La Disney indottrina i suoi dipendenti con la “teoria critica della razza”

Secondo i manuali di formazione dei dipendenti appena trapelati, la Walt Disney Company sta cercando di inculcare la “teoria critica della razza” (TCR) ai suoi dipendenti, comprese lezioni sulla razza e sui privilegi dei bianchi, e su come l’America sia stata “fondata sul razzismo sistemico”.

Secondo la raccolta di documenti trapelati da un informatore, il programma di “diversità e inclusione” della Disney chiamato “Reimagine Tomorrow” è diventato “profondamente politicizzato facendo si che la societa’ si schieri in un inesistente conflitto razziale”, secondo city-journal.org.

Il fulcro del programma razziale della Disney è una serie di moduli di formazione sull'”antirazzismo”. In uno, chiamato “Allyship for Race Consciousness”, l’azienda dice ai dipendenti che devono “assumersi la responsabilità di educare [se stessi] sul razzismo strutturale anti-nero” e che non dovrebbero “fare affidamento sui [loro] colleghi neri per istruirli.], “Perché è” emotivamente faticoso “. Gli Stati Uniti, afferma il documento, hanno una “lunga storia di razzismo sistemico e transfobia” e i dipendenti bianchi, in particolare, devono “lavorare attraverso i sentimenti di colpa e vergogna per capire cosa c’è che non va. ”

In un altro modulo, chiamato “Cosa posso fare contro il razzismo?”, Disney dice ai dipendenti che dovrebbero rifiutare “l’uguaglianza”, con un focus sulla “parità di trattamento e accesso alle opportunità”, e invece lottare per l ‘”equità”, con un focus sulla “parità di risultati”. La formazione comprende anche una serie di lezioni su “pregiudizi impliciti”, “microaggressioni” e il “diventare un antirazzista”. L’azienda dice ai dipendenti che devono “riflettere” sull ‘”infrastruttura razzista” americana e “pensare attentamente se la vostra ricchezza, reddito, trattamento da parte del sistema di giustizia penale, occupazione, accesso agli alloggi, assistenza sanitaria, potere politico e istruzione potrebbe essere diverso se fossero di una razza diversa. ” -city-journal.org

Per attuare questo programma di formazione radicale, la Disney ha sponsorizzato la creazione di: “Sfida per l’equità razziale e la giustizia sociale dei 21 giorni” in collaborazione con la YWCA. Inizia con informazioni sul “razzismo sistemico” e richiede che i partecipanti accettino di essere “tutti cresciuti in una società che eleva la cultura bianca rispetto alle altre”.

La lezione passa quindi al “privilegio bianco”, in cui ai dipendenti viene chiesto di compilare una “checklist” sul privilegio bianco con opzioni che includono “Sono bianco”, “Sono eterosessuale”, “Sono un uomo”, “Mi identifico ancora con il genere in cui sono nato”,”non sono mai stato violentato”,”non faccio affidamento sui trasporti pubblici” e “non sono mai stato definito un terrorista”.

I partecipanti quindi imparano a conoscere la “fragilità bianca” e devono completare un esercizio chiamato “Come capire se sei vittima di fragilita’ bianca”.

Ai dipendenti bianchi viene insegnato a interpretare le proprie convinzioni come “Sono una brava persona, non posso essere razzista” e “Mi è stato insegnato a trattare tutti allo stesso modo” come prova del proprio razzismo interno e della fragilità bianca .

Alla fine della sfida dei 21 giorni, ai partecipanti viene detto che devono migrare dalla “cultura dominante bianca” a “qualcosa di diverso” – e che la “competizione” e la “accumulazione di potere” provengono dalla leadership prevalentemente bianca. Inoltre, “individualismo”, “tempestività” e “completezza” sono valori “dominanti dei bianchi” che “perpetuano la cultura della supremazia bianca” e dovrebbero essere rifiutati.

Hai capito? Il semplice fatto di essere puntuali perpetua la “cultura della supremazia bianca”.

Nello stesso compendio, Disney consiglia inoltre ai dipendenti di leggere una serie di guide pratiche, tra cui “75 cose che i bianchi possono fare per la giustizia razziale” e “I tuoi figli non sono troppo giovani per parlare di razza”. Il primo articolo suggerisce che i dipendenti bianchi dovrebbero smettere di “sostenere economicamente la polizia”, ​​”partecipare alle riparazioni”, “decolonizzare la loro libreria”, “non gentrificare i quartieri”, “trovare e partecipare a uno “spazio bianco locale” e “donare a opere contro la supremazia bianca come la sezione locale di Black Lives Matter “. Il secondo articolo incoraggia i genitori a impegnarsi a “aumentare la consapevolezza della razza nei bambini” e sostiene che “anche i bambini discriminano” nei confronti dei membri di altre razze. Un grafico afferma che i bambini mostrano i primi segni di razzismo all’età di tre mesi e che i bambini bianchi diventano “fortemente discriminantori contro i neri” all’età di quattro anni.

Infine, come parte di un’iniziativa denominata “priorità sponsorizzata dal CEO”, Disney ha lanciato “gruppi di affinità” razzialmente separati per i dipendenti di minoranza, con l’obiettivo di ottenere “intuizioni culturalmente autentiche”. Nel lancio originale, il gruppo di affinità latino era chiamato “Hola”, il gruppo di affinità asiatico era chiamato “Compass” e il gruppo di affinità nero era chiamato “Wakanda”. I gruppi di affinità razziali, chiamati anche Business Employee Resource Group (BERG), sono tecnicamente aperti a tutti i dipendenti ma in pratica sono diventati quasi interamente segregati per razza, con l’eccezione occasionale per gli “esecutivi” bianchi che partecipano per conto della leadership aziendale. -city-journal.org

Un dipendente ha detto a Christopher F Rufo del City Journal che l’ambiente politico in azienda si è intensificato negli ultimi mesi e che ci sono “promemoria quasi quotidiani, pannelli e seminari incentrati sull’antirazzismo”.

L’azienda è “completamente ideologicamente unilaterale” e scoraggia attivamente i dipendenti cristiani e conservatori dall’esprimere le proprie opinioni.

“Ho partecipato a diverse [sessioni di formazione] all’inizio solo per vedere quale sarebbe la caratura della discussione e per valutare se sarei stato in grado di sollevare le mie obiezioni in modo sicuro – sicuro per la mia carriera. Ho ricevuto continuamente una risposta negativa, ha detto il dipendente. ” Tutti liberi aperti e compassionevoli fintanto che non si va a discutere veramente di cose concrete.

Fonte

woke-disney

Neovitruvian

La censura dei social media e` sempre piu` pesante, aiutami a sopravvivere con una donazione

2,00 €

Informazioni su neovitruvian

Non fidatevi dei vostri occhi, sono facilmente ingannabili, ricercate in voi stessi quella forza che vi permette di distinguere il vero dal falso. Il mondo così come è non va. Mi basta questo.

Pubblicato il 10 maggio 2021, in Uncategorized con tag , , , , , , , . Aggiungi il permalink ai segnalibri. 1 Commento.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: