DMX odiava l’industria dell’intrattenimento e il sentimento era reciproco

Il rapper DMX era un forte critico dell’industria musicale e metteva costantemente in guardia le persone sui modi loschi di questo apparato. A quanto pare, DMX ha pagato a caro prezzo le sue trasgressioni.

DMX era una figura rara nella cultura popolare. Nonostante il suo enorme successo (oltre 74 milioni di album venduti), il rapper divenne un critico accanito dell’industria musicale, un sentimento che crebbe nel corso del tempo.

DMX parlava anche di un altro aspetto della sua vita: la sua fede cristiana.

Così, quando ho saputo che DMX era stato ricoverato in ospedale il Venerdì Santo (dopo una Settimana Santa caratterizzata dalla follia satanica dell’industria), sono rimasto turbato dall’ironia della situazione. Mentre facevo il tifo perché “tornasse dai morti” la domenica di Pasqua, DMX è purtroppo scomparso il 9 aprile, a 50 anni.

Subito dopo il suo ricovero in ospedale, il famoso sito di gossip TMZ ha riferito che DMX ha subito un attacco di cuore a causa di un’overdose. Tuttavia, questo rapporto non è stato confermato da persone a lui vicine e il rapporto dell’autopsia non è ancora disponibile.

Citando altre fonti, l’altro sito di gossip MediaTakeOut racconta una storia diversa:

In un’intervista ESCLUSIVA, MTO News ha parlato con un membro della famiglia di DMX che ci ha detto che il rapper ha ricevuto il vaccino COVID circa una settimana prima di soffrire di infarto.

Il membro della famiglia di DMX ha detto a MTO News: “[DMX] ha ricevuto il vaccino quando l’hanno reso disponibile alle persone sopra i 50 anni. Lo ha fatto in modo da poter viaggiare e esibirsi, cose del genere”.

Lo Stato di New York ha aperto le vaccinazioni COVID-19 per le persone di età superiore ai 50 anni a metà marzo.

E il membro della famiglia sospetta che l’attacco cardiaco DMX possa essere stato una reazione al vaccino. Il membro della famiglia ha spiegato: “Tutti [nelle notizie] continuano a dire che [DMX] ha avuto un’overdose di droga. Come lo sanno? Sono parte della famiglia e nessun medico mi ha detto nulla riguardo ad una overdose. “

Il membro della famiglia è FURIOSO per le speculazioni sull’uso di droga di DMX. Ha detto a MTO News: “Sì, aveva problemi con la droga in passato. Ma nessuno ha mai detto che e’ morto di overdose. È vergognato che la causa della morte sia gia’ stata determinata in questo modo. “

Ha detto a MTO News che lei – e la famiglia – stanno valutando la possibilità di intraprendere un’azione legale contro TMZ.

Ma ciò che è chiaro – secondo il membro della famiglia – è che DMX ha preso il vaccino Covid.
I parenti in lutto hanno spiegato: “Ha preso quel vaccino e ha avuto un attacco di cuore. Non sto dicendo che il vaccino sia la causa della sua morte, ma non ha mai avuto un attacco di cuore prima. “

Queste affermazioni devono essere prese con le pinze poiché MTONews è nota per la pubblicazione di articoli discutibili.

Non importa quale sia il caso, la vita di DMX era caratterizzata da alti elettrizzanti e bassi terrificanti. Si trattava di una lotta senza fine contro il suo passato, i suoi demoni, le sue dipendenze, la sua stessa famiglia, i media, il sistema legale, l’industria musicale e, nelle sue parole, Satana stesso.

Ecco uno sguardo alla sua vita.

UN INIZIO DIFFICILE

L’infanzia di DMX è stata piena di eventi traumatici che probabilmente hanno modellato il suo comportamento per il resto della sua vita.

Simmons ha attraversato un’infanzia sconnessa che includeva essere picchiato dalla madre e dai suoi vari fidanzati così duramente che ha perso i denti. A causa della povertà, dormiva sul pavimento con scarafaggi e topi che strisciavano su di lui nella notte. Quando Simmons aveva cinque anni, la sua famiglia si stabilì alla School Street Projects di Yonkers, New York. Quando aveva sei anni, sua madre gli fece saltare due denti con una scopa dopo che il bambino aveva cancellato innocentemente qualcosa sul suo taccuino. A scuola, lanciava sedie agli insegnanti e ha pugnalato un bambino in faccia con una matita. Quando aveva sette anni, una zia lo fece ubriacare di vodka. Lo stesso anno è stato incarcerato per aver rubato torte da un mercato.

Un’estate sua madre lo rinchiuse nella sua camera da letto, permettendogli di uscire solo per andare al bagno. Alla fine della quinta elementare, all’età di 10 anni, Simmons è stato espulso dalla scuola e mandato alla Julia Dyckman Andrus Children’s Home per 18 mesi. In quello che ha descritto come un momento decisivo, sua madre lo ha ingannato dicendogli che stavano solo visitando la casa, poi lo iscrisse lì. Pochi mesi dopo, è stato arrestato per incendio doloso nel tentativo di incendiare la scuola. Ha quasi ucciso il suo co-cospiratore.

Quando aveva 14 anni, Simmons iniziò a vivere per le strade di Yonkers per sfuggire agli abusi di sua madre, dormendo per strada e facendo amicizia con i cani randagi.

  • Wikipedia, DMX

L’amore di DMX per la musica rap lo ha aiutato a superare i numerosi ostacoli della sua vita e il suo talento gli ha permesso di ottenere rispetto e riconoscimento. Subito dopo, ha firmato un contratto con la Def Jam Records e, nel 1998, ha preso d’assalto il mondo del rap con il suo primo album It’s Dark and Hell is Hot.

BLOOD IN, BLOOD OUT
Mentre diventare una grande star del rap era il biglietto per uscire dalla povertà di DMX, ha capito subito che c’era un prezzo da pagare per questo. Il suo primo album conteneva un’importante componente spirituale che veniva espressa come conversazioni con Dio e il diavolo.

Ad esempio, la canzone “Damien” parla di DMX che parla con quello che sembra essere un angelo custode. Ma si sbaglia gravemente. La canzone inizia così:

Why is it every move I make turns out to be a bad one?
Where’s my guardian angel? Need one, wish I had one

Damien risponde:

I’m right here, shorty, and I’ma hold you down
You tryin’ to f**k all these b****s? I’ma show you how
But who…? Name’s D like you, but my friends call me Damien
And I’ma put you hip to somethin’ about this game we in
You and me could take it there, and you’ll be
The hottest n***a ever livin’, that’s a given? You’ll see

Dall’uscita del film del 1976, The Omen, il nome Damien è stato associato al figlio di Satana e all’anticristo. Nella canzone, Damien finge di essere l’angelo custode di DMX che può realizzare i suoi sogni di denaro, successo e donne. Tuttavia, Damien chiede un prezzo per il suo favore:

I’m about to have you drivin’, probably a Benz
But we gotta stay friends, blood out, blood in

L’espressione “Blood In, Blood Out” si riferisce al rituale di iniziazione nel quale bisogna uccidere qualcuno per entrare in una banda e, l’unico modo per uscirne e` quello di farsi uccidere. Nella canzone, è usato nel contesto di un accordo con l’industria musicale e, per estensione, con il diavolo stesso.

Alla fine della canzone, Damien chiede a DMX di uccidere uno dei suoi amici – un sacrificio rituale per dimostrare la sua lealtà. Quando DMX si dimostra contrario, Damien dice:

Either do it or give me your right hand, that’s what you said

A cui risponde DMX:

I see now ain’t nothin’ but trouble ahead

Quest’ultima frase purtroppo prefigura gli eventi che definiranno il resto della sua vita.

Anche se DMX risulta uno dei pochi artisti ad aver mai debuttato al numero 1 in classifica con un album per cinque volte di seguito, è rimasto disgustato dai modi dell’industria musicale. E quel disgusto era perfettamente articolato durante la sua performance nel 2007 con Def Poetry Jam.

Nello stesso periodo, DMX sentiva che il suo lavoro e la sua vita dovevano prendere una direzione diversa. E ha sentito il bisogno di essere molto più esplicito riguardo alla sua fede. Quel desiderio è stato esemplificato dal suo singolo Lord Give Me a Sign. Questo è il primo verso:

Yeah, uh
In the name of Jesus (Spread the word!)
“No weapon formed against me shall prosper” (Preach!)
“And every tongue that rises against me in judgment, thou shall condemn” (Preach!)
(Lord give me a sign!) “For this is the heritage of the servants of the Lord”
(Preach!) “And their righteousness is of me, ” said the Lord (Preach!)
Amen, uh
Lord give me a sign!
I really need talk to you Lord
Since the last time we talked, the walk has been hard
Now I know you haven’t left me, but I feel like I’m alone
I’ma big boy now, but I’m still not grown
And I’m still goin’ through it (What!), pain and the hurt (Yeah!)
Soakin’ up trouble like, rain in the dirt (Yeah!)
And I know, only I can stop the rain
With just the mention of my savior’s name, in the name of Jesus
Devil I rebuke you, for what I go through
Been tryna make me do, what I used to (What!)
But all that stops right here (Yeah!)
As long as the Lord’s in my life, I will have no fear
I will know no pain, from the light to the dark (Come on!)
I will no show no shame, spit it right from the heart (Come on!)
‘Cause it’s right from the start, you held me down
And ain’t, nothin’ they can tell me now
Lord give me a sign!

DMX ha anche mostrato di voler usare le sue abilità oratorie uniche per diventare un pastore. Non perdeva mai un’occasione per condividere preghiere con chi voleva ascoltare.

Sebbene DMX sia sempre stato un devoto cristiano, è stato il primo ad ammettere di non essere un santo. Ha fatto cose stupide, aveva i suoi difetti e aveva seri problemi personali.

Nell’ultima parte della sua carriera, l’industria che odiava si concentrava sullo sfruttamento di questi problemi per scopi cinici.

UMILIAZIONE MEDIATICA
Alcune celebrità vengono costruite dai mass media. Altre vengono distrutte dagli stessi. Negli ultimi anni della sua vita, DMX è stato calpestato. In diverse occasioni, DMX ha sostenuto di essere stato ingiustamente preso di mira nel tentativo di distruggerlo.

In un esempio stridente, le telecamere TMZ stavano effettivamente aspettando DMX in un’aula di tribunale prima della sua udienza. Vedendo questo bizzarro agguato, DMX si è agitato perché era convinto che TMZ fosse stato informato del suo arresto e che fosse autorizzato ad entrare in aula, trasformando il suo processo in uno spettacolo umiliante.

Alla fine del video, DMX guarda la telecamera e dice:

Lo fanno ogni volta.

TMZ era presente anche quando è stato condannato a sei mesi di carcere per aver violato la libertà vigilata.

Sono abbastanza sicuro che le telecamere adorino catturare la reazione di DMX quando ha saputo che sarebbe andato in prigione.

Durante un’intervista mentre era incarcerato in Arizona, DMX afferma di essere stato preso di mira dalle autorità locali per farlo arrestare. Si chiedeva anche perché fosse rinchiuso per 23 ore al giorno.

Quando l’intervistatore gli chiese come una persona così ricca e di successo possa finire in prigione, DMX risponde:

“Penso che tutti quelli che stanno guardando sanno come sono finito qui. Sono abbastanza sicuro che lo sappiano. “

L’intervista si conclude con DMX che dice:

“Pregate per me come io prego per voi. Non credete a tutto ciò che sentite, non credete a tutto ciò che leggete e credete solo alla metà di ciò che vedete. Dio vi benedica”.

CONCLUDENDO

Il minimo che si possa dire è che la vita di DMX è stata caratterizzata dalla sua quota di lotte e difficoltà iniziate in tenera età. Questi problemi sono stati solo esacerbati dalle dipendenze di DMX che lo hanno indotto ad agire in modo irregolare e irrazionale. Tuttavia, miracolosamente, DMX è riuscito a passare dall’essere senzatetto al possedere case lussuose, dal fare amicizia con i cani randagi al parlare con migliaia di fan in adorazione.

Nonostante tutte le cose incredibili che gli stavano accadendo, il lato spirituale di DMX gli fece capire rapidamente che c’era qualcosa di oscuro e diabolico nell’industria musicale. Nel tentativo di sfuggirle, cercò rifugio nella sua fede mentre cercava di raggiungere le persone in modo positivo. Inoltre non si e’ mai lasciato sfuggire l’occasione per infangare l’industria e insultare tutti quelli che ci lavoravano.

E, a quanto pare, l’industria lo odiava a sua volta. Gli ultimi anni della sua vita furono una lunga e umiliante via crucis che alimentò solo il suo tormento. E quella via crucis è finita … il Venerdì Santo.

Fonte

leadmx

Neovitruvian

La censura dei social media e` sempre piu` pesante, aiutami a sopravvivere con una donazione

2,00 €

Informazioni su neovitruvian

Non fidatevi dei vostri occhi, sono facilmente ingannabili, ricercate in voi stessi quella forza che vi permette di distinguere il vero dal falso. Il mondo così come è non va. Mi basta questo.

Pubblicato il 14 aprile 2021, in Uncategorized con tag , , , , , , , , , , . Aggiungi il permalink ai segnalibri. 3 commenti.

  1. E così hanno ucciso anche lui… assieme a 2Pac, fu uno di quei rapper che si purificarono dallo sterco satanico che gestisce la musica… R.I.P.

  1. Pingback: DMX odiava l’industria dell’intrattenimento e il sentimento era reciproco - Veronulla

  2. Pingback: DMX odiava l’industria dell’intrattenimento e il sentimento era reciproco - Veronulla

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: