Il culto covidiano: Realta’ contro “Realta’”

Per opporsi a questa nuova forma di totalitarismo, dobbiamo capire come assomigli e differisca dai precedenti sistemi totalitari. Le somiglianze sono abbastanza ovvie – la sospensione dei diritti costituzionali, i governi che agiscono per decreto, la propaganda ufficiale, la messa al bando dell’opposizione politica, la censura, la segregazione sociale, le squadre di scagnozzi che terrorizzano il pubblico e così via – ma le differenze non sono ovvie.

Mentre il totalitarismo del XX secolo (cioè la forma con cui la maggior parte delle persone ha generalmente familiarità) era più o meno nazionale e apertamente politico, il totalitarismo della Nuova Normalita’ è sovranazionale e la sua ideologia è molto più sottile. La Nuova Normalità non è il nazismo o lo stalinismo. È totalitarismo capitalista globale, e il capitalismo globale non ha un’ideologia, tecnicamente, o, piuttosto, la sua ideologia è la “realtà”. Quando sei un egemone ideologico globale senza rivali, come è stato il capitalismo globale negli ultimi 30 anni circa, la tua ideologia diventa automaticamente “realtà”, perché non ci sono ideologie in competizione. In realtà, non esiste affatto un’ideologia… c’è solo “realtà” e “irrealtà”, “normalità” e “deviazioni dalla norma”.

Sì, lo so, la realtà è la realtà… ecco perché sto mettendo tutti questi termini tra virgolette, quindi, per favore, risparmiami le lunghe e-mail che dimostrano in modo conclusivo la realtà della realtà e cerca di capire come funziona.

C’è la realtà (qualunque cosa tu creda che sia), e c’è la “realtà”, che determina il funzionamento delle nostre società. La “realtà” è costruita (cioè simulata), collettivamente, secondo l’ideologia di qualunque sistema controlli la società. In passato, la “realtà” era apertamente ideologica, indipendentemente dalla “realtà” in cui vivevi, perché c’erano altre “realtà” in competizione. Non ci sono più. C’è solo una “realtà”, perché l’intero pianeta – sì, inclusa Cina, Russia, Corea del Nord e ovunque – è controllato da un sistema egemonico globale.

Un sistema egemonico globale non ha bisogno di ideologia, perché non deve competere con ideologie rivali. Quindi cancella l’ideologia e la sostituisce con la “realtà”. La realtà (qualunque cosa tu creda personalmente che sia, che ovviamente è ciò che realmente è) non viene effettivamente cancellata. Semplicemente a nessuno frega, perché non puoi dettare la “realtà”. Il capitalismo globale arriva a dettare la “realtà” o, più precisamente, simula la “realtà” e così facendo simula l’opposto della “realtà”, che è ugualmente se non più importante.

Questa “realtà” fabbricata dal capitalismo globale è una “realtà” depoliticizzata e astorica che forma un confine ideologico invisibile che stabilisce i limiti di ciò che è “reale”. In questo modo, il capitalismo globale (a) nasconde la sua natura ideologica e (b) rende automaticamente illegittima o, più precisamente, inesistente ogni opposizione ideologica. L’ideologia come la conoscevamo scompare. Gli argomenti politici, etici e morali si riducono alla questione di cosa sia “reale” o “fattuale”, come dettano gli “esperti” e i “fattori di verifica” del GloboCapitalismo.

Inoltre, poiché questa “realtà” non è un sistema ideologico coeso con valori fondamentali, principi fondamentali e così via, può essere drasticamente rivista o completamente sostituita più o meno in un attimo. Il capitalismo globale non ha valori fondamentali – oltre al valore di scambio, ovviamente – e quindi è libero di fabbricare qualsiasi tipo di “realtà” che vuole e sostituire una “realtà” con una nuova “realtà” ogni volta che serve ai suoi scopi, come macchinisti che cambiano una scenografia teatrale.

Ad esempio, la “Guerra globale al terrore”, che è stata la “realtà” ufficiale dal 2001 fino a quando non è stata annullata nell’estate del 2016, quando è stata lanciata ufficialmente la “Guerra al populismo”. O, ora, la “Nuova Normalità”, che ha sostituito la “Guerra al populismo” nella primavera del 2020. Ogni nuova simulazione di “realtà” è stata lanciata bruscamente, persino goffamente, come quella scena nel 1984 in cui il Partito cambia nemici ufficiali proprio nel bel mezzo di un discorso della Settimana dell’odio.

Seriamente, pensa a dove siamo attualmente, 18 mesi nella nostra nuova “realtà”, quindi torna indietro e rivedi come il GloboCapitalismo ha palesemente lanciato la Nuova Normalita’ nella primavera del 2020 … e la maggior parte delle masse non ha nemmeno battuto ciglio. Sono passati senza soluzione di continuità alla nuova “realtà” in cui un virus, piuttosto che “suprematisti bianchi” o “agenti russi” o “terroristi islamici”, era diventato il nuovo nemico ufficiale. Hanno messo via le sceneggiature che avevano recitato alla lettera per i quattro anni precedenti, e le sceneggiature che avevano recitato per i precedenti 15 anni prima, e hanno iniziato a farfugliare freneticamente il linguaggio del culto Covid come se stessero facendo un provino per una parodia di Orwell.

Il che ci porta al problema del culto covidiano… come arrivare a loro, cosa che, non fraintenderci, dobbiamo fare, in un modo o nell’altro, o la Nuova Normalità diventerà la nostra “realtà” permanente.

Ho chiamato la Nuova Normalita’ un “Culto Covidiano”, non per insultarli o deriderli gratuitamente, ma perché e’ una perfetta descrizione di ciò che è il totalitarismo … un culto su larga scala, su scala sociale. Chiunque abbia provato a raggiungerli può confermare l’esattezza di tale analogia. Puoi mostrare loro i fatti finché vuoi. Non farà la minima differenza. Credi di poter dibattere sui fatti, ma non è così. Stai minacciando la loro nuova “realtà”. Pensi che stai lottando per convincerli a pensare razionalmente. Non e’ cosi’. Quello che sei è un eretico, un agente delle forze demoniache, un nemico di tutto ciò che è “reale” e “vero”.

Gli scientologisti ti etichettano come un pericoloso criminale. Gli adepti al culto ti chiamano un “teorico della cospirazione”, un “anti-vaxxer” o un “negazionista del virus”. Gli epiteti specifici non contano davvero. Sono solo etichette che i membri del culto e i totalitari usano per demonizzare coloro che percepiscono come “nemici” … chiunque metta in discussione la “realtà” del culto, o la “realtà” del sistema totalitario.

Il semplice fatto della questione è che non puoi dissuadere le persone da una setta e non puoi dissuaderle dal totalitarismo. Di solito, quello che fai, nel caso di una setta, è far uscire la persona dalla setta. Li rapisci, li porti in un rifugio o in un posto desolato, li circondi di persone normali e li deprogrammi gradualmente nel corso di diversi giorni. Lo fai perché, mentre sono ancora all’interno del culto, non puoi raggiungerli. Non possono sentirti. Una setta è una “realtà” collettiva e autocontenuta. Il suo potere deriva dall’organismo sociale composto dai leader del culto e dagli altri membri del culto. Non puoi “parlare” di questo potere. Devi rimuovere fisicamente la persona da esso prima di poter iniziare a ragionare con loro.

Sfortunatamente, non abbiamo questa opzione. La Nuova Normalità è un sistema totalitario globale. Non c’è un “fuori” del sistema in cui ritirarsi. Non possiamo rapire tutti e portarli in Svezia. Il culto è diventato la società dominante e quelli di noi che non si sono convertiti sono diventati un insieme di isole isolate esistenti, non al di fuori, ma all’interno del culto.

Quindi dobbiamo adottare una strategia diversa. Dobbiamo far sì che il mostro si mostri, non a chi di noi lo può già vedere, ma alle masse della Nuova Normalità, i cultisti covidiani. Dobbiamo fare in modo che Charles Manson metta giù la sua chitarra, annulli l’ora dell’orgia e diventi un hippie omicida. È così che si elimina una setta dall’interno. Non cerchi di ostacolare i suoi progressi; lo spingi verso la sua logica conclusione. Gli fai manifestare la sua piena espressione, perché solo cosi’ puo’ implode, e morire. Non lo fai essendo educato, conciliante o evitando il conflitto. Lo fai generando più conflitti interni che puoi all’interno della setta.

In altre parole, dobbiamo fare in modo che il GloboCapitalismo (e i suoi scagnozzi) diventino apertamente totalitari… perche’ non possono permetterselo. Se avessero potuto farlo, lo avrebbero già fatto. Il capitalismo globale non può funzionare in questo modo. Diventare apertamente totalitario lo farà implodere… In realtà, questo sta già iniziando ad accadere. Ha bisogno della simulazione della “realtà”, della “democrazia” e della “normalità”, per mantenere docili le masse. Quindi dobbiamo attaccare quella simulazione. Dobbiamo martellarla finché non si rompe e il mostro che si nasconde dentro appare.

Questa è la debolezza del sistema… il totalitarismo della nuova normalita’ non funzionerà se le masse lo percepiscono come totalitarismo, come un programma politico/ideologico, piuttosto che come “una risposta a una pandemia mortale”. Quindi dobbiamo renderlo visibile come totalitarismo. Dobbiamo costringere i Nuovi Normali a vederlo per quello che è. Non voglio dire che dobbiamo spiegarglielo. Sono al di là della portata delle spiegazioni. Voglio dire che dobbiamo farglielo vedere, sentire, tangibilmente, inevitabilmente, finché non riconoscono con cosa stanno collaborando.

Smetti di discutere con loro alle loro condizioni e attacca direttamente la loro “realtà”. Quando iniziano a blaterare sul virus, le varianti, i “vaccini” e tutti gli altri discorsi di culto del Covid, non vengono risucchiati nella loro narrativa. Non rispondere come se fossero razionali. Rispondi come se stessero parlando di “Xenu”, “body thetans”, “Helter Skelter” o qualsiasi altra assurdità da cultoide, perché è esattamente quello che è. Lo stesso vale per le loro regole e restrizioni, le “mascherine”, il “distanziamento sociale” e così via. Smettila di discutere contro di loro perché non funziona. Opporsi a loro per quello che sono, una raccolta di bizzarri rituali di obbedienza eseguiti per cementare la fedeltà al culto e creare un’atmosfera generale di “pandemia mortale”.

Ci sono molti modi per farlo, cioè generare conflitti interni. L’ho fatto a modo mio, altri lo stanno facendo in modo diverso. Se sei uno di loro, grazie. Se non lo sei, inizia. Fallo comunque e dove puoi. Fai in modo che i Nuovi Normali affrontino il mostro, il mostro che stanno alimentando… il mostro che sono diventati.

Fonte

sheep_600x323

Neovitruvian

La cenura dei social media e` sempre piu` pesante, aiutami a sopravvivere con una donazione

2,00 €

Informazioni su neovitruvian

Non fidatevi dei vostri occhi, sono facilmente ingannabili, ricercate in voi stessi quella forza che vi permette di distinguere il vero dal falso. Il mondo così come è non va. Mi basta questo.

Pubblicato il 4 settembre 2021, in Uncategorized con tag , , , , , . Aggiungi il permalink ai segnalibri. 2 commenti.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: