L’Europa ha paura della legge ungherese che protegge i bambini dalla propaganda LGBTQ

La leadership dell’UE non ha reagito bene alla nuova legge ungherese che protegge i minori dalla propaganda LGBTQ dicendo che Orban dovra’ piegarsi di fronte alla bandiera del Pride o “lasciare” l’Unione europea.

Citando il primo ministro olandese Mark Rutte, The Telegraph descrive un massiccio respingimento contro una nuova legge ungherese che cerca di impedire la promozione pubblica dell’omosessualità e del transgenderismo di fronte a bambini e minori:

Mark Rutte, il primo ministro dei Paesi Bassi, ha affermato che l’Ungheria “deve lasciare” l’UE o abrogare la legge, che vieta i programmi TV e altri contenuti visti come propaganda LGBT ai minori di 18 anni.

Tuttavia, alcuni governi dell’Europa orientale si sono rifiutati di unirsi a 17 dei 27 paesi del blocco in una rara dichiarazione congiunta di condanna di un altro Stato membro.

Altri leader dell’UE, come il presidente della Commissione europea Ursula von der Leyen, hanno affermato che la legge discrimina attivamente le persone LGBT.

Tuttavia, i difensori della legge ungherese hanno sottolineato che mette il processo decisionale sulla presentazione di questi problemi ai bambini nelle mani dei genitori e dei familiari. Lo stesso Orban, ad esempio, ha affermato che la legge e la politica riguardano fondamentalmente “la difesa dei diritti dei bambini e dei genitori” e non la discriminazione.

Orban ha detto questa settimana al vertice: “L’omosessualità veniva duramente repressa, io ho combattutto per la liberta’ e i diritti LGBT”.

Ma il vertice dell’UE si sta comportando come se fosse una dichiarazione di guerra ai diritti umani e promette di rispondere di conseguenza:

I leader occidentali hanno detto che costringeranno l’Ungheria “a piegarsi” su una legge che vieta la promozione dell’omosessualità nelle scuole in un aspro vertice UE giovedì.

Ecco le parole del primo ministro olandese Rutte che minacciano di espellere l’Ungheria o qualsiasi altro paese che la supporta, sebbene il potere effettivo di farlo rimanga una questione molto diversa…

“Il mio obiettivo è mettere in ginocchio l’Ungheria su questo tema”, ha detto.

“Devono rendersi conto che fanno parte dell’Unione Europea e di questa comunità di valori, il che significa che in Ungheria… nessuno può essere discriminato e [tutti] possono sentirsi liberi per motivi di sessualità, colore della pelle, genere”.

Ma ancora una volta l’Ungheria ha sostenuto che si tratta della protezione dei bambini in un momento in cui i sostenitori dei transgender e persino alcune ONG che operano in Europa e in altre parti del mondo stanno attivamente cercando di convincere i giovani a compiere passi irreversibili per alterare i loro corpi attraverso interventi chirurgici e trattamenti ormonali potenzialmente pericolosi.

Poco prima del vertice UE e di questo scontro tra Paesi Bassi e Ungheria, un portavoce ungherese aveva detto:

“Siamo pronti a discutere la legge con coloro che si sono espressi contro”, ha detto martedì alla BBC. “La legge riguarda rigorosamente la protezione dei bambini. Dice che per i minori di 18 anni l’educazione sessuale deve essere appropriata e quello che non vogliamo è l’intrusione delle cosiddette lobby LGBTQ+ ONG e gruppi di pressione che entrano negli asili e nelle scuole per spiegare ai bambini perché è una buona idea sottoporsi a trattamenti ormonali e operazioni per cambiare sesso prima dei 18 anni. Queste non sono pratiche accettabili”.

Come è stato ampiamente documentato, in posti come il Regno Unito, il Canada e gli Stati Uniti, questo genere di cose sta già accadendo.

Ricordiamo che più di un anno fa le cose erano già diventate in qualche modo personali tra Rutte e Orban, in particolare in relazione alla controversa spinta a collegare i finanziamenti dell’UE alle questioni relative allo “stato di diritto”, qualcosa che si considera specificamente rivolto all’Ungheria e ad altri stati socialmente più conservatori, particolarmente nell’Europa orientale.

Nell’estate del 2020, mentre infuriava quella polemica, Orban aveva detto del primo ministro Rutte: “Non so quale sia la ragione personale per cui il primo ministro olandese odia me o l’Ungheria, ma sta attaccando così duramente e mettendo in chiaro che poiché l’Ungheria, secondo lui, non rispetta lo stato di diritto, [essa] deve essere punita finanziariamente.

Fonte

orban1_0

Neovitruvian

La censura dei social media e` sempre piu` pesante, aiutami a sopravvivere con una donazione

2,00 €

Informazioni su neovitruvian

Non fidatevi dei vostri occhi, sono facilmente ingannabili, ricercate in voi stessi quella forza che vi permette di distinguere il vero dal falso. Il mondo così come è non va. Mi basta questo.

Pubblicato il 28 giugno 2021, in Uncategorized con tag , , , , , , , . Aggiungi il permalink ai segnalibri. 2 commenti.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: