Facebook censura un gruppo anti-lockdown tedesco in base a nuove regole per impedire agli utenti di amplificare idee “dannose”

Non si accontenta più di dare la caccia a bot e troll, Facebook ha stabilito una nuova categoria di “pericolo sociale”, lo sanno bene quelli dell’account Instagram del gruppo tedesco anti-lockdown Querdenken.
Il capo della politica di sicurezza di Facebook Nathaniel Gleicher ha annunciato l’azione giovedì, affermando che il suo team ha lavorato per mesi per “ampliare gli sforzi nel contrastare pericoli provenienti da gruppi o da account personali che si coordinano sulla nostra piattaforma per causare danni sociali. “

Gleicher afferma che il suo gruppo ha rimosso una rete di account, pagine e gruppi di Facebook e Instagram “perche’ si sono impegnati in sforzi coordinati per violare ripetutamente i nostri standard comunitari, inclusa la pubblicazione di disinformazione dannosa sulla salute, incitamento all’odio e incitamento alla violenza”.

Anche la condivisione dei loro domini su Facebook e Instagram è stata bloccata, ha aggiunto, ma ha osservato che “non stiamo vietando tutti i contenuti di Querdenken”.

Il movimento Querdenken – tedesco per “pensiero laterale” – è “legato ad azioni violente offline e ad altri danni sociali”, ha scritto Gleicher, aggiungendo che il contenuto pubblicato sulle pagine vietate “si concentra principalmente sulla promozione della cospirazione che le restrizioni imposte dal governo tedesco fanno parte di un piano più ampio per privare i cittadini delle loro libertà e dei loro diritti fondamentali”.

Secondo Facebook, il gruppo “tipicamente descriveva la violenza come il modo per ribaltare le misure governative legate alla pandemia che limitano le libertà personali”. Il gruppo “è impegnato in violenze fisiche contro giornalisti, polizia e medici in Germania”, ha affermato Gleicher citando “la cronaca pubblica”.

Ci sono state diverse proteste di massa contro il lockdown in Germania, con le autorità che le hanno denunciate come opera di “estrema destra”, di neonazisti e di altri estremisti. Mentre il relatore speciale delle Nazioni Unite sulla tortura Nils Melzer ha sollevato preoccupazioni sulla brutalità della polizia nel disperdere le manifestazioni, il mese scorso la polizia di Berlino ha risposto che la violenza è “ancora parte del nostro sistema legale”.

“L’applicazione diretta è violenza. La violenza fa male. La violenza fa male. La violenza sembra violenta”, ha detto il mese scorso alla DPA il portavoce della polizia di Berlino Thilo Cablitz.

Facebook ha represso duramente le affermazioni “debunkate” e “false” sulla pandemia di Covid-19, ovvero tutto ciò che contraddice le indicazioni dell’Organizzazione mondiale della sanità o delle autorità sanitarie nazionali. Ha smesso di censurare l’affermazione secondo cui il virus SARS-CoV-2 potrebbe essere sfuggito da un laboratorio a Wuhan, in Cina, a maggio, tuttavia, citando “nuovi fatti e tendenze” emersi.

Fonte

6143e59c2030277d1f44402c

Neovitruvian

La censura dei social media e` sempre piu` pesante, aiutami a sopravvivere con una donazione

2,00 €

Informazioni su neovitruvian

Non fidatevi dei vostri occhi, sono facilmente ingannabili, ricercate in voi stessi quella forza che vi permette di distinguere il vero dal falso. Il mondo così come è non va. Mi basta questo.

Pubblicato il 17 settembre 2021, in Uncategorized con tag , , , , , , , . Aggiungi il permalink ai segnalibri. 1 Commento.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: