Google nasconde le news sulle rivolte in Minnesota di Black Lives Matter

Altri motori di ricerca forniscono risultati sulle rivolte del Minnesota quando viene utilizzato lo stesso termine.

Dopo un’altra notte di violenti disordini in Minnesota, Google sta effettivamente nascondendo i risultati delle ricerche ottenibili con le parole “riots today”, nonostante altri motori di ricerca forniscano collegamenti a storie sulle rivolte quando viene utilizzato lo stesso termine di ricerca.

Gli agitatori di Black Lives Matter si sono ribellati e hanno saccheggiato il Minnesota per la seconda notte di fila, nonostante il dispiegamento della Guardia Nazionale.

I disordini sono in risposta alla sparatoria della polizia di Daunte Wright, che ha resistito all’arresto dopo che i poliziotti lo hanno fermato per una violazione del codice stradale.

L’omicidio viene descritto come un esempio di “razzismo sistemico” nonostante il fatto che Wright sia stato colpito da una cretina che ha scambiato una pistola per un taser.

A quanto pare, Google desidera che il disordine che ne è seguito non venga descritto come “rivolta”, nonostante sia proprio quello che è successo.

Una ricerca per il termine “riots today” restituisce i risultati relativi all’incidente del 6 gennaio al Campidoglio e alle rivolte di Brixton, avvenute 40 anni fa.

In confronto, la ricerca dello stesso termine su DuckDuckGo fornisce numerosi collegamenti a storie sulle rivolte (nonostante siano state descritte come “proteste” dalla maggior parte delle fonti dei media mainstream).

Anche il risultato delle ricerche su Microsoft Bing restituisce anche una storia sulle rivolte del Minnesota.

Twitter descrive il caos come “proteste”, nonostante lo stesso Joe Biden abbia affermato che i saccheggi e gli attacchi agli edifici non sono una forma legittima di protesta.

Ancora una volta, nonostante il fatto che l’omicidio di Wright sia stato palesemente sfruttato da delinquenti opportunisti per commettere crimini che non hanno nulla a che fare con la “giustizia” o la “protesta pacifica”, i media e l’establishment Big Tech continuano a difendere quei pezzi di merda di BLM.

Fonte

130421riot1-768x403-1

Neovitruvian

La censura dei social media e` sempre piu` pesante, aiutami a sopravvivere con una donazione

2,00 €

Informazioni su neovitruvian

Non fidatevi dei vostri occhi, sono facilmente ingannabili, ricercate in voi stessi quella forza che vi permette di distinguere il vero dal falso. Il mondo così come è non va. Mi basta questo.

Pubblicato il 13 aprile 2021, in Uncategorized con tag , , , , , , , . Aggiungi il permalink ai segnalibri. 2 commenti.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: