Marchio di abbigliamento che ha supportato con vigore Black Lives Matter, sotto inchiesta per “lavoro forzato”

L’azienda woke Boohoo non e` cosi` sveglia quando si tratta dei suoi dipendenti.

Il marchio di abbigliamento Boohoo, che ha espresso con veemenza il suo sostegno a Black Lives Matter all’indomani della morte di George Floyd, è ora coinvolto in uno scandalo sul lavoro forzato.

La US Customs and Border Protection ha visto abbastanza per avviare un’indagine sulla società dopo che il gruppo Liberty Shared ha rivelato come la società “non stia facendo abbastanza per fermare il lavoro forzato nelle fabbriche di Leicester che producono molti dei suoi vestiti”, riferisce Sky News.

“Le prove che Boohoo permetta il lavoro forzato sono piuttosto convincenti. Penso che sarà un campanello d’allarme per le istituzioni britanniche su come stanno gestendo il lavoro forzato e la schiavitù moderna, in particolare in una comunità come Leicester East “, ha detto Duncan Jepson.

Un rapporto dello scorso anno dell’avvocato Alison Levitt QC ha rilevato che le accuse contro la società, incentrate su salari illegalmente bassi e cattive condizioni di lavoro, erano “sostanzialmente vere”. I dipendenti sono stati anche costretti a lavorare durante il lockdown, esponendoli potenzialmente a COVID-19.

Qualsiasi potenziale divieto degli Stati Uniti costerebbe alla società più di un quinto delle entrate totali della società.

Lo scandalo è particolarmente ironico perché Boohoo è stata una delle numerose società che ha supportato con veemenza BLM durante i disordini della scorsa estate, con la società che ha pubblicato un quadrato nero sui social media per “Blackout Tuesday mentre affermava, “stiamo ascoltando”.

“Siamo più rumorosi insieme. Pronuncia il suo nome. #GeorgeFloyd #BlackLivesMatter “, ha detto anche Boohoo ai suoi follower su Instagram.

In un altro post, la società ha dichiarato: “Ci impegniamo a utilizzare la nostra influenza come marchio e comunità per aiutare le vostre voci a essere ascoltate”.

“A Boohoo non faremo più solo le nostre cose”, ha detto la società. “Faremo meglio. Ti vediamo, ti ascoltiamo e noi, durante tutto questo e oltre, saremo con te “.

Boohoo ha anche incoraggiato i suoi clienti a supportare in modo specifico le aziende di proprietà nera.

Come abbiamo sottolineato in precedenza, molte altre importanti società transnazionali come Nike, Coca-Cola e Apple, che hanno tutte fortemente sostenuto Black Lives Matter, hanno fatto pressioni contro il divieto degli Stati Uniti sulle importazioni di prodotti prodotti dal lavoro forzato cinese (schiavitu`).

Ma tutti hanno pubblicato il quadrato nero, quindi immagino che sia quello che conta davvero.

Fonte

020121boohoo1-768x403-1

Neovitruvian

La censura dei social media e` sempre piu` pesante, aiutami a sopravvivere con una donazione

2,00 €

Informazioni su neovitruvian

Non fidatevi dei vostri occhi, sono facilmente ingannabili, ricercate in voi stessi quella forza che vi permette di distinguere il vero dal falso. Il mondo così come è non va. Mi basta questo.

Pubblicato il 2 marzo 2021, in Uncategorized con tag , , , , , , , , , . Aggiungi il permalink ai segnalibri. 1 Commento.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: