Archivio mensile:agosto 2021

Il problema della credibilità della FDA

Op-Ed scritto dall’ex assistente commissario della FDA Emily Miller tramite Emily Posts

Ho chiesto su “Emily’s Post” e sui social media questa settimana se qualcuno avesse cambiato idea sul farsi vaccinare dopo che la FDA ha approvato il vaccino Pfizer. Nessuna persona ha risposto “sì”.

Un anno fa, avrei cercato di convincere le persone che la FDA era il gold standard per i prodotti farmaceutici COVID.

Ora, vedo che l’agenzia deve fallire per essere costretta a fare cambiamenti radicali in modo che il pubblico possa fidarsi che l’etichetta “approvato dalla FDA” significa sicurezza e fiducia.

Ad aggravare il problema è che la mancanza di credibilità della FDA ha creato un vuoto in cui le teorie della cospirazione e la disinformazione crescono rapidamente. Il risultato è che molte persone non credono che il vaccino sia stato effettivamente approvato. Non si fidano che sia sicuro essere vaccinati. Non sanno nemmeno chi gestisce la FDA.

Se la FDA avesse reso l’autorizzazione dei vaccini e il successivo processo di approvazione di facile comprensione per il pubblico, questo pasticcio di sfiducia nei confronti dei vaccini non sarebbe avvenuto. Ma la FDA si rifiuta di lavorare chiaramente, fornendo informazioni in termini che tutti comprendiamo.

E tutto questo si sarebbe potuto evitare se l’ufficio stampa della FDA non avesse operato come il Cremlino della Guerra Fredda.

Il mio incarico alla FDA
Sono stata assunta dalla FDA durante la pandemia perché il commissario, il dottor Stephen Hahn, aveva bisogno di qualcuno esperto nel gestire la stampa in una situazione di crisi.

Sono stata una portavoce della leadership di Capitol Hill durante l’11 settembre e un addetto stampa al Dipartimento di Stato durante le guerre in Iraq e Afghanistan.

Le comunicazioni strategiche necessarie per il COVID non erano diverse da quelle viste durante la guerra. La FDA aveva bisogno di ottenere quante più informazioni consentite al pubblico il più rapidamente possibile ed essere accessibile ai giornalisti 24 ore su 24, 7 giorni su 7.

Hahn ha chiesto alla Casa Bianca di cambiare la posizione del vice commissario per gli affari dei media da funzionario pubblico a un incarico presidenziale in modo da poter assumere al di fuori del governo. Questa è una mossa molto rara e difficile, quindi la Casa Bianca facendo tutto questo sforzo ha dimostrato quanto fossero importanti le comunicazioni della FDA per l’Operazione Warp Speed.

Il commissario mi ha detto quando abbiamo parlato per la prima volta all’inizio di giugno 2020 che aveva bisogno di convincere il pubblico a fidarsi dei vaccini COVID in modo che li prendessero dopo le autorizzazioni all’uso di emergenza, previste in autunno.

Hahn ha affermato che il personale dei dipendenti pubblici di carriera non aveva esperienza con il tipo di relazioni con i media e comunicazioni strategiche necessarie per la pandemia di COVID.

Avevo lavorato al Dipartimento di Stato e avevo un nulla osta di sicurezza classificato di alto livello. Quindi sapevo come condividere con i giornalisti le informazioni che erano per il pubblico e trattenere ciò che sapevo essere classificato per la sicurezza.

L’ufficio stampa dello Stato ha parlato al telefono con i giornalisti tutto il giorno, tutti i giorni. C’erano briefing giornalieri. Era nostro compito fornire ai media tutte le informazioni di cui il pubblico aveva bisogno.

Al contrario, il mio dipartimento “relazioni con i media” presso la FDA era composto da dipendenti del governo che si rifiutavano di avere molti rapporti con i media.

La FDA e i media
Anche se lui e il capo dello staff (Keagan Lenihan) mi hanno avvertito, sono rimasta sorpresa di come la FDA sia stata istituzionalizzata per non condividere le informazioni con il pubblico.

Il mio staff non parlerebbe mai al telefono con i giornalisti. Si mandavano e-mail avanti e indietro e poi scrivevano solo una o due frasi di informazioni che erano state ripulite. Ho detto al mio staff di rispondere al telefono o di passarmi i giornalisti. Non lo fecero.

Come ha scritto il mio ex collega David Gortler su “Forbes” in un articolo intitolato “Come la mancanza di trasparenza della FDA mina la fiducia pubblica”:

Una parte enorme della mancanza di trasparenza alla FDA è il suo ufficio stampa, e in particolare, gli addetti stampa che la FDA impiega e le risposte sterilizzate e preconfezionate che dà alle legittime inchieste scientifiche .

Il dottor Hahn mi ha detto che una delle sue principali priorità era far sì che i comunicati stampa smettessero di essere pagine di noiosi termini scientifici e li rendessero facili da capire. Persino i responsabili della FDA mi hanno detto che non capivano alcuni dei comunicati stampa.

Ho implementato un nuovo sistema in cui tutto ciò che sarebbe stato visto dal pubblico (compresi i media) doveva essere scritto in termini laici e facile da capire. Ho vietato gli acronimi.

Se ti chiedessi di dirmi che aspetto ha il commissario ad interim della FDA Janet Woodcock, probabilmente non mi risponderesti. Questo perché non è mai in TV.

Questa è stata una mia grande frustrazione quando ero alla FDA perché, come ho detto ripetutamente allo staff, le notizie sono visive. Avevamo bisogno di una conferenza stampa, davanti alla telecamera, per ottenere un’ampia copertura televisiva e raggiungere la maggior parte degli americani. Mi hanno detto che la FDA semplicemente non tiene conferenze stampa davanti alla telecamera. Fanno conferenze telefoniche con i giornalisti.

La FDA si è attenuta alla loro tattica di comunicazione senza volto e ha nascosto Woodstock dietro un telefono. Hanno persino messo questa telefonata su Youtube. Ha ottenuto 18.000 visualizzazioni. Sono sicuro che i giornalisti siano costretti ad ascoltarla per le risposte, ma non possiamo dire la stessa cosa per una singola persona non vaccinata che soppesa una decisione.

LIVE NOW: The media call on the first COVID-19 vaccine approval is starting! Stream it here: https://t.co/ZsUebdzRUD— U.S. FDA (@US_FDA) August 23, 2021

Non ho visto nessuna rete televisiva utilizzare il video della telefonata dell’approvazione del vaccino. Più persone su YouTube hanno visto un uomo adulto mettere insieme un giocattolo Transformer rispetto al commissario della FDA che spiegava il vaccino.

Tutte le immagini di copertura mediatica dell’approvazione della FDA provenivano dalla conferenza stampa di Biden. Alla nazione è stato mostrato un presidente balbuziente e con gli occhi vuoti che leggeva un gobbo che diceva che la FDA era il “gold standard”. Non riesco a immaginare che qualcuno lo abbia trovato abbastanza rassicurante da farsi il vaccino.

Quando ho iniziato a lavorare alla FDA nell’agosto 2020, sono rimasto scioccato dal fatto che nessuno dei miei oltre 20 dipendenti sia venuto in ufficio. I trattamenti, i test e i vaccini contro il coronavirus sono stati le cose più importanti mai analizzate dalla FDA, ma non esisteva una “war room” standard per definire strategie e determinare le tattiche.

Ho detto al mio “consulente” Michael che volevo che lo staff tornasse al lavoro. Ha detto che era impossibile esaudire la mia richiesta. Ancora peggio, Michael – che stava “recitando” nel mio ruolo quando sono stato assunto e l’ha ripreso quando me ne sono andato – ha detto che non aveva lasciato il suo appartamento da sei mesi. Tutti gli incaricati della Casa Bianca lavoravano in ufficio, quindi questo non era un problema di salute.

Il personale della FDA lavorava 8 ore al giorno da casa e faceva gli straordinari o le ferie pagate per qualcosa di più. In qualsiasi altro lavoro, direi che è normale, ma questa è la FDA in una pandemia. mi aspettavo di più.

Il campus della FDA a Silver Spring, MD, mi sembrava un college. Ma era stranamente vuoto ogni volta che ci andavo. La FDA deve presentarsi e lavorare insieme per essere un’agenzia funzionale in una crisi. Non possono continuare a nascondersi dietro i loro gradi avanzati e titoli importanti.

La strategia del Gold Standard
Hahn e i suoi consiglieri senior pianificarono che il pubblico avrebbe accettato di farsi vaccinare finché non ci fossero prove di interferenze politiche da parte della Casa Bianca. La loro convinzione è che le persone verranno vaccinate dopo l’autorizzazione esclusivamente sulla base della credibilità della FDA.

Il problema con il piano “Deep State” di Hahn/FDA per vaccinare le persone in base alla propria credibilità è che non hanno consapevolezza di sé. Vivono in una bolla del proprio ego. Più e più volte, Hahn e gli alti funzionari hanno affermato che l’etichetta della FDA era un “standard di riferimento”.

Fonte

https-_bucketeer-e05bbc84-baa3-437e-9518-adb32be77984.s3.amazonaws.com_public_images___ss-rehost__ig-cs6zxppdh87

Neovitruvian

La censura dei social media e` sempre piu` pesante, aiutami a sopravvivere con una donazione

2,00 €

La dipendenza dei media dal “Covid Fear Porn” e i costanti danni al tessuto sociale

Nell’ultimo anno e mezzo, media isterici che parlano di questioni relative al Covid-19 hanno ridotto alcune persone a uno stato spaventoso di conformità incondizionata, tra cui un gran numero di giornalisti altrimenti critici.

Con titoli in grassetto e caratteri grandi come “Questo incubo finirà mai?” e “Il numero di contagi sale alle stelle…” e “PANICO: La paura cresce in tutto il paese” e “L’orrore del coronavirus: i filmati sui social media mostrano che i residenti di Wuhan infetti “si comportano come zombi””, non c’è da meravigliarsi se molte persone sono in uno stato di panico .

In tempi in cui molti soffrono mentalmente e fisicamente sotto inutili e prolungati lockdown, l’incessante Fear Porn sta causando un’ansia eccessiva, che a sua volta influenzerà la salute e il benessere mentale di alcuni, se non di molti.

Nei documenti governativi del Gruppo consultivo scientifico per le emergenze (SAGE) del Regno Unito, datati marzo 2020, è stato fornito un consiglio che diceva:

“Il livello percepito di minaccia personale deve essere aumentato tra coloro che sono compiacenti, utilizzando messaggi emotivi incisivi… Questo potrebbe essere fatto da volontari addestrati per il supporto della comunità, da campagne mediatiche mirate, dai social media”.

Direi che le campagne mediatiche del Regno Unito non erano tanto “mirate”, ma hanno sicuramente fatto il lavoro, e altre nazioni occidentali hanno ricevuto direttive simili. Il governo del Regno Unito è diventato anche il più grande inserzionista della nazione nel 2020, pensa alle potenziali ramificazioni che cio’ potrebbe avere sui giornali a corto di soldi e sulla loro presunta “indipendenza”.

Essendo io stesso profondamente concentrato sull’esporre la propaganda di guerra e le menzogne ​​di altri media in Siria, Palestina, Venezuela e altrove nel corso degli anni, la mia posizione predefinita è diventata di profondo cinismo nei confronti dei mass media. Sì, puoi trovare pepite di verità, o anche ottimi giornalisti nelle pubblicazioni tradizionali, che sfidando onestamente la narrativa ufficiale.

Ma si tratta di poca gente, generalmente trovi propaganda copia-incolla proveniente in gran parte dalle viscere degli Stati Uniti e del Regno Unito.

Uno studio della Swiss Propaganda Research (SPR) ha osservato che “la maggior parte della copertura delle notizie internazionali nei media occidentali è fornita da sole tre agenzie di stampa globali con sede a New York, Londra e Parigi”.

Queste agenzie sono AP, Reuters e AFP. SPR nota:

Il ruolo chiave svolto da queste agenzie fa sì che i media occidentali riportino spesso gli stessi argomenti, anche utilizzando la stessa formulazione. Inoltre, i governi, i servizi militari e di intelligence utilizzano queste agenzie di stampa globali come moltiplicatori per diffondere i loro messaggi in tutto il mondo.

Alla luce di tutto ciò, sono arrivato a credere che per quanto riguarda i resoconti dei media sul Covid-19, il mio cinismo sia del tutto giustificato.

Le news sul Covid-19 sono state sempre assurde, con storie di persone che cadono morte per strada, obitori costruiti in piste da pattinaggio per far fronte alle montagne di corpi, filmati di un ospedale sovraffollato di New York (che in realta’ era un ospedale italiano), animali risultati positivi per SARS-CoV-2 e, più recentemente, segnalazioni di persone che muoiono dopo il vaccino, ma ci viene detto “potrebbe andare peggio!”

Questa campagna di paura ha indotto il pubblico a sovrastimare massicciamente la letalità del Covid-19, che, come notano voci non allarmistiche, ha un tasso di sopravvivenza di oltre il 99 percento.

Quando mesi dopo l’epidemia è diventato evidente che SARS-CoV-2 era molto meno letale di quanto inizialmente previsto, i media sono passati dal parlare di “morti per Covid” a “casi positivi”.

Sebbene relativamente presto una capra e una papaia siano risultate positive al Covid-19, invece di esaminare l’accuratezza del test PCR come mezzo per “rilevare il Covid-19”, i media hanno continuato a promuovere l’aumento dei “casi” di Covid-19.

Di pari passo, i test per covid sono aumentati drasticamente utilizzando il test PCR (recentemente revocato dal CDC). Ciò ha inevitabilmente aumentato il numero di “casi”, che i mass media hanno a loro volta promosso senza sosta, questo a sua volta ha fornito munizioni a coloro che vogliono lockdown e vaccini.

Ormai centinaia di medici, infermieri, virologi, immunologi e altri professionisti che vale davvero la pena ascoltare, i cui dati e la cui esperienza contrastano il clamore pompato dai media sono scomparsi molto rapidamente dai social media, o sono stati altrimenti ritenuti ciarlatani. Ciò fa si che il pubblico in generale ottenga le proprie informazioni principalmente tramite i media pubblicizzati.

Accanto a questo, ci sono stati implacabili attacchi ad hominem ai giornalisti che pongono domande legittime e verità scomode sulle narrazioni ufficiali sul Covid-19.

Per offrire prospettive che contraddicono le narrazioni standard su Covid-19, i giornalisti sono stati ritenuti teorici della cospirazione, negazionisti della pandemia, di destra, egoisti…

Quando si tratta di questioni relative al Covid-19, è improvvisamente inaccettabile mettere in discussione “The Science”, mettere in discussione le autorità o mettere in discussione gli stessi media che ci hanno venduto falsita’ come le armi di distruzione di massa in Iraq e gli attacchi chimici in Siria.

I media sono i motori dell’isteria Covid, ed è il bombardamento quotidiano di Fear Porn che confonde la gente media e consente di dare spazio a poteri tirannici.

Che tu sia d’accordo o meno con le domande e le critiche delle voci dissenzienti, abbiamo il diritto di chiederle e farle. Lo facciamo, sapendo che rimanere in silenzio di fronte alle brutali misure anti-Covid è un percorso garantito verso la tirannia.

Fonte

covid-covers

Neovitruvian

La censura dei social media e` sempre piu` pesante, aiutami a sopravvivere con una donazione

2,00 €

Il libro in uscita, Woke Inc espone le ciniche tattiche delle grandi aziende, usate per accontentare i woke/radical chic

Usando posizioni ipocrite e orientate al profitto su razza, genere e altri problemi attuali, le mega societa’ sono diventate i guardiani morali non eletti della società, mostrando ai consumatori cio’ che e’ giusto e sbagliato e spingendo i consumatori a comprare i loro prodotti per sentirsi soddisfatti e in pace con se stessi.

Nel 2019, il produttore di rasoi Gillette ha lanciato una campagna pubblicitaria piuttosto sconsiderata che affrontava la mascolinità tossica, proprio mentre il movimento #Metoo stava guadagnando importanza, usando immagini che ritraggono sessismo, bullismo e comportamenti maschili aggressivi.

L’idea era di stravolgere lo slogan dell’azienda da “Il meglio che un uomo può ottenere” a “Il meglio che un uomo può essere”. Faceva schifo e si è ritorto contro in modo esilarante, causando enormi danni alla reputazione dell’azienda, poiché i clienti hanno voltato le spalle a questa assurdità incredibilmente woke.

Dopo aver acquistato i prodotti Gillette per anni, non li ho più acquistati da allora e non li comprerò mai più.

È proprio il tipo di incidente che Vivek Ramaswamy esplora nel suo studio forense Woke Inc: Inside the Social Justice Scam, dove il rispetto formale delle teorie critiche su razza e genere è diventato un imperativo commerciale nel 21° secolo.

E non si tratta solo di prodotti di consumo e di ciò che dicono di noi, ma di ciò che diciamo e dove lo diciamo.

Ramaswamy osserva come giganti della tecnologia come Facebook, Twitter e Google ritengono che sia nel loro ambito non solo determinare chi ha diritto alla libertà di parola, ma anche cosa dovrebbero dire. Questi sono gli stessi che hanno bandito l’allora presidente degli Stati Uniti dalle loro piattaforme di social media.

A un uomo eletto democraticamente a Presidente è stata negata la voce perché ai gazilionari non eletti della California settentrionale non piaceva ciò che rappresentava. È irrilevante cosa pensi di Donald Trump o dei suoi sostenitori, è il principio della libertà di espressione, incapsulato nel Primo Emendamento della Costituzione degli Stati Uniti, che viene calpestato qui. E nonostante l’assenza di un testo così sacro nel Regno Unito o altrove, la libertà di espressione rimane una pietra angolare di qualsiasi democrazia moderna.

Ramaswamy certamente conosce a fondo il mondo gli affari, della legge e dell’industria farmaceutica, ma è la sua comprensione dei privilegi di cui godono le grandi società e che sfruttano cinicamente per migliorare la loro posizione finanziaria che rende la lettura più schiacciante.

Negli Stati Uniti – e per il momento, nel Regno Unito e nell’UE – le società di social media non sono considerate editori, in senso legale, di alcun contenuto sulle loro piattaforme, quindi sono immuni da azioni legali se qualcuno diffama qualcun altro utilizzando la loro applicazione. Se fossero invece considerati editori, se qualcuno accusasse erroneamente qualcuno di essere pedofilo il denunciante potrebbe citare in giudizio lo scrittore, l’editore e l’azienda dietro di essi.

Implicitamente, in cambio di tale immunità, il governo degli Stati Uniti si aspetta che quelle società rispettino la libertà di espressione. Ma non è così che funziona. Perché queste aziende agiscono proprio come editori, modificando i contenuti per i loro utenti, bloccando ciò che non gli piace, promuovendo il vangelo woke e sacrificando sull’altare del politically correct personalita’ come Donald Trump.

Tutte le opinioni che non sono al passo con l’ortodossia woke, secondo queste aziende, non dovrebbero essere ascoltate. Sono i nuovi guardiani della moralità. Gli arbitri su tutte le questioni di giustizia razziale, uguaglianza di genere e su come combattere il cambiamento climatico. Eppure nessuno li ha votati.

Ramaswamy inchioda questo problema, evidenziando il cinismo intessuto nelle decisioni aziendali woke, come lo scandalo delle emissioni diesel alla Volkswagen possibile soprattutto grazie al fatto che la casa automobilistica era considerata super-verde. Espone l’ipocrisia del fenomeno relativamente recente del capitalismo degli stakeholder, in cui le istituzioni finanziarie insistono sulla diversità all’interno del consiglio di amministazione, tra i rappresentanti del movimento per la giustizia sociale o degli organismi di governance prima di fare affari, relegando la massimizzazione dei rendimenti per gli azionisti a una considerazione secondaria.

Affronta anche l’argomento della diversità, che secondo lui non è diversità di pensiero di cui ha bisogno un’azienda sana, ma è tutta una questione di tokenismo e rispetto delle quote in base al colore della pelle e al sesso delle persone, come se quelle caratteristiche definissero ciò che potrebbero pensare.

Con la comprensione di un vero animale aziendale, Ramaswamy guarda anche all’ascesa della classe dirigente, dove i CEO possono finanziare i propri progetti di giustizia sociale alla ricerca di ricchezza e influenza e possono diventare meno responsabili diventando più responsabili. Ciò significa rendere pubblica una società in modo che, invece di pochi azionisti profondamente investiti che potrebbero ficcare il naso nel business, si avranno molti più azionisti con cui dividere la societa’, con quasi nessuno realmente interessato a come gestila o cosa il suo capo ha da dire su Twitter su Black Lives Matter finché continua a generare un dividendo.

È attraverso il capitalismo delle parti interessate e amministratori delegati in gran parte irresponsabili di grandi aziende che ora sentiamo queste voci sproporzionatamente alte su questioni come razza, genere e salvataggio del pianeta, che sono riuscite in qualche modo a convincere vaste aree di progressisti che ciò che rappresentano è buono e a stare con loro significa che anche tu puoi far parte del loro circolo virtuoso. Ma tutto questo è terribilmente sbagliato.

Come dice Ramasamy, “Chiunque si preoccupi sinceramente di cause importanti come l’emancipazione femminile, l’uguaglianza razziale e l’ambientalismo dovrebbe essere offeso quando queste cause vengono svalutate dalle società che le impegnano per promuovere i propri obiettivi”.

L’acquisto di un gelato, l’utilizzo di un deodorante, le operazioni bancarie online o la guida di una determinata auto non riguardano più tanto il prodotto stesso, ma ciò che l’acquisto di quel particolare prodotto dice di te. Le scelte giuste ti vedranno ricoperto di una virtù condivisa, le scelte sbagliate ti vedranno ricoperto di insulti.

Questo è il significato di business nel 21° secolo. Benvenuto in Woke Inc.

Fonte

612d1ab42030271a48618a4d

Neovitruvian

La censura dei social media e’ sempre piu` pesante, aiutami a sopravvivere con una donazione

2,00 €

Agli australiani vaccinati sarà concessa una nuova “libertà”; Un'”ora di ricreazione” sanzionata dal governo

“Questo è in aggiunta all’ora di esercizio già consentita”

In uno sviluppo agghiacciante, agli australiani del Nuovo Galles del Sud, che include la città di Sydney, verra’ concessa una “libertà” extra se sono completamente vaccinati, con i residenti autorizzati a “uscire di casa per un’ora di ricreazione oltre all’ora di esercizio fisico”

9 News in Australia riporta che “il premier Gladys Berejiklian ha affermato che il traguardo di sei milioni di vaccinazioni raggiunto questa settimana consentirebbe un piccolo aggiornamento alle libertà per i residenti vaccinati”.

Il rapporto aggiunge che “Dal 13 settembre, le famiglie che vivono in determinate aree potranno trascorrere un’ora aggiuntiva di svago all’aperto, a condizione che tutti gli adulti della famiglia siano completamente vaccinati”.

Chiarisce: “Questo è in aggiunta all’ora di esercizio già consentita, il che significa che le famiglie potranno visitare un parco”.

Guarda:
https://youtu.be/eSpmz2RwwbI

L’Australia ha dovuto affrontare alcune delle regole più draconiane del pianeta. L’esercito è stato chiamato per far rispettare le restrizioni e il coprifuoco, con i critici che paragonano il regime a quello della Corea del Nord.

I lockdown sono stati istituiti più volte in diverse regioni dopo che è stato registrato un solo caso di COVID e le scene di residenti, compresi i bambini, perseguitati dalle autorità sono diventate all’ordine del giorno.

Qualsiasi australiano sorpreso a esprimere sentimenti anti-lockdown deve affrontare multe salate, con i ministri del governo che dicono alle persone di non parlarsi e dichiarano che ciò che le persone non vaccinate possono fare nella comunità “dovrà essere controllato e limitato” dalle autorità.

Fonte

gettyimages-1335818561-768x432-1

Neovitruvian

La censura dei social media e` sempre piu` pesante, aiutami a sopravvivere con una donazione

2,00 €

I manifestanti per il cambiamento climatico lasciano per le strade di Londra 120 tonnellate di spazzatura

Si elevano a professori illuminati, parlando di “salvare il pianeta”, ma non riescono nemmeno a ripulire la spazzatura che lasciano per terra.

Mentre la polizia resta a guardare consentendo ai “manifestanti” hipster di “Extinction Rebellion” di bloccare Londra, è stato rivelato che durante le proteste di due anni fa, gli estremisti ossessionati dal cambiamento climatico hanno lasciato 120 TONNELLATE di immondizia per le strade .

Il London Telegraph osserva che Nickie Aiken, deputata conservatrice per le città di Londra e Westminster, ha citato un rapporto che indicava che la pulizia è costata £ 50.000 nel 2019.

Il rapporto sottolinea:

L’ex leader del Consiglio della città di Westminster ha dichiarato: “Il disagio per le persone e le imprese locali è incommensurabile. Mi è stato detto dal consiglio che l’ultima volta che Extinction Rebellion è stata qui per due settimane, hanno ripulito 120 tonnellate di spazzatura lasciata alle spalle. Ciò ha aggiunto £ 50.000 ai loro costi. Questa è la tassa comunale della popolazione locale”.

Non hanno neanche la voglia di ripulire la propria spazzatura, ma ti diranno ripetutamente che stai uccidendo il pianeta se prendi il treno per andare al lavoro.

Inoltre, il rapporto rileva che i manifestanti affermano di prendere di mira i “ricchi” a Londra, ma ripetutamente interrompono la vita delle persone più povere.

“Westminster e la City di Londra sono considerate aree molto ricche, ma voglio ricordare alle persone che in realtà non si tratta solo di ricchezza. Ci sono grandi aree di povertà nel centro di Londra.

“I ricchi che vivono qui sono in vacanza, quindi sono quelli che vivono qui permanentemente e non possono sfuggire che stanno vivendo in una situazione di chaos.”

Aiken ha anche notato che le risorse della polizia locale sono state dirottate per affrontare i manifestanti, lasciando i quartieri locali senza la presenza della polizia.

“Le risorse della polizia impegnate a controllare questa protesta nelle prossime due settimane sono scioccanti. Allo stesso tempo, i nostri quartieri non vedono i loro agenti di polizia locale perché si trovano nel centro di Londra”.

Extinction Rebellion afferma che non c’è stato “nessun costo aggiuntivo” per i contribuenti per quanto riguarda le proteste del 2019 e che le 120 tonnellate di spazzatura cadute per strada non sono anormali perché sono state rilasciate nel corso di 2 settimane.

Come abbiamo notato al culmine delle proteste due anni fa, solo l’8% delle persone sostiene il messaggio e i metodi di protesta utilizzati da Extinction Rebellion, descritta dal professore e sociologo Frank Furedi come “un carnevale per le classi medie che amano travestirsi da attivisti».

Fonte

gettyimages-1234870949-768x432-1

Neovitruvian

La censura dei social media e` sempre piu` pesante, aiutami a sopravvivere con una donazione

2,00 €

Anche i media mainstream stanno iniziando a fare domande importanti sui vaccini

L’ex membro del Congresso Ron Paul ha evidenziato questa settimana che una manciata di articoli dei media mainstream hanno effettivamente iniziato a mettere in discussione l’efficacia vaccinale e la loro imposizione, in particolare quando si tratta dei controversi richiami.

“Anche i media mainstream stanno iniziando a porre importanti domande sui vaccini”. Un paio di titoli recenti su Bloomberg e BBC sono sorprendenti in termini di critica riflessa nel respingere la “narrativa ufficiale”.

Il primo articolo che il membro del Congresso Paul e il co-conduttore Daniel McAdams mettono in evidenza è di Bloomberg.

Ecco come inizia l’inaspettato articolo di Bloomberg, pubblicato lo scorso fine settimana:

Gli aneddoti ci dicono ciò che i dati non possono dirci: le persone vaccinate sembrano contagiarsi con il coronavirus a un ritmo sorprendentemente alto. Tuttavia non si sa’ precisamente a quale velocita’, né quanto lo trasmettano agli altri.

Sebbene sia evidente che la vaccinazione fornisca ancora una potente protezione contro il virus, c’è una crescente preoccupazione che le persone vaccinate possano essere più vulnerabili a malattie gravi di quanto si pensasse in precedenza.

Lo stesso giorno in cui e’ uscito l’articolo di Bloomberg, e’ uscito anche questo articolo della BBC (finanziata dal governo del Regno Unito)…

“Prendersi il Covid e’ meglio di farsi il vaccino?”

La storia inizia:

Ci si chiede se sia giusto vaccinare i bambini e se sia meglio fare il richiamo o lasciare che gli adulti si contagino con il virus. Entrambi sono diventati questioni controverse.

“Pensare di poter tenere lontano il Covid con dei richiami annuali equivale a non affrontare il problema e rimanere per lungo tempo in un circolo vizioso “, ha detto la prof.ssa Eleanor Riley, immunologa dell’Università di Edimburgo.

Solo un mese fa tali affermazioni avrebbero portato al ban da Facebook o Twitter.

Tuttavia sottolineano quanto sia “sperimentale” l’intero scenario, nonostante i governi in un certo numero di nazioni stiano ora imponendo i vaccini COVID-19, con i richiami proprio dietro l’angolo e già implementati in alcuni luoghi (Israele) su scala massiva.

Presto potremmo vedere i funzionari sanitari spingere un secondo richiamo, un terzo, e così via…

Persino il The Daily Beast, che ha trascorso gran parte della pandemia sputtanando gli “sciettici”, ora ammette che Israele “ultra-vax” sta ora vedendo il numero di infezioni salire alle stelle…

Sembra che alcuni media stiano effettivamente iniziando a riconoscere che la “corsa” ai richiami è troppo prematura e si sa ancora troppo poco.

Fonte

adobestock_371323522-645x645-1

Neovitruvian

La censura dei social media e` sempre piu` pesante, aiutami a sopravvivere con una donazione

2,00 €

Obbligo vaccinale e il “Grande Reset”

Cresce la pressione sui non vaccinati. Mentre i vaccinati in alcuni paesi stanno recuperando parte delle loro libertà sottratte dagli interventi covid, i non vaccinati non se la passano cosi’ bene. Sono presi di mira in modo discriminatorio. L’accesso agli spazi pubblici e gli spostamenti sono sempre piu’ difficili per questa categoria. In alcuni paesi esiste persino la vaccinazione obbligatoria per alcune professioni.

Ma perché la campagna di vaccinazione è così importante per i governi da aumentare la pressione a tal punto? E chi è interessato alla campagna di vaccinazione globale?

Per rispondere a queste domande è necessario analizzare la narrativa vaccinale prevalente e chiedersi chi ne beneficia.

In tal modo, va affrontata l’alleanza di interessi tra lo Stato, i media, l’industria farmaceutica e le istituzioni sovranazionali.

Cominciamo dall’industria farmaceutica.

Ha un evidente interesse economico nella campagna di vaccinazione.

E lo stato?

Nella crisi del covid-19, i politici hanno sistematicamente amplificato la paura e l’isteria. Questo non è stato un caso e non è sorprendente, poiché lo stato fonda la sua ragion d’essere sull’argomento che protegge la popolazione dai pericoli interni ed esterni. Lo stato è costruito sulla paura. La narrativa è che senza l’aiuto dello stato, il cittadino sarebbe indifeso contro la fame, la povertà, gli incidenti, la guerra, il terrorismo, le malattie, i disastri naturali e le pandemie. È quindi nell’interesse dello Stato instillare la paura di possibili pericoli, che poi pretende di risolvere, ampliando nel frattempo il proprio potere. Un esempio relativamente recente è la restrizione delle libertà civili negli Stati Uniti in risposta alla minaccia del terrorismo dopo gli attacchi dell’11 settembre e la seconda guerra in Iraq. Allo stesso modo, era nell’interesse dei governi instillare intenzionalmente la paura e ritrarre il covid-19 come un virus killer unico al fine di espandere il potere statale in una misura sconosciuta in tempo di pace a scapito dei diritti fondamentali dei cittadini.

Quando è iniziata la crisi covid e non si sapeva molto del potenziale pericolo del virus, i politici hanno dovuto affrontare un paradosso. Se i politici avessero sottovalutato il pericolo senza reagire, sarebbero stati ritenuti responsabili di sottovalutare la situazione. Perdono le elezioni e il potere. Soprattutto se fossero stati incolpati dei morti. Foto di sepolture di massa a parte, le conseguenze della sottovalutazione del pericolo e del mancato intervento sono politicamente fatali. Al contrario, sopravvalutare il pericolo e intraprendere azioni decisive sono politicamente molto più attraenti.

Se è davvero una minaccia senza precedenti, i politici sono celebrati per le loro misure dure come i lockdown. Gli stessi possono sempre sostenere che senza la loro azione decisiva, ci sarebbe stato davvero un disastro. Se alla fine le misure si sono rivelate esagerate perché il rischio non era poi così grande, le possibili conseguenze negative delle misure non sono direttamente associate ai politici come le foto delle sepolture di massa, perché queste conseguenze sono più indirette. I costi sanitari indiretti e a lungo termine dei lockdown includono suicidi, depressione, alcolismo, malattie legate allo stress, decessi precoci per interventi chirurgici e screening annullati e uno standard di vita generalmente inferiore. Tuttavia, questi costi non sono direttamente associati agli interventi drastici e addebitati alla politica. Molte di queste conseguenze si verificheranno dopo le prossime elezioni o anche più tardi e non sono visibili. Ad esempio, non possiamo osservare fino a che punto un tenore di vita più elevato avrebbe aumentato l’aspettativa di vita. E se qualcuno muore tra sei anni a causa dell’alcolismo o della depressione sviluppatasi a seguito dei lockown, la maggior parte delle persone probabilmente non renderà responsabili i politici del lockdown e, se lo fanno, questi politici probabilmente non saranno piu’ al potere. Pertanto, è nell’interesse dei politici sopravvalutare una minaccia e reagire in modo eccessivo.

Per giustificare e difendere misure dure come il lockdown, è necessario suscitare la paura. Quando i politici hanno alimentato la paura e l’isteria durante la crisi del covid-19, attuando misure altamente restrittive come i lockdown, il danno all’economia e al tessuto sociale è stato immenso. Eppure una società non può essere bloccata per sempre, poiché i costi continuano ad aumentare. Ad un certo punto, si deve uscire dal lockdown e tornare alla normalità. Tuttavia, come si può allo stesso tempo impaurire il popolo con la minaccia di un virus killer e tornare alla normalità?

La via d’uscita è la vaccinazione.

Insieme alla campagna di vaccinazione lo stato può proporsi come il salvatore dal grande pericolo. Lo stato organizza la vaccinazione per i suoi cittadini e dà le vaccinazioni ai cittadini gratuitamente. Senza questo “salvataggio vaccinale” e in un lockdown permanente, le conseguenze economiche e sociali negative delle restrizioni ai diritti civili sarebbero così grandi che il risentimento tra la popolazione continuerebbe a crescere portando alla fine a disordini. Quindi, prima o poi, il lockdown deve finire. Se, tuttavia, le autorità statali cancellassero i lockdown e le restrizioni senza ulteriori spiegazioni e implicassero che il pericolo non era poi così grande, perderebbero molto sostegno e fiducia tra la popolazione. Di conseguenza, dal punto di vista governativo, è necessario uno “scenario di uscita” buono e salva-faccia dalle restrizioni più severe, e la campagna di vaccinazione e’ costruita in tal modo.

Attraverso la vaccinazione fornita dallo stato, lo stato può continuare a mantenere la narrativa della grande minaccia e comunque uscire dai lockdown. Allo stesso tempo, può spacciarsi per un salvatore che sta aiutando a percorrere la strada per il ritorno alla normalita’. Per fare questo, è necessario che gran parte della popolazione venga vaccinata, perché se si vaccina solo una frazione della popolazione, la campagna di vaccinazione non può essere venduta come un passo necessario verso l’apertura. Pertanto, è nell’interesse dello stato vaccinare una parte importante della popolazione.

Se questa strategia funziona, lo stato avrà creato un precedente, ampliato il suo potere e reso i cittadini più dipendenti. I cittadini crederanno che lo stato li abbia salvati da una situazione mortale e che avranno bisogno del suo aiuto in futuro. In cambio, saranno disposti a rinunciare ad alcune delle loro libertà in modo permanente. Propagandare la necessita’ di un richiamo annuale organizzato dallo stato perpetuerà la dipendenza dei cittadini.

I mass media si sono allineati e supportano attivamente la narrativa della vaccinazione.

Lo Stato e i mass media sono strettamente collegati. Già nel 1928 Edward Bernays sosteneva la manipolazione intelligente delle masse nel suo classico libro Propaganda. Negli stati moderni, i mass media aiutano a costruire l’approvazione popolare per le misure politiche come nel caso del covid-19.

Il sostegno dei mass media allo stato è dovuto a diverse ragioni. Alcuni media sono di proprietà diretta dello stato, altri sono altamente regolamentati o richiedono licenze statali. Inoltre, le case dei media sono composte da laureati provenienti da istituzioni educative statali. Inoltre, soprattutto in tempi di crisi, un buon collegamento con il governo offre vantaggi e un accesso privilegiato alle informazioni. La volontà di portare avanti la narrativa della paura dello stato deriva anche dal fatto che le notizie negative e l’esagerazione dei pericoli attirano l’attenzione.

Nella crisi covid-19, la copertura mediatica unilaterale che ha proliferato attraverso i social media e le voci critiche smorzate ha contribuito alla paura e al panico e ha creato un grande stress psicologico tra la popolazione. Tuttavia, non sono solo le notizie negative ad attrarre i media; anche la narrativa dello stato che salva la popolazione da una grave crisi vende bene. Così, la narrativa della vaccinazione fa il gioco dei mass media.

Oltre agli stati-nazione, ai media e alle aziende farmaceutiche, anche le organizzazioni sovranazionali hanno interesse a garantire che la popolazione mondiale sia vaccinata.

Le organizzazioni sovranazionali stanno attivamente perseguendo un’agenda in cui le campagne di vaccinazione globali svolgono un ruolo importante. Queste organizzazioni includono il Forum economico mondiale (WEF), le Nazioni Unite (ONU), l’UE, il Fondo monetario internazionale (FMI) e l’Organizzazione mondiale della sanità (OMS), che sono strettamente interconnessi.

Alcune di queste organizzazioni si sono prefissate come obiettivo un grande reset, o una grande trasformazione. Nelle aree della pandemia e della protezione del clima, del genere, della migrazione e del sistema finanziario, queste organizzazioni vogliono trovare risposte coordinate a beneficio di tutte le persone in tutto il mondo. Sottolineano la responsabilità condivisa e la solidarietà globale. Il controllo centrale della vaccinazione, del cambiamento climatico e dei flussi finanziari e migratori porta i segni distintivi di un nuovo ordine mondiale. Ad esempio, il tema dell’incontro annuale del WEF 2019 è stato “Globalizzazione 4.0: dare forma a una nuova architettura globale nell’era della quarta rivoluzione industriale“. Un altro esempio di pianificazione sovranazionale è il “Global Compact for Migration” delle Nazioni Unite. A livello nazionale, queste idee radicali sono supportate, come dimostrato dal documento politico del Consiglio consultivo tedesco sul cambiamento globale Welt im Wandel – Gesellschaftsvertrag für eine Große Transformation (Mondo in transizione: contratto sociale per una grande trasformazione).

Raymond Unger (2021, pp. 84-89) vede questa spinta alla pianificazione sovranazionale come parte di una guerra culturale immaginata da Antonio Gramsci e Herbert Marcuse. Una gestione globale dell’opinione e dell’indignazione si combina con scene di paura e orrore, specialmente nei campi del cambiamento climatico e del covid-19, per stabilire un nuovo ordine mondiale socialista. Infatti, l’OMS, il FMI e l’ONU sono guidati da ex comunisti. Il WEF è finanziato da aziende globali, tra cui l’industria farmaceutica e le grandi aziende tecnologiche. Il WEF, da parte sua, finanzia in modo significativo l’Agenda 2030 delle Nazioni Unite. L’OMS è anche finanziata in modo significativo dalle aziende farmaceutiche e dalla Bill and Melinda Gates Foundation, che guida le campagne di vaccinazione globali. Durante la crisi del covid-19, anche l’industria farmaceutica ha esercitato la sua influenza sull’OMS. E l’FMI ha aiutato gli stati-nazione solo se hanno rispettato le raccomandazioni dell’OMS.

Queste organizzazioni sovranazionali interconnesse vedono la crisi del covid-19 come un’opportunità per far avanzare le loro agende. Il documento politico delle Nazioni Unite Shared Responsibility, Global Solidarity: Responding to the Socio-economic Impacts of COVID-19 vede il covid-19 come un punto di svolta per la società moderna. L’intenzione è quella di cogliere l’opportunità e agire in modo coordinato a livello globale. La principali aziende tecnologiche supportano questi programmi. Sono anche membri del WEF e hanno censurato le informazioni sgradevoli relative al covid-19 sulle loro piattaforme (Twitter, YouTube e Facebook), proprio come i mass media. I video critici nei confronti della vaccinazione vengono eliminati in modo particolarmente rapido su YouTube.

Il titolo di un discorso programmatico della direttrice dell’FMI Kristalina Georgieva, “Dal grande blocco alla grande trasformazione“, sottolinea anche l’idea che le organizzazioni sovranazionali vogliono utilizzare la crisi covid-19 per i loro programmi. Klaus Schwab, fondatore del WEF, sostiene che la crisi del covid-19 rappresenta una “rara opportunità” per “porre nuove basi per i nostri sistemi economici e sociali“. In COVID-19: The Great Reset, scritto insieme a Thierry Malleret, Schwab parla di un momento decisivo e afferma che emergerà un nuovo mondo. Secondo Schwab, è tempo di una riforma fondamentale del capitalismo.

Pertanto, il programma di vaccinazione coordinato a livello globale può essere interpretato come un elemento costitutivo di una strategia sovranazionale di grande reset.

Si stanno creando strutture di vaccinazione globali che possono essere utilizzate per successive campagne di vaccinazione globali. Dal punto di vista dei sostenitori di un grande ripristino, la vaccinazione contro il covid-19 coordinata a livello globale sottolinea la necessità di strutture e organizzazioni globali che possono quindi essere utilizzate per altri scopi globali, come combattere efficacemente il “cambiamento climatico” e spingere per un grande ripristino. In breve, lo stato, i media, l’industria farmaceutica e le organizzazioni sovranazionali sono strettamente intrecciate e hanno un interesse comune nella narrativa della vaccinazione.

Da questo punto di vista, la crescente pressione sui vaccini senza vaccino non sorprende.

Fonte

https___d1e00ek4ebabms.cloudfront.net_production_c3623c75-138c-4de7-b476-3194e3e566b4

Neovitruvian

La censura dei social media e` sempre piu` pesante, aiutami a sopravvivere con una donazione

2,00 €

I campioni dei primi pazienti COVID di Wuhan avevano un virus geneticamente modificato simile a quello del laboratorio canadese

Uno scienziato americano ha scoperto che i campioni dei primi pazienti di Wuhan COVID-19 mostrano la presenza del virus, genticamente modificato, Henipah.

Henipah era uno dei due tipi di virus inviati in Cina da scienziati di origine cinese da un laboratorio canadese al centro di una controversia sul licenziamento degli scienziati e sulla collaborazione con i ricercatori militari cinesi. Non è chiaro se il virus trovato nei campioni cinesi sia correlato ai campioni di virus inviati dal laboratorio canadese, che sono stati spediti alla fine di marzo 2019.

La scoperta è stata confermata per The Epoch Times da un altro scienziato qualificato.

Le prove sono state trovate per la prima volta dal dottor Steven Quay, un medico-scienziato con sede a Seattle ed ex membro della facoltà presso la Stanford University School of Medicine, che ha esaminato i primi campioni di COVID-19 caricati dagli scienziati dell’Istituto di virologia di Wuhan poco dopo che la Cina informo’ l’Organizzazione mondiale della sanità dell’epidemia di SARS-CoV-2.

I campioni dei pazienti, che secondo quanto riferito avevano una “polmonite sconosciuta” nel dicembre 2019, sono stati caricati nel database di sequenze genetiche, GenBank, sul sito web del National Institute of Health (NIH) degli Stati Uniti. Quay afferma che mentre altri scienziati in tutto il mondo erano principalmente interessati a esaminare il genoma di SARS-CoV-2 nei campioni caricati dagli scienziati del WIV, voleva vedere cos’altro c’era nei campioni raccolti dai pazienti.

Così ha collaborato con alcuni altri scienziati per analizzare le sequenze dei campioni.

“Abbiamo iniziato a cercare “stranezze” al loro interno”, ha detto Quay a The Epoch Times.

Cio’ che hanno trovato, dice, sono i risultati di quella che potrebbe essere la contaminazione da diversi esperimenti in laboratorio, così come le prove del virus Henipah.

“Abbiamo trovato una manipolazione genetica del virus Nipah, che è più letale dell’Ebola”. Nipah è un tipo di virus Henipah.

The Epoch Times ha chiesto a Joe Wang, PhD, che in precedenza ha guidato un programma di sviluppo di vaccini per la SARS in Canada con una delle principali aziende farmaceutiche del mondo, di verificare la scoperta. Wang è attualmente il presidente di NTD Television Canada, la consociata di The Epoch Times in Canada.

Dopo aver esaminato le prove, Wang ha affermato di essere stato in grado di replicare le scoperte di Quay sul virus Henipah. Spiega che la manipolazione genetica del virus era probabilmente ai fini dello sviluppo del vaccino.

I documenti rilasciati dal governo canadese dichiarano l’uso previsto da parte del WIV dei campioni di virus inviati dal Canada come “coltura di virus di riserva”, che in termini più semplici significa conservare i virus mantenendoli in vita. La manipolazione genetica non rientrerebbe nell’ambito di questa descrizione.

IL LABORATORIO DI WINNIPEG
Il licenziamento della scienziata cinese Xiangguo Qiu e di suo marito, Keding Cheng, dal laboratorio nazionale di microbiologia (NML) di Winnipeg è stato oggetto di molte polemiche in Canada, con i partiti di opposizione che hanno fatto pressione sul governo per maggiori dettagli sul caso e il governo si è rifiutato di rilasciare informazioni citando problemi di sicurezza nazionale e privacy.

Qiu e Cheng insieme a diversi studenti cinesi sono stati buttati fuori dall’NML, l’unico laboratorio canadese di livello 4, nel luglio 2019, nel corso di un’indagine della polizia. I due scienziati sono stati formalmente licenziati nel gennaio 2021.

La Public Health Agency of Canada (PHAC), che è responsabile di NML, ha affermato che la risoluzione è stata il risultato di una “questione amministrativa” e di “possibili violazioni dei protocolli di sicurezza”, ma ha rifiutato di fornire ulteriori dettagli, citando la sicurezza e la privacy.

Durante la sua permanenza all’NML, Qiu ha viaggiato diverse volte in veste ufficiale al WIV, aiutando a formare il personale sulla sicurezza di livello 4. Il Globe and Mail ha successivamente riferito che gli scienziati dell’NML hanno collaborato con ricercatori militari cinesi su agenti patogeni mortali e che uno dei ricercatori militari cinesi ha lavorato nel laboratorio di Winnipeg ad alta sicurezza per un periodo di tempo.

I documenti e le e-mail rilasciati dal PHAC mostrano che la spedizione di campioni di Henipah ed Ebola è stata effettuata con il permesso delle autorità dell’NML.

In una delle e-mail inviate a settembre 2018, David Safronetz, capo dei patogeni speciali presso il PHAC, informo’ l’allora capo dell’NML Matthew Gilmour e altri amministratori di laboratorio della richiesta di WIV per la spedizione dei campioni, dicendo: “Mi fido del laboratorio .”

In risposta, Gilmour chiede della natura del lavoro che verrà svolto presso il laboratorio di Wuhan e perché il laboratorio non ottiene il materiale da “altri laboratori più locali”. Dice anche a Safronetz che è “bello sapere che ti fidi di questo gruppo”, chiedendo come la NML fosse collegata a loro.

Nella sua risposta, Safronetz non dice specificamente per cosa verranno utilizzati i campioni in Cina, ma osserva che verranno inviati solo una volta completate tutte le pratiche burocratiche e la certificazione. Dice anche che il WIV sta richiedendo il materiale da NML “a causa della collaborazione” con Qiu.

Aggiunge: “Storicamente, è stato più facile ottenere materiale da noi rispetto che dai laboratori statunitensi. Non credo che altri laboratori più vicini abbiano la capacità di spedire questi materiali”.

Gilmour si è dimesso dalla sua posizione in NML nel maggio 2020 ed è entrato a far parte di una società di bioricerca con sede nel Regno Unito.

I parlamentari hanno chiesto alla direzione dell’NML perché fosse consentita la spedizione dei campioni e se sapessero che la Cina eseguiva ricerche sul guadagno di funzione (GoF) presso WIV. La ricerca del guadagno di funzione comporta l’aumento del livello letale di (virulenza) o trasmissibilità degli agenti patogeni.

Il direttore scientifico in carica dell’NML, Guillaume Poliquin, ha dichiarato ai parlamentari durante una riunione della commissione parlamentare il 22 marzo che il laboratorio ha inviato i campioni al WIV solo dopo aver ricevuto l’assicurazione che non avrebbe avuto luogo alcuna ricerca sul guadagno di funzione.

Il deputato conservatore John Williamson ha insistito per ulteriori risposte, dicendo che non ci si può fidare della parola del laboratorio cinese gestito dallo stato poiché il regime cinese “ha una storia di furti e bugie”.

La questione della ricerca sul guadagno di funzione presso il WIV è stata un punto di contesa negli Stati Uniti tra i legislatori e il Dr. Anthony Fauci, capo del National Institute of Allergy and Infectious Diseases del NIH, la cui organizzazione ha finanziato la ricerca (attraverso l’EcoHealth Alliance) sui coronavirus a il laboratorio di Wuhan. Il senatore degli Stati Uniti Rand Paul afferma che il lavoro pubblicato da WIV sui coronavirus mostra che il laboratorio sta conducendo ricerche GoF, un’accusa che Fauci nega.

The Epoch Times ha chiesto commenti al PHAC, incluso il modo in cui l’agenzia ha affrontato le questioni della proprietà intellettuale e lo sviluppo di prodotti come i vaccini con WIV, ma non ha ricevuto risposta al momento della pubblicazione.

Nonostante le ripetute richieste da parte dei partiti di opposizione di maggiori dettagli relativi al licenziamento dei due scienziati dell’NML, il governo liberale si è rifiutato di fornire documenti, affermando che ci sono problemi di sicurezza nazionale e privacy.

Dopo che la Camera dei Comuni ha emesso un ordine per il governo di divulgare le informazioni, il governo ha portato il presidente della Camera in tribunale per ottenere la conferma da un giudice. Il governo ha poi abbandonato la causa in tribunale una volta che il primo ministro Justin Trudeau ha indetto le elezioni e il Parlamento è stato sciolto.

Fonte

cpt12108959-700x420-1

Neovitruvian

La censura dei social media e` sempre piu` pesante, aiutami a sopravvivere con una donazione

2,00 €

Pfizer ha appena ottenuto l'”approvazione definitiva della FDA” per il suo vaccino contro il COVID. C’è pero’ un piccolo problema…

Ieri Pfizer ha ottenuto la piena approvazione della FDA.

“La mossa lo renderebbe il primo vaccino contro il Covid a passare dall’autorizzazione all’uso di emergenza all’approvazione completa della FDA”.

(Per saperne di più)

Con questo in mente, vale la pena ricordare che sia Pfizer che Moderna hanno interrotto gli studi clinici che la FDA stava utilizzando nella loro revisione:

I test sui vaccini Moderna e Pfizer sono stati condotti, come di consueto, con un gruppo di controllo; un gruppo all’interno dello studio a cui è stato somministrato un placebo e non il vaccino di prova. Tuttavia, durante la sperimentazione – e dopo che l’FDA ha approvato l’autorizzazione per l’uso di emergenza – le aziende produttrici di vaccini che hanno condotto la sperimentazione hanno deciso di rompere il protocollo e informare il gruppo di controllo che non erano stati vaccinati. A quasi tutto il gruppo di controllo è stato poi somministrato il vaccino.

Sciogliere intenzionalmente il gruppo placebo viola lo scopo scientifico di testare se il vaccino ha qualche efficacia; eventuali vantaggi effettivi e/o problemi di sicurezza. Senza un gruppo di controllo non c’è nulla con cui confrontare il gruppo vaccinato. Secondo NPR, i medici al Johnson County Clinicial Trial (Lexena, Kansas) lo hanno fatto di proposito:

(tramite NPR)

[…] “Dott. Carlos Fierro, che gestisce lo studio lì, afferma che ogni partecipante è stato richiamato dopo che la Food and Drug Administration ha autorizzato il vaccino.

“Durante quella visita abbiamo discusso delle opzioni, che includevano continuare lo studio senza il vaccino”, dice, “e sorprendentemente c’erano persone – un paio di persone – che hanno scelto tale opzione”.

Sospetta che quegli individui siano stati spaventati dalle voci sul vaccino. Ma tutti gli altri a cui è stato somministrato il placebo sono andati avanti e hanno ricevuto il vaccino vero e proprio. Quindi ora Fierro non ha sostanzialmente alcun gruppo di confronto rimasto per lo studio in corso. “È una perdita da un punto di vista scientifico, ma date le circostanze penso che sia la cosa giusta da fare”, dice.

Alle persone che si sono iscritte a questi studi non è stato promesso un trattamento speciale, ma una volta che la FDA ha autorizzato i vaccini, e’ stato loro offerto di farsi il vaccino.

(Per saperne di più)

Giusto per essere chiari, l’autorizzazione finale della FDA e l’approvazione per i vaccini si basano sull’esito di questi studi. Come notato nell’esempio sopra, il gruppo di controllo è stato intenzionalmente sciolto portando come scusante il fatto che fosse la “cosa giusta da fare”, quindi non c’è modo di misurare l’efficacia o la sicurezza del vaccino stesso.

Non è rimasto nessuno all’interno del gruppo di controllo, per fare un confronto adeguato dei risultati tra vaccinati e non-vaccinati. Questo è totalmente folle. Salvatevi quell’articolo di NPR cosi’ lo potete citare quando le persone iniziano a sostenere che la vaccinazione è efficace.

Come può il vaccino non essere considerato efficace quando non esiste un gruppo di persone non vaccinate con cui confrontare i risultati?

Per Dio, l’intero sistema sanitario si basa su un sistema che ignora scienza e metodo scientifico a favore di risultati ideologici e profezie che si autoavverano.

Il fatto che ricercatori e medici, apparentemente sotto il libro paga delle aziende farmaceutiche che hanno un interesse finanziario nell’esito del vaccino, abbiano perso di proposito il gruppo di controllo è allarmante.

Naturalmente, Big Pharma promuoverà il vaccino come benefico e i media controllati promuoveranno quel messaggio con una completa disconnessione dai dettagli della sperimentazione clinica e la FDA concederà l’approvazione sui risultati che sono stati intenzionalmente costruiti per produrre un solo risultato.

Come notato dal Dr. Malone, l’approccio terapeutico di buon senso dovrebbe essere l’obiettivo principale, non la vaccinazione, per i sistemi sanitari in corso poiché le varianti COVID-19 continueranno ad evolversi. In definitiva, il processo di immunità naturale sarà di maggior beneficio complessivo rispetto alle vaccinazioni che richiederanno continui richiami per affrontare le varianti in continua evoluzione (un approccio simile per affrontare i ceppi influenzali ricorrenti e in evoluzione). Il Dr. Malone ha fornito supporto per la sua posizione con il consenso del principale vaccinologo britannico, Sir Andrew Pollard (BREVE VIDEO)

In sostanza, sia il Dr. Andrew Pollard (Direttore del UK Oxford Vaccine Group), sia il Dr. Malone affermano che le varianti del virus COVID-19 continueranno a diffondersi nella popolazione indipendentemente dallo stato del vaccino; e il virus continuerà ad evolversi in ceppi più infettivi ma meno mortali o patogeni.

Semplicemente non c’è modo di vaccinare la popolazione e fermare la diffusione delle varianti COVID, perché i vaccinati contrarranno e diffonderanno il virus proprio come i non vaccinati. L’approccio vaccinale dovrebbe essere mirato agli anziani e alle persone più a rischio.

Specifico per la posizione del Dr. Malone – data la natura non testata del vaccino stesso; nessuno conosce gli effetti collaterali a lungo termine; il beneficio del vaccino dovrebbe essere valutato rispetto allo stato di salute attuale dell’individuo. Le popolazioni anziane con risposte immunitarie inferiori dovrebbero essere il bersaglio della vaccinazione; sono i più a rischio. Tuttavia, gli individui più giovani, meno a rischio, trarranno probabilmente maggiori benefici dal trattamento terapeutico dopo l’esposizione se manifestano qualsiasi sintomo.

Il problema è…. questo approccio di buon senso è meno favorevole agli interessi dell’industria farmaceutica e dei sistemi sanitari che sono controllati dai meccanismi finanziari all’interno del business della sanità. Big Pharma guadagnerebbe ovviamente meno soldi da una popolazione target più piccola per la vaccinazione; ergo l’approccio terapeutico è una minaccia per l’approccio preferito di coloro che gestiscono il modello di business. Questa è la battaglia politica generale.

L’influenza delle massicce società farmaceutiche, all’interno delle istituzioni sanitarie controllate dal governo su base globale, è enorme. Questa prospettiva è l’origine della spinta vaccinale e della narrativa sui vaccini come unica e migliore soluzione. Chiunque sollevi un punto, qualsiasi punto, in opposizione all’approccio obbligatorio del vaccino di massa diventa quindi un bersaglio da isolare, emarginare, ridicolizzare e rimuovere.

Fonte

vaccination-1

Neovitruvian

La censura dei social media e` sempre piu` pesante, aiutami a sopravvivere con una donazione

2,00 €

Il World Economic Forum pubblica un altro video distopico: “Come le nostre vite potrebbero cambiare a breve”

Il World Economic Forum ha recentemente pubblicato un video con la didascalia “Dai un’occhiata al futuro”. Evidentemente, il futuro che vogliono è un incubo distopico in cui la disumanizzazione viene portata a livelli assurdi.

Come probabilmente saprai, dal 2020 questa pandemia ha avvelenato la vita di miliardi di individui in tutto il mondo. Nel frattempo, il World Economic Forum (WEF) non ha potuto contenere la sua eccitazione. In effetti, questa potente, influente organizzazione di proprietà dell’élite continua a pubblicare video bizzarramente ottimisti sui “vantaggi” e le “opportunità” di COVID-19.

Ad esempio, a gennaio, il WEF ha pubblicato un video intitolato “What is the Great Reset” che sostanzialmente riconosce che sta usando la pandemia per creare un nuovo ordine sociale ed economico … mentre prende in giro coloro che prevedevano che sarebbe successo. Un mese dopo, il WEF ha pubblicato un altro video intitolato “I lockdown stanno migliorando le città in tutto il mondo”. Il WEF, alla fine ha cancellato quel video… ma questo non significa che non ci credano.

Inutile dire che le persone odiano assolutamente questi video. Su YouTube la stragrande maggioranza mette un dislike e il 99,85% dei commenti esprime totale disgusto. Ma questo non ha impedito al WEF di creare altre assurdità.

Il 17 agosto, il WEF ha pubblicato un video intitolato “Come potrebbero cambiare le nostre vite a breve”. E sembra il trailer di un film horror distopico in cui le persone vengono trattate come bestiame disumanizzato.

Ecco il video:

La prima cosa che chiariscono abbondantemente è che non vogliono che tu o i tuoi figli uscite di casa. Vogliono che lavori da casa e vogliono che i tuoi figli imparino da casa. E credono che questi cambiamenti saranno così permanenti che gli uffici dovranno essere riadattati e interi quartieri dovranno essere ridisegnati.

Non vogliono nemmeno che tu esca di casa per prendere del cibo. Inoltre, vogliono che tu indossi una maschera a casa tua quando ricevi quel cibo. I “servizi basati sull’analisi” implicano che le grandi aziende tecnologiche analizzeranno le tue ricerche web e le tue abitudini di consumo per “prevedere” ciò che desideri e riceverlo.

Stessa cosa.

Se per caso avessi la folle idea di uscire di casa per incontrare altre persone, loro vogliono che sia così:

Se incontri un altro essere umano, sarà con disinfettante per le mani e maschere permanenti. Non dimenticare di scansionare quel codice QR in modo che sappiano esattamente dove sei e con chi stai incontrando.

Vorranno anche seguirti nel modo più inquietante possibile.

Odio ogni parola di questa frase.

Secondo il WEF, le mascherine saranno una cosa permanente. E, per questo motivo, i loro preziosi sistemi di riconoscimento facciale non funzioneranno altrettanto bene. Allora qual è la soluzione? Basta con le mascherine perché le pandemie sono temporanee? Ovviamente no. Basta con il tracciamento delle persone? Sei pazzo? La loro risposta: sparare laser direttamente nei nostri cuori e ascoltare i nostri battiti cardiaci per identificarci. Sì, questa è la risposta più folle a questa domanda ed è quella che hanno incluso nel loro video.

Questi psicopatici hanno anche una particolare attenzione per i nostri figli. Vogliono modellarli secondo i loro principi distopici. Per questo motivo il WEF promuove l’apprendimento permanente a distanza.

Vogliono che i tuoi figli siano chiusi in casa, a fissare lo schermo tutto il giorno.

Sebbene l’apprendimento a distanza sia stato niente meno che disastroso per lo sviluppo e il benessere mentale dei bambini, il WEF vuole che diventi permanente. E per vendere quell’idea folle, affermano che “migliorerebbe le loro abilità digitali”.

Questo è l’argomento più debole che abbia mai sentito riguardo a qualcosa nella mia vita. I bambini di oggi non hanno assolutamente bisogno di “migliorare le proprie competenze digitali”. Imparano a usare telefoni e tablet prima di imparare effettivamente a camminare. Semmai, hanno bisogno di ridimensionare le loro “competenze digitali” di un paio di tacche e aumentare le loro abilità di “uscire e vivere” di un paio di tacche.

Il WEF sa molto bene che i bambini hanno bisogno di giocare, socializzare e comunicare con altri bambini per svilupparsi correttamente. Tuttavia, non vogliono che i bambini si sviluppino correttamente. Questa è la spaventosa, terrificante verità sulla loro agenda. Stanno cercando di negare elementi vitali dello sviluppo di un bambino per creare il tipo di essere umano che vogliono vivere nella loro società distopica.

Vogliono davvero che l’isteria COVID sia permanente.

Non diversamente dai precedenti video del WEF, questo è stato accolto con disgusto universale. Ecco alcune risposte di Twitter al video (non le ho selezionate io, sono letteralmente tutte così).

CONCLUSIONE
Come avrai notato, questi video mi fanno incazzare, fanno incazzare quasi tutti coloro che li guardano. E per diversi motivi. Primo, chi gli ha votati? Qualcuno ha visto il nome di Klaus Schwab – il capo del WEF – in una scheda elettorale? Ovviamente no. Schwab, infatti, lavora da anni per smantellare le democrazie nazionali.

Schwab come editore del rapporto “Global Redesign” del World Economic Forum 2010 postula che un mondo globalizzato sia gestito al meglio da una coalizione di multinazionali, governi e selezionate organizzazioni della società civile (CSO). Sostiene che i governi non sono più “gli attori dominanti in modo schiacciante sulla scena mondiale” e che “è giunto il momento per un nuovo paradigma delle parti interessate della governance internazionale”. La visione del WEF include un’ONU “pubblico-privato”, in cui alcune agenzie specializzate opererebbero nell’ambito di sistemi di governance congiunti statali e non statali.

Secondo il Transnational Institute (TNI), il Forum sta quindi progettando di sostituire un modello democratico riconosciuto con un modello in cui un gruppo auto-selezionato di “stakeholder” prende decisioni per conto delle persone. Il think tank riassume che stiamo entrando sempre più un mondo in cui raduni come quello di Davos sono “un silenzioso colpo di stato globale” per conquistare il governo.
– Wikiepdia, Klaus Schwab

In secondo luogo, ogni singolo video del WEF promuove in modo non ironico un mondo senza gioia e senza libertà in cui è bandito tutto ciò che rende la vita degna di essere vissuta. Vogliono che tu rimanga a casa tua mentre estraggono ciò di cui hanno bisogno da te usando la tecnologia. Vogliono addestrare i tuoi figli a essere vittime ancora piu’ obbedienti. Non vogliono che ti allontani troppo da casa tua e, se lo fai, vogliono seguirti a livello biologico. Soprattutto non vogliono che tu interagisca con altri esseri umani in modo normale perché ciò potrebbe suscitare un po’ di umanità in te.

È così che vuoi vivere? È questo il mondo in cui vuoi che crescano i tuoi figli? In caso contrario, dobbiamo rifiutare attivamente ogni tentativo di realizzare i loro piani, a tutti i livelli possibili.

Fonte

leadwefpandemic

Neovitruvian

La censura dei social media e` sempre piu` pesante, aiutami a sopravvivere con una donazione

2,00 €