Perché tutto questo clamore sull’ivermectina?

Prima l’idrossiclorochina, ora ivermectina, è l’odiato farmaco mortale de jour, castigato dall’establishment medico e dalle autorità di regolamentazione. Entrambi i farmaci sono in circolazione da molto tempo come farmaci da prescrizione approvati dalla FDA. Eppure ora ci viene detto che sono mortali come l’arsenico.

Come medico, sono certamente a conoscenza dell’ivermectina, ma non ricordo di aver mai scritto una prescrizione per essa nella mia carriera medica di oltre 30 anni. L’ivermectina è un antielmintico, il che significa che cura le infezioni parassitarie. Nel mio mondo dell’oftalmologia, è usato occasionalmente per rare infezioni da parassiti o vermi negli occhi.

L’ivermectina è stata approvata dalla FDA nel 1998 con il marchio Stromectol, prodotto dal gigante farmaceutico Merck, approvato per diverse infezioni parassitarie. L’etichetta del prodotto lo descriveva come avente una “modalità d’azione unica”, che “porta ad un aumento della permeabilità della membrana cellulare agli ioni cloruro”. Ciò suggerisce che l’ivermectina agisce come uno ionoforo, rendendo le membrane cellulari permeabili agli ioni che entrano nella cellula per un effetto terapeutico.

L’ivermectina è uno dei numerosi ionofori, ce ne sono altri tra cui idrossiclorochina, quercetina e resveratrolo, gli ultimi due disponibili al banco. Questi ionofori aprono semplicemente una porta cellulare, consentendo allo zinco di entrare nella cellula, dove interferisce poi con la replicazione virale, fornendo potenziali benefici terapeutici nelle infezioni virali e di altro tipo.

Questo documento scientifico esamina e fa riferimento ad altri studi che dimostrano le proprietà antibatteriche, antivirali e antitumorali dell’ivermectina.

Questo spiega l’interesse per questo farmaco come potenziale uso nel trattamento del COVID.

L’ivermectina funziona con il COVID?

Non sto cercando di rispondere a questa domanda, ma guardo le informazioni prontamente disponibili perché questo farmaco è stato al centro dell’attenzione dei media di recente. A beneficio di qualsiasi lettore desideroso di segnalare questo articolo e autore alle commissioni di licenza medica per aver diffuso informazioni fuorvianti, non sto offrendo consigli medici o prescrivendo nulla. Piuttosto, sto solo offrendo commenti su questo farmaco degno di nota e controverso.

Cosa c’è di interessante nell’ivermectina? Una semplice ricerca su Google della maggior parte dei farmaci descrive gli usi e gli effetti collaterali. Una ricerca simile di ivermectina fornisce titoli del perché non dovrebbe essere preso e quanto sia pericoloso.

Il Guardian descrive l’ivermectina come una medicina per cavalli: “Non sei un cavallo. Non sei una mucca”, dicendo che è una medicina pensata per gli animali da fattoria. La FDA ha fatto eco a questo sentimento in un recente tweet, aggiungendo “Seriamente, voi tutti. Smettetela” (Seriously, y’all. Stop it), la loro scelta delle parole rende ovvio a chi era diretto il tweet (y’all e’ uno slang che e’ prevalente nel sud degli Stati Uniti n.d.r.).

Forse la FDA non si è resa conto che Barack e Michelle Obama hanno spesso usato il termine “y’all” e che alcuni potrebbero interpretare il tweet della FDA come razzista.

La FDA afferma che l’ivermectina “può essere pericolosa e persino letale”, eppure l’hanno approvata nel 1998 e non l’hanno ritirata dal mercato nonostante fosse “pericolosa e letale”. Qualsiasi farmaco può essere “pericoloso e letale” se usato in modo improprio. Le persone hanno persino esagerato con l’acqua.

È vero che l’ivermectina viene utilizzata anche negli animali, così come molti farmaci approvati per l’uso umano.

Questa è una lista di farmaci veterinari con molti nomi familiari di antibiotici, antipertensivi e anestetici comunemente usati dagli esseri umani. Dato che questi farmaci sono usati negli animali da allevamento, gli esseri umani dovrebbero smettere di prenderli? Questo sembra un argomento piuttosto non scientifico contro l’ivermectina, specialmente quando proviene direttamente dalla FDA.

E gli operatori sanitari non raccomandano o prescrivono versioni animali dell’ivermectina in quanto esiste una formulazione umana approvata dalla FDA.

L’ivermectina funziona contro il COVID? Questa è la domanda più grande e degna di indagine, piuttosto che ricordare alle persone che non sono vacche.

Uno studio pubblicato diversi mesi fa sull’American Journal of Therapeutics ha concluso,

Le meta-analisi basate su 18 studi randomizzati e controllati di trattamento dell’ivermectina nel COVID-19 hanno trovato riduzioni ampie e statisticamente significative della mortalità, del tempo di recupero clinico e del tempo di clearance virale. Inoltre, i risultati di numerosi studi di profilassi controllata riportano una riduzione significativa dei rischi di contrarre COVID-19 con l’uso regolare di ivermectina. Infine, i numerosi esempi di campagne di distribuzione dell’ivermectina che portano a una rapida diminuzione della morbilità e della mortalità a livello di popolazione indicano che è stato identificato un agente orale efficace in tutte le fasi del COVID-19.

Per quanto ne so, questi 18 studi non sono stati ritirati, a differenza di precedenti studi critici sull’idrossiclorochina che sono stati ignominiosamente ritirati da prestigiose riviste mediche come The Lancet e il New England Journal of Medicine.

Eppure l’establishment medico si rifiuta persino di prendere in considerazione la possibilità di qualche beneficio dall’ivermectina, castigando i medici che vogliono provarla nei loro pazienti. 18 studi hanno riscontrato benefici. Sono tutti sbagliati?

Il podcaster Joe Rogan ha recentemente contratto il COVID e si è ripreso in pochi giorni dall’assunzione di un cocktail di farmaci tra cui ivermectina. E’ stato il cocktail di farmaci, la sua forma fisica o solo fortuna? Impossibile saperlo, ma la sua esperienza manterrà l’ivermectina tra le news popolari.

L’India altamente non vaccinata ha avuto un’impennata di casi COVID all’inizio di quest’anno che si è bruscamente interrotta a seguito dell’uso diffuso di ivermectina, nonostante le obiezioni e le critiche dell’OMS. In uno stato, il Tamil Nadu, che non ha utilizzato l’ivermectina, i casi sono triplicati invece di diminuire del 97 per cento come nel resto del paese.

Questo è aneddotico e potrebbe avere altre spiegazioni, ma anche la scoperta della penicillina è stata aneddotica e osservativa. La buona scienza dovrebbe indagare piuttosto che ignorare tali osservazioni.

La Japanese Medical Association ha recentemente approvato l’ivermectina per il COVID. Il CDC degli Stati Uniti ha messo in guardia contro di essa.

Un giudice dell’Ohio ha ordinato a un ospedale di curare un paziente COVID ventilato con ivermectina. Dopo un mese di ventilazione, questo paziente è probabilmente privo di COVID e l’ivermectina ora non avrà alcun beneficio, consentendo all’establishment medico di dire “vedi te l’avevo detto”.

A questo punto, l’infezione attiva da COVID non è il problema; invece, si sta riprendendo dal supporto vitale a lungo termine. I primi studi sull’idrossiclorochina avevano lo stesso difetto, trattando i pazienti troppo tardi nel decorso della malattia per fornire o dimostrare benefici.

Questi farmaci sono stati proposti per il trattamento ambulatoriale precoce, non quando i pazienti sono gravemente malati e vicini alla morte. La ricerca dei benefici del trattamento nella popolazione di pazienti sbagliata produrrà risultati negativi voluti.

Dato quanto può essere devastante il COVID e come, nonostante gli alti livelli di vaccinazione in paesi come Stati Uniti, Regno Unito e Israele, stiamo assistendo a casi in aumento e ricoveri tra i vaccinati, dovremmo fare di tutto per curare questo virus.

Il trattamento medico comporta il bilanciamento di rischi e benefici. Quando i farmaci approvati dalla FDA vengono utilizzati in dosi appropriate per pazienti appropriati, prescritti da medici competenti, i rischi tendono ad essere bassi e qualsiasi beneficio dovrebbe essere celebrato. Invece, l’establishment medico, i media e le autorità di regolamentazione stanno adottando l’approccio opposto. C’è da chiedersi perché.

Fonte

210826-ivermectin-facebook-covid-2x1-cs-4033d1

Neovitruvian

La censura dei social media e` sempre piu` pesante, aiutami a sopravvivere con una donazione

2,00 €

Informazioni su neovitruvian

Non fidatevi dei vostri occhi, sono facilmente ingannabili, ricercate in voi stessi quella forza che vi permette di distinguere il vero dal falso. Il mondo così come è non va. Mi basta questo.

Pubblicato il 6 settembre 2021, in Uncategorized con tag , , , , , , , . Aggiungi il permalink ai segnalibri. 2 commenti.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: