Una donna di 61 anni che viveva vicino al laboratorio di Wuhan potrebbe essere stata la “paziente zero” – Tre settimane prima che il PCC rivelasse il primo caso

Tre settimane prima che la Cina ammettesse che un misterioso virus stava circolando nella città di Wuhan, una donna di 61 anni che viveva a circa un miglio da diversi centri di ricerca sui pipistrelli era conosciuta come “Patient Su” in un ospedale locale, secondo il Daily Mail.

La sua identità è stata accidentalmente rivelata dopo che un importante funzionario cinese ha inviato uno screenshot a una rivista medica che rivelava parzialmente informazioni personali, incluso il fatto che era stata ricoverata all’ospedale Rongjun di Wuhan e “quasi certamente viveva nella comunità Kaile Guiyan nella Zhuodaoquan Street, a circa 600 metri dal centro medico. “

Inoltre, “Patient Su” si ammalò tre settimane prima che la Cina affermasse che qualcuno era stato colpito dal nuovo virus.

L’accademico ha poi dettagliato altri due casi sospetti segnalati ai medici di Wuhan il 14 e 21 novembre, insieme a molti altri prima dell’8 dicembre, la data che la Cina ha dato all’Organizzazione mondiale della sanità per il “caso di esordio più precoce”.
L’articolo di Health Times includeva uno screenshot dei due casi di novembre nel database del professore. Sebbene i dettagli personali fossero sfocati, alcuni erano visibili, incluso il nome dell’ospedale e il distretto di residenza.

Mostrano che il paziente Su è stato curato all’ospedale Rongjun di Wuhan e, dati l’edificio e i numeri civici, quasi certamente viveva nella comunità Kaile Guiyan, a circa 600 metri dal centro medico. -Daily Mail

Il paziente Su viveva anche vicino a una fermata per la linea ferroviaria ad alta velocità che si ritiene abbia svolto un ruolo chiave nella diffusione del virus nella città di 11 milioni di persone, secondo il rapporto.

Sia l’ospedale che la presunta residenza di Su si trovano nel distretto di Hongshan, dove si trovavano sia il CDC cinese che un sito del centro gestito dall’Istituto di virologia di Wuhan. Secondo l’ex investigatore capo del Dipartimento di Stato americano David Asher, tre ricercatori si sono ammalati di una misteriosa condizione respiratoria nel novembre 2019, con la moglie di uno scienziato morente.

Il Wall Street Journal la scorsa settimana ha riferito dei tre lavoratori di laboratorio malati che sono finiti in ospedale – affermazioni che Pechino contesta furiosamente. Nel frattempo, il presidente degli Stati Uniti Joe Biden ha ordinato una revisione dell’intelligence di 90 giorni dopo che è stato rivelato che le agenzie di intelligence statunitensi sono in possesso di moltissime informazioni non analizzate raccolte nel corso delle loro indagini, in gran parte perché l’enstablishment ha voluto coprire tutto.

“È giunto il momento per la Cina di aprire tutti i suoi file in modo che il mondo possa trovare la verità sulle origini di questa pandemia”, ha detto Tom Tugendhat, presidente della commissione per gli affari esteri del Regno Unito. “Non possiamo proteggerci dai rischi futuri se non si riconosce che tutti abbiamo bisogno di condividere le conoscenze e imparare dagli errori”.

Il professor Yu Chuanhua, professore di biostatistica all’Università di Wuhan, è stato colui che ha rivelato che il paziente Su si è ammalato tre settimane prima della data di divulgazione ufficiale. Secondo il Daily Mail, tuttavia, la Cina e’ impegnata in una operazione di controllo dei danni.

L’intervista del professor Yu a Health Times ha avuto luogo il giorno in cui le autorità sanitarie cinesi sono state messe a tecere mentre il presidente Xi Jinping ha cercato di riprendere il controllo della situazione.

Yu ha telefonato al giornalista dopo due giorni per ritirare queste informazioni, sostenendo che le date erano state inserite in modo errato e tutti gli altri casi sospetti prima dell’8 dicembre dovevano essere verificati.

I dettagli sono stati scoperti da Gilles Demaneuf, un membro del gruppo “Drastic” di attivisti digitali online che hanno scoperto molti dei fatti visti come contraddittori alla narrativa cinese ufficiale secondo cui il Covid-19 era una malattia che è derivata naturalmente dagli animali. -Daily Mail

“Siamo stati in grado di individuare il nome esatto, l’età e l’indirizzo di un caso sospetto molto precoce quasi un mese prima del primo caso ufficiale”, ha detto Demaneuf, un data scientist francese che lavora per una banca neozelandese. “Quell’indirizzo è proprio accanto alla linea della metropolitana n. 2 e anche non lontano da un ospedale dell’Esercito popolare di liberazione che ha curato alcuni degli altri primi casi”.

Demaneuf sostiene che le nuove scoperte evidenziano quanti più indizi potrebbero essere accessibili se le persone continuassero a perseguire la teoria della fuga dal laboratorio, piuttosto che “accettare senza criticita’ le dichiarazioni della Cina”.

Fonte

wiv-outside_2

Neovitruvian

La censura dei social media e` sempre piu` pesante, aiutami a sopravvivere con una donazione

2,00 €

Informazioni su neovitruvian

Non fidatevi dei vostri occhi, sono facilmente ingannabili, ricercate in voi stessi quella forza che vi permette di distinguere il vero dal falso. Il mondo così come è non va. Mi basta questo.

Pubblicato il 1 giugno 2021, in Uncategorized con tag , , , , , , , , , . Aggiungi il permalink ai segnalibri. 1 Commento.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: