I genitori non dovrebbero interferire con le decisioni dei propri figli sul cambio di genere? Dovremo quindi lasciarli anche bere e fumare?

Un’importante rivista medica ha sostenuto che i bambini di 12 anni dovrebbero essere trattati come dei “pari” nelle decisioni relative alla transizione. Questo è un caso lampante di ideologia politica che prevale sull’etica.
È contro la legge che i bambini acquistino alcol o sigarette in quasi tutti i paesi della Terra. E per una buona ragione. Sappiamo che queste sostanze possono essere dannose e li proteggiamo dall’esposizione ad esse. Questo non è controverso: nemmeno i libertari più ardenti farebbero una campagna per il diritto a ubriacarsi dei bambini di cinque anni.

Tuttavia, quando si tratta di distribuire ormoni che bloccano la pubertà – farmaci che prevengono i cambiamenti biologici che si verificano con l’adolescenza – il dibattito non sembra mai fermarsi. Alcuni sostengono che dovrebbe spettare ai bambini stessi decidere se vogliono assumere farmaci che alterano il corpo. Ma questa sarebbe un’abdicazione sconsiderata della responsabilità degli adulti.

Alla fine dell’anno scorso, una giovane donna britannica, Keira Bell, ha ottenuto una grande vittoria presso l’Alta Corte del Regno Unito. Da bambina, a Bell non piaceva essere una ragazza e “odiava l’idea di diventare una donna”. Pensava che questo significasse che in realtà non era una donna. Quando ha cercato un consiglio medico, i medici non hanno messo in dubbio le sue ipotesi o i suoi sentimenti sottostanti, ma hanno convenuto che era davvero un maschio e l’hanno messa sulla strada della transizione. A soli 16 anni e dopo soli tre appuntamenti, a Bell sono stati prescritti bloccanti della pubertà. Un anno dopo, stava assumendo ormoni sessuali incrociati e ha subito una doppia mastectomia quando aveva 20 anni.

Fu solo allora che Bell iniziò a rendersi conto che i suoi problemi non erano causati dal suo corpo. Ha portato la clinica che l’ha curata in tribunale e tre giudici hanno stabilito che i bambini di età inferiore ai 16 anni erano “incapaci di dare il consenso informato” ai “trattamenti” ormonali perché non erano in grado di “comprendere e valutare i rischi a lungo termine” e le conseguenze della somministrazione di bloccanti della pubertà”.

La vittoria di Bell è stata più di un semplice trionfo personale. Ha fornito importanti tutele legali per i bambini vulnerabili. Ma, incredibilmente, la sentenza dell’Alta Corte non ha segnato la fine del dibattito. Sia in Gran Bretagna che negli Stati Uniti, alcuni sostengono ancora che i giovani che stanno lottando con la loro identità di genere dovrebbero ricevere bloccanti della pubertà.

Il mese scorso, un’importante pubblicazione britannica, il Journal of Medical Ethics, ha pubblicato un articolo della bioetica dott.ssa Maura Priest, dell’Arizona State University, sul tema della “soppressione della pubertà”. Priest sostiene che i medici dovrebbero prendere sul serio la “testimonianza” LGBT, ovvero che le persone LGBT dovrebbero essere credute quando descrivono i loro sentimenti riguardo al loro genere. Pochi non sarebbero d’accordo. Gli adulti LGBT dovrebbero essere trattati allo stesso modo e avere lo stesso rispetto e dignità di ogni paziente.

Ma Priest ne conclude che “non è più compito dei medici fare la propria valutazione dei costi e dei benefici delle cure legate alla transizione. Supponendo che il paziente sia informato e competente, allora solo il paziente può fare questa valutazione, perché solo il paziente ha accesso al vero peso dei benefici legati alla transizione”. Questa è un’affermazione molto più controversa.

È vero che solo gli interessati possono sapere fino a che punto stanno lottando con la loro identità di genere. Ma il fatto che in primo luogo la medicina “non deve nuocere” è un principio importante dell’etica medica. L’uso di interventi chirurgici o farmaci per alterare un corpo perfettamente sano non è privo di rischi. È molto diverso dal curare un corpo malato per aiutare a riportare un paziente in salute.

Ancora più controverso, Priest prosegue concludendo che “prendere sul serio la testimonianza dei pazienti LGBT significa anche che i genitori dovrebbero perdere il potere di veto sulla maggior parte delle cure pediatriche legate alla transizione”. In altre parole, i medici dovrebbero accettare acriticamente le convinzioni e i sentimenti dei bambini che si presentano come transgender e prescrivere farmaci per sopprimere la pubertà, anche se ciò va contro la volontà dei genitori.

Priest sostiene che i genitori non dovrebbero avere autorità sui propri figli nelle decisioni mediche. Chiaramente, ci sono momenti in cui questo può essere appropriato. Se la vita di un bambino è a rischio, sarebbe sbagliato ritardare l’intervento chirurgico fino a quando non sarà possibile ottenere il consenso dei genitori. Ma il principio del “non nuocere” rimane. Intervenire senza il consenso dei genitori per curare un giovane malato o a rischio è molto diverso dal “curare” un corpo giovane altrimenti sano. Suggerisce che i bambini di 12 anni dovrebbero essere considerati come dei “pari” nelle discussioni sulla loro assistenza sanitaria in relazione al genere.

Questo ignora il fatto che i genitori amano i loro figli e hanno un forte senso di ciò che è nel loro interesse. I genitori conoscono la storia della vita del loro bambino. Sanno se hanno lottato con problemi di salute mentale o hanno un disturbo dello sviluppo o, semplicemente, stanno attraversando una fase. Come dimostra il numero crescente di “detransizionisti” adulti, non importa quanto possano sembrare certi in quel momento, i bambini possono essere facilmente guidati e commettere errori.

Incredibilmente, la Corte d’Appello sta ora riesaminando la decisione presa nel caso di Bell. Il Tavistock e Portman NHS Foundation Trust, che sovrintende l’unica clinica per l’identità di genere del Regno Unito per bambini, a Londra, afferma che i bloccanti della pubertà danno a coloro che sono angosciati dal loro sesso alla nascita “tempo per considerare le loro opzioni”.

Speriamo che la Corte d’Appello abbia senso e respinga tali affermazioni ridicole. Gli adulti hanno la responsabilità di proteggere i giovani e salvaguardarli dai danni. Ci sono ottime ragioni per cui non permettiamo ai bambini di fumare o bere alcolici. Né dovremmo lasciare che prendano i bloccanti della pubertà.

Fonte

60eef9b5203027178e0ec612

Neovitruvian

La censura dei social media e` sempre piu` pesante, aiutami a sopravvivere con una donazione

2,00 €

Informazioni su neovitruvian

Non fidatevi dei vostri occhi, sono facilmente ingannabili, ricercate in voi stessi quella forza che vi permette di distinguere il vero dal falso. Il mondo così come è non va. Mi basta questo.

Pubblicato il 16 luglio 2021, in Uncategorized con tag , , , , , , , , . Aggiungi il permalink ai segnalibri. 1 Commento.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: