I dati suggeriscono che i vaccini non diminuiscono l’infettivita’ della variante delta

Le persone vaccinate infettate dalla variante Delta del virus del PCC (Partito Comunista Cinese), che causa il COVID-19, possono essere contagiose quanto le loro controparti non vaccinate, suggeriscono le prime analisi di Public Health England (PHE).

Ciò coincide con un recente studio degli Stati Uniti, in cui sono stati osservati risultati simili in Wisconsin.

“Alcuni risultati iniziali… indicano che i livelli di virus in coloro che vengono infettati da Delta che sono già stati vaccinati possono essere simili ai livelli riscontrati nelle persone non vaccinate”, ha affermato PHE in una nota.

“Questo potrebbe avere implicazioni per l’infettività delle persone, indipendentemente dal fatto che siano state vaccinate o meno”, ha aggiunto.

“Tuttavia, questa è una prima analisi esplorativa e sono necessari ulteriori studi mirati per confermare se questo è il caso”.

La variante Delta, identificata per la prima volta in India, è attualmente la variante del virus del PCC dominante in Inghilterra.

In un briefing tecnico (pdf) pubblicato venerdì, PHE ha affermato che i dati sui casi di NHS Test and Trace mostrano che dal 14 giugno, dove sono disponibili i dati del valore della soglia del ciclo (Ct), i valori Ct medi e mediani più bassi sono simili tra vaccinati e non vaccinati. persone con la variante Delta, “con una mediana di 17,8 per i non vaccinati e 18,0 per quelli con 2 dosi di vaccino”.

Il valore Ct è il numero di cicli necessari per aumentare il segnale virale in un campione durante l’esecuzione di un test RT-PCR.

I dati non stratificati per età indicano che “sebbene la vaccinazione possa ridurre il rischio complessivo di un individuo di contrarre l’infezione, una volta infettato c’è una differenza limitata nella carica virale (e nei valori Ct) tra coloro che sono vaccinati e non vaccinati”, ha detto PHE.

“Dato che hanno valori Ct simili, questo suggerisce una differenza limitata nell’infettività”, si legge nel documento, aggiungendo che il comportamento di ricerca del test e i veri cambiamenti nei dati come la distribuzione per età dei casi possono influenzare i risultati.

Un recente studio del Wisconsin, negli Stati Uniti, ha osservato un risultato simile.

La prestampa dello studio, che non è ancora stata sottoposta a revisione paritaria, ha affermato che “non è stata riscontrata alcuna differenza nelle cariche virali” confrontando gli individui non vaccinati con quelli che hanno infezioni dopo la vaccinazione.

Tuttavia, questi risultati contraddicono i risultati di un altro studio recente dell’Imperial College di Londra (ICL).

L’ICL ha condotto lo studio 1 sulla valutazione in tempo reale della trasmissione comunitaria ha pubblicato la prestampa del suo ultimo rapporto, che affermava che tra tutti i test positivi, il valore Ct mediano (il numero di cicli necessari per aumentare il segnale virale) era 27,6 per i partecipanti vaccinati, e 23,1 per i partecipanti non vaccinati, suggerendo che le persone vaccinate hanno meno probabilità di trasmettere il virus ad altri.

I vaccini “potrebbero essere meno efficaci” contro la variante Lambda
In una dichiarazione separata, PHE ha affermato che “ci sono prove di laboratorio preliminari che suggeriscono che la vaccinazione potrebbe essere meno efficace nel prevenire l’infezione” contro la variante Lambda (B.1.621).

“Tuttavia, questi dati sono molto limitati e sono necessarie ulteriori ricerche. Non ci sono prove che suggeriscano che [esso] sia più trasmissibile della variante Delta dominante”, ha aggiunto.

Secondo PHE, l’Inghilterra ha 37 casi confermati della variante Lambda.

In una nuova valutazione del rischio (pdf), PHE ha affermato che mentre non ci sono dati reali sull’efficacia del vaccino contro la variante, i dati sugli pseudovirus dal Regno Unito indicano che potrebbe eludere l’immunità derivata dal vaccino.

Il documento ha anche affermato che ci sono prove che indicano che la variante elude l’immunità naturale dalle precedenti infezioni del Delta.

Una prestampa recentemente pubblicata di uno studio giapponese ha affermato che la variante Lambda (C.37) mostra una maggiore infettività e resistenza immunitaria.

Gli ultimi dati ufficiali mostrano che l’88,9% degli adulti del Regno Unito ha ricevuto almeno una dose di vaccino contro il virus del PCC e il 74,1% ha ricevuto entrambe le dosi di un vaccino contro il virus del PCC.

Il numero dei casi nella recente ondata di infezioni ha raggiunto un livello simile a quello osservato a gennaio, ma il numero di ricoveri e decessi è stato di gran lunga inferiore a quello dell’ultima ondata.

Attualmente non ci sono dati a lungo termine sull’efficacia e la sicurezza dei vaccini.

Fonte

featureimage-700x420_0

Neovitruvian

La censura dei social media e` sempre piu` pesante, aiutami a sopravvivere con una donazione

2,00 €

Informazioni su neovitruvian

Non fidatevi dei vostri occhi, sono facilmente ingannabili, ricercate in voi stessi quella forza che vi permette di distinguere il vero dal falso. Il mondo così come è non va. Mi basta questo.

Pubblicato il 9 agosto 2021, in Uncategorized con tag , , , , , , , , , . Aggiungi il permalink ai segnalibri. 1 Commento.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: