Il “Fact-Checker” Politifact fa marcia indietro: La teoria della fuga da laboratorio del Coronavirus non e’ piu’ una bufala

Altre prove che i “Fact-checkers” sono strumenti utilizzati per proteggere il sistema.

Politifact è stato costretto a rimuovere il “fact check” che affermava di aver “debunkato” la teoria della fuga da laboratorio del COVID-19 dopo che voci importanti avevano suggerito che la spiegazione fosse una possibilità ragionevole.

L’originale “fact check” era intitolato “Tucker Carlson guest airs debunked conspiracy theory that COVID-19 was created in a lab” ed è stato valutato come “pants on fire”, il che significa che la teoria della fuga da laboratorio era completamente falsa.

Tuttavia, la voce è stata ora aggiornata con una nota del redattore che sostanzialmente inverte il giudizio.

“Nota del redattore, 17 maggio 2021: quando questa verifica dei fatti è stata pubblicata per la prima volta nel settembre 2020, le fonti di PolitiFact includevano ricercatori che affermavano che il virus SARS-CoV-2 non avrebbe potuto essere manipolato. Questa affermazione è ora più ampiamente contestata. Per questo motivo, stiamo rimuovendo questo fact-check dal nostro database in attesa di una revisione più approfondita. Attualmente, riteniamo che la rivendicazione non sia supportata da prove e contestata. Il fact-check originale nella sua interezza è conservato di seguito per motivi di trasparenza e archiviazione. Leggi il nostro rapporto di maggio 2021 per ulteriori informazioni sulle origini del virus che causa COVID-19 “.

Come abbiamo evidenziato ieri, anche la direttrice del CDC di Biden Rochelle Walensky ammette che è una “possibilità” che il virus sia trapelato dall’Istituto di virologia di Wuhan, un’opinione più che condivisa dal suo predecessore Robert Redfield, che a marzo ha detto alla CNN che si trattava di una ” spiegazione ” molto probabile.

Anche numerosi altri individui e gruppi scientifici credibili hanno affermato che la fuga di notizie dal laboratorio è la fonte più probabile e hanno chiesto all’Organizzazione mondiale della sanità di condurre un’indagine adeguata.

Tuttavia, fino alle ultime settimane i media hanno a lungo caratterizzato tali affermazioni come “pericolosa disinformazione” o “teorie del complotto” e hanno cercato di cancellarle dai social media.

“Politifact verrà inserito nella lista nera di Google e bandito dai social media per aver pubblicato “disinformazione” ? chiede Chris Menahan. “Gli chiuderanno PayPal e i conti bancari? Certo che no, invece continueranno a essere sostenuti artificialmente da Google e utilizzati per l’ingegneria sociale “.

Ciò illustra ancora una volta come i “fact check” vengano abitualmente abusati per screditare falsamente storie e narrazioni che danneggiano le entità dell’establishment.

Spiattellando un “fact check” su una storia e affermando che è stata “debunkata”, i media dell’establishment possono costringere coloro che hanno idee alternative al silenzio o ad essere deplatformati.

Quante altre questioni soprannominate “teorie del complotto” e “verificate” nel corso degli anni si sono rivelate vere?

Fonte

210521lab1-768x403-1

Neovitruvian

La censura dei social media e` sempre piu` pesante, aiutami a sopravvivere con una donazione

2,00 €

Informazioni su neovitruvian

Non fidatevi dei vostri occhi, sono facilmente ingannabili, ricercate in voi stessi quella forza che vi permette di distinguere il vero dal falso. Il mondo così come è non va. Mi basta questo.

Pubblicato il 21 Maggio 2021, in Uncategorized con tag , , , , , , , , . Aggiungi il permalink ai segnalibri. 1 Commento.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: