Espansione record della grande barriera corallina mette in ridicolo gli allarmisti climatici

I dati annuali sulla copertura della Grande Barriera Corallina, prodotti dall’Australian Institute of Marine Science, sono stati rilasciati lunedì mostrando che la quantità di corallo sulla barriera corallina è a livelli record.

Livelli alti, nonostante tutte le storie di sventura delle nostre istituzioni scientifiche e di gestione della barriera corallina.

Come tutti gli altri dati sulla barriera corallina, questo mostra che è in buona salute.

Ad esempio, i tassi di crescita dei coralli sono semmai aumentati negli ultimi 100 anni e le misurazioni dei pesticidi agricoli che raggiungono la barriera corallina mostrano livelli così bassi che non possono essere rilevati con le apparecchiature più sensibili.

Questi dati sono una buona notizia.

Questa serie di dati, iniziata nel 1985, proviene dal monitoraggio annuale a lungo termine della barriera corallina dell’Australian Institute of Marine Science. Fonte: Peter Ridd

Ma in qualche modo, le nostre organizzazioni scientifiche hanno convinto il mondo che la barriera corallina è allo stremo. Come è successo?

Uno dei motivi è che occasionalmente vengono uccise quantità colossali di corallo, principalmente dai cicloni, ma anche dalle stelle marine.

I media hanno bisogno di notizie apocalittiche per vendere piu’ copie. Gli scienziati mainstream sono sempre felici di dare il loro contributo.

Il recupero della barriera e’ generalmente sottovalutato o ignorato.

Cresciuto a Innisfail, adiacente alla barriera corallina, nei primi anni ’70, ricordo le prime storie negative sulla barriera corallina.

Lo studio scientifico della barriera corallina era appena iniziato e la piaga delle stelle marine che mangiano il corallo era appena stata scoperta e stava facendo notizia in tutto il mondo. La barriera corallina aveva, presumibilmente, solo 10 anni di vita davanti a se.

Negli anni ’70 era ragionevole preoccuparsi di queste piaghe che alla fine ha accelerato il monitoraggio a lungo termine di coralli e stelle marine da parte dell’AIMS negli anni ’80.

Stavo lavorando all’AIMS quando è iniziato questo importante lavoro ed è interessante guardare indietro a cosa è cambiato.

In 50 anni abbiamo imparato molto sui cicli di morte e ricrescita dei coralli. I dati riportati ogni anno da AIMS mostrano che tutte le aree attraversano questi cicli ogni decennio o due.

Sorprendentemente, anche se le notizie sui coralli sono estremamente positive, gli scienziati sono ancora pessimisti. La barriera corallina, a quanto pare, è ancora condannata dal cambiamento climatico e questa è solo una tregua temporanea. Quanto positivi devono essere i dati per far loro ammettere che la barriera corallina sta bene?

Le istituzioni scientifiche hanno affermato che ci sono stati tre disastrosi eventi di sbiancamento negli ultimi cinque anni, il che non corrisponde alle ultime statistiche.

Il record nella copertura corallina significa che non c’è stato alcun disastro sulla barriera corallina. L’unico disastro è la garanzia di qualità presso le organizzazioni scientifiche.

Un esame dei dati mostra che, mentre ci sono stati tre eventi, si sono verificati in regioni molto diverse in ogni anno. La barriera corallina ha quindi effettivamente avuto un importante evento di sbiancamento negli ultimi cinque anni e il precedente grande evento è stato nel 2002.

Quindi la barriera corallina ha avuto circa un evento in 15 anni, e la maggior parte dei coralli sulla barriera corallina non si è sbiancata e la maggior parte della parte sbiancata non e’ morta. Pertanto, non sorprende che la barriera corallina sia in buone condizioni.

Le istituzioni scientifiche sono state colte di sorpresa dal loro stesso inganno. Hanno esagerato gli eventi di sbiancamento, come al solito.

Fortunatamente, abbiamo le indagini di monitoraggio dei coralli a lungo termine AIMS, che vengono eseguite professionalmente con protocolli di buona qualità, per dimostrare lo stato della barriera corallina.

La cattiva notizia è che l’elevata copertura corallina significa che è probabile che la copertura corallina diminuirà nei prossimi anni.

Preparati per i titoli dei giornali che dicono che la barriera corallina ha perso gran parte del suo corallo ed è indicativa del cambiamento climatico e degli agricoltori che inquinano la barriera corallina. E si prevede che la barriera corallina scomparirà entro il 2050, o quando mai.

Quando cesseranno queste storie del destino sulla barriera corallina, che durano da 50 anni? Sarà come l’antica leggenda greca di Prometeo, che fu incatenato vivo a una roccia in modo che il suo fegato potesse essere mangiato da un’aquila, solo perché il fegato crescesse durante la notte in modo che potesse essere mangiato ancora e ancora? L’agonia finirà mai?

Secondo la leggenda, Eracle salvò Prometeo. Chi sarà il nostro Eracle e sosterrà una migliore garanzia di qualità della scienza?

Dovrebbe essere l’Autorità del Parco Marino della Grande Barriera Corallina, ma finora non è stata interessata.

Nel frattempo, non dimenticare che abbiamo livelli record di corallo. È ora di smetterla di spaventare i bambini con storie di sventura sulla barriera corallina.

Fonte

reef-chart

Neovitruvian

La censura dei social media e` sempre piu` pesante, aiutami a sopravvivere con una donazione

2,00 €

Informazioni su neovitruvian

Non fidatevi dei vostri occhi, sono facilmente ingannabili, ricercate in voi stessi quella forza che vi permette di distinguere il vero dal falso. Il mondo così come è non va. Mi basta questo.

Pubblicato il 27 luglio 2021, in Uncategorized con tag , , , , , , . Aggiungi il permalink ai segnalibri. 2 commenti.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: