Signal e i loschi collegamenti con la sicurezza nazionale degli Usa

Se l’improvvisa popolarità di Signal ti è sembrata sospetta, potresti essere interessato a qualcosa: l’app è almeno parzialmente finanziata attraverso la sicurezza nazionale degli Stati Uniti.

Il 4 gennaio, WhatsApp ha annunciato modifiche radicali alle sue politiche sulla privacy, che hanno interessato la maggior parte dei suoi circa due miliardi di utenti a livello globale.

Le regole mal spiegate sono state interpretate da molti come una prova che il servizio di messaggistica stava per iniziare a condividere i dati privati degli utenti, comprese le loro conversazioni, con la società madre Facebook, e in risposta milioni di persone in tutto il mondo hanno iniziato a scegliere servizi di messaggistica alternativi.

Le destinazioni più comuni per gli esiliati di WhatsApp erano, e rimangono, Signal e Telegram. Per motivi poco chiari, mentre i dati disponibili suggeriscono che quest’ultimo abbia ricevuto molti piu` utenti rispetto al primo, i notiziari aziendali si sono concentrati in modo schiacciante sull’aumento di sottoscrizioni di Signal.

Gran parte di questa copertura è stata molto favorevole: ad esempio, il 24 gennaio The Guardian ha pubblicato una lunga spiegazione intitolata “È ora di lasciare WhatsApp, Signal e` la risposta?” Il titolo ha avuto una risposta molto affermativa, nella misura in cui ai lettori sono stati offerti consigli su come persuadere i loro contatti a fare altrettanto.

La conversione damascena dei media alla causa della comunicazione crittografata è piuttosto incongrua. Con poche eccezioni degne di nota, le notizie sui sistemi di crittografia end to end è in genere neutra, se non addirittura condannata, in quanto viene vista come una sorta di rifugio per donnaioli, spacciatori, pedofili, assassini e chiunque abbia qualcosa di sinistro da nascondere in generale.

Tali prospettive riflettono fortemente le posizioni pubbliche dei governi e dei servizi di sicurezza in tutto il mondo, per i quali la crittografia end-to-end è per definizione un danno estremo, riducendo in modo significativo il monitoraggio e la raccolta delle comunicazioni dei cittadini. I sostenitori della privacy sostengono che le ansie spesso espresse dalle autorità riguardo alla crittografia che fornisce uno “spazio sicuro” per i criminali e simili sono una cinica cortina fumogena per giustificare repressioni sul loro utilizzo e disponibilità.

Qualunque sia la verità della questione, gli sforzi per limitare l’accesso alla crittografia end-to-end sono in corso in modo dimostrabile, ma sono stati prevalentemente in gran parte non criticati, se non addirittura trascurati. Ora, però, i notiziari sembrano ampiamente presi dalla febbre della crittografia.

In una palpabile illustrazione di questo brusco cambiamento di paradigma, solo tre giorni prima che sollecitasse efficacemente i suoi lettori a installare Signal, The Guardian ha criticato i piani di Facebook di implementare la crittografia end-to-end su tutte le sue piattaforme di messaggistica, sulla base del fatto che la mossa poteva nuocere agli sforzi per ridurre lo sfruttamento dei minori.

“A COSTO ZERO IN TUTTO IL MONDO”
Una seria discussione sulla storia di Signal e sulle fonti di finanziamento è stata del tutto assente – un’omissione forse prevedibile data la centralità della sicurezza nazionale degli Stati Uniti nel finanziamento, creazione e promozione dell’app.

Signal è stato lanciato dall’ormai defunto Open Whisper Systems (OWS) nel 2013, da un’idea dell’oscuro guru della tecnologia “Moxie Marlinspike”, vero nome Matthew Rosenfeld. Nel febbraio 2018, la responsabilità della gestione dell’app è passata all’organizzazione no profit Signal Foundation, lanciata con un capitale di avvio di $ 50 milioni fornito dal miliardario ex dirigente di Facebook Brian Acton, presidente esecutivo della Fondazione.

OWS non ha mai pubblicato bilanci né divulgato le identità dei suoi finanziatori in nessun momento durante la sua operazione, sebbene le somme necessarie per il lancio e il mantenimento di una piattaforma di messaggistica utilizzata da un vasto numero di persone a livello internazionale per diversi anni siano state sicuramente significative.

Rosenfeld sostiene che l’app “non ha mai [preso] fondi VC né cercato investimenti” in nessun momento durante quel periodo, e quanti soldi sono stati coinvolti in totale è un mistero. È chiaro però che almeno $ 2.955.000 sono stati forniti dall’Open Technology Fund (OTF) 2013-2016 e il sito web dell’organizzazione fa riferimento a Signal che è stato “originariamente sviluppato con finanziamenti OTF”.

Il sito ospita anche un profilo OWS dedicato, che si vanta di come OTF “abbia consentito al team OWS di continuare a fornire Signal gratuitamente in tutto il mondo e adattare le proprie operazioni per una base di utenti in crescita”.

L’OTF è stato creato nel 2012 come programma pilota di Radio Free Asia (RFA), una risorsa della US Agency for Global Media (USAGM), a sua volta finanziata dal Congresso degli Stati Uniti per un importo di 637 milioni di dollari all’anno – nell’agosto 2018, il suo allora CEO ha riconosciuto che le priorità dell’outlet “riflettono gli interessi della sicurezza nazionale degli Stati Uniti.

Le origini della RFA risalgono al 1948, quando la direttiva 10/2 del Consiglio di sicurezza nazionale autorizzò ufficialmente la Central Intelligence Agency, allora appena creata, a impegnarsi in operazioni mirate agli stati comunisti, tra cui propaganda, guerra economica, sabotaggio, sovversione e “assistenza alla clandestinità e ai movimenti di resistenza. “

La stazione ha costituito una parte fondamentale di questo sforzo, insieme a Radio Free Europe e Radio Liberation From Bolshevism, poi Radio Liberty – trasmetteva propaganda inesorabile in Cina, Corea del Nord, Vietnam e altrove. Nel 2007, il sito web ufficiale della CIA ha dichiarato che queste iniziative di “guerra psicologica” erano tra le “campagne di azione segreta più longeve e di successo” che gli Stati Uniti abbiano mai organizzato.

Dopo che il ruolo della CIA è stato reso pubblico negli anni ’70, il Congresso ha assunto la direzione e il finanziamento delle stazioni, prima che nel 1999 fossero raggruppate insieme ad altre entità mediatiche statali sotto l’egida del Broadcasting Board of Governors, il precursore di USAGM.

“SISTEMI INTERNET OMBRA”
Il lancio dell’OTF ha fatto seguito al Dipartimento di Stato americano, allora guidato da Hillary Clinton, che perseguiva una politica di “libertà di Internet”, apparentemente uno sforzo per sviluppare strumenti per sovvertire le politiche restrittive di Internet.

Tuttavia, un’estesa indagine del New York Times del giugno 2011 ha evidenziato una ragion d’essere molto più oscura, concludendo che lo sforzo era in realtà un tentativo di distribuire sistemi Internet ombra che i dissidenti potevano utilizzare per minare i governi repressivi”.

Tra queste risorse c’erano le “reti wireless invisibili”, finanziate dal Dipartimento di Stato, che avrebbero consentito agli attivisti “di comunicare al di fuori della portata dei governi in paesi come Iran, Siria e Libia”.

Rafforzando questa conclusione, nel febbraio 2015 Jillian York, direttrice dell’International Freedom of Expression presso l’Electronic Frontier Foundation e membro del comitato consultivo dell’OTF, ha dichiarato che “fondamentalmente” credeva che Internet Freedom fosse “in fondo un programma di cambio di regime”.

Potrebbe non essere una coincidenza che il fondatore di Signal Rosenfeld abbia precedentemente creato programmi di comunicazione crittografata TextSecure e RedPhone, entrambi presenti in una guida Gizmodo del marzo 2013, dal titolo “Quali app di crittografia sono abbastanza forti per aiutarti a far cadere un governo?”

USAGM è inoltre evidentemente estremamente orgoglioso di Signal, una scheda ufficiale pubblicata a novembre 2019 che dà all’applicazione la fatturazione migliore in un elenco di “strumenti supportati da OTF”.

Ad esempio, Signal è diventata la piattaforma di messaggistica preferita dai manifestanti a Hong Kong dopo il suo lancio, mentre il National Endowment for Democracy, il braccio per il cambio di regime del governo degli Stati Uniti, ha notevolmente aumentato il suo sostegno diretto e indiretto e la promozione di attivisti e gruppi di attivisti lì .

In una svolta inaspettata, nel giugno 2020 i finanziamenti per una serie di progetti USAGM sono stati congelati, compresi i piani OTF per aiutare direttamente i manifestanti a Hong Kong, proprio mentre la regione amministrativa si preparava ad attuare una legge sulla sicurezza nazionale altamente controversa e molto contestata.

Uno è stato la creazione di team di risposta agli incidenti di sicurezza informatica per analizzare le tecniche di sorveglianza cinesi in tempo reale durante la dimostrazione e condividere informazioni rilevanti direttamente con gli sviluppatori di app di comunicazione sicure, al fine di aggirare repressioni e restrizioni. Un’altra iniziativa accantonata era un fondo di risposta rapida di $ 500.000 a sostegno di chiunque fosse soggetto ad “attacco digitale” da parte delle autorità.

Tuttavia, il mese successivo Signal è diventata l’app più scaricata a Hong Kong, l’account Twitter ufficiale dell’app vantava di conseguenza che, a differenza del concorrente Telegram, che aveva appena annunciato che avrebbe cessato di collaborare con le richieste delle autorità per i dati degli utenti, “non aveva mai concesso i dati dei suoi utenti alla polizia di Hong Kong. “

Non vi è alcun suggerimento che qualsiasi agenzia di sicurezza statunitense abbia avuto un ruolo diretto nella creazione del sistema di crittografia ora standard mondiale dell’app, o svolga un ruolo quotidiano nella gestione dell’azienda. Tuttavia, lo stesso non si può dire del popolare browser di anonimato Internet Tor, che è spesso raccomandato dai sostenitori della privacy insieme a Signal.

Sviluppato per la prima volta dai dipendenti del US Naval Research Laboratory a metà degli anni ’90, Tor ha rapidamente attirato l’attenzione della Defense and Research Projects Agency (DARPA), e da allora è stato quasi interamente finanziato dalle entità del governo degli Stati Uniti, incluso il Pentagono, al ritmo di decine di milioni.

Il suo scopo originale era quello di proteggere gli agenti governativi clandestini dal rilevamento sul campo, isolandoli dalla natura intrinsecamente aperta di Internet,. Forse non sorprende che sia supportato anche dall’OTF e compare insieme a Signal nella suddetta scheda informativa USAGM.

Nel marzo 2011, lo sviluppatore di Tor Mike Perry ha ammesso che il browser potrebbe “sfortunatamente” non fornire un rifugio efficace da occhi indiscreti del governo.

“Avversari estremamente ben finanziati che sono in grado di osservare grandi porzioni di Internet possono probabilmente hackerare alcuni aspetti di Tor e potrebbero essere in grado di deanonimizzare gli utenti”, ha detto. “Anche se personalmente non credo che nessun avversario possa deanonimizzare in modo affidabile tutti gli utenti Tor … gli attacchi all’anonimato sono di natura sottile e cumulativa.”

Tra gli “avversari” della privacy su Internet più ben finanziati ci sono ovviamente l’NSA e il GCHQ, e documenti classificati trapelati da Edward Snowden nel 2013 hanno rivelato che le agenzie partner dedicano tempo e risorse considerevoli ad attaccare e minare il servizio e i suoi utenti.

Tuttavia, i giornali indicavano anche che i due non desideravano scoraggiare i cittadini dall’usare Tor. Dopotutto, dato che riunisce chiunque abbia qualcosa da nascondere in un’unica rete, sorvegliare le loro attività è molto facile. Così fa Signal – e qui sta il problema.

Fonte

6011297585f5405dc5133cfd

Neovitruvian

La censura dei social media e` sempre piu` pesante, aiutami a sopravvivere con una donazione

2,00 €

Informazioni su neovitruvian

Non fidatevi dei vostri occhi, sono facilmente ingannabili, ricercate in voi stessi quella forza che vi permette di distinguere il vero dal falso. Il mondo così come è non va. Mi basta questo.

Pubblicato il 28 gennaio 2021, in Uncategorized con tag , , , , , , , , , . Aggiungi il permalink ai segnalibri. Lascia un commento.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: