per test e tracciamento dei contatti”. “Il coordinamento di un programma così massiccio dovrebbe essere trattato come uno sforzo in tempo di guerra”, afferma la fondazione sul suo sito web, aggiungendo che dovrebbe esserci “una commissione bipartisan per i test pandemici istituita per assistere e servire da ponte tra locale, stato, e funzionari federali con le sfide logistiche, di investimento e politiche che questa operazione dovrà inevitabilmente affrontare “.

Il gruppo vuole anche vedere una standardizzazione globale dei cosiddetti passaporti dei vaccini, osservando che “L’attuale sistema di registrazione delle vaccinazioni non supporta prontamente un accesso conveniente, il controllo e la condivisione di documenti di vaccinazione verificabili”.

La coalizione di grandi aziende tecnologiche sta cercando di “personalizzare tutti gli aspetti del ciclo di vita della gestione delle vaccinazioni e integrarsi strettamente con le offerte di altri membri della coalizione, che ci aiuteranno tutti a tornare alla vita pubblica”, ha affermato Bill Patterson, vicepresidente esecutivo di Salesforce . “Con un’unica piattaforma per aiutare a fornire operazioni sicure e continue e rafforzare la fiducia con clienti e dipendenti, questa coalizione sarà cruciale per sostenere la salute pubblica e il benessere”, ha affermato Patterson.

Mike Sicilia, vicepresidente esecutivo delle Global Business Unit di Oracle, ha aggiunto che “Questo processo deve essere semplice quanto il banking online. Ci impegniamo a lavorare collettivamente con le comunità tecnologiche e mediche, nonché con i governi globali “.

Ken Mayer, fondatore e CEO di Safe Health, ha anche affermato che il VCI “consentirà agli sviluppatori di applicazioni di creare soluzioni di verifica dello stato di salute che preservano la privacy che possono essere perfettamente integrate con i sistemi esistenti”. In parole povere, “aiuterà a far ripartire i concerti e gli eventi sportivi”, ha detto Mayer.

Il contesto sembra chiaro. Coloro che non hanno il passaporto COVID non potranno viaggiare o partecipare a eventi sociali. Centinaia di aziende tecnologiche si stanno arrampicando su se stesse per sviluppare sistemi di passaporti COVID. Come abbiamo riportato il mese scorso, la IATA, il più grande gruppo di lobby del trasporto aereo del mondo, prevede che la sua app COVID per i pass di viaggio sarà lanciata nei primi mesi del 2021. Un’altra app “passaporto COVID” chiamata AOKpass della società di sicurezza di viaggio International SOS è attualmente in fase di sperimentazione tra Abu Dhabi e il Pakistan.

Abbiamo documentato in modo esauriente le preoccupazioni relative alla privacy e ai diritti associate al passaggio all’adozione e, cosa più importante, alla standardizzazione globale dei cosiddetti passaporti COVID.

Il gruppo per i diritti umani con sede nel Regno Unito Privacy International ha avvertito che se i passaporti “immunitari” verranno rilasciati da alcuni governi, potrebbe segnalare un passo verso “schemi di identità digitale” e altri schemi di identificazione obbligatori. “Una volta che hai più usi (ad es. Accesso ai servizi) in più domini (ad es. Settore pubblico, settore privato), in più paesi (ad es. Viaggi), ci stiamo avvicinando a un documento di identità globale necessario per vivere la tua vita”, ha avvertito il gruppo .

Il gruppo svedese per i diritti umani L’Istituto internazionale per la democrazia e l’assistenza elettorale (IDEA) ha recentemente avvertito che il 61% dei paesi ha utilizzato le restrizioni COVID e “che erano preoccupanti dal punto di vista della democrazia e dei diritti umani”.

Anna Beduschi, accademica dell’Università di Exeter, ha commentato il potenziale passaggio verso i passaporti per i vaccini da parte dell’UE, sottolineando che “pone domande essenziali per la protezione della privacy dei dati e dei diritti umani”. Beduschi ha aggiunto che i passaporti dei vaccini possono “creare una nuova distinzione tra gli individui in base al loro stato di salute, che può quindi essere utilizzata per determinare il grado di libertà e diritti di cui possono godere”.

Il capo della protezione dei dati dell’UE, Wojciech Wiewiórowski, ha recentemente etichettato l’idea di un passaporto di immunità “estrema” e ha ripetutamente affermato che è allarmante e “disgustoso”. Un rapporto compilato l’anno scorso dall’ente di ricerca sull’intelligenza artificiale dell’Ada Lovelace Institute ha affermato che i cosiddetti passaporti “immunità” “rappresentano rischi estremamente elevati in termini di coesione sociale, discriminazione, esclusione e vulnerabilità”.

Sam Grant, responsabile della campagna presso il gruppo di difesa delle libertà civili Liberty, ha avvertito che “qualsiasi forma di passaporto per l’immunità rischia di creare un sistema a due livelli in cui alcuni di noi hanno accesso alle libertà e al supporto mentre altri sono esclusi”. “Questi sistemi potrebbero far sì che le persone che non hanno l’immunità vengano potenzialmente bloccate dai servizi pubblici essenziali, dal lavoro o dagli alloggi – con i più emarginati tra noi come i più colpiti”, ha ulteriormente avvertito Grant. “Questo ha anche implicazioni più ampie perché qualsiasi forma di passaporto immunitario potrebbe aprire la strada a un sistema di identificazione completo – un’idea che è stata ripetutamente rifiutata in quanto incompatibile con la costruzione di una società che rispetti i diritti”, ha ulteriormente sollecitato Grant.

Gloria Guevara, CEO del World Travel and Tourism Council (WTTC), ha anche criticato i passaporti come “discriminatori“, dicendo “Non dovremmo mai richiedere la vaccinazione per ottenere un lavoro o per viaggiare”. Parlando a un evento Reuters, il capo del WTTC ha anche condannato la compagnia aerea Qantas per la sua precedente affermazione secondo cui le persone non vaccinate non sarebbero state ammesse sui loro aerei. “Ci vorrà molto tempo per vaccinare la popolazione mondiale, in particolare quelli nei paesi meno avanzati, o in diverse fasce d’età, quindi non dovremmo discriminare coloro che desiderano viaggiare ma non sono stati vaccinati”, ha osservato Guevara. Tuttavia, lo spettro dei cosiddetti “passaporti dell’immunità” si profila a livello globale.

Come notato in precedenza, il primo ministro greco Kyriakos Mitsotakis ha scritto una lettera al capo della Commissione europea Ursula von der Leyen, chiedendo che la Commissione dovrebbe “ standardizzare ” un passaporto per i vaccini in tutti i paesi membri e che dovrebbe essere richiesto alle persone per viaggiare in tutta l’area, sottolineando ulteriormente che “le persone che sono state vaccinate dovrebbero essere libere di viaggiare”. La richiesta dovrebbe essere discussa nei prossimi giorni. I passaporti vaccinali sono stati precedentemente pubblicizzati dall’UE, con funzionari che hanno suggerito ad aprile che anche i richiedenti il ​​visto avrebbero dovuto essere vaccinati.

I paesi dell’UE tra cui Spagna, Estonia, Islanda e Belgio hanno tutti indicato di essere aperti a qualche forma di passaporto per i vaccini, oltre a condividere i dati oltre confine. La Danimarca ha recentemente annunciato che sta lanciando un “passaporto Covid”, per consentire a coloro che hanno assunto il vaccino di impegnarsi nella società senza restrizioni. La Polonia ha anche annunciato l’intenzione di introdurre passaporti vaccinali, che consentiranno a coloro che hanno preso il COVID di ottenere maggiori libertà rispetto a coloro che non l’hanno fatto. Avendo lasciato l’UE, la Gran Bretagna non farebbe parte di alcun programma europeo standardizzato, tuttavia ha ora confermato che sta distribuendo passaporti per i vaccini, nonostante le precedenti negazioni .

Recentemente, il governo dell’Ontario, in Canada, ha ammesso che sta esplorando i “passaporti dell’immunità” in combinazione con le restrizioni sui viaggi e l’accesso ai luoghi sociali per i non vaccinati.

Il mese scorso, Israele ha annunciato che i cittadini che ricevono il vaccino COVID-19 riceveranno “passaporti verdi” che consentiranno loro di frequentare i locali e mangiare nei ristoranti. Una litania di altre figure del governo e dell’industria dei viaggi negli Stati Uniti, in Gran Bretagna e altrove hanno suggerito che i “passaporti COVIDstanno arrivando affinché la “vita torni alla normalità”. Inoltre, gli hotel hanno indicato che sfrutteranno tale soluzione.

Gli assicuratori hanno anche indicato che saranno in linea con qualsiasi standardizzazione dei passaporti per le vaccinazioni e potrebbero chiedere di vedere la prova della vaccinazione prima di coprire coloro che desiderano andare in vacanza.

L’International Travel and Health Insurance Journal ha riferito che “Se l’UE obbliga i viaggiatori a vaccinarsi, i fornitori di assicurazioni di viaggio potrebbero rifiutarsi di coprire coloro che rifiutano di farsi vaccinare”.

Il sito web di notizie dell’UE Schengenvisainfo ha anche riferito della probabile mossa degli assicuratori, sottolineando che gli anti-vaxx saranno probabilmente specificamente presi di mira dai mandati. “Anche se i viaggiatori anti-vax trovano una scappatoia nell’obbligo e riescono a entrare in uno degli Stati membri, i fornitori di assicurazioni di viaggio possono rifiutarsi di coprirli”, afferma il rapporto. Continua: “Con l’elevato volume di notizie false e teorie del complotto che sono in corso da mesi sulla pandemia e la vaccinazione, la vera sfida per l’UE non sarà quella di acquistare le dosi di vaccino necessarie, ma piuttosto convincere le persone a vaccinarsi ” Il rapporto aggiunge che “I teorici della cospirazione, in Europa e nel resto del mondo, hanno preso di mira il fondatore di Microsoft Bill Gates, noto sostenitore della vaccinazione, sostenendo che è responsabile della pandemia di Coronavirus”.

Fonte

gettyimages-1244902634-768x432-1

Neovitruvian

La censura dei social media e` sempre piu` pesante, aiutami a sopravvivere con una donazione

2,00 €

Informazioni su neovitruvian

Non fidatevi dei vostri occhi, sono facilmente ingannabili, ricercate in voi stessi quella forza che vi permette di distinguere il vero dal falso. Il mondo così come è non va. Mi basta questo.

Pubblicato il 15 gennaio 2021, in Uncategorized con tag , , , , , , , , . Aggiungi il permalink ai segnalibri. Lascia un commento.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: