Giornalisti indignati dalla richiesta di smettere di usare il termine “pedofilo” per descrivere i molestatori di bambini

Potrebbe dar fastidio agli altri pedofili.

I giornalisti australiani che lavoravano per la ABC Tasmania si sono arrabbiati quando sono stati avvisati dai vertici dell’emittente di smettere di usare la parola “pedofilo” per riferirsi a un molestatore seriale accusato perché potrebbe scoraggiare altri pedofili dal cercare aiuto.

Un produttore senior della rete ha informato i dipendenti che il Servizio di supporto per aggressioni sessuali (SASS) aveva “menzionato le loro preoccupazioni” riguardo alla descrizione dell’ex infermiere James Geoffrey Griffin come un pedofilo.

Griffin, che successivamente si è suicidato, è stato accusato da numerose donne di aver abusato sessualmente di loro da bambine e la polizia ha successivamente trovato “una quantità significativa di materiale dove si sfruttavano minori” durante una perquisizione nella sua casa.

“Dovremmo evitare [il termine pedofilo], a meno che non sappiamo che aveva una diagnosi clinica di pedofilia e utilizzare invece molestatore / predatore sessuale seriale, o molestatore sessuale di bambini e giovani”, ha scritto il produttore in una e-mail.

La missiva ha anche citato il SASS nel consigliare che ci sono molte “persone affette da pedofilia” che “non agiscono secondo quegli impulsi” e che “cercano e ricevono un aiuto psicologico professionale”.

Il produttore ha affermato che etichettare Griffin come pedofilo “potrebbe scoraggiare” i pedofili non offensivi “dal cercare aiuto, rendendo più probabile che continuino ad abusare di bambini”.

I giornalisti erano apparentemente “preoccupati e arrabbiati” per l’e-mail e in seguito sono stati informati dalla rete che la parola “pedofilo” non era stata vietata, ma che il consiglio del SASS doveva essere preso in considerazione.

Alcuni hanno visto questo come un ulteriore esempio di come la società stia diventando sempre più tollerante nei confronti della pedofilia, che alcuni dell’estrema sinistra hanno cercato di ridefinire come orientamento sessuale alternativo.

“Sì, cerchiamo di non ferire i sentimenti dei pedofili”, ha osservato uno.

“Questo è ciò che accade agli imperi / società che vivono troppo a lungo e non affrontano abbastanza avversità o minacce”, ha aggiunto un altro. “Diventano strani e non possono nemmeno chiamare una cosa con il suo nome.”

La scorsa estate, è scoppiata una polemica quando Netflix ha rilasciato Cuties, un film che ritrae bambine minorenni in modo sessualmente provocante.

Tuttavia, molti a sinistra hanno difeso il film, sostenendo che evidenziava il problema dello sfruttamento sessuale dei bambini.

Sarebbe come torturare gli animali per evidenziare il problema dell’abuso sugli animali.

Fonte

050321child1-768x403-1

Neovitruvian

La censura dei social media e` sempre piu` pesante, aiutami a sopravvivere con una donazione

2,00 €

Informazioni su neovitruvian

Non fidatevi dei vostri occhi, sono facilmente ingannabili, ricercate in voi stessi quella forza che vi permette di distinguere il vero dal falso. Il mondo così come è non va. Mi basta questo.

Pubblicato il 6 marzo 2021, in Uncategorized con tag , , , , , , , . Aggiungi il permalink ai segnalibri. Lascia un commento.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.

<span>%d</span> blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: