Sondaggio di Harvard: Due terzi degli americani vedono la cultura della cancellazione come un pericolo per la liberta’

Più della metà teme di poter essere licenziato se esprimesse le sue reali opinioni

Un sondaggio di Harvard Caps-Harris ha rivelato che oltre due terzi degli americani credono che una “crescente cultura dell’annullamento” sia una minaccia diretta alla loro libertà.

Mentre il 36% ha affermato di non credere che ci sia una minaccia, un enorme 64% ha affermato che il fenomeno sta avendo un effetto dannoso sulla società.

Oltre la metà degli intervistati, il 54%, ha anche notato che teme di poter essere licenziato se esprimesse le proprie opinioni reali in materia.

Mark Penn, il direttore del sondaggio, ha dichiarato a The Hill: “È una scoperta agghiacciante che la maggior parte delle persone nel paese ora abbia paura di essere licenziata nel caso esprimesse le proprie opinioni reali sui social media”.

Entrando nello specifico, il sondaggio ha rilevato che il 36% ritiene che la cultura dell’annullamento sia un “grosso problema”, mentre il 32% ha affermato che si tratta di un “problema moderato” e un ulteriore 20% ha affermato che si tratta di un “piccolo problema”.

Solo il 13% ha affermato che non ci sono problemi con la cultura dell’annullamento.

La cultura dell’annullamento sta avendo un impatto nel mondo reale oltre i social media.

Un recente studio condotto da Civitas, un importante think tank focalizzato sull’istruzione, ha rilevato che la libertà di parola nelle principali università del mondo viene erosa a un ritmo allarmante a causa del fenomeno.

Lo studio ha rilevato che negli ultimi tre anni oltre il 68% delle università del Regno Unito ha visto la libertà di parola fortemente limitata, con gli accademici incapaci di discutere in modo significativo le sfumature di questioni come razza e genere.

È ormai un evento quotidiano, anche in illustri università come Cambridge, vedere ridicole “ discussioni ” unilaterali guidate da gruppi di attivisti che sono tutti d’accordo su un argomento, come Winston Churchill che è peggio di Hitler, mentre oratori che non sono d’accordo, o che non hanno una opinione abbastanza “woke” viene impedito di apparire.

In risposta, un paio di nuove iniziative del governo del Regno Unito vedranno le università nel Regno Unito multate se i college o gli enti studenteschi tenteranno di eliminare la libertà di parola nei campus.

Un recente sondaggio nazionale ha rilevato che metà dei britannici concorda sul fatto che la libertà di parola è minacciata direttamente dalla cultura dell’annullamento, con solo il 12% che ritiene di poter parlare più liberamente rispetto a cinque anni fa.

Fonte

gettyimages-1306005140-768x432-1

Neovitruvian

La censura dei social media e` sempre piu` pesante, aiutami a sopravvivere con una donazione

2,00 €

Informazioni su neovitruvian

Non fidatevi dei vostri occhi, sono facilmente ingannabili, ricercate in voi stessi quella forza che vi permette di distinguere il vero dal falso. Il mondo così come è non va. Mi basta questo.

Pubblicato il 31 marzo 2021, in Uncategorized con tag , , , , , . Aggiungi il permalink ai segnalibri. 2 commenti.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.

<span>%d</span> blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: