Le “universita` woke” verranno multate se limiteranno la liberta` di parola

Il governo imporra` anche ad enti di beneficenza, musei e gallerie d’arte di smettere di “cancellare” la storia per volere della folla woke

Un paio di nuove iniziative governative vedranno le università nel Regno Unito multate se i college o gli enti studenteschi tentano di chiudere la libertà di parola nei campus ed altri enti che rappresentano il patrimonio nazionale verrano sanzionati se usano i fondi per promuovere movimenti politici di parte.

Il Sunday Telegraph ha riferito che il provvedimento universitario sarà annunciato questa settimana dal segretario all’Istruzione Gavin Williamson, che in precedenza si è scagliato contro l’ascesa del “woke” e la cultura dell’annullamento della sinistra.

Il rapporto rileva che “I college o gli enti studenteschi che cercano di cancellare, licenziare o limitare le persone sulle loro opinioni saranno sanzionati in una grande escalation del governo alla” guerra al woke “”.

Lo sforzo di Williamson renderà compito delle università promuovere la libertà di parola nei campus consentendo un ampio spettro di eventi e relatori, senza ostacoli.

La mossa vedrà anche un “Campione della libertà di parola” stabilito nei campus come parte dell’Ufficio di regolamentazione del governo per gli studenti.

Il ruolo sarà quello di garantire che la libertà di parola non sia ostacolata e che la libertà accademica sia mantenuta, e di imporre multe alle istituzioni o ai sindacati studenteschi che limitano la parola.

Una fonte governativa ha dichiarato al Telegraph che “Il silenzio inaccettabile e la censura nei campus stanno avendo un effetto agghiacciante ed è per questo che dobbiamo rafforzare la libertà di parola nell’istruzione superiore, rafforzando i doveri legali esistenti e assicurando che venga intrapresa un’azione forte e robusta se questi vengono violati . “

Inoltre, il governo incaricherà enti di beneficenza, musei e gallerie d’arte di smettere di “cancellare” la storia per volere della folla woke.

Il segretario alla cultura Oliver Dowden dovrebbe impartire istruzioni al National Trust, Historic England, National Lottery Heritage Fund, Arts Council England, National History Museum, British Museum e Imperial War Museum in un summit la prossima settimana “per difendere la nostra cultura e la storia dalla rumorosa minoranza di attivisti che cercano costantemente di abbattere la Gran Bretagna ”.

La mossa arriva dopo le rivelazioni secondo cui i fondi pubblici vengono utilizzati per pagare le revisioni che cercano di collegare l’eredità britannica al “colonialismo” e alla “supremazia bianca”.

Questo è particolarmente il caso di Londra, dove il sindaco Sadiq Khan ha nominato una “task force” ovvero un gruppo “woke” per studiare se le statue e altri punti di riferimento della città sono “abbastanza diversificati”.

In una lettera, Dowden ha dichiarato: “La storia è piena di complessità morale e interpretare il passato della Gran Bretagna non dovrebbe essere una scusa per raccontare una versione eccessivamente semplicistica della nostra storia nazionale, in cui condanniamo i difetti delle generazioni precedenti dimenticando i loro molti grandi successi. “

“Eliminare gli elementi scomodi del nostro passato non fa altro che danneggiare la nostra comprensione di esso”, ha anche esortato Dowden.

Rispondendo alle iniziative del governo, Sir John Hayes, presidente del Common Sense Group dei parlamentari conservatori, ha dichiarato: “È assolutamente giusto che il governo intervenga per difendere la libertà di parola. Senza la capacità di parlare liberamente presto non avremo la capacità di pensare liberamente “.

Hayes ha aggiunto che “le università dovrebbero essere luoghi in cui le idee devono essere un fulcro per ideare e testare idee per essere luoghi dell’immaginazione”, ma ha notato che il dibattito è soffocato da una “polizia del pensiero” auto-nominata.

Un recente studio condotto da Civitas, un importante think tank focalizzato sull’istruzione, ha rilevato che la libertà di parola nelle principali università del mondo viene erosa a un ritmo allarmante a causa dell’aumento della “cultura dell’annullamento”.

Lo studio ha rilevato che negli ultimi tre anni oltre il 68% delle università del Regno Unito ha visto la libertà di parola fortemente limitata, con gli accademici incapaci di discutere in modo significativo le sfumature di questioni come razza e genere.

È ormai un evento quotidiano, anche in illustri università come Cambridge, vedere ridicole ‘discussioni’ unilaterali guidate da gruppi di attivisti che sono tutti d’accordo su un argomento, come Winston Churchill che è peggio di Hitler, mentre oratori che non sono d’accordo, o che non hanno una opinione abbastana “woke” non hanno la possibilita` di parlare

Un recente sondaggio nazionale ha rilevato che la metà dei britannici concorda sul fatto che la libertà di parola è minacciata direttamente dalla cultura della cancellazione, con solo il 12% che ritiene di poter parlare più liberamente rispetto a cinque anni fa

Fonte

.

gettyimages-1055139796-768x432-1

Neovitruvian

La censura dei social media e` sempre piu` pesante, aiutami a sopravvivere con una donazione

2,00 €

Informazioni su neovitruvian

Non fidatevi dei vostri occhi, sono facilmente ingannabili, ricercate in voi stessi quella forza che vi permette di distinguere il vero dal falso. Il mondo così come è non va. Mi basta questo.

Pubblicato il 16 febbraio 2021, in Uncategorized con tag , , , , , , , . Aggiungi il permalink ai segnalibri. 2 commenti.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: