Socialismo su scala globale – Conduttore di Sky News demolisce le elite di Davos e il “Grande Reset”

Il conduttore di Sky News Australia Cory Bernardi ha appena massacrato l’élite globale, dicendoci che dobbiamo stare attenti a “qualasiasi organizzazione con il termine mondo all’interno del loro nome” in un monologo che al giorno d’oggi e` difficile ascoltare nelle societa` occidentali.

Dopo aver linciato l’Organizzazione mondiale della sanità (OMS) per aver “dato alla Cina un lascia passare gratuito sul Coronavirus”, mentre incassava 500 milioni di dollari di obbligazioni pandemiche, Bernardi demolisce il Programma alimentare mondiale, l’Organizzazione meteorologica mondiale, l’Organizzazione mondiale del turismo e la World Trade Organization – per menzogne, disinformazione e follie climatiche per giustificare le misure politiche.

“Tutte queste autorità stanno spingendo un programma – è lo stesso programma, per decarbonizzare, deindustrializzare e depotenziare il mondo occidentale. Fanno parte di un piano concertato per ridisegnare il capitalismo in una nuova immagine”, dice Bernardi, aggiungendo: “Quell’immagine ovviamente si chiama socialismo “.

A guidare questo sforzo è il World Economic Forum (WEF) che si riunisce ogni anno a Davos, in Svizzera.

“Il WEF è l’architetto del Grande Reset e della quarta rivoluzione industriale. Hanno coniato l’hashtag “build back better “, chesi sta rivelando così popolare tra le grandi élite governative di tutto il mondo”, dice Bernardi. “Secondo la visione del WEF, i partecipanti a Davos saranno proprietari di quello che affitterete. E credetemi su questo, non sarà un’impresa filantropica”.

“Riducendoti a un semplice utente piuttosto che a un proprietario, il mondo diventa effettivamente più uguale, perché concentrerà potere, autorità e denaro nelle mani di pochi, mentre il resto di noi diventerà mero vassallo per questi oligarchi . “

Guarda:

Ci sono alcuni segnali di allarme di cui tutti dobbiamo essere consapevoli. Sai, è come quando qualcuno appare nella tua vita e dice “Vengo dal governo e sono qui per aiutarti”. Ebbene, un altro segnale di avvertimento è qualsiasi organizzazione con il termine “mondo” nel nome. Quindi iniziamo con un paio. Iniziamo con l’Organizzazione mondiale della sanità. Questo è l’organismo che ha dato alla Cina un pass gratuito sul Coronavirus, mentre allo stesso tempo ha incassato $ 500 milioni attraverso l’emissione di obbligazioni pandemiche. Esatto, l’Organizzazione mondiale della sanità avrebbe dovuto rimborsare agli investitori circa 500 milioni di dollari all’inizio del 2020, a meno che, ovviamente, non fosse stata dichiarata una pandemia. Gli investitori hanno perso tutti i loro soldi che sono diventati il ​​guadagno dell’Organizzazione mondiale della sanità.

Poi ovviamente c’è il Programma alimentare mondiale. Anch’esso fa parte delle Nazioni Unite e ha vinto il Premio Nobel per la Pace nel 2020. Ora tutto ciò suona piuttosto impressionante, fino a quando non ti ricordi che Barack Obama lo vinse nel 2008 solo per avere il giusto colore della pelle. E nonostante la spesa di 8 miliardi di dollari all’anno per la fame e il rafforzamento della resilienza contro i cambiamenti climatici, ci sono ancora 850 milioni di persone denutrite nel mondo e circa 780 milioni di persone obese. Chiaramente abbiamo bisogno di più socialismo alimentare.

Poi abbiamo anche l’Organizzazione meteorologica mondiale. E` composta da un gruppo di 200 persone e pubblica uno stato annuale del rapporto mondiale sul clima, proiettando scenari horror sui gas serra, i cambiamenti climatici, l’innalzamento del livello del mare e il ghiaccio marino. Il rapporto del 2019 è una bellezza: afferma essenzialmente che gli incendi boschivi australiani di quell’anno erano dovuti ai cambiamenti climatici e non fa menzione dei piromani o dell’insistenza dei verdi su terribili politiche di gestione del territorio. A proposito, secondo l’OMM, il cambiamento climatico è anche responsabile di siccità, inondazioni, tempeste e danni causati dal tempo. Questo mi ha fatto pensare a cosa li abbia causati prima della rivoluzione industriale, o prima dell’umanità.

Ma siamo anche abbastanza fortunati da avere l’Organizzazione mondiale del turismo, che ha “una visione di un pianeta per il turismo responsabile”. Questi includono le parole d’ordine vitali “inclusione sociale” e “azione per il clima”. Ha anche degli hashtag piuttosto interessanti; #responsiblerecover e #buildbackbetter. E si vanta che chiudendo l’economia mondiale lo scorso anno, ha ridotto le emissioni di anidride carbonica di un enorme otto percento. Ciò significa che manca solo il 92% prima di tornare a vivere nelle caverne!

E naturalmente non dovremmo dimenticare l’Organizzazione mondiale del commercio, con nobili obiettivi che sposano il libero scambio. La sua vera missione sembra non essere quella di mantenere la Cina agli stessi requisiti di integrità del resto del mondo quando si tratta di protezione della proprietà intellettuale, tariffe commerciali e barriere, ecc. Grazie al cielo ha l’obiettivo di ridurre la disuguaglianza, che nel linguaggio socialista significa “prendere da chi produce e dare a chi non lo fa”. Qualcuno ha bisogno di insegnare loro la storia. Mostra che non funziona mai.

Ma, per coloro che non sono in grado di sostenere il rigore del mondo reale, c’è sempre un rifugio nel World Vegetable Center. Esatto, un centro mondiale di ortaggi. Questo stimato organismo ha dedicato 20 anni alla ricerca sulla patata dolce prima di abbandonarla perché i costi per fare quella ricerca erano troppo alti. Ora si concentra sul “guardare ai parenti selvaggi delle colture domestiche per salvare la dieta umana dal cambiamento climatico”.

Ehi ma, che dire di quelle persone affamate di cui ho parlato prima? Non sarebbero ancora più affamati?

Ebbene, tutte queste autorità stanno spingendo un ordine del giorno – è lo stesso programma, per decarbonizzare, deindustrializzare e depotenziare il mondo occidentale. Fanno parte di un piano concertato per ridisegnare il capitalismo in una nuova immagine. Quell’immagine ovviamente è il socialismo. Ed è guidato dall’organizzazione nonna di tutti quelli precedentemente nominati: il World Economic Forum. Il WEF è l’architetto del Grande Reset e della quarta rivoluzione industriale. Hanno coniato l’hashtag “build back better”, che si sta rivelando così popolare tra le grandi élite governative di tutto il mondo. E prevedono persino che entro il 2030 non possederai nulla e sarai felice. La chiamano “servitizzazione”, che è un termine e un programma che a me somiglia molto alla servitù. Il WEF afferma che questa servitù – intendo dire “servitizzazione” salverà il pianeta e aiuterà il recupero post-COVID-19.

Tuttavia, la servitizzazione pone la domanda; se in realtà non possiedi nulla, chi sarà proprietario di ciò che stai affittando? Ebbene, la risposta si trova nel forum del WEF, che si tiene a Davos. Davos è il raduno delle élite globali tra cui amministratori delegati di grandi imprese, capi industriali, leader di governo, burocrati e multimiliardari con programmi politici. Secondo la visione del WEF, i partecipanti a Davos saranno proprietari di ciò che noleggerai. E credimi, non sarà un’impresa filantropica.

Cercheranno tutti di fare di più soldi di quanto non facciano attualmente, e in realtà per prendere un maggiore controllo della tua vita con il pretesto dell’uguaglianza. Riducendoti a un semplice utente piuttosto che a un proprietario, il mondo diventa effettivamente più uguale, perché concentrerà potere, autorità e denaro nelle mani di pochi piccolissimi, mentre il resto di noi diventerà meri vassalli economici per questi oligarchi.

Quindi non commettere errori: la servitizzazione è solo un nuovo nome per la schiavitù economica. È socialismo su scala globale.

Fonte

bernardi

Neovitruvian

La censura dei social media e` sempre piu` pesante, aiutami a sopravvivere con una donazione

2,00 €

Informazioni su neovitruvian

Non fidatevi dei vostri occhi, sono facilmente ingannabili, ricercate in voi stessi quella forza che vi permette di distinguere il vero dal falso. Il mondo così come è non va. Mi basta questo.

Pubblicato il 28 febbraio 2021, in Uncategorized con tag , , , , , , , . Aggiungi il permalink ai segnalibri. 1 Commento.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.

<span>%d</span> blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: