Ucraina: Blogger di 8 anni annuncia il fidanzamento con un ragazzino di 13 anni – la madre e’ d’accordo

Uno scandalo è scoppiato in Ucraina dopo che è stato rivelato che una blogger di otto anni con milioni di follower sta uscendo con un ragazzo di 13 anni, con la completa benedizione di sua madre, che controlla tutti i suoi account sui social media.


La giovane Milana Makhanets ha quasi sette milioni di follower sull’app di condivisione video di Singapore Likee, un analogo di TikTok popolare tra i giovani ragazzi russi e ucraini. Milana lavora anche come modella, partecipando spesso a sfilate di moda per bambini.

Su Instagram, in un post ormai cancellato, la bambina di otto anni ha rivelato di essere entrata in una relazione con Pasha Pai, un blogger di 13 anni che apparentemente vive a Mosca. Oltre alla sua vasta base di abbonati su Likee, ha anche 486.000 follower su Instagram

“Pasha e io ora siamo una coppia”, ha scritto.

Tuttavia, nonostante solo di recente abbia guadagnato l’attenzione del mainstream, la relazione sembra andare avanti da un po ‘di tempo. Nelle loro storie di Instagram, i due piccioncini hanno pubblicato foto di se stessi che si baciano e persino dormono nello stesso letto.

Un’altra foto pubblicata da Pasha mostra i due ammanettati insieme mentre Milana si lava i denti in mutande.

Una volta che la storia ha raggiunto le notizie principali, la maggior parte delle foto e dei video provocatori sono stati rimossi. Secondo la descrizione sull’account, il profilo di Milana è gestito da sua madre, Darya, e lei ha subito il peso maggiore del contraccolpo. Scrivendo su Instagram, Darya ha spiegato che non aveva problemi con la relazione, notando “questa è la loro vita, e lo scopriranno da soli”.

Sui social media, la madre ha ricevuto molte critiche, con alcune che chiedevano che Milana le venisse tolta e che fosse perseguita. Su Facebook, un post condiviso di una donna kievana di nome Gerda Weber ha preso di mira Darya.

“La mamma di Mila, Darya, ha problemi mentali”, ha scritto Weber. “Sessualizza sua figlia per soldi. Oltre ai bambini che strillano nei commenti, Darya non si rende conto che la maggior parte delle opinioni proviene dai pedofili”.

“Il problema delle modelle e dei bambini che partecipano a concorsi di bellezza è sempre stato un tumore canceroso nell’industria della falsificazione delle celebrità.

Un altro post, di un avvocato di nome Anna Malyar, ha affermato che la madre di Milana “ha trasformato una bambina di otto anni in una donna seducente per pervertiti”.

Anche il giornalista ucraino ed ex politico Igor Mosiychuk ha commentato lo scandalo, sottolineando che “richiede l’intervento immediato della polizia nazionale”.

“Tutta questa promozione sui social network di Mila e Pasha è molto, molto vicina alla pornografia infantile ed è un terreno fertile che, come il miele, attrae e stimola i pedofili ad agire”, ha scritto sulla sua pagina Facebook.

Fonte

6050c5ca2030272a12497c91

Neovitruvian

La censura dei social media e` sempre piu` pesante, aiutami a sopravvivere con una donazione

2,00 €

Informazioni su neovitruvian

Non fidatevi dei vostri occhi, sono facilmente ingannabili, ricercate in voi stessi quella forza che vi permette di distinguere il vero dal falso. Il mondo così come è non va. Mi basta questo.

Pubblicato il 17 marzo 2021, in Uncategorized con tag , , , , , , , . Aggiungi il permalink ai segnalibri. 1 Commento.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: