Facebook e` una “zona franca” per pedofili

Un recente rapporto del National Center for Missing and Exploited Children afferma che Facebook ha riportato 20,3 milioni di episodi di abusi sessuali su minori. In confronto, la società madre di Pornhub MindGeek ha avuto solo 13.000 segnalazioni. Facebook rappresentava il 95% degli incidenti nel rapporto.

Il Daily Beast riferisce che, secondo i nuovi dati del CyberTipline del National Center for Missing and Exploited Children (NCMEC), la stragrande maggioranza dei rapporti sullo sfruttamento dei minori online erano collegati a Facebook. Dallo studio è emerso che oltre 20,3 milioni di incidenti segnalati relativi alla pornografia infantile o al traffico erano collegati a Facebook.

In confronto ai milioni di incidenti riportati su Facebook, Google ha avuto 546.704 incidenti, Twitter ne ha trovati 65.062, Snapchat ne ha riportati 144.095 e TikTok ne ha trovati 22.692. Facebook ha rappresentato quasi il 95% dei 21,7 milioni di report combinati su tutte le piattaforme.

MindGeek, la società madre con sede in Canada di più siti Web porno tra cui Pornhub, RedTube e YouPorn, ha segnalato molti meno incidenti rispetto a Facebook. MindGeek ha riportato 13.229 segnalazioni.

MindGeek ha partecipato allo studio per la prima volta lo scorso anno dopo una campagna di un anno chiamata #Traffickinghub che mirava a chiudere Pornhub per il suo presunto ruolo nella promozione del traffico di esseri umani minorenni ospitando contenuti con minori.

Si noti che sia Pornhub che Facebook hanno affermato che i dati forniti potrebbero includere duplicati. Pornhub sostiene che la statistica 13.229 “include diverse migliaia di duplicati, con la maggior parte delle segnalazioni presentate più volte”. Affermano che il numero di incidenti unici è 4.171.

Facebook ha rilasciato una dichiarazione simile affermando che il 90% degli incidenti erano “uguali o visivamente simili ai contenuti segnalati in precedenza”. Se questo è corretto, il numero totale di rapporti unici di Facebook sarebbe ancora 2.030.722, il numero di gran lunga più alto nel pool di dati.

Facebook ha pubblicato un comunicato stampa intitolato “Prevenzione dello sfruttamento dei minori nelle nostre app”, annunciando nuove misure per monitorare lo sfruttamento dei minori. Gli strumenti includono un nuovo pop-up informativo per i termini di ricerca correlati, una politica per la rimozione dei profili associati a contenuti segnalati relativi ai bambini e un’opzione “coinvolto un bambino” per segnalare “Nudità e attività sessuale” sulla piattaforma.

Facebook ha dichiarato nel comunicato: “Usare le nostre app per danneggiare i bambini è abominevole e inaccettabile. I nostri sforzi per combattere lo sfruttamento dei minori si concentrano sulla prevenzione degli abusi, sul rilevamento e sulla segnalazione di contenuti che violano le nostre norme e sulla collaborazione con esperti e autorità per proteggere i bambini “.

Fonte

zuckerberg-640x480-1

Neovitruvian

La censura dei social media e` sempre piu` pesante, aiutami a sopravvivere con una donazione

2,00 €

Informazioni su neovitruvian

Non fidatevi dei vostri occhi, sono facilmente ingannabili, ricercate in voi stessi quella forza che vi permette di distinguere il vero dal falso. Il mondo così come è non va. Mi basta questo.

Pubblicato il 27 febbraio 2021, in Uncategorized con tag , , , , , . Aggiungi il permalink ai segnalibri. 1 Commento.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.

<span>%d</span> blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: