Uno dei massimi esperti di malattie infettive dell’OMS afferma che il “paziente zero” del COVID e’ stato probabilmente un lavoratore del laboratorio di Wuhan

Contraddice i risultati iniziali dell’indagine dell’OMS.

Uno dei principali esperti di malattie infettive dell’Organizzazione mondiale della sanità afferma che il primo “paziente zero” COVID era “probabilmente” un lavoratore del laboratorio di Wuhan.

Peter Embarek, che ha guidato una squadra dell’OMS inviata per indagare sul laboratorio all’inizio di quest’anno, ha detto alla televisione danese che la probabile fonte della pandemia era qualcuno infettato da un pipistrello durante il lavoro sul campo o in uno dei laboratori di Wuhan.

“È qui che il virus passa direttamente da un pipistrello a un essere umano”, riporta TV 2 News in Danimarca. “In tal caso, sarebbe quindi un lavoratore di laboratorio invece di un abitante casuale del villaggio o un’altra persona che ha contatti regolari con i pipistrelli.”

Il rapporto rileva che il tipo di pipistrello coinvolto nella trasmissione dell’infezione, il pipistrello a ferro di cavallo, era presente solo all’interno del laboratorio di Wuhan e non vive naturalmente nell’area generale di Wuhan.

“Un dipendente che è stato infettato sul campo prelevando campioni rientra in una delle ipotesi probabili”, ha affermato Embarek.

La nuova valutazione di Embarek contraddice i risultati dell’indagine dell’OMS, che originariamente affermava che l’origine della perdita di laboratorio era “estremamente improbabile”.

I sondaggi ora mostrano che la maggior parte degli americani crede che il coronavirus non sia emerso dai mercati umidi di Wuhan, ma sia trapelato dal vicino laboratorio.

Come abbiamo evidenziato in precedenza, il dott. Peter Daszak, presidente dell’EcoHealth Alliance, un gruppo che ha ampi legami con la ricerca del guadagno di funzione nel laboratorio di Wuhan, ha ringraziato il dott. Anthony Fauci per aver respinto la teoria della fuoriuscita di laboratorio all’inizio della pandemia.

Daszak è stato anche incaricato da Facebook di “verificare i fatti” (censurare) le informazioni relative all’ipotesi, mentre Google, che tramite YouTube ha anche censurato le informazioni sulla teoria, ha anche finanziato la ricerca sui virus di Daszak.

Per la maggior parte dell’anno dopo l’epidemia, l’establishment scientifico e i media mainstream hanno affermato che le affermazioni che il COVID ha avuto origine dal laboratorio di Wuhan erano una “pericolosa teoria della cospirazione marginale”.

Le persone che hanno fatto tali affermazioni sui siti di social media sono state messe a tacere e bandite dai giganti della Silicon Valley.

I cosiddetti “controllori dei fatti” e i censori che hanno lavorato per insabbiare tali informazioni potrebbero aver contribuito a facilitare uno dei più grandi insabbiamenti della storia moderna.

Qualcuno di loro si scuserà o cambierà le loro politiche?

Non contarci troppo.

Fonte

120821who1-768x403-1

Neovitruvian

La censura dei social media e` sempre piu` pesante, aiutami a sopravvivere con una donazione

2,00 €

Informazioni su neovitruvian

Non fidatevi dei vostri occhi, sono facilmente ingannabili, ricercate in voi stessi quella forza che vi permette di distinguere il vero dal falso. Il mondo così come è non va. Mi basta questo.

Pubblicato il 12 agosto 2021, in Uncategorized con tag , , , , , , , , , , , . Aggiungi il permalink ai segnalibri. 3 commenti.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: