Pfizer chiederà l’autorizzazione per una dose di “richiamo” per proteggersi dalla variante Delta

Ore fa, il dottor Anthony Fauci ha difeso con enfasi l’efficacia dei tre vaccini di fabbricazione americana che hanno ricevuto l’autorizzazione di emergenza per l’uso da parte della FDA. I suoi commenti non sono stati spontanei: i rapporti da Israele che affermano che il vaccino Pfizer è molto meno efficace di quanto pubblicizzato hanno scosso la fiducia del pubblico, in un momento in cui il presidente Biden sta per mandare gente a bussare alle porte per cercare di incoraggiare più adulti ( e sempre più bambini) a vaccinarsi.

È solo l’ultimo esempio di come le autorità non si preoccupino tanto della “scienza” quanto di proteggere la narrativa che aiuta Big Pharma a vendere la maggior parte dei vaccini. E mentre la stragrande maggioranza dei paesi sta ancora lottando con tassi di vaccinazione inferiori all’1% poiché semplicemente non possono ottenere le forniture (mentre le dosi inutilizzate si stanno accumulando negli Stati Uniti) – e Bill Gates fa tutto il possibile per mantenere la situazione invariata – Pfizer e Moderna hanno colto la palla al balzo.

Pfizer e il suo partner BioNTech hanno annunciato giovedì sera che chiederanno l’autorizzazione alla FDA per una terza dose di “richiamo” dei loro vaccini COVID che offrirà una maggiore protezione contro la variante Delta (nonostante il fatto che sia Pfizer che il suo rivale Moderna abbiano ripetutamente insistito sul fatto che i suoi vaccini sono ancora efficaci contro tutte le varianti conosciute, inclusa la Delta), riporta Hill.

In una dichiarazione, la società ha fatto riferimento ai dati provenienti da Israele, dove gli scienziati del governo hanno stimato che la reale efficacia del vaccino contro Delta è intorno al 64%, lasciando i pazienti particolarmente vulnerabili a rischio di malattie gravi e morte. La dose di richiamo dovrebbe idealmente essere somministrata entro 6-12 mesi dalla vaccinazione.

“Sulla base della totalità dei dati che hanno fino ad oggi, Pfizer e BioNTech ritengono che una terza dose possa essere utile entro 6-12 mesi dopo la seconda dose per mantenere i più alti livelli di protezione”, hanno affermato le società.

La società ha affermato che sta pianificando di avviare studi clinici per un vaccino riformulato modificato per colpire specificamente la variante Delta. Tuttavia, l’azienda ora ritiene che una dose di richiamo potrebbe essere una strategia più efficace. La notizia ci sembra sorprendentemente aggressiva, considerando che la FDA non ha ancora approvato la prima generazione di vaccini (a tutti sono state concesse autorizzazioni di emergenza e la FDA sta ancora valutando i dati sulla sicurezza, motivo per cui sappiamo che i vaccini mRNA causano “rari” effetti collaterali, compresi infiammazioni cardiache).

Alla fine, il CDC e la FDA decideranno se raccomandare una terza dose. Ma hanno una solida esperienza nella salvaguardia degli interessi delle grandi aziende farmaceutiche che hanno prodotto i vaccini. Quindi, perché dovrebbero cambiare rotta adesso?

Fonte

pfizer3

Neovitruvian

La censura dei social media e` sempre piu` pesante, aiutami a sopravvivere con una donazione

2,00 €

Informazioni su neovitruvian

Non fidatevi dei vostri occhi, sono facilmente ingannabili, ricercate in voi stessi quella forza che vi permette di distinguere il vero dal falso. Il mondo così come è non va. Mi basta questo.

Pubblicato il 9 luglio 2021, in Uncategorized con tag , , , , , , , , , , . Aggiungi il permalink ai segnalibri. Lascia un commento.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: