Studio Peer-Reviewed non ha trovato prove riguardo al fatto che il “lockdown” sia effettivo nel fermare la diffusione del coronavirus

I liberali solitamente contestano Fox News e i politici repubblicani. Ma cosa succede quando uno studio peer review esce da una delle loro ambite e prestigiose università in California, dimostrando potenzialmente che la loro reazione collettiva al Covid potrebbe essere stata completamente inutile e, di conseguenza, potrebbe aver fatto eccezionalmente più male che bene?

In questo senso, sembra una buona idea sottolineare che un nuovo studio peer review di Stanford sta mettendo in dubbio l’efficacia dei lockdown e degli ordini stay-at-home (che chiama NPI o interventi non farmaceutici) per combattere Covid -19. L’autore principale dello studio è un professore associato presso il Dipartimento di Medicina di Stanford.

“Lo studio non ha trovato prove a sostegno dell’efficacia degli NPI nel prevenire la diffusione”, secondo Outkick, che ha pubblicato il rapporto. Lo studio, co-autorato dal dott.Eran Bendavid, dal professor John P.A. Ioannidis, da Christopher Oh e Jay Bhattacharya, ha studiato gli effetti degli NPI in 10 diversi paesi, tra cui Inghilterra, Francia, Germania e Italia. Lo studio ha concluso che: “In sintesi, non siamo riusciti a trovare prove forti a sostegno del ruolo positivo degli NPI nel controllo di COVID all’inizio del 2020”. In effetti, lo studio non ha rilevato “alcun effetto benefico chiaro e significativo nell’applicazione di NPI più restrittivi sul controllo dei casi”.

Dallo studio: “Nel quadro di questa analisi, non ci sono prove che interventi non farmaceutici più restrittivi (” lockdown “) abbiano contribuito in modo sostanziale a piegare la curva di nuovi casi in Inghilterra, Francia, Germania, Iran, Italia, Paesi Bassi, Spagna o Stati Uniti all’inizio del 2020. Confrontando l’efficacia degli NPI sui tassi di crescita dei contagi nei paesi che hanno implementato misure più restrittive con quelli che hanno implementato misure meno restrittive, l’evidenza indica che gli NPI più restrittivi non hanno fornito ulteriori vantaggi. Mentre modeste diminuzioni della crescita giornaliera (sotto il 30%) non possono essere escluse in alcuni paesi, la possibilità di grandi diminuzioni della crescita giornaliera a causa di NPI più restrittivi è incompatibile con i dati accumulati “.

Lo studio ha persino esaminato il fatto di rimanere a casa come potenziale facilitatore della diffusione del virus: E` possibile che lo stare a casa possa aver facilitato la trasmissione in quanto si aumenta il contatto tra persona e persona in uno spazio chiuso “.

Continua: “Non mettiamo in dubbio il ruolo di tutti gli interventi di sanità pubblica, o delle comunicazioni coordinate sull’epidemia, ma non riusciamo a trovare vantaggi nel chiudere business o ordinare alla gente di stare a casa. I dati non possono escludere completamente la possibilità di alcuni vantaggi. Tuttavia, anche se esistono, questi benefici potrebbero non corrispondere ai numerosi danni di queste misure aggressive. Interventi di salute pubblica più mirati che riducano in modo più efficace le trasmissioni possono essere importanti per il futuro controllo dell’epidemia senza i danni derivanti da misure altamente restrittive “.

Puoi leggere lo studio completo qui.

Fonte

stan

Neovitruvian

La censura dei social media e` sempre piu` pesante, aiutami a sopravvivere con una donazione

2,00 €

Informazioni su neovitruvian

Non fidatevi dei vostri occhi, sono facilmente ingannabili, ricercate in voi stessi quella forza che vi permette di distinguere il vero dal falso. Il mondo così come è non va. Mi basta questo.

Pubblicato il 18 gennaio 2021, in Uncategorized con tag , , , , , , , , , . Aggiungi il permalink ai segnalibri. Lascia un commento.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: