Scienziato al centro della controversia sul leak dal laboratorio di Wuhan messo a capo della task force di Lancet per investigare sulle origini del virus

La rinomata rivista scientifica The Lancet ha creato una “task force” per indagare sulle origini del coronavirus, ma ha deciso di assumere come suo leader lo stesso tipo che ha finanziato la pericolosa ricerca sul guadagno di funzione presso il laboratorio di Wuhan e successivamente presumibilmente ha forzato altri scienziati a evitare di indagare il laboratorio come una potenziale fonte dell’epidemia.

Sulla scia del rinnovato interesse per la teoria della fuga di laboratorio, la task force di Lancet si concentrerà sull’analisi dei dati su tutte le teorie avanzate sulle origini del COVID, sui motivi per cui SARS-CoV-2 è stato in grado di diffondersi da Wuhan al resto del mondo, e sulle strategie più plausibili per prevenire future pandemie”.

Dichiara inoltre che “La Task Force esaminerà in modo completo e obiettivo tutte le prove disponibili al pubblico, in particolare la letteratura sottoposta a revisione paritaria, e condurrà interviste con i leader chiave della scienza, della medicina, della politica e della società civile”.

“Obiettivo”. Ceeeerto.

Il dottor Peter Daszak, a capo di questa task force, è forse lo scienziato meno adatto sul pianeta per analizzare obiettivamente i dati, dati i suoi precedenti.

Daszak, in qualità di presidente dell’EcoHealth Alliance, negli ultimi anni ha versato almeno $ 600.000 all’Istituto di virologia di Wuhan per giocare a fare dio con i coronavirus attraverso l’ormai famigerata ricerca sul “guadagno di funzione”.

Daszak, che lavora anche per l’Organizzazione mondiale della sanità, ha ammesso di essere stato coinvolto nella manipolazione dei coronavirus. Ecco un video di lui che parla a DICEMBRE 2019 di quanto sia facile alterare i virus in laboratorio:

Daszak osserva che “i coronavirus si adattano bene alla situazione… puoi manipolarli in laboratorio abbastanza facilmente… le proteine addizionate determinano molto di ciò che accade. Puoi ottenere la sequenza in cui puoi costruire la proteina, lavoriamo con Ralph Baric all’UNC per farlo, inseriamo la spina dorsale di un altro virus e facciamo un po’ di lavoro di laboratorio.

Non c’è da stupirsi quindi che Daszak, in qualità di investigatore capo dell’indagine dell’OMS, abbia determinato entro 3 ore dalla visita al laboratorio di Wuhan nel febbraio 2021 che tutto “era nella norma”

Le e-mail rilasciate di recente, ora, documentano che Daszak ha ringraziato il dottor Fauci per aver respinto la teoria della fuoriuscita dal laboratorio prima che fosse stata condotta qualsiasi ricerca scientifica sul tale possibilità.

Daszak è stato successivamente impiegato come esperto “Fact Checker” da Facebook monitorando e rimuovendo la “disinformazione” sulle origini del COVID sulla piattaforma, gran parte della quale era una ricerca scientifica credibile. Da allora Facebook ha invertito la politica di vietare qualsiasi post contenente informazioni che suggeriscono che il COVID-19 sia stato “creato dall’uomo”.

Il profilo Twitter di Daszak è fondamentalmente un unico thread infinito in cui dice “proviene da pipistrelli non dal laboratorio”, con grande fastidio di alcuni altri scienziati:

Perché questo tizio continua a essere incaricato di indagini, task force e considerato un “fact checker”, quando è abbondantemente chiaro che ha ogni ragione per voler respingere la teoria della fuga di laboratorio?

Come ha osservato il microbiologo professor Richard Ebright, “Daszak era l’appaltatore che ha finanziato il laboratorio presso l’Istituto di virologia di Wuhan che potenzialmente era la fonte del virus con subappalti da $ 200 milioni [£ 142 milioni] dal Dipartimento di Stato degli Stati Uniti e $ 7 milioni [ £ 5 milioni] dal National Institutes of Health degli Stati Uniti ed è stato collaboratore e coautore di progetti di ricerca presso il laboratorio.

Daszak ha già mentito sul tipo di ricerca che veniva condotta presso il laboratorio di Wuhan, sostenendo, dopo l’epidemia, di non sapere se si trattasse di un guadagno di funzione o meno. Le sue precedenti dichiarazioni e le e-mail di Fauci dimostrano che sapeva benissimo cosa stava succedendo in laboratorio.

Inoltre, come riportato da The Daily Mail e altri organi di stampa, Daszak “ha orchestrato una campagna di ‘bullismo’ e ha costretto i migliori scienziati a firmare una lettera a The Lancet volta a spostare l’attenzione dal laboratorio di Wuhan che stava finanziando con soldi americani”.

Daszak ha usato la sua influenza per convincere il giornale a pubblicare la lettera, in cui si affermava che anche solo suggerire che la teoria della fuga di laboratorio avesse una qualche credibilità equivaleva a diffondere “paura, voci e pregiudizi”.

Ha effettivamente chiuso la discussione sul “consenso” scientifico per un anno intero fino a quando i risultati dell’intelligence non hanno riportato la questione all’attenzione dei media mainstream.

Il consulente scientifico dell’OMS Jamie Metzl ha descritto la lettera di Daszak come “propaganda scientifica e una forma di criminalità e intimidazione”.

“Etichettando chiunque abbia opinioni diverse come teorico della cospirazione, la lettera di Lancet è stata la peggiore forma di bullismo in piena violazione del metodo scientifico”, ha aggiunto Metzl.

La lettera affermava inoltre che “erano uniti per condannare fermamente le teorie della cospirazione che suggeriscono che il Covid-19 non abbia un’origine naturale” avendo persino l’audacia di affermare che “non avevano conflitti di interesse”.

In effetti, Daszak si assicuro’ che la lettera fosse stata priva di qualsiasi collegamento a EcoHealth e aveva persino pensato di lasciare il proprio nome fuori da essa, hanno rivelato le e-mail rilasciate tramite il Freedom of Information Act.

A peggiorare le cose, gli altri membri della task force di The Lancet sono praticamente tutti scagnozzi di Daszak, alcuni dei quali lo hanno aiutato a redigere la lettera che affermava inequivocabilmente che la teoria della fuga di laboratorio era pericolosa, e altri che hanno lavorato con lui sul “Fact Checking” per Facebook, o sono stati citati come fonti durante tale attività.

Tenendo conto di tutto ciò, è ovvio quale sarà l’esito dell’indagine di The Lancet, e non dovrebbe e non può essere utilizzato come prova credibile contro la teoria della fuga di laboratorio.

Fonte

gettyimages-1231072709-768x432-1

Neovitruvian

La censura dei social media e` sempre piu` pesante, aiutami a sopravvivere con una donazione

2,00 €

Informazioni su neovitruvian

Non fidatevi dei vostri occhi, sono facilmente ingannabili, ricercate in voi stessi quella forza che vi permette di distinguere il vero dal falso. Il mondo così come è non va. Mi basta questo.

Pubblicato il 4 giugno 2021, in Uncategorized con tag , , , , , , , , , , . Aggiungi il permalink ai segnalibri. 2 commenti.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: